Serve assistenza?
02 55 55 222

8 feb 2019 | 5 min di lettura | Pubblicato da Valerio S.

mutui expert speaks chi fa da garante puo richiedere un mutuo

Accettare di fare da garante su un mutuo del proprio partner, di un familiare o di un amico è una decisione importante, che necessita molta attenzione. Spesso l’agognata “firma” è una condizione indispensabile per la concessione del finanziamento.

Sebbene intenzionati ad aiutare persone care, questa responsabilità non deve essere assunta alla leggera.

Mutuo casa: trova il migliore

Il rischio principale è infatti quello di dover rispondere personalmente del debito nei confronti della banca, qualora il mutuatario non rispetti gli impegni pattuiti. C’è però anche un’altra sfaccettatura, spesso sottovalutata, che deve essere tenuta in adeguata considerazione: l’eventualità che sia il garante stesso a dover richiedere un mutuo o un prestito in futuro. Avere già assunto il ruolo di garante rappresenta una circostanza che non preclude tale possibilità, ma può sicuramente rappresentare un ostacolo. Vediamo perché.

Quando si richiede un mutuo, una delle prime voci che le banche controllano per valutare se erogare o meno il finanziamento è il reddito dell’aspirante mutuatario. Se le entrate mensili non sono ritenute sufficienti, oltre alla normale ipoteca sull’immobile l’istituto di credito può chiedere il rilascio di garanzie personali da parte di un soggetto terzo.

Si tratta di una condizione spesso obbligata, senza la quale non è possibile ottenere la concessione del prestito richiesto. D’altra parte le banche, ciascuna con le proprie logiche e criteri di valutazione, devono tutelarsi il più possibile dai casi di potenziale insolvenza, negando l’erogazione dei fondi ai soggetti che si presumono, secondo le procedure di rating e i metodi di stima adottati, incapaci di rimborsare il finanziamento secondo il piano concordato.

Ecco quindi che entra in gioco una figura piuttosto ricorrente, soprattutto per i mutui immobiliari degli under 35 o delle giovani coppie, che tipicamente all’inizio della propria carriera lavorativa possono disporre di redditi non elevati. Si tratta del “garante”, termine utilizzato in gergo per indicare quello che più tecnicamente viene detto fideiussore.

L’articolo 1936 del codice civile stabilisce che «è fideiussore colui che, obbligandosi personalmente verso il creditore, garantisce l'adempimento di un'obbligazione altrui». Le parti del rapporto giuridico diventano quindi tre: la banca (creditore), il mutuatario (debitore) e il garante (fideiussore).

Sulla base di tale impegno, possono verificarsi due scenari: nel primo, in cui le cose vanno come da programma, il debitore onora puntualmente tutte le scadenze, saldando le rate (quota capitale + interessi) fino all’estinzione completa del mutuo. In questo caso, il garante non deve fare assolutamente nulla, rimanendo un semplice “osservatore”. Nelle seconda ipotesi, che possiamo definire “patologica”, il debitore incappa nell’inadempimento, non essendo più in grado, per qualunque motivo (perdita del lavoro, condizioni di salute, separazioni personali, etc.), di restituire il finanziamento. È qui che il garante da semplice spettatore diventa parte attiva nel rapporto giuridico, in quanto la banca potrà chiedergli di versare quanto non pagato dal debitore principale, fino all’importo massimo stabilito nel contratto stesso.

Trattandosi di una garanzia personale, il garante risponde con tutto il suo patrimonio, restando vincolato a tale responsabilità per l’intera durata del piano di ammortamento.

Come è facile intuire, accettare di svolgere il ruolo di fideiussore su un mutuo altrui rappresenta una scelta molto delicata. Le conseguenze, infatti, possono essere particolarmente significative, dovendo corrispondere alla banca la quota residua del prestito, senza peraltro poter vantare alcun diritto (né di proprietà né di utilizzo) riguardo all’immobile. Con la conseguenza che, in caso di attivazione della garanzia, il fideiussore non potrà nemmeno beneficiare della detrazione fiscale del 19% sugli interessi passivi, che come noto è accessibile soltanto a chi è contemporaneamente intestatario dell’abitazione principale e titolare del mutuo.

Per completare l’analisi, va tenuta in evidenza infine un’ulteriore circostanza, ossia la procedura per la modifica del garante. Poiché quest’ultimo assume nei confronti della banca un impegno che coincide con la durata del mutuo, è possibile che nel corso del piano di ammortamento (solitamente tra i 20 e i 30 anni) le vicende personali e/o professionali tra mutuatario e fideiussore cambino rispetto allo status iniziale, al punto da indurre il garante a volersi “staccare” dall’obbligazione.

Tuttavia ciò non è così facile, in quanto l’onere originariamente assunto rimane valido indipendentemente da come si evolvono le vite delle parti interessate. È naturalmente possibile chiedere alla banca di eliminare la figura del garante, ma difficilmente gli istituti acconsentono a tale soluzione. Così facendo si ridurrebbero infatti le tutele del creditore, che a fronte dell’eventuale inadempimento del mutuatario non avrebbe più nessuno a cui rivolgersi per ottenere il pagamento.

Pertanto, per ottenere il via libera all’eliminazione della fideiussione è necessario che il debitore produca garanzie accessorie idonee. Oppure, in alternativa, che qualcun altro si faccia carico dell’onere di garanzia, avvicendando quindi il fideiussore originario.

Come impatta tutta ciò sulle future chance del garante di ottenere un mutuo? Naturalmente, per i motivi appena esposti, gli istituti di credito non possono ignorare il fatto che chi richiede il prestito si sia già impegnato finanziariamente (seppure a titolo potenziale) per un altro mutuo.

È bene precisare che le valutazioni variano da banca a banca. Tuttavia, nella maggior parte dei casi l’istituto di credito considererà in ottica prudenziale come “già impegnate” le somme che teoricamente potrebbero servire al richiedente per sobbarcarsi il mutuo garantito.

In questo modo le entrate nette disponibili, uno dei parametri essenziali che vengono esaminati dalle banche nelle procedure di risk rating, si ridurrebbero del medesimo importo. Facciamo un esempio: un lavoratore dipendente che guadagna 1.500 euro netti al mese, in base alla “regola d’oro” secondo cui la rata non deve superare un terzo delle entrate fisse, in condizioni normali potrebbe ottenere un mutuo che prevede una rata fino a 500 euro mensili.

Se tuttavia il soggetto è già garante per il mutuo di un amico o familiare, con una rata da 400 euro al mese, la banca interpellata potrebbe considerare le entrate disponibili soltanto di 1.100 euro al mese, considerando come “vincolate” quelle che potrebbero servire per saldare il prestito garantito.

Ciò può portare, soprattutto per i redditi più bassi, all’impossibilità di ottenere un mutuo. Oppure, in ogni caso, ridurre l’entità dell’importo concedibile. O ancora far scattare l’obbligo di avere un “garante del garante” sul secondo mutuo.

Al contrario, prendiamo il caso di un dirigente d’azienda che ha una retribuzione di 5.000 euro mensili netti ed è impegnato a fare da garante sul mutuo del figlio (rata da 400 euro al mese). In questo caso, laddove il nuovo mutuo richiesto a sua volta dal manager prevedesse una rata di 1.000 euro al mese, la banca potrebbe ritenere sufficientemente capiente l’importo delle entrate, pure nel caso avverso in cui la garanzia sul mutuo del figlio dovesse rendersi necessaria.

Autore
valerio-stroppa

Marchigiano di nascita, vive e lavora a Milano dal 2006. Valerio, giornalista professionista, scrive di diritto, fisco (nazionale e internazionale), e giustizia tributaria per ItaliaOggi.

Ultime notizie Mutui

pubblicato il 5 dicembre 2023
Acquisto case: cosa si compra a Milano con uno stipendio medio?

Acquisto case: cosa si compra a Milano con uno stipendio medio?

Comprare un appartamento in Italia è sempre più complicato. A Milano i prezzi sono da record ma anche in altre città il rapporto tra stipendi e prezzi delle case (1.973 euro/m²) rende le cose difficili, specialmente per chi ha un reddito medio o basso.
pubblicato il 3 dicembre 2023
Le 3 migliori soluzioni per mutuo surroga di dicembre 20023

Le 3 migliori soluzioni per mutuo surroga di dicembre 20023

Se il tuo mutuo non prevede più tassi vantaggiosi, puoi provare a rinegoziarlo con la surroga del mutuo. Ecco come.
pubblicato il 4 dicembre 2023
Vantaggi del mutuo prima casa Webank a dicembre 2023

Vantaggi del mutuo prima casa Webank a dicembre 2023

Vuoi richiedere un mutuo? Dai un'occhiata alle offerte mutuo Webank. Webank offre mutui casa a tasso fisso o variabile, mutui surroga e mutui green, per ottenere agevolazioni sull’acquisto di immobili in classe A o B.
pubblicato il 1 dicembre 2023
Qual è il miglior mutuo a tasso variabile di inizio dicembre 2023

Qual è il miglior mutuo a tasso variabile di inizio dicembre 2023

Il prezzo dei mutui per ora sembra essersi fermato. Gli aumenti precedenti erano dovuti al fatto che, da luglio 2022, la BCE ha incrementato il costo del denaro 7 volte per contrastare l’inflazione. Questa ora è in calo, così il costo non è stato variato.
pubblicato il 29 novembre 2023
Acquisto e affitto nelle città: quanto si risparmia nelle periferie

Acquisto e affitto nelle città: quanto si risparmia nelle periferie

Nelle grandi città, comprare una casa, o affittarla, ha spesso costi elevati. Perciò c’è chi decide di spostarsi in periferia cercando così di abbassare le spese. Ma, in entrambi i casi, a quanto ammonta il risparmio in percentuale tra centro storico e zone periferiche?
pubblicato il 30 novembre 2023
I vantaggi dei mutui CheBanca a fine novembre 2023

I vantaggi dei mutui CheBanca a fine novembre 2023

Quali sono le migliori offerte mutuo CheBanca fine novembre 2023? Il marchio del Gruppo Mediobanca propone soluzioni di finanziamento adatte a tutte le esigenze, dall’acquisto alla ristrutturazione, dalla surroga al consolidamento debiti e ad altre finalità.
pubblicato il 28 novembre 2023
Qual è il mutuo al 90% più vantaggioso a fine novembre 2023

Qual è il mutuo al 90% più vantaggioso a fine novembre 2023

Facile.it a novembre 2023 propone le migliori offerte mutuo 90% disponibili sul mercato, offrendo un ampio ventaglio di possibilità per coloro che desiderano accedere a un mutuo per acquistare casa, ma non dispongono di una cifra elevata come anticipo.
pubblicato il 25 novembre 2023
I mutui di Intesa Sanpaolo tra cui scegliere a novembre 2023

I mutui di Intesa Sanpaolo tra cui scegliere a novembre 2023

Hai bisogno di un finanziamento per acquistare o ristrutturare casa ma non sai da dove iniziare? Controlla le migliori offerte Intesa Sanpaolo mutuo di novembre 2023: ecco una panoramica.
pubblicato il 27 novembre 2023
Qual è il miglior mutuo under 36 a fine novembre 2023

Qual è il miglior mutuo under 36 a fine novembre 2023

Hai meno di 36 anni e ottenere un mutuo prima casa sembra impossibile? Prova a richiedere il mutuo giovani Under 36, un prodotto bancario ideato appositamente per te, ricco di agevolazioni ed erogato anche fino al 100% del valore immobiliare.
pubblicato il 24 novembre 2023
Abbassa i tassi con i mutui green di novembre 2023

Abbassa i tassi con i mutui green di novembre 2023

Stai cercando i migliori mutui green di novembre 2023? Allora sei nel posto giusto perché Facile.it confronta le offerte più vantaggiose del mese proponendo soluzioni su misura. E usando il simulatore mutuo green potrai ottenere subito una stima della rata.
pubblicato il 23 novembre 2023
Quale mutuo prima casa scegliere a novembre 2023 se sei under 36

Quale mutuo prima casa scegliere a novembre 2023 se sei under 36

I mutui per under 36 sono stati rinnovati anche per il 2024: scopriamo quali sono i più convenienti per l'acquisto della prima casa a novembre 2023.
pubblicato il 23 novembre 2023
Forte aumento delle rinegoziazioni mutui nei primi 9 mesi del 2023

Forte aumento delle rinegoziazioni mutui nei primi 9 mesi del 2023

Durante i primi nove mesi del 2023 sono stati rinegoziati mutui per un ammontare di 17,4 miliardi di euro. Oltre 12 miliardi in più rispetto allo stesso periodo del 2022, quando lo stesso dato si è attestato a quota 5,1 miliardi di euro.

Guide ai mutui

Superbonus 110%: come funziona e requisiti di accesso al bonus

Superbonus 110%: come funziona e requisiti di accesso al bonus

Introdotto con il Decreto n.34/2020 (art. 119),...
Come funziona il mutuo acquisto più ristrutturazione

Come funziona il mutuo acquisto più ristrutturazione

I mutui più ristrutturazione sono una...
Mutui green: cosa sono e perché richiederli

Mutui green: cosa sono e perché richiederli

I mutui green sono stati lanciati a livello...
Comprare casa all'estero tramite mutuo: come fare

Comprare casa all'estero tramite mutuo: come fare

Per compare casa all'estero si può ricorrere a...
Acquisto programmato: cos’è e come funziona

Acquisto programmato: cos’è e come funziona

Comprare casa è il sogno di tutti, ma molti...
Mutuo per immobili in donazione: tutto quello che devi sapere

Mutuo per immobili in donazione: tutto quello che devi sapere

Si parla di mutuo per immobile in donazione ogni...
Le aste giudiziarie in 5 punti: un'occasione per acquistare casa

Le aste giudiziarie in 5 punti: un'occasione per acquistare casa

Le aste giudiziarie sono un'ottima occasione per...
Il rent to buy: cos'è e come funziona

Il rent to buy: cos'è e come funziona

Il rent to buy è una soluzione alternativa per...

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2023 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968