Serve assistenza?
02 55 55 222

21 apr 2023 | 4 min di lettura | Pubblicato da Cristina B.

mutui_news_qual_e_il_miglior_mutuo_giovani_prima_casa_di_aprile_2023

Dopo il freno del governo sulle ristrutturazioni edilizie con il Superbonus 110% e con le regole all’orizzonte europeo della direttiva case green sull’efficientamento energetico, ritorna l’interesse sulla formula del mutuo verde. I mutui green, a differenza del tradizionale mutuo per l’acquisto dell’abitazione, sono prodotti mirati a un obiettivo preciso: l’acquisto di immobili da ristrutturare migliorandone l’efficienza energetica. Un tema quanto mai di attualità, considerata l’approvazione il 13 marzo a Bruxelles della direttiva case green, destinata ad avere un impatto sulle abitazioni e sulle tasche degli italiani. Vediamo insieme cosa sta succedendo.

Mutuo casa: trova il migliore

Condizioni del mutuo green

Lo strumento è stato avviato dal 2018 e, secondo la definizione di Commissione Europea e European Mortgage Federation, è un finanziamento a condizioni agevolate, per acquistare o ristrutturare casa migliorandone l’impatto energetico di almeno il 30%. I mutui green vanno a finanziare o l’acquisto di abitazioni nuove in classi energetiche A o B oppure, solo nel caso di alcuni prodotti, la ristrutturazione di quelli esistenti, sempre allo scopo di migliorarne la classe energetica.

Sono finanziamenti formulati sia con il tasso fisso sia con il tasso variabile, con piani di rimborso modulabili, e vanno a coprire, nella maggior parte dei casi, l’80% del valore di acquisto, anche se possono arrivare fino al 100%. Alcuni istituti offrono, poi, sconti particolari sugli spread applicati e azzerano le spese di istruttoria. Di fatto, quindi, si acquista una casa in classe energetica elevata oppure si ristruttura un immobile per renderlo migliore da un punto di vista ambientale, usufruendo di condizioni interessanti rispetto ai mutui tradizionali.

I vantaggi per i mutuatari sono nei tassi di interesse, in una valutazione più favorevole e, in prospettiva, in un abbattimento dei costi di gestione legati alle bollette di elettricità e riscaldamento.

In caso di acquisto di casa in costruzione green, le documentazioni necessarie ai fini dell'ottenimento del mutuo riguardano l’immobile con il suo certificato, la cosiddetta carta di identità ambientale. Se si prevede una ristrutturazione, invece, bisognerà presentare anche i preventivi di spesa per i lavori, con l’indicazione dettagliata dei progetti di risparmio energetico.

Alcune banche inoltre offrono lo sconto sul tasso a posteriori, se nel corso della durata del mutuo il cliente ha aumentato l'efficienza energetica dell'immobile.

Agevolazioni fiscali sui mutui green

Non dimentichiamo che il legislatore sostiene con sgravi fiscali i lavori di risparmio energetico.

Fino al 16 febbraio 2023 era possibile usufruire di una particolare modalità di sconto fiscale legato agli ecobonus. Era possibile, cioè, non solo portare in detrazione fino al 65% della spesa sostenuta (con tetti diversi) per gli interventi considerati a risparmio energetico, ma si poteva in alternativa “girare” la detrazione all’impresa ottenendo l’immediato scomputo del costo (sconto in fattura o cessione del credito). Il legislatore ha posto fine a queste modalità, almeno per il momento: se si fanno lavori di efficientamento energetico si potrà sì continuare ad avere l’agevolazione fiscale, ma usufruendone solo nella modalità della detrazione fiscale dal 50 al 65% della spesa sostenuta in dichiarazione.

Inoltre, la legge di bilancio 2023, proprio per l’efficientamento energetico, ha previsto quello che si può definire un bonus green. Si tratta cioè della detrazione del 50% legata all’Iva per l’acquisto, da effettuarsi entro il 31 dicembre 2023, di unità immobiliari in classe energetica A o B acquistate direttamente dal costruttore. Lo sconto è spalmato su 10 quote costanti a partire dall’anno in cui è stata sostenuta la spesa.

La direttiva UE case green

Nei prossimi anni circa 1,8 mln di edifici saranno interessati da lavori di ristrutturazione per migliorare la propria classe energetica di almeno due posizioni. È questo l’impatto, non da poco, della direttiva case green approvata a Bruxelles il 13 marzo 2023 sugli immobili italiani.

Di cosa si tratta? Il legislatore comunitario ha dato il primo via libera a delle regole, che dovranno poi diventare legge in Italia, per cui si richiede di ristrutturare entro il 2033 tutti gli edifici residenziali nell’UE in classe energetica E, F o G. La direttiva fornisce nuovi obblighi sulla prestazione energetica nell'edilizia.

Dai numeri riportati da ItaliaOggi, si potrebbero richiedere interventi di ristrutturazione su circa 5 milioni di edifici in meno di 10 anni. Secondo la Commissione Europea, gli edifici residenziali in Italia sono circa 12,2 milioni; di questi, il 15% fa parte della classe più inquinante, secondo le nuove classificazioni stabilite dalla direttiva (1,83 milioni).

Inoltre, sempre secondo la nuova direttiva, gli edifici restanti vengono suddivisi in maniera proporzionale per ogni classe (circa il 12,5%). Nelle classi E ed F individuiamo, quindi, rispettivamente circa 1,5 milioni di edifici. Il totale, quindi, si attesta sui 4,9 milioni di edifici per le classi E, F e G. Questo si traduce, per il legislatore italiano, in un impegno a studiare nuovi interventi a sostegno dei lavori edilizi, perché molti proprietari di immobili potrebbero non trovarsi nelle condizioni economiche per sostenere interventi di ristrutturazione costosi e invasivi.

La direttiva prevede anche delle esenzioni, ad esempio per immobili considerati storici o per le seconde case. Ma la partita si giocherà nella fase dell’attuazione da parte del nostro parlamento.

Restano invece esclusi dalla direttiva i luoghi di culto, gli edifici temporanei, le seconde case utilizzate per meno di quattro mesi all’anno e gli immobili autonomi con una superficie inferiore ai 50 metri quadri.

Mutuo casa: trova il migliore
Autore
cristina-bartelli

Giornalista professionista dal 2004 e vicecaporedattore per ItaliaOggi, scrive del Fisco in ogni sua forma. Ha fatto incursioni su Classcnbc e Tgcom per raccontare le novità di manovra di bilancio, sanatorie fiscali e storie di elusione.

Ultime notizie Mutui

pubblicato il 12 giugno 2024
I mutui ristrutturazione casa di giugno 2024

I mutui ristrutturazione casa di giugno 2024

Il "mutuo edile", noto anche come "mutuo completamento costruzione", è un finanziamento che permette di realizzare la propria casa quando si tratta di una nuova costruzione o di una ristrutturazione importante.
pubblicato il 12 giugno 2024
Rimborso degli interessi sul mutuo: i requisiti per ottenerli

Rimborso degli interessi sul mutuo: i requisiti per ottenerli

Rimborso degli interessi sul mutuo? In alcuni casi si ha diritto a ricevere 7.000 euro ogni 100.000 ricevuti. Capita se è stato stipulato un mutuo legato all'Euribor manipolato tra il 29 settembre 2005 e il 30 maggio 2008.
pubblicato il 12 giugno 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - Martedì 11 giugno 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - Martedì 11 giugno 2024

Scopri l'ultimo aggiornamento disponibile di IRS ed Euribor, con i dati relativi a ieri martedì 11 giugno 2024.
pubblicato il 11 giugno 2024
Confronto tassi mutuo fisso e variabile prima casa a giugno 2024

Confronto tassi mutuo fisso e variabile prima casa a giugno 2024

Stai pensando di comprare casa avvalendoti di un mutuo? Scopri se i tassi a giugno 2024 sono convenienti e scegli l'offerta per il tuo mutuo prima casa su Facile.it!
pubblicato il 11 giugno 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - Lunedì 10 giugno 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - Lunedì 10 giugno 2024

Tassi del mutuo: scopri l'ultimo aggiornamento disponibile di IRS ed Euribor, con i dati relativi a lunedì 10 giugno 2024.
pubblicato il 10 giugno 2024
Quanto costa un mutuo da 200.000€ a giugno 2024

Quanto costa un mutuo da 200.000€ a giugno 2024

Il mutuo 100% è adatto a chi non vuole versare una parte di denaro per l'acquisto di una casa perché prevede che il valore di quest'ultima sia interamente coperto dal mutuo: ecco quali sono le banche che offrono il mutuo al 100% a giugno 2024.
pubblicato il 10 giugno 2024
Surroga del mutuo con tasso fisso conveniente a giugno 2024

Surroga del mutuo con tasso fisso conveniente a giugno 2024

La BCE ha abbassato i tassi ma se hai un mutuo a tasso variabile e vuoi risparmiare da subito puoi valutare la surroga del mutuo e passare al tasso fisso.
pubblicato il 10 giugno 2024
Mutuo o affitto: su cosa basarsi per scegliere tra le due opzioni

Mutuo o affitto: su cosa basarsi per scegliere tra le due opzioni

A certo punto della vita bisogna prendere delle decisioni importanti e una di queste riguarda se acquistare una casa con un mutuo o prendere un immobile in affitto. Quale conviene di più? Difficile dirlo perché sulla scelta influiscono diversi fattori anche di natura personale.
pubblicato il 10 giugno 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - Venerdì 7 giugno 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor - Venerdì 7 giugno 2024

Scopri i valori dei tassi del mutuo, EURIRS ed EURIBOR, aggiornati a venerdì 7 giugno 2024.
pubblicato il 9 giugno 2024
Compravendite di case in Italia: prezzi in salita e meno mutui

Compravendite di case in Italia: prezzi in salita e meno mutui

Nel 2023 il mercato immobiliare italiano ha subito un rallentamento delle compravendite, accompagnato da un aumento dei prezzi che non ha compensato l’inflazione. Quali sono le previsioni?
pubblicato il 7 giugno 2024
Tasso fisso mutuo BPER al 2,65%: la promozione di giugno 2024

Tasso fisso mutuo BPER al 2,65%: la promozione di giugno 2024

Hai bisogno di un mutuo? Approfitta della promo BPER disponibile su Facile.it! Fino al 31 luglio potrai sottoscrivere un mutuo prima casa Under 36, anche al 100%, e risparmiare grazie ai tassi d’interesse promozionali!
pubblicato il 7 giugno 2024
Aggiornamento tassi IRS ed Euribor - Giovedì 6 giugno 2024

Aggiornamento tassi IRS ed Euribor - Giovedì 6 giugno 2024

IRS ed EURIBOR: scopri i valori dei tassi del mutuo, aggiornati a ieri giovedì 6 giugno 2024.

Guide ai mutui

pubblicato il 6 giugno 2024
In quali casi la caparra va restituita e in quali no

In quali casi la caparra va restituita e in quali no

Quando si termina un contratto di locazione, il proprietario dell’immobile sa bene che la caparra va restituita all’inquilino. Tuttavia, esistono dei casi in cui questo non avviene.
pubblicato il 6 giugno 2024
Come si calcola il valore di un terreno con il reddito dominicale

Come si calcola il valore di un terreno con il reddito dominicale

In questa guida, scopriamo cos'è il reddito dominicale, come viene calcolato e come utilizzarlo per determinare il valore di un terreno.
pubblicato il 6 giugno 2024
Come funziona l’esenzione multipla IMU per coniugi con residenze diverse

Come funziona l’esenzione multipla IMU per coniugi con residenze diverse

Tutto ciò che devi sapere sull'esenzione IMU per coniugi con residenze diverse.
pubblicato il 6 giugno 2024
Come funziona la riduzione IMU per canone concordato

Come funziona la riduzione IMU per canone concordato

Tutto ciò che devi sapere sullo sconto IMU e cedolare secca e la riduzione sul canone concordato.
pubblicato il 6 giugno 2024
Cedolare secca: significato, funzionamento e differenza con regime ordinario

Cedolare secca: significato, funzionamento e differenza con regime ordinario

Come funziona la cedolare secca, a chi conviene e quali sono le differenze con il regime ordinario? Scopriamolo in questa guida!
pubblicato il 6 giugno 2024
Cos’è il PIES, prospetto informativo europeo standardizzato

Cos’è il PIES, prospetto informativo europeo standardizzato

Il Prospetto Informativo Europeo Standardizzato (PIES) è uno strumento fondamentale per chi vuole richiedere un mutuo: scopriamo insieme di cosa si tratta.
pubblicato il 6 giugno 2024
Come funziona la disdetta dell'affitto prima della scadenza

Come funziona la disdetta dell'affitto prima della scadenza

Al verificarsi di determinate condizioni, sia il locatore che l'inquilino possono richiedere la disdetta anticipata del contratto di affitto. Vediamo come.
pubblicato il 6 giugno 2024
Delibera del mutuo dopo la perizia: quanto tempo è necessario?

Delibera del mutuo dopo la perizia: quanto tempo è necessario?

La perizia è un passaggio fondamentale, a seguito del quale la banca decide se concedere o meno il mutuo. Ma quali sono le tempistiche? Scopriamolo insieme.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968