02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Detrazioni Irpef 2019 per il leasing immobiliare abitativo

pubblicato da il 15 marzo 2019
Detrazioni Irpef 2019 per il leasing immobiliare abitativo

Il leasing immobiliare abitativo è stato introdotto con la legge di Bilancio 2016 e resterà in vigore almeno per tutto l’anno prossimo.

La formula permette di entrare subito in possesso dell’immobile che si vorrebbe acquistare, pagando un canone mensile per un determinato periodo di tempo, al termine del quale viene versata una maxi rata a saldo.

Solo dopo quest’ultimo versamento avviene il passaggio di proprietà effettivo dalla banca al soggetto che sino a quel momento è stato l’utilizzatore.

Per acquistare la prima casa con questa modalità è infatti necessario stipulare in prima battuta, con la banca o con l’intermediario finanziario, un contratto di locazione, nel quale vengono stabilite tutte le condizioni. Come, ad esempio, l’ammontare dell’anticipo (normalmente intorno al 15/20% del valore dell’immobile), la durata del contratto, l’entità dei canoni e l’ammontare della rata finale.

Particolarmente interessanti sono le agevolazioni fiscali che si possono ottenere attraverso questa forma di leasing, a patto che il reddito annuo del richiedente non superi i 55mila euro, che non si sia proprietari di altro immobile a uso abitativo e che la casa oggetto del leasing venga adibita ad abitazione principale nel giro di un anno.

Se tutti questi requisiti vengono soddisfatti si avrà il diritto di usufruire dei benefici fiscali che, però, variano a seconda dell’età del richiedente. Chi ha meno di 35 anni, al momento della stipula del contratto, può detrarre dalla dichiarazione Irpef il 19% dei canoni pagati nell’anno di riferimento e gli oneri accessori (su un massimo di 8mila euro) e il 19% della rata finale necessaria per il riscatto dell’abitazione sino a un tetto massimo di 20mila euro.

Le agevolazioni si dimezzano invece se l’età del richiedente è maggiore di 35 anni. La percentuale detraibile è sempre del 19% ma, in tal caso, il tetto massimo sul quale calcolare la detrazione legata ai canoni e alle spese accessorie pagati è di 4mila euro, mentre l’importo massimo relativo alla maxi rata finale è pari a 10mila euro.

 

Offerte Mutuo a Tasso Fisso

Prodotto: Mutuo Giovani Fisso
Finalità: Acquisto prima casa
Importo: € 50.000
Tasso: 1,25% (Tasso finito)
Tipo Tasso: Fisso
TAEG: 1,62%
Durata: 20 anni
Costo totale: € 56.536,05
Rata mensile € 235,57
Prodotto: Mutuo Acquisto Tasso Fisso Last Minute
Finalità: Acquisto prima casa
Importo: € 50.000
Tasso: 1,31% (Irs 20A + 0,55%)
Tipo Tasso: Fisso
TAEG: 1,67%
Durata: 20 anni
Costo totale: € 56.862,82
Rata mensile € 236,93
Prodotto: Mutuo Base
Finalità: Acquisto prima casa
Importo: € 50.000
Tasso: 1,33% (Irs 20A + 0,45%)
Tipo Tasso: Fisso
TAEG: 1,57%
Durata: 20 anni
Costo totale: € 56.972,01
Rata mensile € 237,38

Annuncio Promozionale , per tutte le informazioni relative a ciascun prodotto si prega di prendere visione di Informativa Trasparenza Mutui. Tutti i prodotti presenti sul comparatore sono da considerarsi assistiti da garanzia di ipoteca sull'immobile. Foglio Informativo e Guida ai Tassi. Per verificare la soluzione adatta alle tue esigenze clicca su verifica fattibilità.

Mutuo casa: trova il migliore Calcolo rata mutuo »
Vota la news:
Valutazione media: 4,1 su 5 (basata su 9 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 16/06/2019 00:00

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Guide ai mutui

Guide Mutui