Serve assistenza?
02 55 55 222

Ecco perché la BCE ha bloccato i tassi dopo 10 rialzi consecutivi

9 nov 2023 | 3 min di lettura | Pubblicato da Marco B.

Adobe_Stock_614393029

Il 26 ottobre 2023 la Banca Centrale Europea ha annunciato uno stop all'aumento dei tassi.

I tassi di interesse, che si riflettono sui tassi applicati dalle banche ai cittadini per ottenere mutui immobiliari e altri tipi di finanziamenti, si sono dunque stabilizzati dopo 10 rialzi consecutivi.

Cosa ci si può aspettare dal futuro?

Scoprilo su Facile.it, leader nel confronto di mutui online.

Mutuo casa: trova il migliore
Mutuo casa: trova il migliore

I mutui a tasso variabile

Considerata questa stabilizzazione dei tassi, chi ha un mutuo a tasso variabile non dovrebbe vedere un rincaro delle rate.

È la prima volta che la BCE prende questa scelta dopo dieci aumenti consecutivi, attuati a partire da luglio 2022 per rallentare l'inflazione diminuendo la circolazione di denaro. Tutto ciò è merito della forte frenata dell’inflazione a livello UE e pure in Italia.

La presidente della Banca centrale, Christine Lagarde, ha affermato che il fenomeno inflattivo nell’area euro è ancora piuttosto alto, sebbene stia perdendo potenza con gradualità.

Le scelte precedenti

Soltanto poco più di un mese e mezzo fa, il 14 settembre 2023, Lagarde aveva annunciato un aumento dei tassi di interesse di 25 punti base. Il tasso di rifinanziamento principale era arrivato al 4,5%, i tassi sui depositi e sui prestiti marginali avevano raggiunto, rispettivamente, il 4% e il 4,75%.

Inflazione giù

Durante gli ultimi 12 mesi l'inflazione ha rallentato e il livello medio dei prezzi è lentamente diminuito, a settembre 2023 nell’Eurozona la media dell’inflazione era infatti sul +4,3% (-0,9% rispetto ad agosto 2023).

A ottobre 2023 si è registrata una forte frenata, con un incremento annuale del 2,9% (-1,4% rispetto a settembre 2023), merito soprattutto del calo dei costi di prodotti energetici. Si tratta dei livelli più bassi da luglio 2021.

In Italia crollo record

E la situazione in Italia? L’inflazione a settembre 2023 era salita dello 0,1% rispetto al mese precedente, arrivando al 5,3%.

Mentre per quel che riguarda ottobre 2023, i dati preliminari Istat indicano un crollo a +1,8% su base annua, sempre grazie soprattutto al forte rallentamento su base tendenziale dei prezzi dei prodotti energetici.

La frenata tricolore

La frenata italiana è quasi del tutto spiegabile col forte cedimento del costo dell'energia e delle spese per la casa (-17,6% in un anno), che costituiscono il 12,1% delle uscite familiari.

L’inflazione italiana di fondo, senza contare energetici e alimentari freschi, ha registrato un calo da +4,6% a +4,2%; quella al netto dei soli energetici è scesa da +4,8% a +4,2%.

Un po’ di ottimismo

Sembrerebbe che nella sede tedesca della BCE ci sia un relativo ottimismo, sebbene la prudenza non venga persa di vista. Quindi non è impossibile che venga deciso in futuro un ulteriore aumento dei tassi, come ha lasciato intendere la stessa Lagarde.

Il suo obiettivo è portare l’inflazione al 2%. Quindi, vista l’instabilità della situazione economica e geopolitica internazionale, non si può escludere nulla.

PIL europeo in stallo

Comunque il calo dell’aumento dei prezzi segnala anche un rallentamento dell’economia dell’UE. È una conseguenza della diminuzione del commercio planetario e del calo dello sviluppo cinese.

Secondo la BCE, a fine 2023 il prodotto interno lordo (PIL) dell’Unione sarà in crescita solo dello 0,7% rispetto al 2022. Nel 2024 arriverà all’1%, nel 2025 all’1,5%.

Crescita zero in Italia

Su questo fronte, la situazione italiana è in linea con quella del resto d’Europa: nel terzo trimestre la crescita è stata pari a zero rispetto al trimestre precedente.

Nello stesso trimestre il PIL della Germania è sceso dello 0,1%, quello della Francia è aumentato dello 0,1%, mentre in Spagna è andata un po’ meglio: + 0,3%.

Offerte Mutuo Acquisto prima casa

Rata mensile
268,62€
Prodotto
Mutuo Green
Finalità
Acquisto prima casa
Importo
€ 50.000
Tasso
2,65% (Tasso finito)
Tipo Tasso
Fisso
TAEG
2,87%
Durata
20 anni
Costo totale
€ 64.468,89
Rata mensile
268,62€
Rata mensile
268,62€
Prodotto
Mutuo Giovani Consap Green
Finalità
Acquisto prima casa
Importo
€ 50.000
Tasso
2,65% (Tasso finito)
Tipo Tasso
Fisso
TAEG
2,87%
Durata
20 anni
Costo totale
€ 64.468,89
Rata mensile
268,62€
Rata mensile
270,84€
Prodotto
Offerta Mutuo Casa Green
Finalità
Acquisto prima casa
Importo
€ 50.000
Tasso
2,74% (Irs + 0,04%)
Tipo Tasso
Fisso
TAEG
3,21%
Durata
20 anni
Costo totale
€ 65.000,70
Rata mensile
270,84€
Rata mensile
271,36€
Prodotto
Mutuo CA Greenback Acquisto Green
Finalità
Acquisto prima casa
Importo
€ 50.000
Tasso
2,76% (Irs 20A + 0,00%)
Tipo Tasso
Fisso
TAEG
3,30%
Durata
20 anni
Costo totale
€ 65.125,17
Rata mensile
271,36€
Rata mensile
272,07€
Prodotto
Mutuo Tasso Fisso
Finalità
Acquisto prima casa
Importo
€ 50.000
Tasso
2,79% (Irs + 0,09%)
Tipo Tasso
Fisso
TAEG
3,56%
Durata
20 anni
Costo totale
€ 65.297,29
Rata mensile
272,07€

*Annuncio Promozionale, per tutte le informazioni relative a ciascun prodotto si prega di prendere visione di Informativa Trasparenza Mutui. Tutti i prodotti presenti sul comparatore sono da considerarsi assistiti da garanzia di ipoteca sull'immobile. Ti ricordiamo sempre di prendere visione delle Informazioni Generali sul Credito Immobiliare offerto ai consumatori nonché agli altri documenti di Trasparenza. Per verificare la soluzione adatta alle tue esigenze clicca su verifica fattibilità

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Mutuo Prima Casa

Confronta i nostri prodotti

Preventivo mutuo

Surroga Mutuo

Riduci la rata del mutuo

Preventivo surroga

Ultime notizie Mutui

pubblicato il 15 luglio 2024
Tassi e rate su un mutuo da 200.000€ a luglio 2024

Tassi e rate su un mutuo da 200.000€ a luglio 2024

Scopri le migliori soluzioni mutuo al 100% disponibili a luglio 2024 su Facile.it. Analizziamo le offerte più vantaggiose per finanziare interamente il tuo acquisto immobiliare, confrontando tassi e condizioni per aiutarti a trovare la proposta più adatta alle tue esigenze.
pubblicato il 13 luglio 2024
3 mutui a tasso variabile a inizio luglio 2024

3 mutui a tasso variabile a inizio luglio 2024

Scopri le migliori soluzioni di mutuo a tasso variabile disponibili a luglio 2024 su Facile.it. Confronta le offerte vantaggiose e trova la più adatta alle tue esigenze finanziarie e di risparmio.
pubblicato il 12 luglio 2024
La media aggiornata dei tassi sui mutui a luglio 2024

La media aggiornata dei tassi sui mutui a luglio 2024

Su Facile.it calcoliamo la media dei tassi sui mutui a tasso fisso e variabile disponibili oggi, aiutandovi a trovare la soluzione più conveniente per l'acquisto della vostra casa. Ecco i tassi a luglio 2024.
pubblicato il 11 luglio 2024
Le offerte di Crédit Agricole per i mutui a luglio 2024

Le offerte di Crédit Agricole per i mutui a luglio 2024

Se vuoi confrontare le migliori offerte Crédit Agricole mutuo a luglio 2024 sei nel posto giusto perché nelle prossime righe descriveremo nel dettaglio tre prodotti dell’istituto bancario francese che opera in Italia, adatti a ogni esigenza.
pubblicato il 9 luglio 2024
3 mutui a tasso variabile a inizio luglio 2024

3 mutui a tasso variabile a inizio luglio 2024

Su Facile.it a luglio 2024 puoi trovare diverse soluzioni mutuo a tasso variabile. Oggi analizziamo le offerte più vantaggiose per aiutarti a trovare l'opzione ideale per il tuo finanziamento, con un focus su flessibilità e convenienza economica.
pubblicato il 8 luglio 2024
I tassi sui mutui prima casa a luglio 2024

I tassi sui mutui prima casa a luglio 2024

Cerchi un mutuo prima casa a condizioni vantaggiose? Su Facile.it puoi calcolare la rata mutuo e trovare il miglior mutuo prima casa in pochi secondi!

Guide ai mutui

pubblicato il 6 giugno 2024
In quali casi la caparra va restituita e in quali no

In quali casi la caparra va restituita e in quali no

Quando si termina un contratto di locazione, il proprietario dell’immobile sa bene che la caparra va restituita all’inquilino. Tuttavia, esistono dei casi in cui questo non avviene.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968