Serve assistenza?
02 55 55 666

Direttiva case green: quali sono le deroghe?

30 giu 2023 | 2 min di lettura | Pubblicato da Marianna S.

Adobe Stock 391838660

Il Parlamento Europeo ha approvato il testo Direttiva Case Green, al fine di ridurre le emissioni di gas inquinanti, e il consumo di energia nel settore edile dell'UE entro il 2030. In base a quanto approvato, tutti gli immobili residenziali e non residenziali, dovranno essere portati entro il 2030 in classe energetica E, ed entro il 2033 in classe D. La classe energetica G, ovvero quella con la più bassa efficienza energetica, dovrà invece essere solo del 15%.

Scopri di più su Facile.it, leader nel confronto di prestiti online.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€
Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

Quanto costa il miglioramento?

Per quanto concerne gli interventi di miglioramento energetico, richiederanno mediamente circa 60.000€ per ogni edificio e dovranno essere effettuati al momento della ristrutturazione o della vendita dello stesso, seguendo quanto riportato dalla direttiva.

Gli edifici non inclusi nella direttiva

Alcune tipologie di immobili sono tuttavia esonerate dall'obbligo di ristrutturazione, per un totale di circa 4 milioni di edifici in Italia.

Tra queste vi sono:

  • abitazioni unifamiliari con superficie inferiore a 50 mq
  • seconde case che vengono utilizzate per meno di quattro mesi l’anno
  • immobili vincolati dai Beni Culturali
  • immobili decadenti situati nei centri storici
  • chiese e edifici di culto
  • edifici destinati a scopi di difesa nazionale

Ogni Stato può decidere

Esistono inoltre ulteriori deroghe per altre categorie di edifici, previste dagli Stati Membri, tra questi vi sono:

  • fabbricati temporanei non utilizzati per più di due anni
  • immobili destinati allo svolgimento di attività religiose
  • officine, depositi, siti industriali, edifici di servizio non residenziali, a basso fabbisogno energetico
  • edifici agricoli non residenziali utilizzati in settori disciplinati da accordi nazionali di settore sulla prestazione energetica
  • edifici residenziali utilizzati meno di 4 mesi l’anno o con un consumo energetico inferiore al 25% di quello annuo stimato
  • fabbricati indipendenti con superficie calpestabile totale non superiore ai 50 mq
  • stazioni di approvvigionamento infrastrutturale

Le regole della direttiva

Tutti gli altri edifici dovranno invece seguire le regole seguenti:

  • zero emissioni dal 2026 per i nuovi edifici pubblici
  • classe E/F entro il 2027 per gli edifici non residenziali/pubblici 
  • adeguamento alle tecnologie solari entro il 2028 per tutti i nuovi edifici
  • zero emissioni dal 2028 per i nuovi edifici residenziali
  • classe D/E entro il 2030 per gli edifici non residenziali/pubblici
  • classe E entro il 2030 per gli edifici residenziali
  • tecnologie solari entro il 2032 per le case in ristrutturazione
  • classe D entro il 2033 per gli edifici residenziali

Non sono comunque previste attualmente sanzioni per chi non si adegua alla Direttiva provvedendo alla ristrutturazione degli immobili, anche se il governo ha la possibilità di inserirle.

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Ultime notizie Prestiti

pubblicato il 23 febbraio 2024
Confronto tra prestiti casa per un finanziamento da 50.000€ a febbraio 2024

Confronto tra prestiti casa per un finanziamento da 50.000€ a febbraio 2024

Rinnovare lo spazio vitale o aggiungere un tocco di freschezza alla tua abitazione è sempre una gratificante avventura. Ma quando si tratta di finanziare progetti di arredamento o ristrutturazione, trovare il prestito giusto è fondamentale.
pubblicato il 26 febbraio 2024
TAN e TAEG dei prestiti on line a febbraio 2024

TAN e TAEG dei prestiti on line a febbraio 2024

Trovare il prestito più conveniente è semplice se si confrontano il Tan e il Taeg sui prestiti online. Oggi, ti mostriamo l’andamento di Tan e Taeg sui prestiti on line a febbraio 2024: scopriamo insieme se è il momento giusto per richiedere un prestito e qual è il più economico.
pubblicato il 16 febbraio 2024
Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Il Decreto Superbonus ha assunto una forma definitiva con poche possibilità di modifiche. Tuttavia, le misure di protezione per i controlli fiscali si sono rivelate limitate, mettendo in difficoltà coloro che hanno scelto una deduzione parziale dall'IRPEF.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Il prestito online Agos più conveniente a febbraio 2024

Il prestito online Agos più conveniente a febbraio 2024

Hai bisogno di un prestito? Puoi valutare l’opportunità di richiedere uno dei prestiti online Agos. Prima però devi scoprire se Agos conviene, se Prestito Agos è flessibile e quali sono i vantaggi.

Guide ai prestiti

pubblicato il 30 marzo 2023
Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Hai già richiesto una cessione del quinto ma hai bisogno di più liquidità? C'è una soluzione per raddoppiare la somma che puoi richiedere, ed è la cessione del doppio quinto!
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Ti sarà capitato sempre più spesso di trovare la dicitura pagamento dilazionato in tantissime attività commerciali e negli e-commerce online. Questo tipo di opzione consente la suddivisione in piccole parti dell'interno importo da pagare, metodo che comunemente viene conosciuto come pagamento a rate. Quest'ultime potrebbero essere soggette a tassi di interesse e tale caratteristica dipende da dove viene acquistato il bene o dalla società che offre la possibilità di dilazionare il pagamento. Nel caso di dilazione a tasso zero, il totale da pagare sarà uguale a quello del valore del prodotto acquistato. Nel caso opposto, ovvero con percentuale di tasso, la somma finale corrisponderà al prezzo del bene più la percentuale stabilita al momento dell'acquisto. Vediamo tutto quello che devi sapere su questo argomento e come funziona la dilazione del pagamento.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.
pubblicato il 22 giugno 2021
Reverse factoring: cos'è e come funziona

Reverse factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è e come funziona il Reverse factoring, quali sono i benefici che apporta alle aziende di una filiera produttiva e i costi che comporta.
pubblicato il 22 giugno 2021
Maturity factoring: cos'è e come funziona

Maturity factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è il Maturity factoring, come funziona e quali sono i vantaggi e i costi per chi ne beneficia. Ecco tutto quello che bisogna sapere al riguardo.
pubblicato il 16 giugno 2021
Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Il merito creditizio è una misura essenziale per richiedere qualsiasi tipo di finanziamento bancario. Ecco di cosa si tratta e quali requisiti occorrono per poterlo attivare a proprio vantaggio.
pubblicato il 16 dicembre 2020
Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cosa succede in caso ci sia un pignoramento con cessione del quinto in atto? E a quanto equivale la quota massima pignorabile di uno stipendio oppure di una pensione? Scopriamolo insieme in questo approfondimento.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968