Serve assistenza?
02 55 55 5

Superbonus 110%: i fondi sono finiti. Che cosa succederà adesso?

mutui news fondi superbonus finiti cosa succedera

Il Superbonus 110% a fine Maggio - secondo i dati dell'Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) - aveva spinto gli italiani a prenotare 33,7 miliardi di euro. Mentre gli euro stanziati finora dal Governo - in previsione del loro esaurimento nel 2027 - arrivano a 33,3 miliardi. Quindi i fondi a disposizione non sono soltanto finiti, sono addirittura stati superati. Scopri di più su Facile.it, leader nel confronto di offerte mutui online.

Mutuo casa: trova il migliore
Mutuo casa: trova il migliore

Una misura di incentivazione

L'ambito benefit, come si legge sul sito di Palazzo Chigi, è una misura di incentivazione introdotta dal DL Rilancio 19 maggio 2020, n. 34, che punta a rendere più efficienti e più sicure le nostre abitazioni.

Il meccanismo prevede che gli interventi possano essere svolti anche a costo zero per il cittadino.

Si suddivide in due tipologie di interventi: il Super Ecobonus agevola i lavori di efficientamento energetico; il Super Sismabonus incentiva quelli di adeguamento antisismico. L’incentivo consiste in una detrazione del 110% che si applica sulle spese sostenute dal 1° Luglio 2020 al 30 Giugno 2022.

Le prospettive

E ora che sono finiti i soldi? Non è chiaro che cosa succederà.

Una parte dei partiti al Governo vorrebbe che la misura fosse rifinanziata, però il premier Mario Draghi ha più volte fatto capire che, così com'è, questa agevolazione non va bene.

Tra chi ha già chiesto il Superbonus e magari sta svolgendo i lavori, qualche dubbio viene: potrà avere i soldi promessi? Gli stessi dubbi li hanno le imprese edili coinvolte, alcune consolidate, altre nate per l'occasione.

Secondo la Confederazione nazionale artigiani, ci sono 33.000 imprese a rischio.

Da Luglio crediti svalutati

Al Corriere della Sera, Christian Dominici, commercialista, ha risposto che per ora non dovrebbero esserci scogli in vista per quel che riguarda la prosecuzione di lavori già avviati.

Il credito già acquisito dagli istituti di credito è del tutto esigibile e lo sarà per tutti i crediti ceduti prima di uno stop formale a nuovi fondi.

Però, come si legge sul sito di Sky Tg24, a cominciare dal prossimo Luglio i crediti per i consumatori finali verranno svalutati (per esempio, cedendo un credito di 1.000 euro si verrà rimborsati con meno di 900). Per evitare problemi, nel dubbio le banche hanno smesso di comprare crediti fiscali legati al Superbonus.

Un decreto per superare le criticità

Il sottosegretario all'Economia Federico Freni, intervistato da Il Messaggero, ha sostenuto che quello dei crediti fiscali nell'edilizia è un tema che sta assumendo dimensioni preoccupanti.

Quindi, gli pare necessario un intervento definitivo che consenta di superare una volta per tutte le criticità registrate dalle imprese e, al contempo, di evitare i fenomeni elusivi che hanno caratterizzato il passato.

I lombardi sono in testa

Nell'attesa, è il caso di segnalare che i lombardi sono i cittadini italiani che stanno utilizzando di più il Superbonus 110%. Dietro la Lombardia, c’è il Veneto. Poi il Lazio, l'Emilia-Romagna e la Campania.

Sul fronte delle detrazioni fiscali già incassate dopo la realizzazione dei lavori, la classifica vede in testa il Trentino-Alto Adige, seguito da Emilia-Romagna, Lombardia, Umbria e Basilicata (a pari merito), Toscana, Piemonte, Valle d’Aosta e Veneto. In coda c'è il Lazio.

Offerte Mutuo Ristrutturazione

*Annuncio Promozionale, per tutte le informazioni relative a ciascun prodotto si prega di prendere visione di Informativa Trasparenza Mutui. Tutti i prodotti presenti sul comparatore sono da considerarsi assistiti da garanzia di ipoteca sull'immobile. Ti ricordiamo sempre di prendere visione delle Informazioni Generali sul Credito Immobiliare offerto ai consumatori nonché agli altri documenti di Trasparenza. Per verificare la soluzione adatta alle tue esigenze clicca su verifica fattibilità

Pubblicato da Marco Brando il 24 giugno 2022

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Mutuo Prima Casa

Confronta i nostri prodotti

Calcola rata mutuo

Guide ai mutui

© 2022 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968