Serve assistenza?
02 55 55 666

Credito al consumo: sconto per tutti i contratti chiusi in anticipo

22 feb 2023 | 4 min di lettura | Pubblicato da Cristina B.

prestiti expert speaks credito al consumo sconto per contratti chiusi in anticipo

La corte costituzionale con sentenza 263 del dicembre 2022 ha fatto chiarezza sulle disposizioni italiane in tema di credito al consumo, recependo nell’ordinamento, con effetto retroattivo (cioè anche per il passato), gli effetti di una decisione della corte di giustizia Ue in tema di credito al consumo. L’effetto è a favore di chi ha stipulato un finanziamento e lo chiude rimborsando le rate in anticipo. Il comportamento dà diritto a un ricalcolo delle rate e a uno sconto. La riduzione va calcolata all’importo degli interessi e dei costi dovuti per la vita residua del contratto.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

Il precedente europeo: la vicenda

Nel 2019, una sentenza della corte di giustizia Ue, sentenza Lexitor, stabilisce un principio applicabile anche al diritto italiano. Chi chiude in anticipo il finanziamento del credito al consumo ha diritto ad uno sconto sui costi sostenuti. La corte di giustizia ha interpretato l'art. 16, paragrafo 1, della direttiva 2008/48/CE (direttiva credito al consumo), nel senso di ritenere "che il diritto del consumatore alla riduzione del costo totale del credito in caso di rimborso anticipato del credito include tutti i costi posti a carico del consumatore ".la Corte di Giustizia ha voluto privilegiare un'interpretazione con l’obiettivo di garantire maggiore tutela ai consumatori, al fine di prevenire il rischio di abusi.

La decisione della corte costituzionale

Nel mirino dei giudici della corte costituzionale italiana il modo in cui il legislatore ha recepito nell’ordinamento le indicazioni della corte di giustizia Ue. Il nostro legislatore ha fatto proprie le indicazioni della corte di giustizia Ue nell’articolo 11 octies, comma 2 del dl 73/2021(decreto sostegni bis).

La norma aveva, però, una parte in cui limitava ad alcune tipologie di costi la riduzione per estinzione anticipata. Inoltre la norma faceva riferimento ai soli contratti conclusi dopo l’entrata in vigore della L. n. 106/2021, la legge di conversione del dl 73/21.

Dunque per il legislatore italiano: ok al rimborso ma solo per i contratti conclusi dopo il 25 luglio 2021. Il diritto al rimborso poi si doveva intendere come una riduzione degli interessi e dei costi compresi nel costo del credito ad eccezione delle imposte. La scelta di applicare le disposizioni solo per il futuro poi comportava la ripetibilità dei costi ricorrenti per i contratti in data anteriore.

Questa la situazione normativa su cui la corte costituzionale ha alzato cartellino rosso. I giudici della consulta hanno bocciato la decisione del legislatore proprio sulla decorrenza delle norme e stabiliscono che i rimborsi si devono applicare anche ai contratti precedenti al 25 luglio 2021. Per i giudici della corte costituzionale è contraria alla costituzione la norma che limitava solo ad alcune tipologie di costi il diritto alla riduzione in capo al consumatore. Il perimetro di applicazione, ricorda la Consulta, coincide con i contratti conclusi nel periodo 2010-2021.

L'intento della Corte mira, dunque, a uniformare la normativa nazionale al diritto europeo, garantendo - altresì - un'interpretazione della medesima normativa conforme alla sentenza Lexitor: "L'eliminazione della citata parte di disposizione rimuove”, scrivono i giudici, “pertanto, l'attrito con i vincoli imposti dall'adesione dell'Italia all'Unione Europea".

Costi recurring e costi upfront

Nella sentenza Lexitor che ha dato origine al diritto al rimborso per i contratti chiusi in maniera anticipata si consideravano i costi senza distinzione. Nella prassi italiana il diritto alla restituzione dei costi, derivanti dal rimborso anticipato, era limitato ai soli costi recurring, escludendo i costi collegati alle attività finalizzate alla concessione del prestito (costi up-front).

I costi recurring (termine inglese per ricorrenti) sono, invece, tutte quelle spese, diverse dai tassi di interesse, poste a carico del cliente e legate alla durata del contratto stipulato (ad esempio, le spese d'incasso rata oppure delle componenti rilevanti come la polizza vita, che copre il rischio di premorienza, o anche la polizza perdita impiego, che copre il rischio di licenziamento del contraente).

Essi differiscono dai costi up front, costituiti dalle spese che vengono sostenute nel momento in cui si decide di avviare la pratica di apertura del finanziamento. I costi up front sono indipendenti dalla durata del prestito (a titolo esemplificativo: spese di istruttoria e di gestione della pratica di finanziamento, le eventuali commissioni di intermediazione e le commissioni bancarie).

La corte costituzionale ribadisce che deve ritenersi conforme alle indicazioni della sentenza della corte di giustizia Ue l’interpretazione della disposizione del 2021 con riferimento ai costi totali riferimento in quanto il riferimento “al costo totale del credito ha rivestito un ruolo decisivo nell’interpretazione fornita dalla sentenza Lexitor”.

Autore
cristina-bartelli

Giornalista professionista dal 2004 e vicecaporedattore per ItaliaOggi, scrive del Fisco in ogni sua forma. Ha fatto incursioni su Classcnbc e Tgcom per raccontare le novità di manovra di bilancio, sanatorie fiscali e storie di elusione.

Ultime notizie Prestiti

pubblicato il 23 febbraio 2024
Confronto tra prestiti casa per un finanziamento da 50.000€ a febbraio 2024

Confronto tra prestiti casa per un finanziamento da 50.000€ a febbraio 2024

Rinnovare lo spazio vitale o aggiungere un tocco di freschezza alla tua abitazione è sempre una gratificante avventura. Ma quando si tratta di finanziare progetti di arredamento o ristrutturazione, trovare il prestito giusto è fondamentale.
pubblicato il 16 febbraio 2024
Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Il Decreto Superbonus ha assunto una forma definitiva con poche possibilità di modifiche. Tuttavia, le misure di protezione per i controlli fiscali si sono rivelate limitate, mettendo in difficoltà coloro che hanno scelto una deduzione parziale dall'IRPEF.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Il prestito online Agos più conveniente a febbraio 2024

Il prestito online Agos più conveniente a febbraio 2024

Hai bisogno di un prestito? Puoi valutare l’opportunità di richiedere uno dei prestiti online Agos. Prima però devi scoprire se Agos conviene, se Prestito Agos è flessibile e quali sono i vantaggi.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Qual è il miglior prestito per acquisto auto di febbraio 2024

Qual è il miglior prestito per acquisto auto di febbraio 2024

Scopri i migliori prestiti auto del mese su Facile.it e trova l'offerta perfetta per le tue necessità finanziarie.

Guide ai prestiti

pubblicato il 30 marzo 2023
Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Hai già richiesto una cessione del quinto ma hai bisogno di più liquidità? C'è una soluzione per raddoppiare la somma che puoi richiedere, ed è la cessione del doppio quinto!
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Ti sarà capitato sempre più spesso di trovare la dicitura pagamento dilazionato in tantissime attività commerciali e negli e-commerce online. Questo tipo di opzione consente la suddivisione in piccole parti dell'interno importo da pagare, metodo che comunemente viene conosciuto come pagamento a rate. Quest'ultime potrebbero essere soggette a tassi di interesse e tale caratteristica dipende da dove viene acquistato il bene o dalla società che offre la possibilità di dilazionare il pagamento. Nel caso di dilazione a tasso zero, il totale da pagare sarà uguale a quello del valore del prodotto acquistato. Nel caso opposto, ovvero con percentuale di tasso, la somma finale corrisponderà al prezzo del bene più la percentuale stabilita al momento dell'acquisto. Vediamo tutto quello che devi sapere su questo argomento e come funziona la dilazione del pagamento.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.
pubblicato il 22 giugno 2021
Reverse factoring: cos'è e come funziona

Reverse factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è e come funziona il Reverse factoring, quali sono i benefici che apporta alle aziende di una filiera produttiva e i costi che comporta.
pubblicato il 22 giugno 2021
Maturity factoring: cos'è e come funziona

Maturity factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è il Maturity factoring, come funziona e quali sono i vantaggi e i costi per chi ne beneficia. Ecco tutto quello che bisogna sapere al riguardo.
pubblicato il 16 giugno 2021
Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Il merito creditizio è una misura essenziale per richiedere qualsiasi tipo di finanziamento bancario. Ecco di cosa si tratta e quali requisiti occorrono per poterlo attivare a proprio vantaggio.
pubblicato il 16 dicembre 2020
Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cosa succede in caso ci sia un pignoramento con cessione del quinto in atto? E a quanto equivale la quota massima pignorabile di uno stipendio oppure di una pensione? Scopriamolo insieme in questo approfondimento.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968