Serve assistenza?
02 2110 0192

Cosa sono e come funzionano i prestiti infruttiferi

9 giu 2021 | 4 min di lettura | Pubblicato da Castiglia M.

prestiti_expert_speaks_prestiti_infruttiferi_cosa_sono_come_funzionano

I prestiti infruttiferi sono finanziamenti che avvengono tra privati: amici, conoscenti, parenti oppure colleghi e soci di lavoro. Insomma, tra persone che si conoscono. Si chiamano così perché non prevedono l’applicazione di alcun tasso di interesse e, pertanto, sono appunto infruttiferi. Ad esempio, se un amico vi presta 1.000 euro, dovrete rimborsare solo 1.000 euro, senza alcuna maggiorazione che determini un profitto per il finanziatore.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

Caratteristiche del prestito infruttifero

Le somme erogate tramite prestito infruttifero sono solitamente di piccola entità e occasionali. Il rimborso può avvenire in un’unica soluzione oppure a rate, a seconda degli accordi presi inizialmente dalle due parti. Al contrario, è vietato prestare soldi agli sconosciuti oppure con regolare periodicità.

Il Fisco potrebbe insospettirsi e avviare degli accertamenti per verificare l’eventuale esistenza di pratiche usurarie o finalizzate al riciclaggio di denaro sporco.

In poche parole, l’Agenzia delle Entrate potrebbe pensare di trovarsi di fronte a veri e propri reati come:

  • la violazione delle norme antiriciclaggio;
  • la classificazione del finanziamento come usurario.

Inoltre, se nella causale non si specifica chiaramente che il prestito è infruttifero, il Fisco potrebbe ipotizzare che il finanziatore tragga un profitto dall’operazione e, a quel punto, si può rischiare una sanzione per non aver dichiarato il guadagno e, di conseguenza, non aver pagato le rispettive tasse.

Tipologie di prestito infruttifero

Per tutelarsi, evitando gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate e l’accusa di aver commesso reati penali, come usura e riciclaggio di denaro, basta rispettare alcune regole che variano, seppur di poco, in base alla tipologia del prestito infruttifero.

Questo tipo di finanziamento si suddivide infatti in quattro categorie:

  • con scrittura privata;
  • con causale di bonifico;
  • garantito da cambiali;
  • epistolare.

Prestito infruttifero con scrittura privata

Questa modalità prevede un contratto scritto tra chi eroga il finanziamento e chi lo riceve, cosa che consente di tutelarsi nei confronti del Fisco. In caso di accertamenti, è sufficiente esibire il contratto per dimostrare che l’operazione è stata fatta nel rispetto delle regole.

Nella scrittura privata vanno specificati:

  • i nomi di chi presta e di chi eroga il denaro, insieme ai relativi dati anagrafici;
  • l’importo finanziato;
  • la modalità di rimborso (se a rate o in un’unica soluzione);
  • la durata complessiva del rimborso;
  • la dicitura che il prestito è infruttifero, cioè privo di interessi;
  • la data, che deve essere validata da un terzo soggetto. Ad esempio: un timbro postale.

Ricordiamo poi che è opportuno registrare la scrittura privata presso l’Agenzia delle Entrate, soprattutto se l’importo prestato è consistente.

In tal caso sono previste due imposte:

  • l’imposta di registro pari al 3% della somma prestata, da versare entro 20 giorni dalla data di stipula della scrittura;
  • l’imposta di bollo pari a 16 euro per ogni quattro facciate del contratto.

Nella scrittura va inclusa infine la dicitura "contratto di finanziamento redatto secondo le norme dell’art 1813 del codice civile e seguenti", indicando la presenza di eventuali garanzie e la finalità del prestito.

Con causale di bonifico

Se il trasferimento del denaro e la sua restituzione avviene tramite bonifico bancario, si consiglia di specificare nella causale che si tratta di un prestito infruttifero, indicando anche il motivo del finanziamento, cioè la finalità.
Ad esempio l’acquisto di un’auto o di un elettrodomestico.
Il bonifico è uno strumento tracciabile e, di conseguenza, utile a garantire sia il finanziatore, sia il debitore.

Garantito da cambiali

Il prestito infruttifero garantito da cambiali tutela il creditore ed è a tutti gli effetti uno strumento utile a risarcire il finanziatore in caso di inadempienze. Se infatti il debitore non paga, il creditore può chiedere l’esecuzione forzata per tornare in possesso della somma prestata. Anche questa tipologia richiede il pagamento diun’imposta di bollo pari al 12 per mille dell’importo della cambiale.

Prestito infruttifero epistolare

In questo caso, il prestito infruttifero viene gestito per corrispondenza. Il contratto che regola il finanziamento deve essere redatto per iscritto da una delle due parti e inviato per posta all’altra parte interessata. Quest’ultima deve firmare e rispedire tutto al mittente. La registrazione non è obbligatoria e di conseguenza non si devono pagare imposte.

Se il debitore non paga

In caso di insolvenza da parte del debitore nei tempi e nelle modalità concordate, il creditore ha il diritto di rivolgersi al Giudice per ottenere un decreto ingiuntivo. Se dopo 40 giorni il debitore non rimborsa (e non si oppone), si può arrivare all’esecuzione forzata.

Autore
castiglia-masella

Giornalista professionista, collabora da diversi anni con il Sole 24 Ore (Casa24Plus, Mondo Immobiliare). In passato ha lavorato, tra gli altri, per Tempo Economico e Tgcom.

Ultime notizie Prestiti

pubblicato il 19 luglio 2024
I prestiti personali Cofidis a luglio 2024

I prestiti personali Cofidis a luglio 2024

Prestito Cofidis è un prestito online veloce e flessibile. Se non conosci la gamma prestiti Cofidis, hai bisogno di un prestito immediato e vuoi approfondirne la convenienza e i vantaggi, ti spiega tutto Facile.it, leader nel confronto di prestiti online.
pubblicato il 17 luglio 2024
Calcolo del prestito Agos a luglio 2024

Calcolo del prestito Agos a luglio 2024

Scopri i prestiti Agos disponibili a luglio 2024. Confronta su Facile.it le migliori offerte di finanziamento per soddisfare le tue esigenze economiche, approfittando di tassi vantaggiosi e condizioni flessibili. Trova il prestito giusto per te in pochi semplici passaggi.
pubblicato il 16 luglio 2024
Promozione tassi prestito Findomestic dal 16 al 18 luglio 2024

Promozione tassi prestito Findomestic dal 16 al 18 luglio 2024

Per soli due giorni Findomestic ha pensato a una promo flash per farti accedere a tassi di interesse vantaggiosi sui prestiti: richiedi un finanziamento dal 16 al 18 luglio 2024 e ottieni un tasso scontato. Ti spieghiamo come.
pubblicato il 10 luglio 2024
TAN e TAEG dei prestiti on line a luglio 2024

TAN e TAEG dei prestiti on line a luglio 2024

Hai bisogno di un prestito? Scopri l’andamento del TAN e del TAEG sui prestiti online con Facile.it. Qui trovi il TAN e TAEG medio sui prestiti online di luglio 2024, per aiutarti a fare la scelta migliore.

Guide ai prestiti

pubblicato il 6 giugno 2024
Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

La ristrutturazione del debito è un accordo tra creditore e debitore, volto a modificare i termini previsti quando ci si è accordati per l'erogazione del prestito. Vediamo come funziona.
pubblicato il 5 giugno 2024
Come funziona il bonus mobili

Come funziona il bonus mobili

Il bonus mobili consiste in una detrazione Irpef, ma per quali acquisti si può richiedere? Scopriamolo in questa guida.
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968