Serve assistenza?
02 55 55 222

Estensione dell'ipoteca: cos'è e come funziona

27 nov 2020 | 4 min di lettura | Pubblicato da Castiglia M.

mutui_expert_speaks_estensione_ipoteca_cosa_e_e_come_funziona

Quando si richiede un mutuo la banca erogante iscrive a titolo di garanzia un’ipoteca sull’immobile per il quale si sta chiedendo il finanziamento. A volte, se le garanzie offerte dal mutuatario sono insufficienti, è necessario integrarle presentandone altre.

Rientra in questa casistica l’estensione dell’ipoteca. Vediamo cosa vuol dire e quando vi si può fare ricorso, dopo aver ricordato cos’è un’ipoteca e a cosa serve.

Mutuo casa: trova il migliore

L’ipoteca

L’ipoteca è una garanzia reale che la banca riserva per sé a fronte dell’erogazione di un mutuo, con l’obiettivo di tutelarsi da possibili e future inadempienze del mutuatario. Il mutuo ipotecario, d’altra parte, è un finanziamento di medio-lungo termine e, nel giro di 20/30 anni, tante cose possono cambiare. Compresa la posizione reddituale e patrimoniale di chi ha richiesto il prestito e che, un giorno, potrebbe anche trovarsi nelle condizioni di non poter più onorare il debito.

La banca, perciò, iscrive sull’immobile un’ipoteca di durata ventennale per un importo che di solito vale il doppio del debito contratto perché vuole garantirsi, non solo rispetto al capitale mutuato, ma anche per altri eventuali costi da sostenere come, ad esempio, gli interessi di mora, il rimborso delle imposte, le spese legali e quant’altro dovuto dal mutuatario secondo i termini contrattuali previsti. In pratica, la banca si garantisce dai debiti presenti e futuri. Se si compra, ad esempio, una casa che costa 200mila euro facendo un mutuo di 160mila euro (l’80% del prezzo dell’immobile), il valore dell’ipoteca può essere di 320mila euro (il doppio di 160mila).

L’ipoteca, con la sua iscrizione nei Registri Immobiliari, certifica che quell’immobile è messo a garanzia dell’istituto di credito il quale, in caso di inosservanza degli impegni presi da parte del mutuatario, ha il diritto di prelazione rispetto ad altri eventuali creditori. In presenza di problemi, la banca erogante può cioè chiedere al giudice la vendita forzata del bene vincolato e recuperare il dovuto con il ricavato. Da sapere anche che, una volta ripagata una certa parte del debito, si può richiedere una riduzione del valore dell’ipoteca proporzionalmente a quanto è stato già restituito. Più in particolare, come previsto dall’art. 39 comma 5 del TUB (Testo unico bancario), "i debitori, ogni volta che abbiano estinto la quinta parte del debito originario, hanno diritto a una riduzione proporzionale della somma iscritta".

Estensione dell’ipoteca

L’estensione dell’ipoteca consiste nell’iscrizione della stessa, oltre che sull’immobile per il quale è stato stipulato il mutuo, anche su un ulteriore bene al fine di aumentare le garanzie offerte alla banca erogatrice. La necessità di ricorrere all’estensione dell’ipoteca si può presentare quando ad esempio la liquidità scarseggia e serve un mutuo al 100%. La normativa bancaria, secondo quanto disposto dal regolamento emanato dal Cicr (Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio), e recepito dalla Banca d’Italia, prevede che gli istituti di credito non possano finanziare più dell’80% del valore dell’immobile. Quando la cifra richiesta supera tale percentuale, bisogna rassicurare la banca presentando qualche garanzia in più come una fideiussione o come, appunto, l’estensione dell’ipoteca.

Per riprendere l’esempio di prima, se il mutuatario non avesse avuto i soldi per l’anticipo, cioè i 40mila euro di differenza tra il costo della casa e l’importo del mutuo (20% del prezzo), sarebbe stato costretto a richiedere un finanziamento ipotecario al 100%. Ma come garantire la banca per i 40mila euro in più? Attraverso, appunto, un’estensione dell’ipoteca. Cioè dando in garanzia un secondo immobile di proprietà del mutuatario oppure di un familiare o, ancora, di terzi in qualità di terzo datore di ipoteca. Quest’ultimo deve, ovviamente, dare sempre il suo benestare all’iscrizione dell’ipoteca sull’immobile di sua proprietà.

Restrizione dell’ipoteca

Quando è stata iscritta un’ipoteca su più immobili a tutela di un debito, una volta ripagato un certo importo, è possibile svincolare un bene lasciando l’ipoteca sugli altri. In questo caso si parla di restrizione dell’ipoteca, operazione regolata ancora una volta dall’art. 39 del TUB dove si stabilisce che "…hanno inoltre il diritto di ottenere la parziale liberazione di uno o più immobili ipotecati quando, dai documenti prodotti o da perizie, risulti che per le somme ancora dovute i rimanenti beni vincolati costituiscono una garanzia sufficiente ai sensi dell’articolo 38."

In parole povere, nell’esempio preso in considerazione più sopra, se il mutuatario restituisce almeno il 20% dell’erogato (cioè 40mila euro), rientrando così nell’LTV (Loan to value) dell’80% previsto dal Testo unico bancario, può chiedere la cancellazione dell’ipoteca sul secondo immobile vincolato, e sul quale era stata estesa l’ipoteca, perché alla banca basta il primo immobile come garanzia. Da ricordare, infine, che la restrizione dell’ipoteca, così come una sua eventuale riduzione, necessita di un atto notarile tramite il quale la banca erogatrice autorizza lo svincolo dell’immobile.

Autore
castiglia-masella

Giornalista professionista, collabora da diversi anni con il Sole 24 Ore (Casa24Plus, Mondo Immobiliare). In passato ha lavorato, tra gli altri, per Tempo Economico e Tgcom.

Ultime notizie Mutui

pubblicato il 25 giugno 2024
Quanto costa un mutuo a tasso fisso a giugno 2024

Quanto costa un mutuo a tasso fisso a giugno 2024

Su Facile.it puoi trovare diverse soluzioni di mutuo a tasso fisso: ogni giorno analizziamo le offerte di diverse banche, confrontando tassi di interesse, condizioni contrattuali e benefici aggiuntivi per aiutarti a scegliere il mutuo più adatto alle tue esigenze finanziarie.
pubblicato il 24 giugno 2024
Cartello "Area Videosorvegliata": quando non è ammessa l'affissione

Cartello "Area Videosorvegliata": quando non è ammessa l'affissione

Molti credono che affiggere un cartello in cui si segnala la videosorveglianza di un’area possa dissuadere malintenzionati e curiosi anche in assenza di telecamere funzionanti. In realtà, questa pratica è illegale e può procurare sanzioni amministrative fino a 36.000 euro.
pubblicato il 21 giugno 2024
Quanto costa un mutuo al 90% a giugno 2024: i tassi di oggi

Quanto costa un mutuo al 90% a giugno 2024: i tassi di oggi

A giugno 2024, trovare il mutuo ideale per acquistare casa è più semplice che mai. Basta affidarsi a Facile.it per calcolare la rata, scoprire il tasso di interesse più conveniente e richiedere il tuo mutuo online!
pubblicato il 20 giugno 2024
Le offerte mutuo di Crédit Agricole a giugno 2024

Le offerte mutuo di Crédit Agricole a giugno 2024

Se intendi acquistare casa nei prossimi mesi, ma prima devi trovare un finanziamento alle giuste condizioni, puoi consultare le migliori offerte Crédit Agricole mutuo a giugno 2024: te le presentiamo su Facile.it!
pubblicato il 19 giugno 2024
Quanto costa un mutuo da 220.000€ a giugno 2024

Quanto costa un mutuo da 220.000€ a giugno 2024

Hai bisogno di un mutuo prima casa, seconda casa, di un mutuo ristrutturazione o surroga? Sappi che calcolare i tassi dei mutui online ti permette di trovare l'offerta più conveniente. Scopri su Facile.it la media dei tassi sui mutui di giugno 2024 e le migliori offerte disponibili.
pubblicato il 18 giugno 2024
Quanto costa un mutuo da 200.000€ a giugno 2024

Quanto costa un mutuo da 200.000€ a giugno 2024

Il mutuo 100% è adatto a chi non vuole versare una parte di denaro per l'acquisto di una casa perché prevede che il valore di quest'ultima sia interamente coperto dal mutuo: ecco quali sono le banche che offrono il mutuo al 100% a giugno 2024.
pubblicato il 18 giugno 2024
Simulazione di un &[mutuo al 100%]& a giugno 2024: tassi e rata

Simulazione di un &[mutuo al 100%]& a giugno 2024: tassi e rata

Se stai cercando di acquistare la tua prima casa ma non hai risparmi sufficienti per l'acconto, un mutuo al 100% potrebbe essere la soluzione ideale per te. Esploriamo insieme le migliori opzioni di mutuo al 100% disponibili a giugno 2024 su Facile.it.

Guide ai mutui

pubblicato il 6 giugno 2024
In quali casi la caparra va restituita e in quali no

In quali casi la caparra va restituita e in quali no

Quando si termina un contratto di locazione, il proprietario dell’immobile sa bene che la caparra va restituita all’inquilino. Tuttavia, esistono dei casi in cui questo non avviene.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968