Serve assistenza?
02 55 55 222

Mutuo per immobili in donazione: tutto quello che devi sapere

mutui_guide_mutuo_per_immobili_in_donazione_c
Le 3 cose da sapere:
  1. 1

    Cos'è: costituisce un finanziamento per una casa donata

  2. 2

    Requisiti e condizioni: diverse dal comune iter di richiesta di un mutuo

  3. 3

    L'iter cambia a seconda se il donante è vivo oppure deceduto

Mutuo casa: trova il migliore
Mutuo casa: trova il migliore

Quando ci si trova nella situazione di dover richiedere un mutuo per una casa donata, è importante comprendere appieno le caratteristiche e i requisiti specifici di questo tipo di finanziamento. Il mutuo per ristrutturazione casa donata rappresenta un'opportunità per coloro che hanno ricevuto in donazione un immobile e desiderano ottenere il supporto finanziario necessario per effettuare lavori di rinnovamento o miglioramento dell'abitazione.

Vediamo insieme quali sono le principali caratteristiche di questo tipo di mutuo e quali passaggi sono previsti dal processo di richiesta e concessione di questo tipo di finanziamento.

Sommario

Mutuo per immobile in donazione: come funziona

La procedura di richiesta ed erogazione dei mutui per immobili in donazione prevede l'adeguamento a determinati criteri, soddisfatti i quali, gli istituti di credito sono disposti ad accettare la pratica. Prima di analizzare nel dettaglio tali criteri, è opportuno fare una breve premessa che chiarisca quali sono le caratteristiche basilari di questo tipo di finanziamento e quali sono i documenti necessari per la richiesta del mutuo. La concessione del finanziamento per una casa donata da parte della banca avviene nel rispetto di determinate condizioni e segue un iter diverso a seconda che la persona responsabile della donazione sia viva o deceduta.

Ricorda che la donazione potrebbe essere da preferire all'acquisto per evitare un accertamento del Fisco dovuto a pratiche che potrebbero nascondere fini fraudolenti. Un figlio può comprare la casa dei genitori, ma questo rende difficile l'ottenimento del mutuo, e rende automatico un accertamento del Fisco.

Perché, se un immobile proviene da donazione, le banche difficilmente concedono il mutuo all'acquirente?

Il mutuo per la ristrutturazione di una casa donata presenta spesso sfide presso le banche, le quali potrebbero ritenerlo rischioso. La donazione, atto legale per trasferire proprietà gratuitamente, gode di agevolazioni fiscali, soprattutto se tra parenti. Tuttavia, può comportare conseguenze complesse, specialmente per gli immobili.

La donazione non implica un trasferimento definitivo di proprietà e può essere revocata dal donante per vari motivi. Inoltre, la donazione può essere contestata dagli eredi entro 10 anni dalla morte del donante, se risulta dannosa per loro. Questo può complicare la situazione per coloro che ricevono la donazione, specialmente se desiderano vendere l'immobile o richiedere un mutuo.

Gli eredi potrebbero infatti riottenere la proprietà dell'immobile donato. Questo rischio può scoraggiare potenziali acquirenti e banche nel concedere mutui, poiché gli immobili donati potrebbero rimanere bloccati fino a 10 anni dopo la morte del donante.

Quando chiederlo se il donante è deceduto

Se il soggetto che ha effettuato la donazione è deceduto da almeno 20 anni, le banche sono ben disposte a concedere mutui prima casa senza problemi, a patto che le condizioni finanziarie del singolo caso lo permettano.

Questo perché, trascorsi i 20 anni dalla morte del soggetto, gli eredi legittimi perdono per legge i diritti di successione e non possono più inoltrare la richiesta di revoca dell'avvenuta donazione. Ciò protegge l'istituto bancario e l'intestatario del mutuo da eventuali azioni legali intentate dai familiari della persona che ha fatto la donazione.

Se invece i 20 anni previsti dalla normativa in materia di diritti di successione non sono ancora trascorsi, la banca può concedere il finanziamento solo nell'eventualità in cui i legittimi eredi del defunto abbiano espresso formalmente la volontà di rinunciare ad ogni pretesa sulla proprietà dell'immobile. Questo perché, secondo quanto previsto dalla legge, quando il proprietario di un bene decide di donarlo senza tener conto degli eredi legittimi, questi ultimi hanno la possibilità di opporsi alla donazione e di ottenerne la revoca.

Se questa condizione si verifica, la persona che ha ricevuto l'immobile perde ogni diritto di possesso su di esso ed è tenuto a procedere alla restituzione. Di conseguenza anche le eventuali ipoteche ascritte in seguito alla donazione perdono la loro validità.

Quando chiederlo se il donante è vivo

Nel caso in cui il soggetto che ha elargito l'immobile in donazione sia ancora in vita, la procedura per la concessione del mutuo da parte dell'istituto di credito appare leggermente diversa, oltre che relativamente più semplice. In questo caso la questione dei 20 anni necessari per il decadimento legale dei diritti degli eredi legittimi non si pone, ma il soggetto donante entra a far parte attivamente della pratica di concessione del mutuo figurando come terzo ipotecario del contratto e garante. Questa particolare condizione ha l'obiettivo di tutelare sia la banca che la persona che contrae il mutuo da azioni legali da parte della famiglia del responsabile della donazione.

In alternativa, quest'ultimo può anche prestare fideiussione nella vendita. Per gli eventuali eredi intenzionati a vantare dei diritti di proprietà sull'immobile, ciò comporterebbe l'obbligo di ricompensare i danni causati all'acquirente dalla loro azione legale. La fideiussione in altre parole fa sì che i due effetti economici si equivalgano, rendendo la causa giudiziaria totalmente infruttuosa sul piano finanziario.

Mutuo casa: trova il migliore

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Mutuo Prima Casa

Confronta i nostri prodotti

Preventivo mutuo

Surroga Mutuo

Riduci la rata del mutuo

Preventivo surroga

Guide ai mutui

pubblicato il 4 aprile 2024
Quali sono le formule matematiche per il calcolo del mutuo

Quali sono le formule matematiche per il calcolo del mutuo

Quando si deve richiedere un mutuo per acquistare casa, una delle principali preoccupazioni è comprendere in anticipo a quanto ammonteranno la rata e gli interessi. Scopriamo insieme come calcolarli.
pubblicato il 4 aprile 2024
Quanto posso chiedere di mutuo?

Quanto posso chiedere di mutuo?

Se stai pensando di acquistare una casa, probabilmente ti starai chiedendo quanto mutuo puoi permetterti e qual è l'importo massimo che puoi richiedere. Per scoprirlo, è fondamentale capire la tua disponibilità finanziaria.
pubblicato il 2 gennaio 2024
Mutuo under 36: guida completa 2024

Mutuo under 36: guida completa 2024

Le agevolazioni per i mutui under 36 subiranno importanti cambiamenti nel 2024. Ecco tutto ciò che c'è da sapere per i giovani che vogliono richiederlo quest'anno.
pubblicato il 20 giugno 2023
Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Cosa potrebbe succedere se un figlio volesse comprare la casa dei genitori o di altri parenti in generale? Questa cosa è permessa, ma non sempre le banche sono disposte ad offrire questo tipo di mutuo. Vediamo perché!
pubblicato il 13 febbraio 2023
Bonus Ristrutturazione 2024: tutte le informazioni

Bonus Ristrutturazione 2024: tutte le informazioni

Scopri di più sul bonus ristrutturazione 2024 e sugli sgravi fiscali concessi!
pubblicato il 15 dicembre 2022
Cos'è un mutuo e come funziona

Cos'è un mutuo e come funziona

Il mutuo è un prestito a lungo termine in cui un parte concede in prestito una somma di denaro ad un'altra. Vediamo come funziona e quali sono le sue caratteristiche.
pubblicato il 24 ottobre 2022
Mutuo cointestato: come funziona?

Mutuo cointestato: come funziona?

Il mutuo cointestato è un mutuo in cui due o più soggetti sottoscrivono lo stesso finanziamento e si impegnano congiuntamente a rimborsare l'importo delle rate. Il vantaggio principale di questa formula risiede nel fatto che le banche hanno una duplice garanzia di solvibilità e, in caso di mancato pagamento da parte di uno dei due debitori, possono rivalersi sull'altro per richiedere l'intero importo dovuto.
pubblicato il 28 giugno 2022
Come fare il cambio residenza online

Come fare il cambio residenza online

Come fare il cambio residenza online? Sono in molti a chiederselo, senza però ottenere una risposta precisa a tale domanda. Ecco tutto quello che c'è da sapere al riguardo.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968