Serve assistenza?
02 55 55 222

Fusione banche: cosa succede a mutui e prestiti?

mutui guide fusione banche cosa succede a mutui e prestiti
Le 3 cose da sapere:
  1. 1

    Le fusioni bancarie si basano su accordi assunti dalle direzioni degli azionisti.

  2. 2

    L'obiettivo è semplificare la gestione con più risultati, a partire dall'aumento dei profitti.

  3. 3

    Una volta conclusa la fusione il mutuo o il prestito verrà trasferito presso il nuovo istituto.

Il panorama bancario nazionale ha subìto dei profondi cambiamenti negli ultimi anni, specialmente a seguito delle fusioni. A differenza di quello che si potrebbe pensare, l'unione non può interessare solo due banche, ma spesso coinvolge più istituti di credito.

Indipendentemente dal numero delle società che partecipano, la fusione darà vita ad una sola entità bancaria che potrà avere anche un nuovo nome o mantenere la denominazione originaria di una delle banche coinvolte.

Mutuo casa: trova il migliore
Mutuo casa: trova il migliore

Sommario

A cosa servono le fusioni bancarie

Le fusioni bancarie in genere si basano su precisi accordi assunti dalle direzioni degli azionisti. Dall'operazione, tuttavia, possono derivare anche degli svantaggi, come ad esempio la perdita di posti di lavoro. I clienti possono inoltre notare alcune modifiche per ciò che riguarda le politiche bancarie, anche se il più delle volte è consentito utilizzare lo stesso numero di conto. Così facendo si evitano lungaggini e altre difficoltà organizzative.

Quando le banche decidono di partecipare alla fusione cercano sempre di raggiungere alcuni obiettivi che portano tutta una serie di miglioramenti, a partire dall'aumento dei profitti. Non sempre, tuttavia, l'accorpamento fra gli istituti di credito ha generato ciò, ma tante volte si è rivelato disastroso. In genere la fusione ha successo solo quando riesce davvero a semplificare la gestione.

Quali sono le conseguenze di questa operazione? I correntisti temono soprattutto per le sorti di mutui e prestiti, quindi in merito alla validità e alla scadenza dei contratti di finanziamento.

Le condizioni economiche dei miei finanziamenti cambiano?

Una volta conclusa la fusione, i mutui e i prestiti dei clienti restano validi fino alla scadenza fissata nel contratto originario. Gli addebiti delle rate saranno trasferiti in maniera automatica sul nuovo codice IBAN. In ogni caso i clienti riceveranno una lettera informativa che riporta tutte le condizioni, oltre che il numero del finanziamento. Verranno inoltre specificati gli aspetti relativi alla quietanza della rata e quelli legati al riepilogo annuale.

L'aspetto più importante è quello che interessa le clausole economiche dei prestiti e dei mutui. Sul punto è bene sapere che tali condizioni restano del tutto invariate: i prodotti sottoscritti non cambiano, pertanto i clienti potranno continuare a rimborsare la somma ricevuta secondo le medesime modalità originarie.

Volendo si può anche continuare ad utilizzare l'apertura credito concessa prima della fusione. Anche in questa ipotesi le condizioni rimangono quelle concordate a suo tempo, salvo quanto comunicato con una specifica lettera che riporta le modifiche unilaterali.

Cosa succede alle richieste di mutui o prestiti in corso?

Molti clienti si domandano invece cosa accade quando viene inoltrata una richiesta di mutuo o prestito durante la fase della fusione. Se la domanda non è stata ancora accettata solitamente verrà ritirata. A questo punto sarà possibile presentare una seconda istanza presso il nuovo organismo bancario nato dalla fusione.

Una volta conclusa la fusione il mutuo o il prestito verranno trasferiti presso il nuovo istituto. La data, così come la modalità di addebito delle rate, non subisce alcun tipo di variazione. I correntisti si troveranno così clienti di una nuova banca a per questo potrebbero ricevere un diverso numero di IBAN. Solo nel caso in cui la banca coinvolta venga a tutti gli effetti ceduta all’altro istituto, cambieranno anche le carte di credito, il libretto degli assegni e i consulenti finanziari di riferimento.

La fusione, che genera il passaggio dei conti al nuovo organismo, non implica quindi conseguenze importanti per chi già rimborsa un prestito o un finanziamento. I singoli correntisti, invece, potrebbero riscontrare delle condizioni meno vantaggiose rispetto a quelle originarie, visto che l'operazione finanziaria determina un cambiamento di carte e bancomat. Vale dunque la pena di valutare attentamente se è il caso o meno di cambiare banca, ovvero di cercare prodotti migliori.

Le variazioni, per poter essere valide, devono essere apportate nel rispetto di tutta una serie di condizioni previste dalla legge. Per prima cosa dovrà essere inoltrata a ciascun cliente una lettera informativa, cioè una comunicazione cartacea o comunque attraverso l'home banking, in modo da specificare in maniera dettagliata le eventuali modifiche contrattuali.

Queste variazioni, con un preavviso di almeno 60 giorni, devono essere supportate da un motivo giustificato, perché altrimenti non saranno valide. Entro il termine di preavviso il correntista avrà la possibilità di recedere dal contratto senza con questo subire alcuna penalità.

A cambiare non sono solo le condizioni contrattuali ma anche tutta una serie di informazioni, come ad esempio il nome dei prodotti finanziari e i numeri utili.

Cosa cambia per modalità e tempi di pagamento delle rate

Ad avvenuta fusione, come specificato, mutui e prestiti continuano a restare in vita, così come era stato concordato sul contratto originario, oltre che alle medesime condizioni per ciò che riguarda la data e le modalità di rimborso. Eventuali variazioni sono sempre comunicate per iscritto dalla nuova banca ai singoli clienti, i quali hanno due mesi di tempo per poter recedere senza penali e trasferire il conto presso altro istituto.

Per questo si consiglia di controllare sempre con molta attenzione le nuove clausole, magari comparandole con quelle proposte da altri istituti di credito, così da compiere una scelta consapevole. Intanto le condizioni che interessano i mutui o i prestiti si mantengono sempre le stesse, per cui non ci sono ragioni particolari per preoccuparsi.

I piani di ammortamento sono infatti identici: questo vuol dire che il rimborso proseguirà come sempre, alla data prevista dal contratto originariamente sottoscritto con la precedente banca. Nessuna modifica anche per quanto riguarda l'entità della rata e gli interessi applicati.

Cosa succede in caso di moratoria sul prestito o sul mutuo in corso

I piani di ammortamento di mutui e prestiti non cambieranno nemmeno quando in corso c'è una moratoria, ossia una sospensione del pagamento delle rate relativamente alla quota capitale che è possibile richiedere in periodi di difficoltà.

In un periodo storico in cui le fusioni bancarie sono via via più frequenti e interessano anche grandi istituti, tuttavia, se il pagamento delle rate del mutuo inizia a diventare sempre meno sostenibile potrebbe essere utile valutare un’operazione di surroga del mutuo, che permette di sostituire il proprio finanziamento con un altro a condizioni più vantaggiose presso un diverso istituto bancario.

Allo stesso modo, considerando il crescente fenomeno di concentrazione del sistema bancario, se si è in procinto di richiedere un finanziamento per la prima volta è opportuno valutare al meglio le proposte dei vari istituti tramite una simulazione del mutuo per sottoscrivere un’offerta vantaggiosa che un domani potrebbe non essere più disponibile.

Surroga: abbassa la rata

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Mutuo Prima Casa

Confronta i nostri prodotti

Preventivo mutuo

Surroga Mutuo

Riduci la rata del mutuo

Preventivo surroga

Guide ai mutui

pubblicato il 2 gennaio 2024
Mutuo under 36: guida completa 2024

Mutuo under 36: guida completa 2024

Le agevolazioni per i mutui under 36 subiranno importanti cambiamenti nel 2024. Ecco tutto ciò che c'è da sapere per i giovani che vogliono richiederlo quest'anno.
pubblicato il 20 giugno 2023
Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Comprare casa dai genitori o dai parenti (e perché è difficile!)

Cosa potrebbe succedere se un figlio volesse comprare la casa dei genitori o di altri parenti in generale? Questa cosa è permessa, ma non sempre le banche sono disposte ad offrire questo tipo di mutuo. Vediamo perché!
pubblicato il 13 febbraio 2023
Bonus Ristrutturazione 2023: tutte le informazioni

Bonus Ristrutturazione 2023: tutte le informazioni

Scopri di più sul bonus ristrutturazione 2023 e sugli sgravi fiscali concessi!
pubblicato il 15 dicembre 2022
Cos'è un mutuo e come funziona

Cos'è un mutuo e come funziona

Il mutuo è un prestito a lungo termine in cui un parte concede in prestito una somma di denaro ad un'altra. Vediamo come funziona e quali sono le sue caratteristiche.
pubblicato il 24 ottobre 2022
Mutuo cointestato: come funziona?

Mutuo cointestato: come funziona?

Il mutuo cointestato è un mutuo in cui due o più soggetti sottoscrivono lo stesso finanziamento e si impegnano congiuntamente a rimborsare l'importo delle rate. Il vantaggio principale di questa formula risiede nel fatto che le banche hanno una duplice garanzia di solvibilità e, in caso di mancato pagamento da parte di uno dei due debitori, possono rivalersi sull'altro per richiedere l'intero importo dovuto.
pubblicato il 28 giugno 2022
Trasloco a Roma: prezzi medi e consigli

Trasloco a Roma: prezzi medi e consigli

Vivere a Roma offre molte opportunità. Tuttavia, traslocare in questa capitale ricca di storia potrebbe non essere semplice; ecco allora una piccola guida su come fare il trasloco a Roma.
pubblicato il 28 giugno 2022
Trasloco a Milano: costi e consigli

Trasloco a Milano: costi e consigli

Milano è una città vivace e alla moda, fulcro di eventi mondani ma anche lavorativi. Non è raro che, per lavoro, ci sia la necessità di spostarsi nel capoluogo lombardo. Ma come fare il trasloco a Milano? Ecco qualche consiglio.
pubblicato il 28 giugno 2022
Come organizzare un trasloco

Come organizzare un trasloco

Organizzare un trasloco può essere sempre molto difficile. Vuoi scoprire come fare? Allora continua a leggere l'articolo e segui tutti i consigli per trasferirti in totale serenità.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968