Serve assistenza?
02 55 55 222

Calcolo fattibilità mutuo: quali fattori entrano in gioco

1 ott 2019 | 4 min di lettura | Pubblicato da Castiglia M.

mutui expert speaks calcolo fattibilita mutuo quali fattori entrano in gioco

Non sempre quando si richiede un mutuo lo si ottiene. Sono diversi i motivi che possono incidere sull’esito di una domanda di finanziamento.

Questo perché, dopo aver presentato la richiesta, la banca effettua una serie di verifiche con l’obiettivo di valutare se il mutuatario è in possesso dei requisiti minimi necessari per accedere al credito.

Mutuo casa: trova il migliore

Il primo passo della procedura, che anticipa l’avvio dell’istruttoria vera e propria, è rappresentato dal cosiddetto ‘parere di fattibilità’, cioè un giudizio preventivo formulato dall’istituto di credito che tiene conto conto delle caratteristiche del mutuatario e, soprattutto, della sua capacità di rimborsare il debito contratto.

Se questo primo test viene superato, la banca può avviare l’iter classico finalizzato all’erogazione del mutuo. Se, al contrario, il parere è negativo, la banca può rifiutare il prestito o, nel migliore dei casi, può chiedere al cliente di presentare ulteriori garanzie. Vediamo quali sono i principali criteri e fattori che incidono sul parere di fattibilità.

Il primo elemento che la banca valuta è la storia creditizia del richiedente con l’obiettivo di verificarne l’affidabilità. Come? Andando a interrogare gli appositi database contenenti tutte le informazioni creditizie utili a stabilire se un soggetto è un cattivo o un buon pagatore. In Italia, la maggior parte delle banche fa riferimento alla banca dati del Crif (Centrale rischi finanziari), società alla quale arrivano le segnalazioni inviate dalle banche stesse.

Attraverso l’interrogazione dei database delle centrali rischio, il soggetto che dovrà erogare il finanziamento può appurare, ad esempio, se l’aspirante mutuatario sia, o sia stato, protestato, se è stato puntuale nei pagamenti di altri passati eventuali finanziamenti o cambiali o se abbia o no emesso assegni a vuoto.

Oltre a questa indagine, ve ne è una seconda che la banca può effettuare presso la Camera di Commercio al fine di verificare se il cliente possiede quote di società ad alto rischio di fallimento o se sia comunque presente una qualche storia di fallimenti.

Ciò che ne emerge è una sorta di ‘fedina creditizia’ che, se pulita, già rappresenta un primo passo avanti verso l’ottenimento del mutuo.

Tuttavia per formulare il parere di fattibilità, le verifiche precedenti non bastano. Un altro parametro che la banca prende in considerazione è il rapporto tra il reddito netto dell’aspirante mutuatario e l’ammontare della rata.

Quest’ultima infatti non deve generalmente superare il 30% del reddito mensile netto, anche se alcune banche, a certe condizioni, possono arrivare sino al 35/40%. Ad esempio, se il reddito mensile netto di una famiglia è di 1.800 euro, la rata non dovrà superare i 600 euro. Se però si considera la stessa rata ma il reddito mensile è di 1.000 euro, facilmente il prestito verrà rifiutato. In questa fase, la banca valuta inoltre la cosiddetta ‘soglia minima di sussistenza’ del richiedente in base a criteri prestabiliti che possono variare da istituto a istituto.

La soglia minima di sussistenza altro non è che il reddito minimo necessario per poter affrontare le spese quotidiane, al netto di altri eventuali finanziamenti e calcolato in funzione del numero dei componenti del nucleo familiare e della zona geografica di residenza. Un terzo elemento che concorre alla definizione del parere di fattibilità è rappresentato dal rapporto tra il valore dell’immobile e l’importo che si vuole mutuare.

Per valutare questo rapporto, le banche fanno riferimento alle stime del loro perito di fiducia che, dopo aver effettuato una perizia sull’immobile, comunica se la somma richiesta in prestito è coerente al valore stimato dell’immobile. Ad esempio, può succedere che si voglia comprare una casa il cui prezzo di vendita è 150mila euro tramite mutuo. Se il perito valuta che il prezzo richiesto sia giusto, si può chiedere alla banca un prestito sino a 120mila euro (l’80% dei 150mila euro). Ma se il perito stabilisce che il valore dell’immobile è pari a 100mila euro, la banca non erogherà più di 80mila euro (l’80% di 100mila euro).

La perizia è inoltre utile alla banca anche per verificare che l’immobile non presenti irregolarità quali, ad esempio, abusi edilizi, mancanza di permessi e via dicendo.

Infine, c’è il fattore età. Quasi tutte le banche, infatti, non concedono mutui la cui estinzione è prevista oltre un limite massimo di età del cliente. Limite che può cambiare a seconda della banca ma che generalmente non oltrepassa i 75/80 anni. Come dire che un sessantenne che chiede un mutuo trentennale vedrà la sua domanda respinta perché il debito verrebbe estinto all’età di 90 anni (60 + 30).

Prima di andare incontro a eventuali delusioni e perite di tempo, è però possibile farsi aiutare dalla tecnologia servendosi di uno dei tanti siti di comparazione presenti sul web che, oltre a simulare rate e costi connessi al finanziamento, e a fornire l’elenco della banche aderenti a cui si può chiedere il prestito direttamente online, offrono anche un servizio di consulenza e una verifica della fattibilità a titolo gratuito e senza alcun impegno.

Autore
castiglia-masella

Giornalista professionista, collabora da diversi anni con il Sole 24 Ore (Casa24Plus, Mondo Immobiliare). In passato ha lavorato, tra gli altri, per Tempo Economico e Tgcom.

Ultime notizie Mutui

pubblicato il 21 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 20 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 20 febbraio 2024

EURIRS ed EURIBOR: scopri gli ultimi valori disponibili dei tassi dei mutui, aggiornati a ieri 20 febbraio 2024.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 19 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 19 febbraio 2024

Scopri gli ultimi valori relativi all'andamento dell'EURIRS ed EURIBOR, aggiornati a ieri 19 febbraio 2024.
pubblicato il 22 febbraio 2024
Promozione tassi BPER mutuo prima e seconda casa a febbraio 2024

Promozione tassi BPER mutuo prima e seconda casa a febbraio 2024

Vuoi richiedere un mutuo prima casa o seconda casa? Per accedere a condizioni convenienti e risparmiare sulla rata, scopri questa fantastica promozione lanciata da BPER a tassi d’interesse convenienti, sui mutui dai 20 ai 30 anni.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 16 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 16 febbraio 2024

Quali sono gli ultimi valori disponibili di EURIRS ed EURIBOR? Ecco i dati aggiornati al 16 febbraio 2024.
pubblicato il 18 febbraio 2024
I mutui prima casa ING a febbraio 2024

I mutui prima casa ING a febbraio 2024

ING Direct ti aiuta a realizzare il tuo progetto di casa con Mutuo Arancio, il prodotto 100% digitale e dalle rate più leggere grazie agli sconti sui tassi. Puoi calcolare la rata del tuo mutuo su Facile.it.
pubblicato il 21 febbraio 2024
Tassi e vantaggi del mutuo con tasso fisso a febbraio 2024

Tassi e vantaggi del mutuo con tasso fisso a febbraio 2024

Se non vuoi sorprese sull’importo della rata devi optare per il mutuo tasso fisso, in modo che il rimborso del finanziamento abbia un ammontare costante nel tempo e sia noto fin dalla stipula del contratto. Scopriamo i 3 migliori mutui a tasso fisso di febbraio 2024.
pubblicato il 16 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 15 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 15 febbraio 2024

Tassi mutuo: scopri gli ultimi dati disponibili, aggiornati al 15 febbraio, relativi all'andamento dell'Eurirs e dell'Euribor.
pubblicato il 16 febbraio 2024
La surroga del mutuo conviene? 4 fattori da valutare a febbraio 2024

La surroga del mutuo conviene? 4 fattori da valutare a febbraio 2024

La surroga consente di rinegoziare il mutuo, passando a condizioni più vantaggiose: ma oggi è una soluzione conveniente? Ecco quali fattori valutare per capirlo.
pubblicato il 16 febbraio 2024
Le migliori soluzioni mutuo 90% a febbraio 2024

Le migliori soluzioni mutuo 90% a febbraio 2024

Se non hai abbastanza liquidità, comprare la tua prima casa è comunque possibile grazie a queste soluzioni di mutuo al 90%,
pubblicato il 20 febbraio 2024
I tassi su un mutuo prima casa da 170.000€ a febbraio 2024

I tassi su un mutuo prima casa da 170.000€ a febbraio 2024

Cercare il mutuo perfetto per la tua prima casa può essere un compito impegnativo, ma con le offerte più vantaggiose disponibili a febbraio 2024 su Facile.it, puoi rendere questo passaggio importante più agevole.
pubblicato il 15 febbraio 2024
La media aggiornata dei tassi Irs ed Euribor sui mutui a febbraio 2024

La media aggiornata dei tassi Irs ed Euribor sui mutui a febbraio 2024

Se stai pensando di richiedere un mutuo, è importante valutare se è il momento opportuno in base alla media del Tan e del Taeg sui mutui. I tassi mutui a febbraio 2024 ti forniranno informazioni utili sulla convenienza dei mutui di oggi. L'aggiornamento su Facile.it.
pubblicato il 15 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor 14 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor 14 febbraio 2024

Scopri gli ultimi dati aggiornati al 14 febbraio dei tassi Eurirs ed Euribor, i parametri utilizzati dalle banche per stabilire le rate dei mutui.

Guide ai mutui

pubblicato il 2 gennaio 2024
Mutuo under 36: guida completa 2024

Mutuo under 36: guida completa 2024

Le agevolazioni per i mutui under 36 subiranno importanti cambiamenti nel 2024. Ecco tutto ciò che c'è da sapere per i giovani che vogliono richiederlo quest'anno.
pubblicato il 20 giugno 2023
Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Cosa potrebbe succedere se un figlio volesse comprare la casa dei genitori o di altri parenti in generale? Questa cosa è permessa, ma non sempre le banche sono disposte ad offrire questo tipo di mutuo. Vediamo perché!
pubblicato il 13 febbraio 2023
Bonus Ristrutturazione 2023: tutte le informazioni

Bonus Ristrutturazione 2023: tutte le informazioni

Scopri di più sul bonus ristrutturazione 2023 e sugli sgravi fiscali concessi!
pubblicato il 15 dicembre 2022
Cos'è un mutuo e come funziona

Cos'è un mutuo e come funziona

Il mutuo è un prestito a lungo termine in cui un parte concede in prestito una somma di denaro ad un'altra. Vediamo come funziona e quali sono le sue caratteristiche.
pubblicato il 24 ottobre 2022
Mutuo cointestato: come funziona?

Mutuo cointestato: come funziona?

Il mutuo cointestato è un mutuo in cui due o più soggetti sottoscrivono lo stesso finanziamento e si impegnano congiuntamente a rimborsare l'importo delle rate. Il vantaggio principale di questa formula risiede nel fatto che le banche hanno una duplice garanzia di solvibilità e, in caso di mancato pagamento da parte di uno dei due debitori, possono rivalersi sull'altro per richiedere l'intero importo dovuto.
pubblicato il 28 giugno 2022
Trasloco a Roma: prezzi medi e consigli

Trasloco a Roma: prezzi medi e consigli

Vivere a Roma offre molte opportunità. Tuttavia, traslocare in questa capitale ricca di storia potrebbe non essere semplice; ecco allora una piccola guida su come fare il trasloco a Roma.
pubblicato il 28 giugno 2022
Trasloco a Milano: costi e consigli

Trasloco a Milano: costi e consigli

Milano è una città vivace e alla moda, fulcro di eventi mondani ma anche lavorativi. Non è raro che, per lavoro, ci sia la necessità di spostarsi nel capoluogo lombardo. Ma come fare il trasloco a Milano? Ecco qualche consiglio.
pubblicato il 28 giugno 2022
Come organizzare un trasloco

Come organizzare un trasloco

Organizzare un trasloco può essere sempre molto difficile. Vuoi scoprire come fare? Allora continua a leggere l'articolo e segui tutti i consigli per trasferirti in totale serenità.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968