02 55 55 666 Lun-Sab 9.00-21.00

Factoring: l’anticipo del credito per far crescere la tua impresa

  • 1 Fai un preventivo online senza impegno
  • 2 Ricevi liquidità immediata
  • 3 Gestisci tranquillamente i tuoi pagamenti
Calcola Preventivo

Cos'è il factoring: definizione

Il factoring è un contratto con il quale un’impresa cede a una società specializzata, o factor (come per esempio una banca), i propri crediti esistenti o futuri, al fine di ottenere liquidità immediata nel breve termine e una serie di servizi correlati alla gestione del credito ceduto (ovvero la gestione, l'amministrazione, l'incasso e l'anticipazione dei crediti prima della loro scadenza). È utilizzato soprattutto dalle aziende che si avvalgono dei pagamenti dilazionati con i propri clienti ma anche dalle PMI che lavorano con la pubblica amministrazione e che spesso devono conciliare le tempistiche dei pagamenti con le esigenze dei propri fornitori.

Come funziona

L’impresa cede al factor i crediti che deve avere dall’azienda con cui ha un contratto di fornitura; il factor in cambio fornisce liquidità immediata all’impresa e riscuote i crediti dall’azienda fornitrice. Il factoring è un vero e proprio finanziamento all’impresa che in questo modo è in grado di gestire puntualmente i pagamenti dei propri fornitori e continuare la propria attività senza dover attendere i pagamenti in ritardo dei clienti. 

Con questa formula infatti la società di factoring si assume l'onere di riscuotere l'importo dei crediti dietro il pagamento di una commissione e fornisce quindi dei prestiti all'impresa cliente sotto forma di anticipo sui crediti non ancora scaduti. Il factoring è regolamentato dalla legge 52 del 1991 relativa all'acquisto dei crediti di impresa che contiene al suo interno un apposito albo delle società che praticano la cessione dei crediti di impresa stessi. In particolare il factoring trova applicazione in presenza dei seguenti presupposti:

  • il cedente è un imprenditore
  • i crediti ceduti derivano da contratti stipulati dal cedente nell'esercizio dell'impresa
  • il factor o cessionario è una banca o un intermediario finanziario, ovvero una società o ente iscritto in un albo tenuto dalla Banca d'Italia come disciplinato dal testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia emanato ai sensi dell'art. 25, comma 2 della legge 142 del 19 febbraio 1992
Senza la presenza di questi requisiti si parla di cessione del credito e non più di factoring.

Noi confrontiamo, tu risparmi

Facile.it è il sito di comparazione numero 1 in Italia. Ogni mese aiutiamo milioni di italiani a risparmiare su spese di casa e finanza personale. Troviamo le offerte migliori per te nel modo che hai sempre voluto.

  • VELOCE

    In pochi minuti confrontiamo e troviamo la soluzione più vantaggiosa per te.

  • PERSONALE

    Ti garantiamo trasparenza e le offerte più adatte alle tue esigenze.

  • GRATUITO

    Facile.it non aggiunge commissioni a carico del cliente, da sempre.

  • SICURO

    Utilizziamo solo canali ufficiali e pagamenti tracciabili per la tua sicurezza.

Cosa dicono di noi i nostri clienti?

Le opinioni dei clienti sono fondamentali per migliorare il servizio di confronto, l’esperienza di navigazione e l’assistenza clienti.
4.4
4.4/5 sulla base di 9255 recensioni
4.4/5 sulla base di 9255 recensioni

Principali servizi di factoring

Il factoring offre soluzioni personalizzate per adattarsi a ogni tipologia di business e si occupa principalmente di:

  • Valutazione del portafoglio commerciale dell’impresa cliente;
  • Amministrazione, gestione e incasso dei crediti;
  • Anticipazione dei crediti prima della relativa scadenza;
  • Assistenza legale in fase di recupero dei crediti;
  • Garanzia del buon fine delle operazioni.
 

Tipologie di factoring

  • Factoring pro solvendo: l’impresa cede al factor i crediti commerciali mantenendo a suo carico il rischio di insolvenza e ottenendo liquidità immediata. Molto utile per ottimizzare il flusso pagamento e incassi nel breve periodo e migliorare l'afflusso di liquidità in cassa.
  • Factoring pro soluto: aggiunge al servizio di gestione, incasso e finanziamento sopra descritto il rischio di insolvenza a carico del factor. In pratica è il factor che entro un importo contrattualmente definito si assiume il rischio di mancato pagamento del debitore.
  • Factoring garantito dal Fondo di Garanzia: in aggiunta al servizio di Factoring Pro Solvendo c’è la garanzia del Fondo Centrale di Garanzia che copre fino al 60% del finanziamento. Questa tipologia è pensata per fornire supporto necessario per le piccole e/o nuove imprese, comprese le imprese artigiane.
  • Factoring acquisto a titolo definitivo: questa tipologia è invece più adatta alle medie e grandi imprese, multinazionali o quotate in Borsa. Il rischio d’impresa è a carico del factor ed è possibile fare la derecognition dal bilancio delle attività finanziarie cedute. In questo tipo di factoring si esclude ogni possibilità di regresso dei crediti ceduti, a fronte dell'insolvenza o mancato pagamento del debitore ceduto
  • Factoring anticipo crediti futuri: il factor eroga un anticipo sul contratto che va dal 10 al 20% del valore imponibile dello stesso. Il recupero dell'anricipazione dei crediti futuri avviene con trattenuta di una parte delle anticipazioni dei corrispoettivi, di volta in volta richieste dalla impresa sui crediti sorto e decuti pro solvendo o pro soluto. Il prodotto è rivolto alle imprese che lavorano su commissione o che sono da poco avviate. 
  • Factoring opzione maturity: alla scadenza naturale del credito, il factor garantisce l’erogazione del 100% del corrispettivo e un’eventuale ulteriore dilazione di pagamento del credito, previo accordo stipulato con l’azienda debitrice. L'opzione implica un accordo contrattuale ttra impresa, banca e debitore ceduto al fine di regolamentare il pagamento a scadenza ed i termini dell'eventuale dilazione accordata al debitore.

I soggetti coinvolti nel factoring

Il contratto di factoring vede il coinvolgimento dei seguenti soggetti

  • un factor: soggetto specializzato (banca o istituto finanziario) che si prende carico, gestisce e finanzia anticipatamente una parte dei crediti di una impresa
  • una impresa: soggetto che cede il proprio credito al factor in cambio di liquidità, sotto forma di finanziamento
  • un debitore ceduto: un soggetto (azienda) con il quale l'impresa cedente ha il contratto di fornitura e quindi il debito da saldare.

I vantaggi del factoring

Il factoring offre molti vantaggi alle imprese di qualunque tipologia. Ecco i principali:

  • È altamente personalizzabile;
  • Garantisce velocità nell’erogazione di liquidità;
  • Dà soluzioni flessibili;
  • Fornisce supporto e sostegno all’impresa nella fase di ingresso in nuovi mercati;
  • Permette lo sviluppo e la crescita commerciale sbloccando crediti non ancora scaduti.
Proprio legato al vantaggio principale del factoring di ottenere liquidità immediata a fronte della cessione di un credito con scadenza futura, il ricorso a tale tipologia contrattuale di finanziamento è molto diffuso tra le aziende operanti in settori in cui la dilazione dei pagamenti ai clienti è un fattore critico di successo, come nel caso delle imprese commerciali e industriali che utilizzano come prassi i pagamenti dilazionati a 30, 60 o 90 giorni. Situazione simile è per le imprese che lavorano con le Pubbliche Amministrazioni, dove i tempi di pagamento fatture sono molto dilazionati.

FAQ Factoring

Cos'è il factoring pro-soluto?

Il factoring pro soluto è il contratto con il quale l'impresa cedente si libera del rischio di inadempimento da parte del debitore.

Quali sono i costi del factoring?

I principali costi del factoring sono di due tipi: costi finanziari e costi amministrativi. Le componenti da tenere in considerazione sono il tasso di anticipo sui crediti e la commissione del servizio.

Cosa sono le commissioni di factoring?

Si tratta del corrispettivo pattuito tra il Fornitore ed il Factor per i servizi resi nello svolgimento del contratto di factoring

Cosa è il Reverse Factoring?

È il servizio che consente ai fornitori di incassare in anticipo i crediti nei confronti dell'azienda debitrice attraverso specifica convenzione con essa.

Costi del Factoring

Ma quali sono i costi del factoring? Per rispondere a questa domanda occore precisare che i costi per l’impresa che ricorre al factoring sono principalmente di due tipi:

  • costi finanziari: legati agli interessi da corrispondere e stabiliti in base a tassi di mercato, caratteristiche della clientela e rischi delle operazioni
  • costi amministrativi: legati alla gestione del rapporto e alla eventuale garanzia di buon fine del credito.
Il contratto di factoring è conveniente per l’azienda soprattutto per quanto riguarda la possibilità di poter contare sul pagamento immediato della fattura e quindi su una liquidità immediata e certa: il credito anticipato grazie al factoring può essere infatti molto utile per il rimborso di debiti in essere e per finanziare lo sviluppo commerciale dell’impresa.

Guide Prestiti

Con le guide di Facile.it scopri come risparmiare e rimani aggiornato sulle novità di questo settore

Guide Prestiti

News Prestiti

News Prestiti

RECUPERO PREVENTIVI

Accedi con la tua email

Riceverai un’email che ti permetterà di fare accesso e di visualizzare i tuoi preventivi.

Accedi