Serve assistenza?
02 55 55 222

29 giu 2021 | 4 min di lettura | Pubblicato da Castiglia M.

mutui_expert_speaks_bonus_facciate_2021_come_funziona

Il bonus facciate fa parte del pacchetto di agevolazioni per l’edilizia che permettono di effettuare lavori di ristrutturazione su immobili di proprietà e non solo, sfruttando i relativi bonus fiscali.

Più in particolare, il bonus facciate è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2020 (art. 1) ed è stato prorogato dalla Legge di Bilancio 2021 sino al 31 dicembre 2021. Consente di realizzare interventi di recupero o di restauro sulle facciate esterne degli edifici, ottenendo uno sconto del 90%.

Mutuo casa: trova il migliore

Ad esempio, se per rifare la facciata si spendono 10 mila euro, la detrazione è di 9 mila euro e la spesa per il beneficiario è pari a 1.000 euro. Il bonus facciate non prevede inoltre né un tetto massimo di spesa né un limite massimo di detrazione.

Gli interventi ammessi alla detrazione

Usufruiscono della detrazione tutti i lavori effettuati sulle superfici esterne di immobili già esistenti e di qualsiasi categoria catastale, purché visibili da suolo pubblico (ad esempio, la strada).

Sono invece esclusi gli interventi realizzati sulle facciate interne che guardano, ad esempio, su un giardino o su un cortile.

Rientrano nei lavori ammessi in detrazione:

  • la pulitura o la tinteggiatura;

  • gli interventi "su balconi, ornamenti o fregi, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura";

  • gli interventi "sulle strutture opache della facciata influenti dal punto di vista termico o che interessino oltre il 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio";

  • i lavori finalizzati al decoro urbano su cornicioni, grondaie, parapetti e pluviali.

Oltre a questi costi si possono portare in detrazione anche:

  • le spese sostenute per la progettazione, per l'acquisto dei materiali, per il loro smaltimento e per le "altre prestazioni professionali" legate agli interventi come, ad esempio, i costi per l’installazione dei ponteggi;

  • le eventuali imposte e tasse.

Un’altra condizione necessaria per l’accesso al beneficio è che l’immobile si trovi nelle zone A e B, individuate dal decreto n. 1444/68 del Ministero dei Lavori pubblici, "o in zone a esse assimilabili".

Chi può usufruire della detrazione

Lo sconto fiscale spetta a chi sostiene le spese e possiede l’immobile sul quale vengono realizzati i lavori, cioè il proprietario o il nudo proprietario, o a chi lo detiene a fronte di un "titolo idoneo" che certifichi un diritto reale. Ad esempio l’usufruttuario o l’affittuario con regolare contratto di locazione che deve però essere autorizzato dal proprietario.

Più in particolare possono beneficiare della detrazione:

  • le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni;

  • gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale;

  • le società semplici;

  • le associazioni tra professionisti;

  • i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di

  • persone, società di capitali.

Come sfruttare lo sconto

Quando la norma sul bonus facciate è stata introdotta, era previsto che l’agevolazione potesse essere sfruttata esclusivamente attraverso una detrazione fiscale, cioè uno sconto sulle tasse.

Il decreto Rilancio (34/2020, art. 121), convertito nella legge 77/2020, ha successivamente esteso anche al bonus facciate, per gli anni 2020 e 2021, la possibilità di usufruire della cessione del credito e dello sconto in fattura.

Vediamo come funzionano le tre opzioni:

Detrazione Irpef

Chi sceglie la detrazione Irpef, in sede di dichiarazione dei redditi, può detrarre il 90% delle spese sostenute ripartite in 10 quote di pari entità e nell’arco di 10 anni. Va ricordato che, se in ciascun periodo d’imposta, l’importo non trova capienza fiscale non può essere recuperato nei periodi successivi e nemmeno chiesto come rimborso. In pratica, se abbiamo sostenuto una spesa di 10mila euro, lo sconto fiscale è pari a 9mila euro (90% di 10mila). Vuol dire che, nell’arco di 10 anni, ogni anno si possono detrarre dalle tasse 900 euro (9mila:10).

Cessione del credito

Con la cessione del credito, il beneficiario, dopo aver saldato l’impresa che effettua i lavori, può trasferire a un soggetto terzo (banche, assicurazioni o altro) il credito fiscale corrispondente e rientrare in possesso del 90% di quanto speso. Da notare che anche il soggetto terzo a cui si cede il credito, a fronte del servizio, realizza un guadagno sull’operazione. Generalmente il rimborso oscilla infatti tra gli 80 e i 90 euro ogni 100 euro di credito ceduto. Per tornare all’esempio di prima: se si cede un credito pari a 9mila euro e il soggetto terzo rimborsa 90 euro ogni 100, vuol dire che l’importo reale che verrà accredito al beneficiario sarà pari a 8.100 euro con un guadagno di 900 euro per il soggetto al quale il credito viene trasferito.

Sconto in fattura

Con lo sconto in fattura, l’impresa che esegue i lavori si accolla il corrispettivo dell’importo da scontare. L'impresa, successivamente, può a sua volta decidere se detrarre tale importo dalle tasse secondo le modalità prestabilite oppure trasferirlo a un terzo soggetto tramite cessione del credito. Il committente dovrà invece pagare esclusivamente l’importo che compare in fattura, pari al costo totale dei lavori diminuito dello sconto previsto. Nel nostro caso, su una spesa di 10mila euro, il fornitore emette una fattura pari a 1.000 euro (10mila – il 90% di 10mila), che sarà pagata dal committente, e recupera i 9mila euro di differenza tramite cessione del credito o attraverso una detrazione fiscale.

Autore
castiglia-masella

Giornalista professionista, collabora da diversi anni con il Sole 24 Ore (Casa24Plus, Mondo Immobiliare). In passato ha lavorato, tra gli altri, per Tempo Economico e Tgcom.

Ultime notizie Mutui

pubblicato il 16 giugno 2024
Tassi su un mutuo al 90% a giugno 2024

Tassi su un mutuo al 90% a giugno 2024

Oggigiorno, trovare il mutuo giusto può rappresentare una sfida, soprattutto per chi dispone di un budget limitato e necessita di un finanziamento che copra una grande percentuale del valore della casa.
pubblicato il 15 giugno 2024
Promozione mutuo BPER: tasso fisso al 2,65% a giugno 2024

Promozione mutuo BPER: tasso fisso al 2,65% a giugno 2024

Hai bisogno di un mutuo? Approfitta della promo BPER disponibile su Facile.it! Fino al 31 luglio potrai sottoscrivere un mutuo prima casa Under 36, anche al 100%, e risparmiare grazie ai tassi d’interesse promozionali!
pubblicato il 13 giugno 2024
Confronto tra mutui prima casa a giugno 2024

Confronto tra mutui prima casa a giugno 2024

È fresca la notizia che la BCE ha tagliato i tassi per la prima volta in 5 anni, con possibili effetti positivi sui mutui, specie su quelli variabili. È dunque il momento giusto per scoprire le migliori offerte mutuo prima casa a giugno 2024.
pubblicato il 12 giugno 2024
I mutui ristrutturazione casa di giugno 2024

I mutui ristrutturazione casa di giugno 2024

Il "mutuo edile", noto anche come "mutuo completamento costruzione", è un finanziamento che permette di realizzare la propria casa quando si tratta di una nuova costruzione o di una ristrutturazione importante.
pubblicato il 12 giugno 2024
Rimborso degli interessi sul mutuo: i requisiti per ottenerli

Rimborso degli interessi sul mutuo: i requisiti per ottenerli

Rimborso degli interessi sul mutuo? In alcuni casi si ha diritto a ricevere 7.000 euro ogni 100.000 ricevuti. Capita se è stato stipulato un mutuo legato all'Euribor manipolato tra il 29 settembre 2005 e il 30 maggio 2008.
pubblicato il 10 giugno 2024
Quanto costa un mutuo da 200.000€ a giugno 2024

Quanto costa un mutuo da 200.000€ a giugno 2024

Il mutuo 100% è adatto a chi non vuole versare una parte di denaro per l'acquisto di una casa perché prevede che il valore di quest'ultima sia interamente coperto dal mutuo: ecco quali sono le banche che offrono il mutuo al 100% a giugno 2024.
pubblicato il 10 giugno 2024
Mutuo o affitto: su cosa basarsi per scegliere tra le due opzioni

Mutuo o affitto: su cosa basarsi per scegliere tra le due opzioni

A certo punto della vita bisogna prendere delle decisioni importanti e una di queste riguarda se acquistare una casa con un mutuo o prendere un immobile in affitto. Quale conviene di più? Difficile dirlo perché sulla scelta influiscono diversi fattori anche di natura personale.

Guide ai mutui

pubblicato il 6 giugno 2024
In quali casi la caparra va restituita e in quali no

In quali casi la caparra va restituita e in quali no

Quando si termina un contratto di locazione, il proprietario dell’immobile sa bene che la caparra va restituita all’inquilino. Tuttavia, esistono dei casi in cui questo non avviene.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968