Serve assistenza?
02 55 55 5

Cassazione: ancora un no all’esenzione Imu se in un immobile non si risiede davvero

mutui news cassazione no esenzione imu se residenza e fittizia

Ancora un brutta notizia per quei coniugi che hanno fissato la residenza in comuni diversi (ad esempio, uno dei due nella casa in città e l’altro nella seconda casa) al fine di eludere l’Imu. La Corte di Cassazione è intervenuta nuovamente sulla questione con l’ordinanza n. 28534 del 15 Dicembre 2020, ribadendo che, affinché le agevolazioni fiscali valide per le abitazioni principali abbiano effetto, come appunto l’esenzione Imu, bisogna che i due coniugi convivano abitualmente e abbiano la residenza anagrafica nello stesso immobile.

Mutuo casa: trova il migliore
Mutuo casa: trova il migliore

Il caso esaminato risale al 2010 e riguarda due coniugi che avevano ricevuto un avviso di accertamento Ici, l’imposta poi sostituita dall’Imu, da parte del Comune.

La Suprema Corte, ancora una volta, ha dato ragione al Comune proseguendo nell’orientamento tracciato da altre precedenti sentenze.

La prima (n. 18096 del 5 Luglio 2019) specificava che le agevolazioni fiscali Ici per la prima casa possono essere riconosciute solo se nell’immobile in questione risiede l’intero nucleo familiare e non solo uno dei due coniugi.

Nella seconda sentenza, la n. 4166 di Febbraio 2020, la Corte ha poi stabilito che, anche ai fini Imu, è possibile accedere all’esenzione solo se nell’abitazione principale vivono abitualmente tutti i componenti della famiglia, che lì devono anche risiedere anagraficamente.

La terza ordinanza (n. 20130 del 30 Settembre 2020) arriva alle stesse conclusioni e cioè che per essere esonerati dal pagamento dell’Imu per un determinato immobile, in quell’immobile è necessario avere la residenza e, al tempo stesso, viverci abitualmente.

L’orientamento della Cassazione va quindi nella direzione opposta a quanto stabilito dalla circolare n. 3/Df del 18 Maggio 2012 del Ministero dell’Economia e delle Finanze dove si prevede la possibilità di accedere ai benefici anche "nel caso in cui gli immobili destinati ad abitazione principale siano ubicati in comuni diversi, poiché in tale ipotesi il rischio di elusione della norma è bilanciato da effettive necessità di dover trasferire la residenza anagrafica e la dimora abituale in un altro comune, ad esempio, per esigenze lavorative.".

Come sempre, dunque, basterebbe controllare e verificare se sussistono davvero gli effettivi requisiti o, in alternativa, è il legislatore che dovrebbe ‘metterci una pezza’, chiarendo la questione una volta per tutte.

Se stai cercando i migliori mutui online o le migliori soluzioni per la surroga mutuo sul mercato, prova gratuitamente il comparatore di Facile.it!

Offerte Mutuo Acquisto prima casa

*Annuncio Promozionale, per tutte le informazioni relative a ciascun prodotto si prega di prendere visione di Informativa Trasparenza Mutui. Tutti i prodotti presenti sul comparatore sono da considerarsi assistiti da garanzia di ipoteca sull'immobile. Ti ricordiamo sempre di prendere visione delle Informazioni Generali sul Credito Immobiliare offerto ai consumatori nonché agli altri documenti di Trasparenza. Per verificare la soluzione adatta alle tue esigenze clicca su verifica fattibilità

Pubblicato da Castiglia Masella il 14 gennaio 2021

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Mutuo Prima Casa

Confronta i nostri prodotti

Calcola rata mutuo

Guide ai mutui

© 2022 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968