Serve assistenza?
02 2110 0192

Prestiti: gli obblighi degli eredi se muore il titolare

29 giu 2021 | 3 min di lettura | Pubblicato da Castiglia M.

prestiti_expert_speaks_prestiti_obblighi_eredi_se_muore_il_titolare

Cosa succede se il titolare di un prestito muore prima di aver estinto il debito? A chi spetta l’onere di rimborsare le rate al soggetto che ha erogato il finanziamento?

Secondo quanto previsto dal Codice civile gli eredi, oltre che venire in possesso dei beni del defunto, sono anche tenuti ad accollarsi i debiti lasciati, a meno che non rinuncino all’eredità.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

Accettazione con beneficio di inventario

Decidere di rinunciare all’eredità è una scelta che va ponderata molto bene. Soprattutto sotto il profilo della convenienza. Come fare? Una delle modalità consiste nel fare ricorso all‘accettazione dell’eredità con beneficio di inventario.

Si tratta di un atto, disciplinato dall’art. 490 del Codice civile, che permette di fare un vero e proprio inventario del patrimonio del defunto, separandolo dai beni dell’erede. In questo modo, i creditori, e quindi anche la banca che ha erogato il prestito, possono rivalersi esclusivamente sui beni della persona deceduta ma non su quelli dell’erede.

Come funzionano le coperture assicurative

Quando si stipula un tradizionale prestito, vengono proposte delle polizze assicurative che, benché facoltative, possono essere utili a sollevare gli eredi dal pagamento del debito se, malauguratamente, il titolare dovesse morire prima della scadenza naturale del finanziamento. Il rimborso delle rate residue, infatti, è in tal caso a carico dell’assicurazione.

Tali polizze, chiamate Cpi (Credit protection insurance), intervengono nel pagamento delle rate residue se durante il rimborso si verificano eventi come ad esempio:

  • decesso del titolare del finanziamento;
  • perdita del posto di lavoro;
  • invalidità totale permanente;
  • invalidità temporanea al lavoro.

Quando si stipula una polizza di questo tipo, l’assicurando è tenuto a compilare un’autocertificazione che attesti il suo stato di salute. In caso di prestiti di una certa entità (generalmente superiori a 50mila euro) o se il titolare del prestito è avanti con l’età, è invece necessario che la medesima attestazione venga presentata tramite un certificato medico.

Come scegliere la polizza assicurativa più conveniente

Le polizze assicurative hanno un costo talvolta non trascurabile. Perciò prima di firmare qualsiasi contratto, oltre che verificare nel dettaglio le reali coperture, è bene valutare quale sia la polizza più conveniente a parità di garanzie. Per farlo, poiché il costo della polizza è parte del costo complessivo del prestito, l’indicatore che va confrontato tra i diversi preventivi di finanziamento è il Taeg, cioè il Tasso annuo effettivo globale che esprime in percentuale il costo reale del prestito, comprensivo dei tassi di interesse e di tutte le altre spese e oneri accessori.

Quali casi sono esclusi dalla copertura assicurativa

In caso di morte del titolare del finanziamento, ci sono alcuni rischi che sono esclusi dalla copertura assicurativa. Come:

  • il suicidio dell’assicurato durante i primi 24 mesi dalla data di stipula del contratto;
  • la presenza di gravi criticità cliniche non dichiarate dall’assicurato nell’autocertificazione richiesta, come, ad esempio, tumori o gravi malattie;
  • se la morte avviene a causa di fatti dolosi ai quali l’assicurato ha preso parte.

Se il prestito consiste nella cessione del quinto

Se il titolare di un finanziamento tramite cessione del quinto muore prima di aver estinto il debito, gli eredi non dovranno pagare alcunché. Questo perché un prestito tramite cessione del quinto prevede per legge che venga stipulata una polizza rischio vita.

La cessione del quinto è un prestito che viene rimborsato con una trattenuta effettuata direttamente dallo stipendio o dalla pensione per una quota pari al 20% e richiede, obbligatoriamente, la stipula di una polizza rischio vita e rischio perdita del lavoro.

Autore
castiglia-masella

Giornalista professionista, collabora da diversi anni con il Sole 24 Ore (Casa24Plus, Mondo Immobiliare). In passato ha lavorato, tra gli altri, per Tempo Economico e Tgcom.

Ultime notizie Prestiti

pubblicato il 12 luglio 2024
Calcolo del prestito Agos a luglio 2024

Calcolo del prestito Agos a luglio 2024

Scopri i prestiti Agos disponibili a luglio 2024. Confronta su Facile.it le migliori offerte di finanziamento per soddisfare le tue esigenze economiche, approfittando di tassi vantaggiosi e condizioni flessibili. Trova il prestito giusto per te in pochi semplici passaggi.
pubblicato il 10 luglio 2024
TAN e TAEG dei prestiti on line a luglio 2024

TAN e TAEG dei prestiti on line a luglio 2024

Hai bisogno di un prestito? Scopri l’andamento del TAN e del TAEG sui prestiti online con Facile.it. Qui trovi il TAN e TAEG medio sui prestiti online di luglio 2024, per aiutarti a fare la scelta migliore.
pubblicato il 8 luglio 2024
Confronto tra finanziamenti auto a luglio 2024

Confronto tra finanziamenti auto a luglio 2024

Scopri i migliori prestiti auto di luglio 2024 su Facile.it. Confronta le offerte delle principali banche e finanziarie, e trova il finanziamento più vantaggioso e con il tasso d'interesse più conveniente per l'acquisto della tua nuova auto.

Guide ai prestiti

pubblicato il 6 giugno 2024
Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

La ristrutturazione del debito è un accordo tra creditore e debitore, volto a modificare i termini previsti quando ci si è accordati per l'erogazione del prestito. Vediamo come funziona.
pubblicato il 5 giugno 2024
Come funziona il bonus mobili

Come funziona il bonus mobili

Il bonus mobili consiste in una detrazione Irpef, ma per quali acquisti si può richiedere? Scopriamolo in questa guida.
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968