Serve assistenza?
02 55 55 222
mutui_guide_le_spese_da_sostenere_quando_si_accende_un_mutuo
Le 3 cose da sapere:
  1. 1

    Le spese di istruttoria sono quelle di apertura della pratica di accensione

  2. 2

    La perizia, l'atto notarile e le imposte sul finanziamento sono obbligatorie

  3. 3

    Spesso devono essere aggiunte polizze assicurative a garanzia del mutuo

Mutuo casa: trova il migliore
Mutuo casa: trova il migliore

L’accensione di un mutuo per comprare la casa dei propri sogni è un impegno a lungo termine (anche alcuni decenni) che comporta una serie di importanti valutazioni, tra cui le spese che dovranno essere sostenute.

Per accendere un mutuo, infatti, bisogna affrontare una serie di costi, che possono cambiare a seconda dell'istituto a cui ci si rivolge. Ma si tratta di spese che devono essere sostenute nell'immediato: pertanto, è impossibile proseguire con la richiesta di mutuo senza prenderle in considerazione.

Quali sono, dunque, le spese mutuo prima casa? Quanto costa la perizia dell'immobile, o l'atto notarile? Continua a leggere e troverai tutti i costi e le spese che dovrai affrontare per ottenere un mutuo.

Sommario

Spese di istruttoria

I costi del mutuo includono innanzitutto le spese di istruttoria. Queste ultime non sono nient’altro che i costi per l’apertura della pratica, che la banca richiede per studiare la domanda di mutuo e per dare la propria valutazione di fattibilità. Tali spese possono aggirarsi tra lo 0,50 e l’1% dell’importo del mutuo (di solito l’ammontare viene detratto dalla somma erogata), anche se in alcuni casi sono nulle.

In fase di apertura, ci sono a volte dei documenti da presentare per la richiesta del mutuo, i quali, naturalmente, hanno un costo. Si tratta, di solito, dei certificati di residenza o dello stato di famiglia (rilasciati dal Comune al costo della marca da bollo), o dei certificati di iscrizione alla Camera di Commercio in caso di professionisti.

La perizia

Bisogna poi considerare le spese per la perizia sull’immobile, indispensabile alla banca per decidere quale importo concedere come finanziamento. Il perito, che solitamente è legato alla banca stessa, costa intorno ai 300 euro, oltre all’Iva, al contributo per la sua cassa di previdenza e al rimborso spese di viaggio.

L'atto notarile

Al momento della stipula del contratto, poi, occorre pagare il notaio, il cui costo varia, ovviamente, da professionista a professionista. Si possono preventivare però almeno 2 mila euro di spese, considerati anche i costi dell’atto di iscrizione dell’ipoteca.

Le imposte

Una volta ottenuto il finanziamento, questo figura come un’entrata nell’economia familiare e, in quanto tale, è soggetta ad imposte (che vengono trattenute direttamente dalla banca). Se il finanziamento riguarda la prima casa (mutuo prima casa), si parla dello 0,25% del valore del mutuo (del 2% se il finanziatore è un ente diverso da una banca o da una finanziaria assimilata); se si tratta della seconda casa o di immobile commerciale, l’imposta sale al 2% per i contratti stipulati fino a fine 2013, mentre per quelli stipulati a partire dal 2014 è prevista un’imposta fissa di 50 euro. Ammonta a 200 euro l’imposta sostitutiva per il mutuo seconda casa se l’immobile si acquista direttamente dalla società costruttrice entro quattro anni dalla fine dei lavori.

Il valore delle imposte varia in base alla tipologia di immobile che hai acquistato ed è inferiore se il finanziamento riguarda la tua prima casa.

Le polizze assicurative

Insieme al mutuo, spesso, la banca erogatrice sente la necessità di vendere polizze assicurative ad ulteriore garanzia del finanziamento. Possono essere polizze vita, polizze contro la perdita del lavoro, polizze che assicurano la casa dagli incendi, che vincolano il pagamento dei danni a beneficio della banca stessa. I premi di tali polizze – spesso pari solo a qualche decina di euro - vanno aggiunti al conteggio complessivo delle spese. A tutela della concorrenza, per legge, le banche sono tenute a fornire almeno altri due preventivi di compagnie assicurative alternative alla propria, che offrano polizze con lo stesso tipo di garanzie.

Se il tuo mutuo copre oltre l’80% del valore dell’immobile, devi fornire alla banca una polizza fideiussoria come garanzia aggiuntiva.

Altre spese legate al mutuo

Tra le altre spese occorre considerare le eventuali spese di incasso rata (spesso di pochi euro mensili, ma che diventano una spesa importante se moltiplicata per gli anni di durata del mutuo!); le spese di gestione annua; i costi di estinzione anticipata (eliminati a partire dal 2 febbraio 2007 grazie alla Legge Bersani ma in via di reintroduzione), che vanno applicati alla sola quota rimborsata anticipatamente; i costi di cancellazione dell’ipoteca in caso, dopo l’estinzione del mutuo, si decida di vendere l’immobile.

Quali sono le spese per un mutuo prima casa?

Ma quindi, quanto costa mediamente un mutuo? Ipotizzando una richiesta di 100.000€ per un mutuo prima casa, possiamo considerare circa 1.000 euro per l'istruttoria, 500 per la perizia, 2.000 euro per il notaio, 250 euro di imposte più altre spese varie, per un totale di circa 3.000-4.000 euro di costi accessori. Questi vanno poi sommati al totale degli interessi, che rappresentano il reale costo del mutuo.

Valuta il TAEG

Infine, poter valutare il costo del mutuo (inteso come finanziamento), è possibile consultare il TAEG, ovvero il Tasso Annuo Effettivo Globale. Questo valore ci può aiutare a capire quale mutuo conviene di più, a parità di condizioni: un mutuo con un TAEG pari all'1,80%, ad esempio, sarà meno conveniente di uno con un TAEG all'1,30%.

Mutuo casa: trova il migliore

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Mutuo Prima Casa

Confronta i nostri prodotti

Preventivo mutuo

Surroga Mutuo

Riduci la rata del mutuo

Preventivo surroga

Guide ai mutui

pubblicato il 4 aprile 2024
Quali sono le formule matematiche per il calcolo del mutuo

Quali sono le formule matematiche per il calcolo del mutuo

Quando si deve richiedere un mutuo per acquistare casa, una delle principali preoccupazioni è comprendere in anticipo a quanto ammonteranno la rata e gli interessi. Scopriamo insieme come calcolarli.
pubblicato il 4 aprile 2024
Quanto posso chiedere di mutuo?

Quanto posso chiedere di mutuo?

Se stai pensando di acquistare una casa, probabilmente ti starai chiedendo quanto mutuo puoi permetterti e qual è l'importo massimo che puoi richiedere. Per scoprirlo, è fondamentale capire la tua disponibilità finanziaria.
pubblicato il 2 gennaio 2024
Mutuo under 36: guida completa 2024

Mutuo under 36: guida completa 2024

Le agevolazioni per i mutui under 36 subiranno importanti cambiamenti nel 2024. Ecco tutto ciò che c'è da sapere per i giovani che vogliono richiederlo quest'anno.
pubblicato il 20 giugno 2023
Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Cosa potrebbe succedere se un figlio volesse comprare la casa dei genitori o di altri parenti in generale? Questa cosa è permessa, ma non sempre le banche sono disposte ad offrire questo tipo di mutuo. Vediamo perché!
pubblicato il 13 febbraio 2023
Bonus Ristrutturazione 2024: tutte le informazioni

Bonus Ristrutturazione 2024: tutte le informazioni

Scopri di più sul bonus ristrutturazione 2024 e sugli sgravi fiscali concessi!
pubblicato il 15 dicembre 2022
Cos'è un mutuo e come funziona

Cos'è un mutuo e come funziona

Il mutuo è un prestito a lungo termine in cui un parte concede in prestito una somma di denaro ad un'altra. Vediamo come funziona e quali sono le sue caratteristiche.
pubblicato il 24 ottobre 2022
Mutuo cointestato: come funziona?

Mutuo cointestato: come funziona?

Il mutuo cointestato è un mutuo in cui due o più soggetti sottoscrivono lo stesso finanziamento e si impegnano congiuntamente a rimborsare l'importo delle rate. Il vantaggio principale di questa formula risiede nel fatto che le banche hanno una duplice garanzia di solvibilità e, in caso di mancato pagamento da parte di uno dei due debitori, possono rivalersi sull'altro per richiedere l'intero importo dovuto.
pubblicato il 28 giugno 2022
Come fare il cambio di residenza a Torino

Come fare il cambio di residenza a Torino

Il cambio di residenza nella città di Torino può essere eseguito presso gli uffici dell'anagrafe o online, tramite il portale del Comune. Basterà compilare e presentare alcuni documenti.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968