Serve assistenza?
02 55 55 222

14 mag 2019 | 5 min di lettura | Pubblicato da Valerio S.

mutui_expert_speaks_come_funziona_l_assicurazione_sul_mutuo

Quando si stipula un mutuo può essere conveniente mettersi al riparo dal rischio che il verificarsi di uno o più eventi avversi mettano a repentaglio la capacità di rimborsare il finanziamento, da parte del mutuatario. I mutui immobiliari hanno una vita lunga, mediamente dai 20 ai 30 anni, e nel corso di un simile orizzonte di tempo, potrebbero materializzarsi situazioni negative sulla situazione economica del mutuatario.

Mutuo casa: trova il migliore

A tale scopo è possibile sottoscrivere polizze assicurative mutuo, ovvero le cosiddette PPI (Payment protection insurance) o CPI (Credit protection insurance), per tutelarsi almeno finanziariamente da eventi sfavorevoli quali la morte, l’invalidità permanente, la perdita del posto di lavoro o l’incapacità di produrre redditi. In questi casi, in vigenza della polizza, sarà la compagnia di assicurazione a intervenire, in modo da rimborsare direttamente o indirettamente la somma ancora dovuta alla banca, secondo le condizioni stabilite nel contratto.

Sul punto è bene precisare che queste tipologie di polizze non sono obbligatorie. Quando si acquista casa con un mutuo l’unica copertura obbligatoria è soltanto quella contro incendio e scoppio.

Questa formula contrattuale prevede la corresponsione di un indennizzo per i danni materiali subiti dagli immobili al verificarsi di esplosioni o fiamme. A seconda della compagnia e del prodotto sottoscritto, la copertura può riguardare anche ulteriori fattispecie, quali per esempio fulmini, impatto con veicoli (si pensi agli edifici situati a bordo strada) o con aerei, fenomeni atmosferici, crolli dovuti a sovraccarichi nevosi o atti vandalici/dolosi.

Al verificarsi di tali eventi, che evidentemente comportano una riduzione del valore dell’immobile danneggiato, l’assicurazione rimborserà al cliente i costi di ripristino, se le lesioni sono “curabili” attraverso interventi di manutenzione o ristrutturazione, oppure il massimale indicato nel contratto, laddove il bene sia andato completamente distrutto e quindi non più abitabile.

Come ogni polizza assicurativa i contratti scoppio e incendio prevedono specifici casi di esclusione della copertura, nonché importi massimi risarcibili e franchigie. Queste ultime, in particolare, sono un aspetto piuttosto importante del contratto, in quanto si tratta delle somme che, nonostante l’intervento dell’assicurazione, resteranno comunque a carico dell’assicurato.

Agli occhi della banca il verificarsi degli eventi dannosi sull’immobile non impatta sulla validità del mutuo. La polizza copre quindi il rischio per il mutuatario di dover continuare a rimborsare un prestito contratto per un’abitazione danneggiata o addirittura non più fungibile. Con la liquidazione del sinistro da parte della compagnia, il cliente dovrebbe essere in grado di rimettere “a nuovo” il fabbricato, recuperando quindi la perdita di valore senza eccessivi oneri, e proseguire normalmente con il piano d’ammortamento (resta fermo che, a fronte di tali eventi negativi, è possibile comunque confrontarsi con la banca per chiedere una revisione del piano di rimborso, in aderenza alle esigenze e alle tempistiche conseguenti all’incidente occorso).

Considerazioni diverse devono essere operate in merito ad altre tipologie di polizze che, sebbene facoltative ai sensi della legge, possono comunque essere “caldeggiate” dalle banche a maggiore tutela del finanziamento.

Sul punto, è opportuno ricordare che il D.L. n. 201/2011 ha stabilito chele banche non possono subordinare la concessione di un mutuo alla sottoscrizione di coperture assicurative PPI/CPI emesse dal medesimo gruppo finanziario. Il cliente pertanto non è obbligato ad acquistare la polizza eventualmente proposta dalla banca (la quale, peraltro, è tenuta a presentare almeno altri due preventivi di prodotti esterni al gruppo). Se l’aspirante mutuatario possiede già un’assicurazione analoga, può far valere tale contratto. La banca può eccepire un rifiuto solo con parere motivato.

Le principali coperture offerte dalle compagnie assicurative a tutela dei mutui immobiliari riguardano in primo luogo il rischio morte del mutuatario. In caso di decesso del debitore prima del completo rimborso del finanziamento, l’assicurazione verserà agli eredi gli importi stabiliti nel contratto. È anche possibile prevedere nelle polizze la cosiddetta “clausola di vincolo”, che permette alla compagnia di versare direttamente alla banca creditrice la somma residua.

Le altre tipologie di polizze collegate consentono al mutuatario di tutelarsi dal rischio di invalidità permanente derivante da malattia e infortunio (solitamente sono previste percentuali minime di invalidità per far scattare la liquidazione del sinistro), la perdita del posto di lavoro per i dipendenti assunti nel privato a tempo indeterminato, o l’inabilità totale temporanea al lavoro per chi è titolare di una partita Iva.

Attraverso la sottoscrizione di una polizza PPI o CPI è quindi possibile tutelare se stessi e soprattutto i propri familiari da ogni imprevisto che potrebbe verificarsi nell’arco del periodo di ammortamento. Numerosi, tuttavia, gli aspetti cui prestare attenzione per poter operare scelte consapevoli.

In primo luogo i costi delle coperture, dal momento che spesso gli intermediari che le propongono operano in conflitto di interesse e cercano di collocare polizze non pienamente adatte alle necessità del cliente (dal 2015 le autorità di vigilanza, Banca d’Italia e Ivass, sono impegnate in una campagna di informazione, monitoraggio e controlli al fine di contrastare pratiche scorrette o comunque poco trasparenti degli operatori).

C’è poi il tema della detraibilità fiscale. Le polizze scoppio e incendio, essendo obbligatorie, possono essere computate tra gli oneri accessori del mutuo e quindi rientrare nel plafond delle spese agevolabili, sommandosi agli interessi passivi. Diverso il caso delle polizze PPI e CPI per la copertura degli altri rischi. Tali contratti, sebbene utili, non sono obbligatori e quindi non possono essere detratti dall’IRPEF.

Va ricordato che comunque il premio pagato non è l’unico parametro per valutare l’adeguatezza di una polizza rispetto alle esigenze di ciascun mutuatario. È opportuno considerare anche le condizioni di esclusione delle garanzie, eventuali rivalse, le franchigie e i massimali.

Autore
valerio-stroppa

Marchigiano di nascita, vive e lavora a Milano dal 2006. Valerio, giornalista professionista, scrive di diritto, fisco (nazionale e internazionale), e giustizia tributaria per ItaliaOggi.

Ultime notizie Mutui

pubblicato il 18 maggio 2024
Confronto tassi mutuo prima casa a maggio 2024

Confronto tassi mutuo prima casa a maggio 2024

Che tu stia cercando un mutuo a tasso fisso o variabile, grazie al nostro comparatore abbiamo individuato per te i 3 migliori mutui prima casa di maggio 2024. Scopri la rata più bassa e le agevolazioni!
pubblicato il 17 maggio 2024
Tasso fisso mutuo all'1,99%: ultimi giorni per la promozione Crédit Agricole di maggio 2024

Tasso fisso mutuo all'1,99%: ultimi giorni per la promozione Crédit Agricole di maggio 2024

Se stai cercando un mutuo conveniente, scopri la promozione Crédit Agricole che ti offre un tasso mutuo fisso all'1,99%! Scopri tutti i dettagli in questo articolo.
pubblicato il 16 maggio 2024
I vantaggi di un mutuo a tasso variabile a maggio 2024

I vantaggi di un mutuo a tasso variabile a maggio 2024

Può convenire stipulare un mutuo a tasso variabile a maggio 2024? Dai un'occhiata a queste 3 soluzioni che ti presentiamo oggi se stai pensando di richiedere un mutuo.
pubblicato il 16 maggio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - mercoledì 15 maggio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - mercoledì 15 maggio 2024

Scopri gli ultimi dati disponibili dei tassi IRS ed Euribor, relativi a ieri mercoledì 15 maggio 2024.
pubblicato il 15 maggio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - martedì 14 maggio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - martedì 14 maggio 2024

EURIRS ed EURIBOR: ecco gli ultimi dati relativi ai tassi del mutuo, aggiornati a ieri martedì 14 maggio 2024.
pubblicato il 15 maggio 2024
3 mutui 100% con soluzioni convenienti a maggio 2024

3 mutui 100% con soluzioni convenienti a maggio 2024

Il mutuo 100% è il mutuo che copre l'intero valore dell'immobile, l’ideale per chi non dispone di liquidità e necessita di un finanziamento totale. Ecco i 3 migliori mutui al 100% di maggio 2024.
pubblicato il 14 maggio 2024
Quanto spesso è possibile effettuare un cambio di residenza

Quanto spesso è possibile effettuare un cambio di residenza

Vuoi cambiare residenza un’altra volta, ti è già capitato due volte. Ti chiedi: quante volte è possibile modificarla a livello anagrafico? Residenza e domicilio sono la stessa cosa? Cerchiamo di capire come stanno le cose e qual è il percorso da seguire per raggiungere l'obiettivo.
pubblicato il 14 maggio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - lunedì 13 maggio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - lunedì 13 maggio 2024

Scopri l'ultimo aggiornamento disponibile dei tassi del mutuo IRS ed Euribor, con i dati di ieri lunedì 13 maggio 2024.
pubblicato il 13 maggio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - venerdì 10 maggio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - venerdì 10 maggio 2024

Tassi del mutuo: scopri l'ultimo aggiornamento disponibile di IRS ed Euribor, con i dati relativi a venerdì 10 maggio 2024.
pubblicato il 12 maggio 2024
I mutui a tasso fisso di maggio 2024

I mutui a tasso fisso di maggio 2024

Se a maggio 2024 stai cercando un mutuo a tasso fisso, ti aiutiamo noi di Facile.it con questa selezione di mutui che puoi trovare sul nostro comparatore mutui online.
pubblicato il 11 maggio 2024
Le soluzioni mutuo ING Direct a maggio 2024

Le soluzioni mutuo ING Direct a maggio 2024

I mutui ING sono molto vantaggiosi, soprattutto Mutuo Green, un prodotto che consente di acquistare la prima o la seconda casa beneficiando di uno sconto sui tassi d’interesse. Facile.it, ti spiega come funziona il mutuo ING e i vantaggi a maggio 2024!
pubblicato il 10 maggio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - giovedì 9 maggio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - giovedì 9 maggio 2024

IRS ed Euribor: scopri l'ultimo aggiornamento disponibile dei tassi del mutuo di ieri giovedì 9 maggio 2024.

Guide ai mutui

pubblicato il 4 aprile 2024
Quanto posso chiedere di mutuo?

Quanto posso chiedere di mutuo?

Se stai pensando di acquistare una casa, probabilmente ti starai chiedendo quanto mutuo puoi permetterti e qual è l'importo massimo che puoi richiedere. Per scoprirlo, è fondamentale capire la tua disponibilità finanziaria.
pubblicato il 4 aprile 2024
Quali sono le formule matematiche per il calcolo del mutuo

Quali sono le formule matematiche per il calcolo del mutuo

Quando si deve richiedere un mutuo per acquistare casa, una delle principali preoccupazioni è comprendere in anticipo a quanto ammonteranno la rata e gli interessi. Scopriamo insieme come calcolarli.
pubblicato il 2 gennaio 2024
Mutuo under 36: guida completa 2024

Mutuo under 36: guida completa 2024

Le agevolazioni per i mutui under 36 subiranno importanti cambiamenti nel 2024. Ecco tutto ciò che c'è da sapere per i giovani che vogliono richiederlo quest'anno.
pubblicato il 20 giugno 2023
Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Cosa potrebbe succedere se un figlio volesse comprare la casa dei genitori o di altri parenti in generale? Questa cosa è permessa, ma non sempre le banche sono disposte ad offrire questo tipo di mutuo. Vediamo perché!
pubblicato il 13 febbraio 2023
Bonus Ristrutturazione 2024: tutte le informazioni

Bonus Ristrutturazione 2024: tutte le informazioni

Scopri di più sul bonus ristrutturazione 2024 e sugli sgravi fiscali concessi!
pubblicato il 15 dicembre 2022
Cos'è un mutuo e come funziona

Cos'è un mutuo e come funziona

Il mutuo è un prestito a lungo termine in cui un parte concede in prestito una somma di denaro ad un'altra. Vediamo come funziona e quali sono le sue caratteristiche.
pubblicato il 24 ottobre 2022
Mutuo cointestato: come funziona?

Mutuo cointestato: come funziona?

Il mutuo cointestato è un mutuo in cui due o più soggetti sottoscrivono lo stesso finanziamento e si impegnano congiuntamente a rimborsare l'importo delle rate. Il vantaggio principale di questa formula risiede nel fatto che le banche hanno una duplice garanzia di solvibilità e, in caso di mancato pagamento da parte di uno dei due debitori, possono rivalersi sull'altro per richiedere l'intero importo dovuto.
pubblicato il 28 giugno 2022
Come fare il cambio residenza a Roma

Come fare il cambio residenza a Roma

Fare il cambio residenza a Roma può essere complicato. Come farlo nel migliore dei modi? Ecco tutto quello che c'è da sapere, seguendo le procedure più comuni ed efficaci.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968