Serve assistenza?
02 55 55 5

Quando e perché la banca può rifiutare la surroga mutuo

mutui news quando e perche la banca puo rifiutare la surroga mutuo

Il 1° Luglio, l’Eurirs a 10 anni era in terreno negativo (-0,13), mentre a 20 anni e a 30 anni valeva rispettivamente 0,12 e 0,08.

Alla stessa data, i valori dell’Euribor erano pari a -0.51 (1 mese), -0,42 (2 mesi), 0,30 (6 mesi), -023 (12 mesi). Ricordiamo che l’Eurirs è il parametro su cui si calcola il tasso d’interesse fisso applicato a un mutuo, mentre l’Euribor serve per determinare il variabile.

Surroga: abbassa la rata
Surroga: abbassa la rata

Le previsioni per il 2021

Considerando che, secondo gli analisti, per tutto il 2020 e facilmente anche per il 2021, i valori dovrebbero rimanere pressoché stabili, ne consegue che i tassi d’interesse sui mutui resteranno appetibili ancora per un bel po’ di tempo. Contrarre un mutuo adesso è conveniente, così come sono vantaggiose le operazioni di surroga che, non a caso, nel primo trimestre di quest’anno sono state circa il 65% delle nuove erogazioni.

La procedura

Quando si vuole surrogare, la banca che ha erogato il mutuo in origine non può opporre alcun rifiuto, ma la banca presso la quale si intende trasferire il mutuo sì. Prima di procedere con una richiesta di surroga è perciò consigliabile valutare alcuni elementi che potrebbero pregiudicare il buon esito dell’operazione.

I possibili motivi del rifiuto

Per non rischiare di vedere respinta la domanda di ‘rottamazione’ del vecchio mutuo, ecco di cosa si deve tenere conto prima di presentare una richiesta di surroga:

  • solitamente le banche non accettano la surroga se l’ammontare del finanziamento è meno di 50mila euro. Dunque, se il debito residuo relativo al vecchio mutuo, cioè pari al nuovo prestito che si vuole trasferire, è inferiore a questo importo, è molto probabile che la richiesta venga respinta. Questo perché se la somma è bassa, anche gli interessi sono minori. Di conseguenza la banca potrebbe giudicare non abbastanza remunerativa l’operazione;
  • se la situazione reddituale del titolare del mutuo è cambiata. Ad esempio, un nuovo lavoro e un stipendio più basso del precedente, tanto da non poter garantire la solvibilità alla banca. Oppure se, a causa di nuovi debiti o nuove spese fisse che gravano sul nucleo familiare, il rapporto tra reddito e rata è cambiato con il risultato che le uscite mensili superano un terzo del reddito, che è la condizione minima per ottenere un prestito;
  • verificare di aver saldato puntualmente le rate precedenti o che non ce ne siano di scadute. Nel caso, la nuova banca potrebbe valutare di aver di fronte un cattivo pagatore e respingere perciò la richiesta;
  • deprezzamento dell’immobile tale da non rappresentare più una garanzia sufficiente per la banca;
  • se mancano pochi anni all’estinzione del mutuo, la nuova banca potrebbe ritenere i ricavi ottenuti con la surroga non adeguati a coprire i costi sostenuti per l’accensione del nuovo mutuo. La legge prevede infatti che l’operazione di surroga sia a costo zero per i cliente, mentre la banca deve sostenere tutte le spese necessarie. Come, ad esempio, le tasse, le spese di gestione e i costi del notaio.

*Annuncio Promozionale, per tutte le informazioni relative a ciascun prodotto si prega di prendere visione di Informativa Trasparenza Mutui. Tutti i prodotti presenti sul comparatore sono da considerarsi assistiti da garanzia di ipoteca sull'immobile. Ti ricordiamo sempre di prendere visione delle Informazioni Generali sul Credito Immobiliare offerto ai consumatori nonché agli altri documenti di Trasparenza. Per verificare la soluzione adatta alle tue esigenze clicca su verifica fattibilità

Pubblicato da Castiglia Masella il 12 luglio 2020

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Mutuo Prima Casa

Confronta i nostri prodotti

Calcola rata mutuo

Guide ai mutui

© 2022 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968