02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Richiedere il mutuo presso una banca diversa dalla propria: si può fare?

pubblicato da il 22 aprile 2019
Richiedere il mutuo presso una banca diversa dalla propria: si può fare?

Quando si sta per richiedere un mutuo è buona regola valutare più preventivi per capire quale sia la soluzione più conveniente. A volte succede che l’offerta più vantaggiosa sia proposta da una banca diversa da quella dove si ha il proprio conto corrente.

La domanda è: si può avere il conto corrente presso un certo istituto di credito e stipulare il mutuo con un’altra banca?

La risposta è sì, nonostante la pratica non piaccia alle banche che, in alcuni casi, fanno intendere che ciò non sia possibile e, in altri, che l’apertura del conto sia vincolante al fine dell’ottenimento del finanziamento. La legge infatti dice altro. E, più precisamente, lo dice il Decreto Salva Italia del 2011 che ha stabilito come l’obbligo di apertura di un conto corrente presso la banca che erogherà il mutuo sia una ‘pratica scorretta’.

 In caso di rifiuto alla concessione del finanziamento, la banca è inoltre tenuta a motivarlo per iscritto e, in mancanza di ciò, il cliente può ricorrere all’Arbitro bancario e finanziario oppure al giudice. Tuttavia se per qualsiasi motivo, pur mantenendo il vecchio conto, si decide di aprirne uno nuovo presso la banca che dovrà concedere il mutuo, magari solo per non avere discussioni e non incrinare da subito i rapporti, meglio verificare se, in considerazione delle spese aggiuntive che si dovranno sostenere per l’apertura e la gestione del nuovo conto, la proposta di finanziamento sia ancora la più vantaggiosa.

In tal caso, si può chiedere, e la banca è obbligata a farlo, di inserire nel Taeg i costi aggiuntivi derivanti dall’apertura del nuovo conto. Il Taeg è infatti il tasso annuo effettivo globale che comprende tutte i costi legati al finanziamento, nonché il parametro da considerare per valutare il costo reale del mutuo e per confrontare l’effettiva convenienza tra una proposta e un’altra. In alternativa, il cliente può chiedere l’apertura del cosiddetto ‘conto base’, cioè un conto a zero spese che, a fronte del pagamento di un canone annuo fisso, dà il diritto di effettuare annualmente un determinato numero di operazioni.

 

Offerte Mutuo Acquisto prima casa

Prodotto: Mutuo Spensierato
Finalità: Acquisto prima casa
Importo: € 50.000
Tasso: 1,45% (Tasso finito)
Tipo Tasso: Fisso
TAEG: 1,73%
Durata: 20 anni
Costo totale: € 57.629,92
Rata mensile € 240,13
Prodotto: Hello! Home Fisso
Finalità: Acquisto prima casa
Importo: € 50.000
Tasso: 1,45% (Tasso finito)
Tipo Tasso: Fisso
TAEG: 1,73%
Durata: 20 anni
Costo totale: € 57.629,92
Rata mensile € 240,13
Prodotto: Mutuo Base
Finalità: Acquisto prima casa
Importo: € 50.000
Tasso: 1,48% (Irs 20A + 0,45%)
Tipo Tasso: Fisso
TAEG: 1,73%
Durata: 20 anni
Costo totale: € 57.795,14
Rata mensile € 240,81

Annuncio Promozionale , per tutte le informazioni relative a ciascun prodotto si prega di prendere visione di Informativa Trasparenza Mutui. Tutti i prodotti presenti sul comparatore sono da considerarsi assistiti da garanzia di ipoteca sull'immobile. Foglio Informativo e Guida ai Tassi. Per verificare la soluzione adatta alle tue esigenze clicca su verifica fattibilità.

Polizze Casa: trova la migliore per te Fai un PREVENTIVO »
Vota la news:
Valutazione media: 3,8 su 5 (basata su 5 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 23/05/2019 00:00

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Guide ai mutui

Guide Mutui