Serve assistenza?
02 55 55 222

Mutuo cointestato e decesso di uno dei contraenti, cosa succede?

casa-in-miniatura-in-legno-con-famiglia-sullo-sfondo

Le 3 cose da sapere:

  1. 1

    Il mutuo cointestato prevede due o più contraenti che rimborsano insieme le rate.

    1

    Il mutuo cointestato prevede due o più contraenti che rimborsano insieme le rate.

  2. 2

    Questo è incentivato dalle banche perché offre maggiori tutele.

    2

    Questo è incentivato dalle banche perché offre maggiori tutele.

  3. 3

    In caso di decesso di uno dei contraenti, subentrano gli eredi.

    3

    In caso di decesso di uno dei contraenti, subentrano gli eredi.

Mutuo casa: trova il migliore
Mutuo casa: trova il migliore

Il mutuo cointestato rappresenta una soluzione comune per l'acquisto di un immobile, ma cosa accade in caso di decesso di uno dei contraenti? Quando si stipula questa tipologia di mutuo, entrambi i contraenti sono infatti responsabili del pagamento delle rate. Tuttavia, il decesso di uno dei due può complicare notevolmente la situazione, come in caso di separazione.

Il decesso di uno dei contraenti di un mutuo cointestato comporta una serie di sfide legali e finanziarie per gli eredi. Comprendere le diverse opzioni e le implicazioni di ciascuna scelta è essenziale per gestire al meglio la situazione. Gli eredi devono valutare attentamente se accettare l'eredità, estinguere il mutuo anticipatamente, accollarsi il debito o rinunciare all'eredità, considerando sempre le conseguenze fiscali e legali.

In linea di massima, è importante che gli eredi sappiano quali sono i loro diritti e doveri per gestire al meglio il debito residuo.

Sommario

Cosa succede agli eredi

Alla morte di uno dei contraenti, gli eredi subentrano nei suoi diritti e doveri. Essi possono decidere di accettare o rifiutare l'eredità, scelta che determina il loro coinvolgimento nel mutuo. In caso di accettazione, devono procedere con la successione, inclusa l'eventuale liquidazione dell'immobile per estinguere il debito.

Scenari possibili

Intervento dell’assicurazione

Se il mutuatario deceduto aveva stipulato una polizza assicurativa sulla vita collegata al mutuo, questa coprirà il debito residuo. In tal caso, l'assicurazione pagherà le rate mancanti, liberando gli eredi dal mutuo. La banca si rivolgerà direttamente all'assicurazione per ottenere il pagamento, consentendo agli eredi di ereditare l'immobile senza ulteriori obblighi finanziari.

Estinzione anticipata del mutuo

Gli eredi possono decidere di estinguere anticipatamente il mutuo, soprattutto se il debito residuo è basso. Questa scelta permette di chiudere il rapporto con la banca rapidamente e vendere l'immobile per spartirsi il ricavato. L'estinzione anticipata può essere una soluzione vantaggiosa se gli eredi dispongono della liquidità necessaria.

Accollo del mutuo

In assenza di un’assicurazione o della possibilità di estinguere anticipatamente il mutuo, gli eredi possono optare per l'accollo del mutuo. Questa opzione comporta l'assunzione del debito residuo e il proseguimento del pagamento delle rate. Tuttavia, gli eredi diventano solidalmente responsabili, il che significa che la banca può richiedere il pagamento a ciascun erede, indipendentemente dalla loro quota di proprietà.

Rinuncia all’eredità

Gli eredi hanno anche la possibilità di rinunciare all’eredità. Questa scelta può essere vantaggiosa se il debito complessivo supera il valore degli attivi ereditati. La rinuncia deve essere globale, riguardando l'intero patrimonio del defunto, non solo il mutuo. Gli eredi hanno dieci anni di tempo per prendere questa decisione.

Trasferimento della titolarità del mutuo

Il passaggio del mutuo agli eredi avviene tramite l'accollo, un atto formale stipulato presso un notaio. Questo documento trasferisce il debito residuo agli eredi, che diventano i nuovi debitori nei confronti della banca. L'accollo è necessario anche nel caso di vendita dell'immobile con mutuo in corso, dove il nuovo proprietario subentra nel pagamento delle rate.

Implicazioni fiscali e legali

Successione e imposte

L'accettazione dell'eredità comporta anche il pagamento delle imposte di successione. Gli eredi devono presentare una dichiarazione di successione e pagare le relative tasse. In alcuni casi, possono beneficiare di agevolazioni fiscali, soprattutto se l'immobile ereditato è destinato a diventare la loro prima casa.

Responsabilità solidale

Quando gli eredi accettano l'eredità e il mutuo, diventano responsabili solidali. Ciò significa che la banca può richiedere l'intero pagamento del debito a qualsiasi erede, indipendentemente dalla loro quota di proprietà. Questa situazione può portare a conflitti tra gli eredi, soprattutto se non dispongono delle risorse necessarie per coprire il debito.

Vendita dell’immobile

Se gli eredi decidono di vendere l'immobile, devono prima estinguere il mutuo residuo. Il ricavato della vendita viene utilizzato per saldare il debito, e l'eventuale eccedenza viene divisa tra gli eredi. La vendita può essere una soluzione pratica per evitare conflitti e ottenere liquidità.

Consigli pratici per gli eredi

Valutare tutte le opzioni

Gli eredi devono valutare attentamente tutte le opzioni disponibili prima di prendere una decisione. Consultare un consulente finanziario o un avvocato può aiutare a comprendere meglio le implicazioni legali e fiscali di ciascuna scelta.

Comunicazione con la banca

È fondamentale mantenere una comunicazione aperta con la banca. Informare tempestivamente l'istituto di credito del decesso del mutuatario e discutere le possibili soluzioni può facilitare il processo di successione e ridurre i rischi di inadempienza.

Considerare l’assicurazione sulla vita

Stipulare un'assicurazione sulla vita collegata al mutuo è una precauzione importante per proteggere i propri eredi. Questa polizza può coprire il debito residuo in caso di decesso, evitando complicazioni finanziarie per i familiari.

Affrontare queste decisioni con consapevolezza e preparazione può aiutare a mitigare i rischi e a proteggere il patrimonio familiare.

Offerte Mutuo Acquisto prima casa

Rata mensile
268,62€
Prodotto
Mutuo Green
Finalità
Acquisto prima casa
Importo
€ 50.000
Tasso
2,65% (Tasso finito)
Tipo Tasso
Fisso
TAEG
2,87%
Durata
20 anni
Costo totale
€ 64.468,89
Rata mensile
268,62€
Rata mensile
268,62€
Prodotto
Mutuo Giovani Consap Green
Finalità
Acquisto prima casa
Importo
€ 50.000
Tasso
2,65% (Tasso finito)
Tipo Tasso
Fisso
TAEG
2,87%
Durata
20 anni
Costo totale
€ 64.468,89
Rata mensile
268,62€
Rata mensile
270,84€
Prodotto
Offerta Mutuo Casa Green
Finalità
Acquisto prima casa
Importo
€ 50.000
Tasso
2,74% (Irs + 0,04%)
Tipo Tasso
Fisso
TAEG
3,21%
Durata
20 anni
Costo totale
€ 65.000,70
Rata mensile
270,84€
Rata mensile
271,36€
Prodotto
Mutuo CA Greenback Acquisto Green
Finalità
Acquisto prima casa
Importo
€ 50.000
Tasso
2,76% (Irs 20A + 0,00%)
Tipo Tasso
Fisso
TAEG
3,30%
Durata
20 anni
Costo totale
€ 65.125,17
Rata mensile
271,36€
Rata mensile
272,07€
Prodotto
Mutuo Tasso Fisso
Finalità
Acquisto prima casa
Importo
€ 50.000
Tasso
2,79% (Irs + 0,09%)
Tipo Tasso
Fisso
TAEG
3,56%
Durata
20 anni
Costo totale
€ 65.297,29
Rata mensile
272,07€

*Annuncio Promozionale, per tutte le informazioni relative a ciascun prodotto si prega di prendere visione di Informativa Trasparenza Mutui. Tutti i prodotti presenti sul comparatore sono da considerarsi assistiti da garanzia di ipoteca sull'immobile. Ti ricordiamo sempre di prendere visione delle Informazioni Generali sul Credito Immobiliare offerto ai consumatori nonché agli altri documenti di Trasparenza. Per verificare la soluzione adatta alle tue esigenze clicca su verifica fattibilità

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Mutuo Prima Casa

Confronta i nostri prodotti

Preventivo mutuo

Surroga Mutuo

Riduci la rata del mutuo

Preventivo surroga

Guide ai mutui

pubblicato il 6 giugno 2024
In quali casi la caparra va restituita e in quali no

In quali casi la caparra va restituita e in quali no

Quando si termina un contratto di locazione, il proprietario dell’immobile sa bene che la caparra va restituita all’inquilino. Tuttavia, esistono dei casi in cui questo non avviene.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968