Serve assistenza?
02 55 55 222

Conviene comprare casa con il mutuo o pagando subito?

30 nov 2023 | 7 min di lettura | Pubblicato da Cristina B.

mutui news calcolo rata mutuo ad aprile 2023 come fare 1

È meglio acquistare un immobile facendo richiesta di mutuo o anticipare subito tutta la liquidità necessaria, in caso se ne abbia la possibilità? Non esiste una scelta migliore dell’altra in assoluto, ma due piatti della bilancia da ponderare rispetto alla propria storia finanziaria, economica e di progetti.

Nello scenario attuale chi ha la possibilità di aver accantonato il prezzo per la casa dei propri sogni potrebbe essere tentato di non vincolarsi a tassi di interesse che a fine percorso possono far costare l’immobile più del prezzo fissato nell’atto di compravendita.

Ma sarebbe possibile, di fronte a questo bivio, una terza via, scegliendo di dislocare la liquidità in due soluzioni: il mutuo e il conto deposito.

In quest’ultimo caso, con i tassi attuali e non avendo l’urgenza di investire la liquidità, lasciandola nel conto come salvadanaio è possibile ammortizzare il rialzo dei tassi e arrivare anche a guadagnarci. Vediamo insieme le differenti situazioni con l’aiuto di due simulazioni.

Mutuo casa: trova il migliore
Mutuo casa: trova il migliore

Le simulazioni

Il primo scenario prende in considerazione il caso di una disponibilità di 180.000€ in liquidità, che si sceglie di utilizzare per acquistare una casa di pari prezzo. Si risparmierà sicuramente la quota legata al tasso di interesse che si dovrebbe sostenere con un mutuo, e si acquista per il prezzo di quel giorno, ma è anche vero che si smobilizza una liquidità importante. Una scelta da ponderare, in caso si debbano affrontare nel breve e medio periodo imprevisti finanziari o altre spese importanti.

Una via di mezzo tra questo acquisto immediato e un vincolo di lungo termine con il mutuo è un mutuo di importo più piccolo e la scelta di destinare una parte della liquidità su un conto deposito (da notare che, se in questo modo si riducesse la disponibilità del conto corrente al di sotto dei 100.000€, si potrebbe anche usufruire della copertura del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi in caso di bail in).

Nel secondo scenario, dunque, si hanno sempre a disposizione 180.000€ in contanti, ma se ne anticipano solo 80.000 come liquidità per l'acquisto della casa e gli altri 100.000 si richiedono tramite mutuo. I 100.000€ che restano disponibili saranno oggetto di investimento nel conto deposito.

Prendendo a riferimento i tassi attuali, sia per il mutuo sia per il conto deposito, si aprono prospettive interessanti: dopo 5 anni si sarà arrivati a pagare circa 13 mila euro di interessi per il mutuo, ma tramite il conto deposito se ne saranno maturati circa 19 mila, potendo contare su un delta positivo di 6 mila euro sull'operazione nel complesso.

Lo stesso vale per una prospettiva più lunga, a 10 o a 20 anni, in cui i rendimenti del conto deposito supereranno sempre i costi legati al mutuo, permettendo di avere un ritorno sull'investimento. Di conseguenza, l’accantonamento consente di ammortizzare il caro tassi e allo stesso tempo risparmiare sui soldi messi sul conto deposito e continuare ad avere un tesoretto in liquidità. In aggiunta, nel caso di acquisto prima casa ci sono anche una serie di agevolazioni economiche sul mutuo da non sottovalutare.

Vediamo nel dettaglio lo scenario di investimento a 20 anni:

 ACQUISTO IN CONTANTIMUTUO E CONTO DEPOSITO
Liquidità per l'immobile180.000€80.000€
Importo mutuo e conto deposito-100.000€
Tasso d'interesse passivo mutuo-3,49%
Interessi passivi mutuo (lordi)--33.917,39€
Detrazione interessi passivi mutuo-+6.444,30€
Interessi passivi mutuo (netti)--27.473,09€
Tasso interesse attivo conto deposito-7,00%
Interessi attivi conto deposito (lordi)-+140.000€
Tasse conto deposito--36.400,00€
Interessi attivi conto deposito (netti)-+103.600,00€
Interessi attivi - interessi passivi-+76.126,91€

Su un intervallo di tempo così elevato, esistono oggi banche che offrono tassi lordi di rendimento sui conti deposito fino al 7,00%. Con un prodotto di questo tipo è possibile ottenere un ritorno molto più elevato rispetto al costo sostenuto per il mutuo, con i tassi attuali che oscillano fra il 3 e il 4%.

Se l’idea di indebitamento può lasciare in pensiero, affidarsi a dei consulenti del risparmio può aiutare a considerare strade che per scarsa informazione o conoscenza non si sapeva di poter percorrere, trovando, come in questo caso, una soluzione che rappresenti un punto di equilibrio tra risparmio e tranquillità rispetto all’idea di non tenere una somma parcheggiata su un conto corrente, ma scegliere di smobilizzarla in un acquisto immobiliare che comunque è un passo finanziario importante.

Conti Deposito: trova il più vantaggioso

Cosa vuol dire acquistare casa tutto e subito

Per semplificare spesso si parla di acquistare casa “in contanti”. È bene precisare che per la legislazione italiana non è possibile fare un acquisto in contanti per somme superiori a 4.999,9 euro. Le compravendite immobiliari sono assistite da procedure davanti ai notai e con metodi di pagamento che devono essere tracciati, cioè bonifici e assegni circolari.

In più, se l’origine della liquidità extra è un aiuto, ad esempio da parte dei genitori, oppure uno smobilizzo di altri beni o attività, è bene conservare tutta la documentazione e utilizzare particolari forme per le causali del bonifico. L’amministrazione finanziaria, anche a distanza di anni, potrebbe intervenire chiedendo chiarimenti sulla ricostruzione delle disponibilità di acquisto.

Fatta questa precisazione, chi acquista la prima casa con la propria liquidità, senza mutuo, può comunque usufruire delle agevolazioni fiscali previste, come la riduzione delle imposte di registro e ipocatastali, e di costi notarili alleggeriti. Non potrà invece usufruire dello sconto fiscale del 19% sugli interessi dei mutui sulla prima casa, perché ovviamente non ha stipulato alcun contratto di finanziamento.

Cosa vuol dire acquistare casa con il mutuo

Acquistare casa con il mutuo vuol dire affidarsi a una banca e chiedere di finanziare il proprio acquisto, fino a un valore massimo che nella maggior parte dei casi arriva all’80% dell’immobile (anche se esistono soluzioni di mutuo al 100%), individuato dopo aver concordato un piano di restituzione del prestito, parametrando le rate e ancorandole all’andamento di un tasso e degli interessi che lo compongono.

C’è anche da superare una valutazione di sostenibilità della rata da parte di chi delibera il mutuo: una valutazione dei redditi che porta a considerare sostenibile una rata che eroda massimo il 35% del proprio stipendio netto.

In Italia – ha ricordato l’ABI intervenendo in audizione al Senato durante l’esame della legge di bilancio 2024 – circa il 60% dei mutui sono ancorati al tasso fisso. Il restante 40% ha comunque potuto godere negli anni di tassi prossimi allo zero, accantonando in una fase di medio periodo un consistente risparmio sui prezzi degli immobili.

La capacità delle famiglie di acquistare una casa

A corredo delle valutazioni a sostegno di una scelta piuttosto di un’altra sull’acquisto di una casa, è bene segnalare l’andamento del mercato immobiliare.

L’Osservatorio del Mercato Immobiliare (OMI) dell’Agenzia del Territorio calcola la capacità delle famiglie italiane di acquisto della casa. Allo scopo si utilizza un indice denominato di affordability, la cui costruzione tiene conto di una serie di variabili, come l’ammortamento del mutuo, la durata e l’LTV, il tasso di interesse, il prezzo della casa, il reddito disponibile.

Nell’ultimo rapporto immobiliare disponibile del 2023, che prende in esame il mercato 2022, l’Omi evidenzia che: “nel secondo semestre del 2022 alla famiglia media italiana erano necessari 3 anni e 80 giorni del proprio reddito per comprare una casa, valore superiore di 22 giorni rispetto al dato di fine 2019 ma ancora ampiamente inferiore al punto di massimo registrato nel primo semestre del 2010 (4 anni e 10 giorni)”.

Con riferimento all’aumento dei tassi di interesse (una delle variabili che entrano in gioco per lo studio dell’andamento dell’indice), l’Omi osserva che: “nel 2022, il rialzo dei tassi da parte della BCE si è riflesso sulle condizioni di accesso per l’acquisto di una abitazione da parte delle famiglie italiane, con l’indice di affordability che è risultato in flessione per 1,2 punti percentuali rispetto all’anno prima. Le tendenze dei primi mesi di quest’anno confermano la prosecuzione di una fase discendente dell’indice. Nonostante tale riduzione, i livelli dell’indice risultano ancora significativamente elevati nel confronto storico e questo grazie al costo del credito, il cui contributo rimane significativamente positivo".

Mutuo casa: trova il migliore
Autore
cristina-bartelli

Giornalista professionista dal 2004 e vicecaporedattore per ItaliaOggi, scrive del Fisco in ogni sua forma. Ha fatto incursioni su Classcnbc e Tgcom per raccontare le novità di manovra di bilancio, sanatorie fiscali e storie di elusione.

Ultime notizie Mutui

pubblicato il 28 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 27 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 27 febbraio 2024

Scopri gli ultimi valori disponibili, aggiornati a ieri 27 febbraio 2024, relativi ai tassi EURIRS ed EURIBOR del mutuo.
pubblicato il 27 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 26 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 26 febbraio 2024

Aggiornamento EURIRS ed EURIBOR: scopri gli ultimi valori disponibili, aggiornati a ieri 26 febbraio 2024, relativi ai tassi del mutuo.
pubblicato il 26 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 23 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 23 febbraio 2024

Aggiornamento tassi mutuo: scopri l'andamento di EURIRS ed EURIBOR e verifica gli ultimi valori disponibili relativi al 23 febbraio 2024.
pubblicato il 2 febbraio 2024
I tassi su un mutuo giovani da 175.000€ a febbraio 2024

I tassi su un mutuo giovani da 175.000€ a febbraio 2024

Trovare il mutuo prima casa diventa facile grazie al nostro comparatore con cui confrontare tassi e rate! Ecco una panoramica di mutui prima casa convenienti per giovani a febbraio 2024!
pubblicato il 23 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 22 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 22 febbraio 2024

Scopri l'andamento tassi EURIRS ed EURIBOR e verifica gli ultimi valori disponibili aggiornati a ieri 22 febbraio 2024.
pubblicato il 22 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 21 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 21 febbraio 2024

Andamento tassi EURIRS ed EURIBOR: gli ultimi valori disponibili aggiornati a ieri 21 febbraio 2024.
pubblicato il 21 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 20 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 20 febbraio 2024

EURIRS ed EURIBOR: scopri gli ultimi valori disponibili dei tassi dei mutui, aggiornati a ieri 20 febbraio 2024.
pubblicato il 26 febbraio 2024
I 3 migliori mutui a tasso variabile di febbraio 2024

I 3 migliori mutui a tasso variabile di febbraio 2024

A febbraio 2024 conviene il mutuo a tasso variabile? Nell'articolo di oggi abbiamo effettuato una simulazione per vedere quanto valgono i tassi di interesse sui mutui a tasso variabile.
pubblicato il 27 febbraio 2024
La Cassazione dice sì al rimborso degli interessi dei mutui variabili

La Cassazione dice sì al rimborso degli interessi dei mutui variabili

La Cassazione ha stabilito il diritto dei cittadini al rimborso degli interessi pagati in eccesso nel 2005-2008 per i mutui con tasso variabile. Nel caso di un mutuo di 200.000 euro si può ottenere un rimborso tra 12 e 14.000 euro.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 19 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 19 febbraio 2024

Scopri gli ultimi valori relativi all'andamento dell'EURIRS ed EURIBOR, aggiornati a ieri 19 febbraio 2024.
pubblicato il 22 febbraio 2024
Promozione tassi BPER mutuo prima e seconda casa a febbraio 2024

Promozione tassi BPER mutuo prima e seconda casa a febbraio 2024

Vuoi richiedere un mutuo prima casa o seconda casa? Per accedere a condizioni convenienti e risparmiare sulla rata, scopri questa fantastica promozione lanciata da BPER a tassi d’interesse convenienti, sui mutui dai 20 ai 30 anni.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 16 febbraio 2024

Aggiornamento tassi Eurirs ed Euribor del 16 febbraio 2024

Quali sono gli ultimi valori disponibili di EURIRS ed EURIBOR? Ecco i dati aggiornati al 16 febbraio 2024.

Guide ai mutui

pubblicato il 2 gennaio 2024
Mutuo under 36: guida completa 2024

Mutuo under 36: guida completa 2024

Le agevolazioni per i mutui under 36 subiranno importanti cambiamenti nel 2024. Ecco tutto ciò che c'è da sapere per i giovani che vogliono richiederlo quest'anno.
pubblicato il 20 giugno 2023
Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Cosa potrebbe succedere se un figlio volesse comprare la casa dei genitori o di altri parenti in generale? Questa cosa è permessa, ma non sempre le banche sono disposte ad offrire questo tipo di mutuo. Vediamo perché!
pubblicato il 13 febbraio 2023
Bonus Ristrutturazione 2023: tutte le informazioni

Bonus Ristrutturazione 2023: tutte le informazioni

Scopri di più sul bonus ristrutturazione 2023 e sugli sgravi fiscali concessi!
pubblicato il 15 dicembre 2022
Cos'è un mutuo e come funziona

Cos'è un mutuo e come funziona

Il mutuo è un prestito a lungo termine in cui un parte concede in prestito una somma di denaro ad un'altra. Vediamo come funziona e quali sono le sue caratteristiche.
pubblicato il 24 ottobre 2022
Mutuo cointestato: come funziona?

Mutuo cointestato: come funziona?

Il mutuo cointestato è un mutuo in cui due o più soggetti sottoscrivono lo stesso finanziamento e si impegnano congiuntamente a rimborsare l'importo delle rate. Il vantaggio principale di questa formula risiede nel fatto che le banche hanno una duplice garanzia di solvibilità e, in caso di mancato pagamento da parte di uno dei due debitori, possono rivalersi sull'altro per richiedere l'intero importo dovuto.
pubblicato il 28 giugno 2022
Trasloco a Roma: prezzi medi e consigli

Trasloco a Roma: prezzi medi e consigli

Vivere a Roma offre molte opportunità. Tuttavia, traslocare in questa capitale ricca di storia potrebbe non essere semplice; ecco allora una piccola guida su come fare il trasloco a Roma.
pubblicato il 28 giugno 2022
Trasloco a Milano: costi e consigli

Trasloco a Milano: costi e consigli

Milano è una città vivace e alla moda, fulcro di eventi mondani ma anche lavorativi. Non è raro che, per lavoro, ci sia la necessità di spostarsi nel capoluogo lombardo. Ma come fare il trasloco a Milano? Ecco qualche consiglio.
pubblicato il 28 giugno 2022
Come organizzare un trasloco

Come organizzare un trasloco

Organizzare un trasloco può essere sempre molto difficile. Vuoi scoprire come fare? Allora continua a leggere l'articolo e segui tutti i consigli per trasferirti in totale serenità.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968