Serve assistenza?
02 55 55 222

Atto di provenienza di un immobile: a cosa serve e come richiederlo

3 mar 2021 | 3 min di lettura | Pubblicato da Castiglia M.

mutui_expert_speaks_atto_provenienza_immobile_come_richiederlo

Se si stipula un mutuo o si deve affrontare una compravendita immobiliare, tra gli altri documenti essenziali per il perfezionamento delle pratiche, c’è l’atto di provenienza del bene.
Di cosa si tratta? Si tratta di un atto pubblico che certifica la legittima titolarità di un diritto reale su un immobile in capo a un soggetto che può essere sia persona fisica, sia giuridica.

Mutuo casa: trova il migliore

Tale documento è necessario per stabilire l’assenza di irregolarità circa la provenienza del bene e per questo motivo è di fondamentale importanza quando si acquista una casa o si stipula un mutuo per comprarla.

Per quanto riguarda lecompravendite, l’atto di provenienza dimostra che il venditore è il reale proprietario dell’immobile oggetto della transazione. Mentre quando si chiede un finanziamento ipotecario, il documento di provenienza serve alla banca per verificare che il mutuatario vanti effettivamente un titolo sull’immobile che verrà poi ipotecato e che costituirà una garanzia per la banca in caso di morosità.

Cos’è e a cosa serve

L’atto di provenienza può essere rappresentato da:

  • un atto notarile o da una scrittura privata, nel caso il bene sia stato compravenduto oppure ricevuto per donazione o ancora proveniente da un divisione. Inoltre, se l’immobile oggetto della transazione è stato edificato ex novo dal venditore, servono anche l’atto di acquisto del terreno sul quale si è costruito e il permesso a costruire;
  • una dichiarazione di successione dalla quale desumere che l’immobile è stato ricevuto in eredità;
  • un provvedimento del Tribunale come, ad esempio, una sentenza per usucapione oppure un pronunciamento che assegna la proprietà di un bene a un certo soggetto a seguito di un’esecuzione immobiliare.

Il documento, a seconda dei casi succitati, può dunque provenire da uno studio notarile oppure da un Tribunale.

Cosa contiene l’atto di provenienza

Sono tre le informazioni principali contenuto in un atto di provenienza:

  • la prima certifica l’identità del soggetto (persona fisica o giuridica) che vanta il diritto di proprietà sull’immobile. In presenza di più proprietari, viene indicata sul documento anche l’entità delle quote spettanti a ciascuno di loro;
  • la seconda informazione riguarda l’origine della titolarità sull’immobile sia che si parli di piena proprietà, sia di usufrutto, sia di nuda proprietà o altro;
  • la terza riporta, ammesso che ci siano, eventuali clausole di utilizzo del bene come, ad esempio, particolari vincoli, diritto di passo, limitazioni, etc.

In pratica l’atto di provenienza ripercorre la storia della casa e dei proprietari che si sono succeduti nel tempo.

Dove e come richiedere il documento

A norma di legge, il trasferimento di una proprietà deve avere valenza pubblica e deve essere trascritto nei Pubblici Registri della Conservatoria dei Registri Immobiliari. In caso di compravendita, di divisione, di donazione di un immobile, la richiesta dell’atto di provenienza va presentata al notaio che ha stipulato l’ultimo trasferimento del bene, corredata da alcune informazioni. Come:

  • la data dell’atto;
  • il numero di repertorio;
  • la tipologia dell’atto;
  • la data di trascrizione dei registri pubblici;
  • i registri (generale e particolare) nei quali l’atto è stato iscritto.

Se non si hanno a disposizione questi dati, si può risalire al numero di protocollo e al nome del notaio che ha stipulato il rogito attraverso una visura catastale.

Se, inoltre, il notaio non esercita più, l’atto di provenienza può essere rilasciato dall’Archivio Notarile Distrettuale preposto.

Se il trasferimento del bene è avvenuto attraverso una sentenza del Tribunale, è il pronunciamento stesso del giudice che vale come atto di provenienza.

In tutti i casi si consiglia sempre di richiedere una copia conforme dell’atto perché una copia non autenticata oppure una trascrizione non garantiscono la piena valenza legale del documento.

Autore
castiglia-masella

Giornalista professionista, collabora da diversi anni con il Sole 24 Ore (Casa24Plus, Mondo Immobiliare). In passato ha lavorato, tra gli altri, per Tempo Economico e Tgcom.

Ultime notizie Mutui

pubblicato il 15 luglio 2024
Tassi e rate su un mutuo da 200.000€ a luglio 2024

Tassi e rate su un mutuo da 200.000€ a luglio 2024

Scopri le migliori soluzioni mutuo al 100% disponibili a luglio 2024 su Facile.it. Analizziamo le offerte più vantaggiose per finanziare interamente il tuo acquisto immobiliare, confrontando tassi e condizioni per aiutarti a trovare la proposta più adatta alle tue esigenze.
pubblicato il 13 luglio 2024
3 mutui a tasso variabile a inizio luglio 2024

3 mutui a tasso variabile a inizio luglio 2024

Scopri le migliori soluzioni di mutuo a tasso variabile disponibili a luglio 2024 su Facile.it. Confronta le offerte vantaggiose e trova la più adatta alle tue esigenze finanziarie e di risparmio.
pubblicato il 12 luglio 2024
La media aggiornata dei tassi sui mutui a luglio 2024

La media aggiornata dei tassi sui mutui a luglio 2024

Su Facile.it calcoliamo la media dei tassi sui mutui a tasso fisso e variabile disponibili oggi, aiutandovi a trovare la soluzione più conveniente per l'acquisto della vostra casa. Ecco i tassi a luglio 2024.

Guide ai mutui

pubblicato il 6 giugno 2024
In quali casi la caparra va restituita e in quali no

In quali casi la caparra va restituita e in quali no

Quando si termina un contratto di locazione, il proprietario dell’immobile sa bene che la caparra va restituita all’inquilino. Tuttavia, esistono dei casi in cui questo non avviene.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968