Serve assistenza?
02 2110 0192

Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

prestiti_guide_troppi_debiti

Le 3 cose da sapere:

  1. 1

    Esistono 3 soluzioni per uscirne: Saldo e stralcio, Legge 3 e consolidamento debiti

    1

    Esistono 3 soluzioni per uscirne: Saldo e stralcio, Legge 3 e consolidamento debiti

  2. 2

    Le conseguenze del sovraindebitamento possono arrivare fino al pignoramento.

    2

    Le conseguenze del sovraindebitamento possono arrivare fino al pignoramento.

  3. 3

    Equitalia o lo Stato Italiano non possono comunque pignorare la prima casa.

    3

    Equitalia o lo Stato Italiano non possono comunque pignorare la prima casa.

Cosa fare se si hanno troppi debiti? Si tratta di una delle condizioni meno piacevoli in cui trovarsi. Anche se la situazione sembra terribilmente dura, esistono alcune soluzioni che possono aiutarti a ritrovare il sorriso e la tranquillità ed estinguere i debiti nel corso del tempo.

Se non riesci a a pagare i debiti e ti senti sopraffatto dalle rate, sappi infatti che puoi optare per il consolidamento debiti, il saldo e stralcio, oppure ricorrere alla legge 3/2012.

Sommario

Quali sono le conseguenze dell'avere troppi debiti?

In primo luogo, è bene comprendere quali sono le conseguenze che si devono affrontare se si devono pagare troppi debiti.

Si è aggrediti dal recupero crediti

La prima conseguenza che si deve affrontare è quella di ricevere degli attacchi e le aggressioni delle agenzie di recupero crediti. Si tratta di particolari agenzie che hanno il compito di riscuotere i debiti dalle persone che ne hanno accumulati troppi e che non riescono a pagare.

Queste agenzie diventano sempre più pressanti per ottenere i crediti dovuti verso i creditori, fino ad essere quasi persecutorie. Questa è soltanto la prima conseguenza che occorre affrontare se non si riescono a pagare i propri debiti. Ci sono altre conseguenze che possono realmente danneggiare la propria reputazione e rendere impossibile ottenere un'agevolazione finanziaria per la propria persona o la propria attività.

La segnalazione al CRIF

La seconda conseguenza di chi ha troppi debiti è la segnalazione al CRIF, una delle banche dati finanziarie più importanti e conosciute. Queste banche dati sono consultate da tutte le banche nazionali ed internazionali, e sono depositarie sia delle note di merito (pagamenti sempre puntuali e debiti sempre saldati) che di demerito delle persone. Sono il registro della vita finanziaria di ognuno di noi.

Comunemente, chi viene segnalato al CRIF per un mancato pagamento viene etichettato come cattivo pagatore, ed è molto improbabile che le banche eroghino nuovi finanziamenti o nuovi prestiti a questa persona.

Uscire dalle segnalazioni e vedere i propri dati cancellati da CRIF non è semplice, ed esistono iter ad hoc anche grazie alle sentenze della Corte di Cassazione.

Decreto ingiuntivo e pignoramento

La terza conseguenza può essere quella del decreto ingiuntivo e del conseguente pignoramento di beni. Prima di tutto: è importante che tu sappia che non si arriva al pignoramento in un attimo. È un processo estremamente delicato e lungo, e occorre diverso tempo prima di arrivare qui. Infatti, prima che questo venga effettuato, il debitore viene avvisato del possibile pignoramento prossimo.

Tuttavia, è sempre possibile che i creditori si vedano reso possibile il pignoramento del quinto dello stipendio o della pensione, o dei beni immobili come la casa.

Cosa fare se il creditore è lo Stato?

Se il creditore è lo Stato e si deve ripagare un debito verso di esso, invece, il debitore non viene avvisato del pignoramento, che viene direttamente effettuato sul conto corrente o su altre fonti di reddito, e può mettere un fermo amministrativo sui mezzi di trasporto come l'auto.

È anche importante sapere che, in ogni caso, l'Agenzia delle Entrate NON può pignorare la prima casa.

Oltre a ciò, è anche bene dire che scappare all'estero non servirebbe a nulla, perché i pignoramenti dello Stato Italiano sono comunque attivi in territorio internazionale.

Le soluzioni: Consolidamento debiti, Legge 3 e Saldo e Stralcio

Dopo aver visto le conseguenze, è ora di vedere le soluzioni per il debitore: consolidamento debiti, Legge 3/2012 e Saldo e Stralcio.

Il consolidamento del debito

Il consolidamento è una soluzione offerta dalle banche che permette al creditore di sostituire tutti i debiti esistenti con uno solo.
In parole semplici, la banca con cui si è sottoscritto il contratto di consolidamento debiti si occupa di saldare tutti i debiti esistenti, e di assumersi l'intero carico del debito.
Il debitore, quindi, pagherà una sola rata mensile e non più diverse.

I vantaggi per il debitore sono diversi: infatti, con il consolidamento, la rata mensile è spesso più bassa della somma delle rate precedenti, e soprattutto può essere restituito anche in un periodo di tempo veramente lungo, fino a 10 anni.

Rata mensile
200,07€
Finanziaria:
Younited Credit
Prodotto:
Prestito Personale
TAN Fisso:
6,08%
TAEG:
7,69%
Durata finanziamento:
60 mesi
Importo finanziato:
€ 10.329,51
Totale dovuto:
€ 12.004,20
Rata mensile
200,07€
Rata mensile
200,41€
Finanziaria:
Agos
Prodotto:
Prestito Personale
TAN Fisso:
6,89%
TAEG:
8,50%
Durata finanziamento:
60 mesi
Importo finanziato:
€ 10.191,00
Totale dovuto:
€ 12.213,60
Rata mensile
200,41€
Rata mensile
204,50€
Finanziaria:
Findomestic
Prodotto:
Prestito Personale Flessibile Consolidamento
TAN Fisso:
8,36%
TAEG:
8,68%
Durata finanziamento:
60 mesi
Importo finanziato:
€ 10.000,00
Totale dovuto:
€ 12.270,00
Rata mensile
204,50€

*Annuncio Promozionale , per tutte le informazioni relative a ciascun prodotto si prega di prendere visione di Informativa Trasparenza Prestiti. Tutti i prodotti presenti sul comparatore sono da considerarsi assistiti da garanzia di ipoteca sull'immobile. Ti ricordiamo sempre di prendere visione delle Informazioni Generali sul Credito Immobiliare offerto ai consumatori nonché agli altri documenti di Trasparenza. Per verificare la soluzione adatta alle tue esigenze clicca su verifica fattibilità

La Legge 3 / 2012

La legge 3/2012 nasce proprio per sanare le situazioni di debito eccessivo e di sovraindebitamento. Si parla di sovraindebitamento quando una persona non riesce a saldare i debiti contratti con le proprie disponibilità economiche.

Questa legge si rivolge a dipendenti, professionisti, pensionati, aziende agricole e piccoli imprenditori. Viene redatto un piano di rientro del debito che prevede pagamenti dilazionati sulla base della situazione economica della persona coinvolta, lasciando una somma adeguata per garantire una vita dignitosa.

Il debito che non può essere pagato alla fine della procedura viene cancellato. Questa procedura è particolarmente utile per coloro che hanno cumulato troppi debiti con numerosi creditori. Inoltre, è importante sottolineare che la presentazione della procedura di sovraindebitamento blocca le azioni esecutive in atto, come pignoramenti o aste.

Saldo e stralcio

Il saldo e stralcio è un accordo tra un creditore e un debitore in cui il debitore paga una somma di denaro inferiore al totale del debito dovuto al creditore, in cambio del quale il creditore accetta di considerare il debito saldato e di non perseguire ulteriormente il debitore per il pagamento del saldo residuo.

In sostanza, chi deve avere i soldi recupera quello che può, mentre chi deve pagare paga meno di quanto dovrebbe.

Il saldo e stralcio non prevede un'accordo legale, ma un semplice accordo scritto tra le parti.

Nella quietanza liberatoria deve essere esplicitamente scritto che il creditore rinuncia ad incassare il debito residuale.

Il saldo e stralcio è spesso utilizzato quando il debitore è in difficoltà finanziarie e non è in grado di pagare l'intero importo del debito. Il creditore può decidere di accettare un pagamento parziale in modo da recuperare almeno una parte del debito, invece di non ricevere nulla.

Il saldo e stralcio può avere effetti negativi sulla credit history del debitore, poiché viene considerato un rimborso parziale del debito anziché il pagamento dell'importo completo. Tuttavia, può anche aiutare il debitore a liberarsi del debito e a riprendere il controllo delle sue finanze.

Il saldo e stralcio non si può applicare con lo Stato Italiano, con Equitalia o con l'Agenzia delle Entrate.

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Guide ai prestiti

pubblicato il 6 giugno 2024
Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

La ristrutturazione del debito è un accordo tra creditore e debitore, volto a modificare i termini previsti quando ci si è accordati per l'erogazione del prestito. Vediamo come funziona.
pubblicato il 5 giugno 2024
Come funziona il bonus mobili

Come funziona il bonus mobili

Il bonus mobili consiste in una detrazione Irpef, ma per quali acquisti si può richiedere? Scopriamolo in questa guida.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.
pubblicato il 22 giugno 2021
Reverse factoring: cos'è e come funziona

Reverse factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è e come funziona il Reverse factoring, quali sono i benefici che apporta alle aziende di una filiera produttiva e i costi che comporta.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968