Serve assistenza?
02 55 55 222

Richiedere un mutuo: le 5 domande da farsi prima di inviare la richiesta di finanziamento

18 giu 2019 | 5 min di lettura | Pubblicato da Castiglia M.

mutui expert speaks richiedere un mutuo le 5 domande da farsi

Comprare una casa è una decisione importante. E, se non si dispone di un capitale sufficiente per effettuare l’acquisto, è necessario ricorrere a un mutuo ipotecario. Quando ci si trova di fronte a questa eventualità le scelte vanno ponderate molto bene e sono diverse le domande da porsi, considerando che il mutuo è un finanziamento che impegna molto a lungo: di solito 20/30 anni e, talvolta, anche 40.

Mutuo casa: trova il migliore

Perciò, prima di firmare qualsiasi contratto, bisogna valutare bene e scegliere la soluzione più conveniente e a portata della propria capacità di spesa per non rischiare di fare il famoso ‘passo più lungo della gamba’ e trovarsi così nei guai. Vediamo dunque quali sono le principali domande da farsi prima di procedere con una richiesta di finanziamento ipotecario.

1. Posso ottenere un mutuo?

Per ottenere un finanziamento ipotecario è necessario che siano soddisfatti alcuni requisiti: bisogna aver compiuto 18 anni e avere la residenza in Italia o in uno Stato membro dell’Unione europea. Possono ottenere un mutuo anche i cittadini extracomunitari purché regolarmente residenti nel nostro Paese. Per quanto riguarda i limiti di età, normalmente è la banca (o l’intermediario finanziario) che li decide, anche in funzione della somma richiesta in prestito e alla durata del finanziamento. Generalmente non si devono superare i 75 anni al momento dell’estinzione del mutuo.

Tuttavia, alcuni istituti arrivano anche sino a 80 anni. Un mutuo ventennale, ad esempio, non viene concesso se al momento della richiesta si hanno più di 55 anni e il limite è di 75. Un altro elemento fondamentale per l’ottenimento del mutuo è il merito creditizio, cioè la prima cosa che le banche valutano al momento della richiesta, andando a verificare nei database delle centrali rischi. Il merito creditizio, in pratica, certifica se si è dei buoni pagatori e rappresenta l’affidabilità economico-finanziaria di una persona. Un soggetto protestato avrà molte difficoltà a ottenere un mutuo, perché le banche raramente intendono rischiare a causa dell’incertezza del rimborso.

2. Quale somma posso richiedere?

Secondo quanto previsto dalle direttive della Banca d’Italia, gli istituti di credito possono concedere sino a un massimo dell’80% del valore dell’immobile posto sotto ipoteca. Tale valore viene stabilito dopo una perizia. Alcune banche arrivano a finanziare anche il 90% o addirittura il 100%, ma solo in presenza si determinati requisiti e di ulteriori garanzie e, chi chiede un mutuo 100%, deve quantomeno dimostrare di avere una posizione economica più che solida.

In caso di finanziamenti pari al 100% del valore dell’immobile, la legge prevede che vengano presentate garanzie integrative come, ad esempio, fidejussioni bancarie o assicurative o polizze assicurative. Si può anche ricorrere all’intervento di un garante, cioè di una persona terza che si impegna a ripagare il debito in caso di insolvenza da parte del mutuatario. Ricordiamo anche che, se l’immobile che si vuole acquistare è un’abitazione principale e il mutuo non supera i 250mila euro, si possono ottenere finanziamenti sino al 100% accedendo al Fondo di garanzia prima casa che offre alla banca una garanzia statale fino al 50% della quota capitale del mutuo.

3. Quale rata posso sostenere?

La capacità di rimborso del mutuatario e uno dei principali elementi che l’intermediario finanziario valuta ai fini dell’erogazione del prestito, anche andando a verificare se ci sono altri eventuali finanziamenti in corso. Prima di chiedere un mutuo è perciò consigliabile farsi due conti per accertarsi di quale sia la disponibilità che rimane una volta sottratte al proprio reddito mensile le spese ordinarie. Normalmente si ritiene che una rata, per essere sostenibile, non debba superare un terzo del reddito mensile. Se, ad esempio, le vostre entrate mensili ammontano a 1.500 euro, la rata del mutuo non deve superare i 500 euro.

4. Quale è il costo finale di un mutuo?

La componente che fa lievitare di più il costo di un mutuo è rappresentata dagli interessi che variano anche in funzione della durata del finanziamento. Oltre al costo degli interessi, vanno poi considerate tutte le altre spese che ruotano intorno a un mutuo e che devono essere specificate nel relativo Foglio informativo. Come, ad esempio, le spese di perizia e di istruttoria, che vengono di solito detratte dall’importo finanziato quando il mutuo viene erogato, le spese di gestione e quelle di incasso rata.

Queste spese possono differire da banca a banca e, in alcuni casi, possono essere anche pari a zero. Per questo motivo, prima di firmare, è sempre consigliabile valutare le soluzioni proposte da diversi istituti al fine di trovare l’offerta più conveniente. Il risparmio può essere considerevole. Ma non è tutto. Quando si stipula un mutuo ipotecario bisogna infatti far fronte anche alle relative spese notarili, che comprendono la parcella del notaio e il costo dell’iscrizione dell’ipoteca sull’immobile oggetto del finanziamento. Da considerare inoltre le imposte da pagare, che differiscono tra loro a seconda che si acquisti una prima o una seconda casa. Infine bisogna tener conto del costo della polizza assicurativa associata al mutuo.

L’unica polizza obbligatoria è quella ‘scoppio incendio’ con la quale la banca si tutela in caso di danni sull’immobile dato in garanzia. Il suo costo è normalmente irrisorio. Più onerosa è invece la polizza vita da abbinare al mutuo che, però, non è obbligatoria.

5. Quale durata è più conveniente

La durata del rimborso incide sia sull’ammontare della rata sia sul totale degli interessi che si andranno a pagare. A parità di importo finanziato, tanto più breve è il piano di rimborso, quanto più alta sarà la rata ma, a fine finanziamento, si avrà il vantaggio di aver pagato minori interessi.

Su un periodo più lungo, al contrario, l’importo della rata diventa più basso ma gli interessi totali che si pagheranno saranno più elevati. Per fare un esempio: per un mutuo da 100mila euro, rimborsato in 10 anni, al tasso del 2%, si otterrà una rata mensile di 920 euro, mentre gli interessi finali ammonteranno a 10.416 euro. Lo stesso mutuo, rimborsato però in 20 anni, avrà una rata mensile di 505 euro. Per contro, gli interessi versati una volta estinto il debito saranno pari a 21.412 euro. Dunque, più del doppio.

Autore
castiglia-masella

Giornalista professionista, collabora da diversi anni con il Sole 24 Ore (Casa24Plus, Mondo Immobiliare). In passato ha lavorato, tra gli altri, per Tempo Economico e Tgcom.

Ultime notizie Mutui

pubblicato il 21 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 20 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 20 febbraio 2024

EURIRS ed EURIBOR: scopri gli ultimi valori disponibili dei tassi dei mutui, aggiornati a ieri 20 febbraio 2024.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 19 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 19 febbraio 2024

Scopri gli ultimi valori relativi all'andamento dell'EURIRS ed EURIBOR, aggiornati a ieri 19 febbraio 2024.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 16 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 16 febbraio 2024

Quali sono gli ultimi valori disponibili di EURIRS ed EURIBOR? Ecco i dati aggiornati al 16 febbraio 2024.
pubblicato il 18 febbraio 2024
I mutui prima casa ING a febbraio 2024

I mutui prima casa ING a febbraio 2024

ING Direct ti aiuta a realizzare il tuo progetto di casa con Mutuo Arancio, il prodotto 100% digitale e dalle rate più leggere grazie agli sconti sui tassi. Puoi calcolare la rata del tuo mutuo su Facile.it.
pubblicato il 21 febbraio 2024
Tassi e vantaggi del mutuo con tasso fisso a febbraio 2024

Tassi e vantaggi del mutuo con tasso fisso a febbraio 2024

Se non vuoi sorprese sull’importo della rata devi optare per il mutuo tasso fisso, in modo che il rimborso del finanziamento abbia un ammontare costante nel tempo e sia noto fin dalla stipula del contratto. Scopriamo i 3 migliori mutui a tasso fisso di febbraio 2024.
pubblicato il 16 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 15 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 15 febbraio 2024

Tassi mutuo: scopri gli ultimi dati disponibili, aggiornati al 15 febbraio, relativi all'andamento dell'Eurirs e dell'Euribor.
pubblicato il 16 febbraio 2024
La surroga del mutuo conviene? 4 fattori da valutare a febbraio 2024

La surroga del mutuo conviene? 4 fattori da valutare a febbraio 2024

La surroga consente di rinegoziare il mutuo, passando a condizioni più vantaggiose: ma oggi è una soluzione conveniente? Ecco quali fattori valutare per capirlo.
pubblicato il 16 febbraio 2024
Le migliori soluzioni mutuo 90% a febbraio 2024

Le migliori soluzioni mutuo 90% a febbraio 2024

Se non hai abbastanza liquidità, comprare la tua prima casa è comunque possibile grazie a queste soluzioni di mutuo al 90%,
pubblicato il 20 febbraio 2024
I tassi su un mutuo prima casa da 170.000€ a febbraio 2024

I tassi su un mutuo prima casa da 170.000€ a febbraio 2024

Cercare il mutuo perfetto per la tua prima casa può essere un compito impegnativo, ma con le offerte più vantaggiose disponibili a febbraio 2024 su Facile.it, puoi rendere questo passaggio importante più agevole.
pubblicato il 15 febbraio 2024
La media aggiornata dei tassi Irs ed Euribor sui mutui a febbraio 2024

La media aggiornata dei tassi Irs ed Euribor sui mutui a febbraio 2024

Se stai pensando di richiedere un mutuo, è importante valutare se è il momento opportuno in base alla media del Tan e del Taeg sui mutui. I tassi mutui a febbraio 2024 ti forniranno informazioni utili sulla convenienza dei mutui di oggi. L'aggiornamento su Facile.it.
pubblicato il 15 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor 14 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor 14 febbraio 2024

Scopri gli ultimi dati aggiornati al 14 febbraio dei tassi Eurirs ed Euribor, i parametri utilizzati dalle banche per stabilire le rate dei mutui.
pubblicato il 16 febbraio 2024
I tassi su un mutuo 100% da 160.000€ a febbraio 2024

I tassi su un mutuo 100% da 160.000€ a febbraio 2024

Con l'aumento dei prezzi immobiliari e le crescenti difficoltà nell'ottenere un finanziamento, i mutui al 100% si presentano come una soluzione per chi desidera acquistare casa senza disporre di un consistente capitale iniziale.

Guide ai mutui

pubblicato il 2 gennaio 2024
Mutuo under 36: guida completa 2024

Mutuo under 36: guida completa 2024

Le agevolazioni per i mutui under 36 subiranno importanti cambiamenti nel 2024. Ecco tutto ciò che c'è da sapere per i giovani che vogliono richiederlo quest'anno.
pubblicato il 20 giugno 2023
Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Cosa potrebbe succedere se un figlio volesse comprare la casa dei genitori o di altri parenti in generale? Questa cosa è permessa, ma non sempre le banche sono disposte ad offrire questo tipo di mutuo. Vediamo perché!
pubblicato il 13 febbraio 2023
Bonus Ristrutturazione 2023: tutte le informazioni

Bonus Ristrutturazione 2023: tutte le informazioni

Scopri di più sul bonus ristrutturazione 2023 e sugli sgravi fiscali concessi!
pubblicato il 15 dicembre 2022
Cos'è un mutuo e come funziona

Cos'è un mutuo e come funziona

Il mutuo è un prestito a lungo termine in cui un parte concede in prestito una somma di denaro ad un'altra. Vediamo come funziona e quali sono le sue caratteristiche.
pubblicato il 24 ottobre 2022
Mutuo cointestato: come funziona?

Mutuo cointestato: come funziona?

Il mutuo cointestato è un mutuo in cui due o più soggetti sottoscrivono lo stesso finanziamento e si impegnano congiuntamente a rimborsare l'importo delle rate. Il vantaggio principale di questa formula risiede nel fatto che le banche hanno una duplice garanzia di solvibilità e, in caso di mancato pagamento da parte di uno dei due debitori, possono rivalersi sull'altro per richiedere l'intero importo dovuto.
pubblicato il 28 giugno 2022
Trasloco a Roma: prezzi medi e consigli

Trasloco a Roma: prezzi medi e consigli

Vivere a Roma offre molte opportunità. Tuttavia, traslocare in questa capitale ricca di storia potrebbe non essere semplice; ecco allora una piccola guida su come fare il trasloco a Roma.
pubblicato il 28 giugno 2022
Trasloco a Milano: costi e consigli

Trasloco a Milano: costi e consigli

Milano è una città vivace e alla moda, fulcro di eventi mondani ma anche lavorativi. Non è raro che, per lavoro, ci sia la necessità di spostarsi nel capoluogo lombardo. Ma come fare il trasloco a Milano? Ecco qualche consiglio.
pubblicato il 28 giugno 2022
Come organizzare un trasloco

Come organizzare un trasloco

Organizzare un trasloco può essere sempre molto difficile. Vuoi scoprire come fare? Allora continua a leggere l'articolo e segui tutti i consigli per trasferirti in totale serenità.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968