02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Relazione notarile preliminare: cos'è e a cosa serve

Relazione notarile preliminare: cos'è e a cosa serve
Le 3 cose da sapere:
  • Cos'è: atto per verificare la presenza formalità pregiudizievoli sull'immobile
  • A cosa serve: documento fondamentale nella stipula di un atto di ipoteca
  • Confronta e scegli il tasso di mutuo più adatto alle tue esigenze

Quando si richiede un mutuo ipotecario presso un istituto bancario, questo avvia di conseguenza una serie di verifiche al fine di valutare che il mutuatario e l'edificio per cui si richiede il prestito abbiano i requisiti necessari affinché la banca possa autorizzare l'erogazione della somma di denaro richiesta. Uno dei documenti più importanti necessari in questa fase di verifica è la relazione notarile preliminare. Vediamo cos'è e a cosa serve.

Relazione notarile preliminare: cos'è

Tale atto consente alla banca di poter verificare la presenza o meno di eventuali formalità pregiudizievoli gravanti sull'immobile che sarà interessato dall'ipoteca. Nel caso vengano accertate trascrizioni pregiudizievoli, la procedura di erogazione del mutuo viene subito annullata. Prima di richiedere questo atto notarile, la banca deve verificare tutti i documenti relativi all'immobile e dare mandato ad un tecnico di effettuare una perizia sulla casa. Una volta concluse tali operazioni e se tutto risulta essere in regola, allora l'istituto bancario autorizza il mutuatario a richiedere la relazione notarile preliminare. La nomina del notaio che dovrà redigere tale atto spetta al richiedente il mutuo. Il notaio incaricato di redigere la relazione dovrà necessariamente avere dal proprio cliente dei documenti utili a compiere le verifiche, tra cui il certificato di proprietà dell'immobile.

La relazione notarile preliminare ha lo scopo di indicare nel dettaglio e con assoluta certezza l'immobile interessato nella compravendita oltre che tutte le informazioni catastali e ipotecarie relative. Nell'atto dunque, saranno presenti i seguenti dati:

  • i dati identificativi dei soggetti coinvolti nel mutuo: mutuatario, datore dell'ipoteca, fideiussori
  • i dati relativi all'immobile interessato: ubicazione, descrizione e dati catastali
  • i dati relativi all'attuale proprietario dell'immobile
  • i passaggi di proprietà a cui è stato sottoposto l'immobile negli ultimi 20 anni
  • descrizione completa di eventuali trascrizioni pregiudizievoli presenti

Per quanto riguarda i soggetti coinvolti nella stipula del mutuo, si può verificare che il datore dell'ipoteca non sia unico, ma che ci sia la presenza di un terzo soggetto che va opportunamente indicato nella relazione preliminare. I dati identificativi dell'immobile invece, sono molto utili alla banca in quanto permettono di effettuare dei controlli incrociati con i risultati delle perizie effettuate dall'istituto al momento della richiesta del mutuo, in modo tale da verificarne la correttezza. Inoltre i dati catastali sono fondamentali nello stabilire con certezza quale sia l'immobile oggetto della compravendita. Anche gli eventuali passaggi di proprietà a cui è stato sottoposto l'immobile sono molto importanti per verificare la regolarità e la continuità delle trascrizioni catastali ed evitare così di avere dati discordanti che potrebbero compromettere le successive fasi del procedimento di erogazione del mutuo.

Infine, un altro compito estremamente importante che svolge la relazione notarile preliminare è quello di fare chiarezza sulla presenza di eventuali vincoli e ipoteche che interessano l'immobile. Questo aspetto risulta fondamentale per l'istituo bancario in quanto la presenza di vincoli di vario genere comporterebbe il rifiuto a concedere il mutuo. Tra i diversi vincoli che annullerebbero l'atto di ipoteca rientrano:

  • la possibilità che l'immobile cambi proprietario in seguito a donazioni o successioni regolamentate da un atto di testamento
  • il diritto di prelazione di terze parti
  • la presenza di ingiunzioni di sequestro dell'immobile
  • la presenza di atti di pignoramento o di altre ipoteche stipulate in precedenza

Relazione notarile e stipula di un mutuo

La relazione notarile preliminare dunque, è un documento fondamentale nella stipula di un atto di ipoteca, passaggio necessario per poter richiedere l'accesso ad un mutuo. A questo punto è utile chiarire alcuni aspetti pratici che riguardano la relazione notarile e la stipula di un mutuo. Al momento della nomina del notaio è bene ricordare che questo dovrà occuparsi in seguito anche della stipula dell'atto di mutuo. Dunque per rendere l'intera procedura più pratica e veloce è consigliabile rivolgersi ad un unico notaio sia per la relazione preliminare che per la stipula del mutuo. La figura del notaio inoltre, è necessaria anche nella fase finale del procedimento di erogazione del mutuo, ovvero quando la banca richiederà la relazione notarile definitiva, la quale accerterà che tutti i dati precedentemente dichiarati sono tali anche al momento dell'erogazione del denaro. Alcune banche però richiedono anche un terzo intervento del notaio. Dunque è bene chiarire con la banca questi aspetti nelle fasi iniziali del procedimento, in maniera tale da favorire il lavoro del notaio ed evitare un eventuale allungamento del tempo necessario a ricevere il denaro.

Vota la guida:
Valutazione media: 5,0 su 5 (basata su 6 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 25/09/2018 00:00

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Offerte confrontate

Con il comparatore di mutui online di Facile.it puoi confrontare i migliori mutui offerti dalle banche e richiedere senza impegno un preventivo

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Banche e finanziarie

Guide ai mutui

Guide Mutui