02 55 55 666 Lun-Sab 9.00-21.00

Cosa sono e come funzionano i prestiti infruttiferi

I prestiti infruttiferi sono finanziamenti che avvengono tra privati: amici, conoscenti, parenti oppure colleghi e soci di lavoro. Insomma, tra persone che si conoscono. Si chiamano così perché non prevedono l’applicazione di alcun tasso di interesse e, pertanto, sono appunto infruttiferi. Ad esempio, se un amico vi presta 1.000 euro, dovrete rimborsare solo 1.000 euro, senza alcuna maggiorazione che determini un profitto per il finanziatore.

Caratteristiche del prestito infruttifero

Le somme erogate tramite prestito infruttifero sono solitamente di piccola entità e occasionali. Il rimborso può avvenire in un’unica soluzione oppure a rate, a seconda degli accordi presi inizialmente dalle due parti. Al contrario, è vietato prestare soldi agli sconosciuti oppure con regolare periodicità.
Il Fisco potrebbe insospettirsi e avviare degli accertamenti per verificare l’eventuale esistenza di pratiche usurarie o finalizzate al riciclaggio di denaro sporco.
In poche parole, l’Agenzia delle Entrate potrebbe pensare di trovarsi di fronte a veri e propri reati come:

  • la violazione delle norme antiriciclaggio;

  • la classificazione del finanziamento come usurario.

Inoltre, se nella causale non si specifica chiaramente che il prestito è infruttifero, il Fisco potrebbe ipotizzare che il finanziatore tragga un profitto dall’operazione e, a quel punto, si può rischiare una sanzione per non aver dichiarato il guadagno e, di conseguenza, non aver pagato le rispettive tasse.

Tipologie di prestito infruttifero

Per tutelarsi, evitando gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate e l’accusa di aver commesso reati penali, come usura e riciclaggio di denaro, basta rispettare alcune regole che variano, seppur di poco, in base alla tipologia del prestito infruttifero.

Questo tipo di finanziamento si suddivide infatti in quattro categorie:

  • con scrittura privata;

  • con causale di bonifico;

  • garantito da cambiali;

  • epistolare.

Prestito infruttifero con scrittura privata

Questa modalità prevede un contratto scritto tra chi eroga il finanziamento e chi lo riceve, cosa che consente di tutelarsi nei confronti del Fisco. In caso di accertamenti, è sufficiente esibire il contratto per dimostrare che l’operazione è stata fatta nel rispetto delle regole.

Nella scrittura privata vanno specificati:

  • i nomi di chi presta e di chi eroga il denaro, insieme ai relativi dati anagrafici;

  • l’importo finanziato;

  • la modalità di rimborso (se a rate o in un’unica soluzione);

  • la durata complessiva del rimborso;

  • la dicitura che il prestito è infruttifero, cioè privo di interessi;

  • la data, che deve essere validata da un terzo soggetto. Ad esempio: un timbro postale.

Ricordiamo poi che è opportuno registrare la scrittura privata presso l’Agenzia delle Entrate, soprattutto se l’importo prestato è consistente.

In tal caso sono previste due imposte:


  • l’imposta di registro pari al 3% della somma prestata, da versare entro 20 giorni dalla data di stipula della scrittura;

  • l’imposta di bollo pari a 16 euro per ogni quattro facciate del contratto.


Nella scrittura va inclusa infine la dicitura "contratto di finanziamento redatto secondo le norme dell’art 1813 del codice civile e seguenti", indicando la presenza di eventuali garanzie e la finalità del prestito.

Con causale di bonifico

Se il trasferimento del denaro e la sua restituzione avviene tramite bonifico bancario, si consiglia di specificare nella causale che si tratta di un prestito infruttifero, indicando anche il motivo del finanziamento, cioè la finalità.
Ad esempio l’acquisto di un’auto o di un elettrodomestico.
Il bonifico è uno strumento tracciabile e, di conseguenza, utile a garantire sia il finanziatore, sia il debitore.

Garantito da cambiali

Il prestito infruttifero garantito da cambiali tutela il creditore ed è a tutti gli effetti uno strumento utile a risarcire il finanziatore in caso di inadempienze. Se infatti il debitore non paga, il creditore può chiedere l’esecuzione forzata per tornare in possesso della somma prestata. Anche questa tipologia richiede il pagamento di un’imposta di bollo pari al 12 per mille dell’importo della cambiale.
 

Prestito infruttifero epistolare

In questo caso, il prestito infruttifero viene gestito per corrispondenza. Il contratto che regola il finanziamento deve essere redatto per iscritto da una delle due parti e inviato per posta all’altra parte interessata. Quest’ultima deve firmare e rispedire tutto al mittente. La registrazione non è obbligatoria e di conseguenza non si devono pagare imposte.
 

Se il debitore non paga

In caso di insolvenza da parte del debitore nei tempi e nelle modalità concordate, il creditore ha il diritto di rivolgersi al Giudice per ottenere un decreto ingiuntivo. Se dopo 40 giorni il debitore non rimborsa (e non si oppone), si può arrivare all’esecuzione forzata.

pubblicato da il 9 giugno 2021

Autore

Foto Autore

Giornalista professionista, collabora da diversi anni con il Sole 24 Ore (Casa24Plus, Mondo Immobiliare). In passato ha lavorato, tra gli altri, per Tempo Economico e Tgcom.

Ultime notizie Prestiti

News Prestiti

Guide ai prestiti

  • Ritardato o mancato pagamento di una o più rate del prestito

    Ritardato o mancato pagamento di una o più rate del prestito

    Cosa succede in caso di mancato o ritardato...

  • La documentazione necessaria per ottenere un prestito

    La documentazione necessaria per ottenere un prestito

    Per ottenere un prestito sono necessari diversi...

  • Prestiti: 5 regole per scegliere il migliore

    Prestiti: 5 regole per scegliere il migliore

    Oggi l’offerta di prestiti di banche e...

Guide Prestiti

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

Banche e finanziarie

RECUPERO PREVENTIVI

Accedi con la tua email

Riceverai un’email che ti permetterà di fare accesso e di visualizzare i tuoi preventivi.

Accedi