Serve assistenza?
02 55 55 222

Caro mutuo e sostenibilità della rata: una bussola per orientarsi

8 feb 2023 | 7 min di lettura | Pubblicato da Cristina B.

mutui_expert_speaks_caro_mutuo_e_sostenibilita_della_rata_come_orientarsi

Costo del denaro in aumento, bollette che faticano a scendere, rate dei mutui variabili in continuo rialzo. Se ci si appresta a presentare domanda per un mutuo, bisogna sedersi al tavolo e realizzare il proprio bilancio familiare, per scoprire che tipo di mutuo richiedere e, soprattutto, qual è la cifra di rata da poter sostenere, continuando a dormire la notte senza preoccupazioni.

Vediamo assieme come calcolare la propria rata sostenibile.

Mutuo casa: trova il migliore

Lo scenario economico

Il 2 febbraio la Bce è tornata a intervenire sul costo del denaro, con un nuovo incremento dei tassi base di 50 punti. In sintesi, l’effetto immediato sui mutui è un aumento medio della rata di un tasso variabile di quasi 35 euro, prendendo come base per la stima una rata mensile di 456 euro nel 2022, prima della stretta, arrivata a 619 euro a gennaio 2023, e che con l’ultimo rialzo potrebbe arrivare a 653. In poco più di un anno quindi, calcolano gli esperti di Facile.it, il mutuatario si troverebbe a pagare una rata più pesante di oltre 197 euro, vale a dire circa il 43% in più rispetto a quella iniziale.

Un rincaro salato e non di poco conto, che si aggiunge a un’altra proiezione legata all’aumento dei prezzi delle materie prime. Sempre gli esperti di Facile.it hanno calcolato che nel 2022 le famiglie italiane hanno pagato, in media, 1.434 euro per la bolletta elettrica, vale a dire il 108% in più rispetto al 2021, e 1.459 euro per il gas (+57%).

Tutti questi elementi rientrano nelle valutazioni che si trova ad affrontare chi oggi si appresta a richiedere un mutuo.

Nelle voci da considerare, oltre i propri desideri e aspirazioni, c’è da fare i conti con la realtà. La realtà è quella che si definisce sostenibilità della rata. Tutti vorremmo vivere in un castello ma, per sostenere i costi, e le richieste legate al mutuo entrano in gioco molteplici variabili.

Se dunque, oggi non si può non pensare e fare proiezioni con le intenzioni della Bce che continuerà, anche se a minor velocità, la sua corsa agli aumenti del costo del denaro, per sfiammare l’inflazione, dall’altro lato ci sono anche prodotti e interventi dello stato e delle banche che tentano di dare una mano a chi vuole realizzare il proprio sogno di acquisto di una abitazione.

Di cosa parliamo quando parliamo di sostenibilità della rata

La regola d’oro è che l’indebitamento complessivo che stiamo per richiedere non deve superare un terzo del reddito familiare.

A questo punto dobbiamo considerare le due voci che compongono il bilancio di una famiglia. Lo stato patrimoniale, che fotografa cosa si possiede (ad esempio altre case, le macchine, le giacenze del conto corrente) e il conto economico, che è lo storico delle entrate e delle uscite della famiglia in un determinato periodo di tempo.

Per calcolare la sostenibilità della rata, che altro non è se non la capacità di rimborso, si parte soprattutto da una analisi del conto economico, ossia delle spese e delle entrate nel tempo: se il saldo è positivo vorrà dire che restano degli accantonamenti e c’è la possibilità di prevedere una nuova spesa. Occorre fare questa analisi prima di recarsi in banca.

Più nello specifico, la valutazione della sostenibilità va intesa anche come una considerazione generale sulla stabilità reddituale del richiedente: la banca farà delle valutazioni differenti a seconda che il cliente presenti un contratto di lavoro a tempo determinato o indeterminato, la presenza o meno di un periodo lavorativo di prova, eventuali voci come provvigioni che compongono il reddito e in generale tutto ciò che nel tempo garantisce un flusso costante di entrate.

La banca, quando si va a fare la richiesta del mutuo, costruisce da parte sua, intorno al richiedente, una valutazione complessiva sul merito creditizio: quanto guadagna, che beni possiede, eventuali finanziamenti all’attivo, eventuali morosità, ritardi cioè nel saldo dei pagamenti. Tirando le somme la banca attribuisce un punteggio (credit score) derivante da tutti questi elementi.

Una delle voci più importanti nel calcolo è quella del reddito, cioè quanto entra costantemente, nell’anno, sul conto del richiedente. La rata mensile prevista solitamente è parametrata principalmente al reddito e non dovrebbe superare, per essere considerata sostenibile, il 30/35% dello stipendio. Dunque il mutuo dovrebbe pesare un terzo rispetto al reddito annuo del mutuatario.

Per il reddito annuo bisogna prendere il valore netto della busta paga mensile moltiplicando per le mensilità percepite e dividendolo per un terzo: quel valore ci indica un parametro di sostenibilità del mutuo.

Detta così sembra facile e lineare. Ma questo numero deve essere rapportato ad altri fattori. Innanzitutto, la banca non finanzierà la totale spesa dell’immobile dei nostri sogni ma arriverà a coprire, nella migliore delle ipotesi, l’80% della cifra, quindi accanto alla possibilità di far fronte alle rate, ci dovrà essere anche un piccolo tesoretto del 20%, a cui aggiungere un altro fondo cassa per le spese e oneri burocratici e notarili.

Non solo. Per la sostenibilità di una rata bisogna tenere conto anche dell’età anagrafica di chi chiede il mutuo. Nonché della durata, piano di ammortamento, in cui la spesa mensile per il mutuo diventerà una costante.

Nelle voci da prendere in considerazione, rientreranno dunque il budget che destiniamo alle spese di mantenimento personali e familiari, l’importo che destiniamo a qualche svago, le spese per i figli, gli importi legati a progetti futuri. Insomma una vera e propria analisi del budget finanziario della famiglia.

Proprio perché il mutuo è una spesa a lungo termine, in prospettiva bisogna cercare di arrivare a una somma che si possa pagare senza andare in sofferenza, senza rinunce e potendo far fronte a imprevisti o anche a cambiamenti di medio/lungo periodo.

La soluzione dello stato: le agevolazioni under 36

Attualmente, per facilitare l’acquisto di un immobile lo stato ha deciso di sostenere i giovani in coppia o single under 36 prolungando le agevolazioni prima casa dedicate a loro. Si tratta in estrema sintesi di un acquisto della casa fortemente scontato da un punto di vista fiscale accanto al mantenimento delle agevolazioni prima casa, potendo avvalersi anche della garanzia statale Consap per mutui under 36 fino a un valore di 250 mila euroe copertura dell’80% del valore dell'immobile per chi ha un ISEE fino a 40.000 euro.

Per costoro, inoltre, la legge 17.11. 2022, n. 175 di conversione del decreto Aiuti ter, ha introdotto un correttivo al TEGM per agevolare l’offerta di mutui a tasso calmierato con garanzia fino all'80%, anche nei casi in cui il TEG superi il TEGM.

In particolare è stato previsto che, per le domande presentate dal 1 dicembre 2022 al 31 marzo 2023, la garanzia elevata all’80% può essere riconosciuta, ricorrendone le condizioni, anche nei casi in cui il TEG sia superiore al Tasso TEGM, nella misura massima del differenziale, se positivo, tra la media del tasso IRS a 10 anni pubblicato ufficialmente, calcolata nel mese precedente al mese di erogazione, e la media del tasso IRS a 10 anni pubblicato ufficialmente del trimestre sulla base del quale è stato calcolato il TEGM in vigore. Nel caso in cui il differenziale risulti negativo, i soggetti finanziatori sono tenuti ad applicare le condizioni economiche di maggior favore rispetto al TEGM in vigore.

L’offerta di febbraio

In questa direzione va anche un’offerta lanciata da Intesa Sanpaolo sul suo Mutuo Domus Giovani. Attiva solo per il mese di febbraio e pensata proprio per i giovani under 36, l’offerta propone un mutuo di durata molto lunga, di 35 o 40 anni, con uno sconto del 50% sulle spese di istruttoria e un tasso molto competitivo, soprattutto considerando la scarsità delle offerte su mutui di così lunga durata. La promozione è valida sia per le richieste effettuate online che in filiale.

L’offerta di Intesa Sanpaolo è pensata proprio per chi vuole dormire sonni tranquilli e avere una pianificazione di lungo periodo della propria rata scegliendo di non scommettere sulle fluttuazioni del costo del denaro. L’offerta è infatti attiva per il tasso fisso, arriva a coprire l’80% del valore dell’immobile, e vale solo per le domande di mutuo inoltrate nel mese di febbraio, con la possibilità di risparmiare non solo sul tasso ma anche sulle spese di istruttoria, calcolate sulla base del rapporto tra importo richiesto e valore dell’immobile.

Inoltre, se si hanno i mezzi per sostenere un mutuo di durata più breve, Intesa Sanpaolo ha pensato anche a una seconda offerta sulla stessa tipologia di mutui, ma con durata fino a 30 anni e valida solo online: esclusivamente per il mese di febbraio gli under 36 avranno diritto a una riduzione del 50% sulle spese di istruttoria e a un tasso fisso ribassato dello 0,4% calcolando un preventivo su Facile.it e portandolo con sé all’appuntamento in filiale.

Mutuo casa: trova il migliore
Autore
cristina-bartelli

Giornalista professionista dal 2004 e vicecaporedattore per ItaliaOggi, scrive del Fisco in ogni sua forma. Ha fatto incursioni su Classcnbc e Tgcom per raccontare le novità di manovra di bilancio, sanatorie fiscali e storie di elusione.

Ultime notizie Mutui

pubblicato il 18 maggio 2024
Confronto tassi mutuo prima casa a maggio 2024

Confronto tassi mutuo prima casa a maggio 2024

Che tu stia cercando un mutuo a tasso fisso o variabile, grazie al nostro comparatore abbiamo individuato per te i 3 migliori mutui prima casa di maggio 2024. Scopri la rata più bassa e le agevolazioni!
pubblicato il 17 maggio 2024
Tasso fisso mutuo all'1,99%: ultimi giorni per la promozione Crédit Agricole di maggio 2024

Tasso fisso mutuo all'1,99%: ultimi giorni per la promozione Crédit Agricole di maggio 2024

Se stai cercando un mutuo conveniente, scopri la promozione Crédit Agricole che ti offre un tasso mutuo fisso all'1,99%! Scopri tutti i dettagli in questo articolo.
pubblicato il 16 maggio 2024
I vantaggi di un mutuo a tasso variabile a maggio 2024

I vantaggi di un mutuo a tasso variabile a maggio 2024

Può convenire stipulare un mutuo a tasso variabile a maggio 2024? Dai un'occhiata a queste 3 soluzioni che ti presentiamo oggi se stai pensando di richiedere un mutuo.
pubblicato il 16 maggio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - mercoledì 15 maggio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - mercoledì 15 maggio 2024

Scopri gli ultimi dati disponibili dei tassi IRS ed Euribor, relativi a ieri mercoledì 15 maggio 2024.
pubblicato il 15 maggio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - martedì 14 maggio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - martedì 14 maggio 2024

EURIRS ed EURIBOR: ecco gli ultimi dati relativi ai tassi del mutuo, aggiornati a ieri martedì 14 maggio 2024.
pubblicato il 15 maggio 2024
3 mutui 100% con soluzioni convenienti a maggio 2024

3 mutui 100% con soluzioni convenienti a maggio 2024

Il mutuo 100% è il mutuo che copre l'intero valore dell'immobile, l’ideale per chi non dispone di liquidità e necessita di un finanziamento totale. Ecco i 3 migliori mutui al 100% di maggio 2024.
pubblicato il 14 maggio 2024
Quanto spesso è possibile effettuare un cambio di residenza

Quanto spesso è possibile effettuare un cambio di residenza

Vuoi cambiare residenza un’altra volta, ti è già capitato due volte. Ti chiedi: quante volte è possibile modificarla a livello anagrafico? Residenza e domicilio sono la stessa cosa? Cerchiamo di capire come stanno le cose e qual è il percorso da seguire per raggiungere l'obiettivo.
pubblicato il 14 maggio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - lunedì 13 maggio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - lunedì 13 maggio 2024

Scopri l'ultimo aggiornamento disponibile dei tassi del mutuo IRS ed Euribor, con i dati di ieri lunedì 13 maggio 2024.
pubblicato il 13 maggio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - venerdì 10 maggio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - venerdì 10 maggio 2024

Tassi del mutuo: scopri l'ultimo aggiornamento disponibile di IRS ed Euribor, con i dati relativi a venerdì 10 maggio 2024.
pubblicato il 12 maggio 2024
I mutui a tasso fisso di maggio 2024

I mutui a tasso fisso di maggio 2024

Se a maggio 2024 stai cercando un mutuo a tasso fisso, ti aiutiamo noi di Facile.it con questa selezione di mutui che puoi trovare sul nostro comparatore mutui online.
pubblicato il 11 maggio 2024
Le soluzioni mutuo ING Direct a maggio 2024

Le soluzioni mutuo ING Direct a maggio 2024

I mutui ING sono molto vantaggiosi, soprattutto Mutuo Green, un prodotto che consente di acquistare la prima o la seconda casa beneficiando di uno sconto sui tassi d’interesse. Facile.it, ti spiega come funziona il mutuo ING e i vantaggi a maggio 2024!
pubblicato il 10 maggio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - giovedì 9 maggio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - giovedì 9 maggio 2024

IRS ed Euribor: scopri l'ultimo aggiornamento disponibile dei tassi del mutuo di ieri giovedì 9 maggio 2024.

Guide ai mutui

pubblicato il 4 aprile 2024
Quanto posso chiedere di mutuo?

Quanto posso chiedere di mutuo?

Se stai pensando di acquistare una casa, probabilmente ti starai chiedendo quanto mutuo puoi permetterti e qual è l'importo massimo che puoi richiedere. Per scoprirlo, è fondamentale capire la tua disponibilità finanziaria.
pubblicato il 4 aprile 2024
Quali sono le formule matematiche per il calcolo del mutuo

Quali sono le formule matematiche per il calcolo del mutuo

Quando si deve richiedere un mutuo per acquistare casa, una delle principali preoccupazioni è comprendere in anticipo a quanto ammonteranno la rata e gli interessi. Scopriamo insieme come calcolarli.
pubblicato il 2 gennaio 2024
Mutuo under 36: guida completa 2024

Mutuo under 36: guida completa 2024

Le agevolazioni per i mutui under 36 subiranno importanti cambiamenti nel 2024. Ecco tutto ciò che c'è da sapere per i giovani che vogliono richiederlo quest'anno.
pubblicato il 20 giugno 2023
Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Cosa potrebbe succedere se un figlio volesse comprare la casa dei genitori o di altri parenti in generale? Questa cosa è permessa, ma non sempre le banche sono disposte ad offrire questo tipo di mutuo. Vediamo perché!
pubblicato il 13 febbraio 2023
Bonus Ristrutturazione 2024: tutte le informazioni

Bonus Ristrutturazione 2024: tutte le informazioni

Scopri di più sul bonus ristrutturazione 2024 e sugli sgravi fiscali concessi!
pubblicato il 15 dicembre 2022
Cos'è un mutuo e come funziona

Cos'è un mutuo e come funziona

Il mutuo è un prestito a lungo termine in cui un parte concede in prestito una somma di denaro ad un'altra. Vediamo come funziona e quali sono le sue caratteristiche.
pubblicato il 24 ottobre 2022
Mutuo cointestato: come funziona?

Mutuo cointestato: come funziona?

Il mutuo cointestato è un mutuo in cui due o più soggetti sottoscrivono lo stesso finanziamento e si impegnano congiuntamente a rimborsare l'importo delle rate. Il vantaggio principale di questa formula risiede nel fatto che le banche hanno una duplice garanzia di solvibilità e, in caso di mancato pagamento da parte di uno dei due debitori, possono rivalersi sull'altro per richiedere l'intero importo dovuto.
pubblicato il 28 giugno 2022
Come fare il cambio residenza a Roma

Come fare il cambio residenza a Roma

Fare il cambio residenza a Roma può essere complicato. Come farlo nel migliore dei modi? Ecco tutto quello che c'è da sapere, seguendo le procedure più comuni ed efficaci.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968