Serve assistenza?
02 2110 0192

Prestiti per professionisti: avvocati, ingegneri, architetti

prestiti_guide_prestiti_per_professionisti

Le 3 cose da sapere:

  1. 1

    Libero professionista: soggetti che lavorano in proprio a mezzo partita Iva

    1

    Libero professionista: soggetti che lavorano in proprio a mezzo partita Iva

  2. 2

    Documento di reddito: bisogna presentare il Modello Unico

    2

    Documento di reddito: bisogna presentare il Modello Unico

  3. 3

    Confronta i prestiti e scegli quello più adatto alle tue esigenze

    3

    Confronta i prestiti e scegli quello più adatto alle tue esigenze

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€
Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

I prestiti per liberi professionisti sono soluzioni di finanziamento dedicate a coloro che lavorano in proprio e possiedono una Partita IVA, come avvocati, ingegneri o architetti.

In generale, i prestiti personali per questa tipologia di lavoratori sono più difficili da ottenere. Questo perché sembra essere più difficoltoso offrire delle garanzie per la restituzione del finanziamento. Ma come muoversi in questa circostanza? Che soluzioni ci sono?

Sommario

Il prestito personale: perché è più difficile da ottenere rispetto a un mutuo

Il mutuo è una somma di denaro, piuttosto consistente, che la banca eroga per un acquisto preciso. Infatti, per ottenere un mutuo, è necessario consegnare alla banca tutti i documenti relativi all'immobile che si sta acquistando, all'attività che si sta avviando o ai lavori di ristrutturazione che s'intendono fare con la cifra ottenuta. Questa è una garanzia non da poco per gli istituti bancari che, generalmente, chiedono l'ipoteca sull'immobile ad ulteriore garanzia, prima di staccare l'assegno definitivo.

I prestiti, invece, sono piccole cifre di denaro che si chiedono a delle agenzie specializzate in credito e micro-credito, e possono essere utilizzati come si preferisce: anche solo, semplicemente, per avere della liquidità utile ad affrontare un momento di vita economicamente complicato.

Queste dinamiche, naturalmente, pongono l'istituto di credito in una posizione più vulnerabile rispetto a quella in cui si trovano le banche quando concedono un mutuo. Per questo motivo le finanziarie, per quanto riguarda i finanziamenti per liberi professionisti, sono piuttosto severe e pretendono garanzie importanti prima di concedere il prestito.

Liberi professionisti: chi sono?

Innanzitutto c'è un concetto importante da chiarire. Per libero professionista si intendono tutti quei soggetti che lavorano in proprio, a mezzo partita Iva, con un giro di affari e clienti personali e senza nessuna azienda in capo. Rientrano in questa categoria:

  • avvocati con uno studio personale
  • architetti con uno studio personale
  • ragionieri, commercialisti, consulenti fiscali in proprio
  • giornalisti free-lance
  • prestatori occasionali d'opera
  • consulenti finanziari, procacciatori di affari
  • personal trainer, personal shopper
  • tutor personali a vari livelli
  • fisioterapisti, massaggiatori, estetisti o parrucchieri a domicilio
  • infermieri a domicilio - i lavoratori online I titolari d'azienda, i commercianti con un negozio o una sede legale fisica, i facenti parte di studi associati ( grandi studi di avvocati, ingegneri, geometri, medici, dentisti o commercialisti ) vengono invece trattati al pari dei lavoratori dipendenti. Questo perché, pur essendo liberi professionisti e detentori di partita Iva, fanno capo ad una sede fisica gestita da più persone, con un andamento lavorativo strutturato e, potenzialmente, delle provvigioni assicurate o dei fissi mensili.

I liberi professionisti che lavorano in piena autonomia, naturalmente guadagnano secondo il momentaneo giro d'affari, il periodo, il loro impegno personale. Questo non permette loro di avere un reddito fisso o un'entrata sicura ma i loro guadagni sono fluttuanti, spesso anche con grandi divergenze tra un mese e l'altro o un anno e l'altro. Questa variabile, non prevedibile né calcolabile, non è una caratteristica molto apprezzata dalle finanziarie che erogano prestiti personali. I lavoratori dipendenti, invece, possono garantire, esibendo il contratto di lavoro e le ultime buste paga: la sicurezza di avere un contratto professionale che copra tutta la durata del prestito; la sicurezza della stipendio mensile, in termini di una cifra costante, precisa e che copra ampiamente il valore della rata da restituire Queste garanzie, un libero professionista non sempre può darle.

Un libero professionista può ottenere un prestito personale?

Fino a qualche anno fa, per i liberi professionisti, ottenere prestiti personali era pressoché impossibile. Nell'ultimo periodo, però, anche l'Italia si è dovuta adeguare al trend europeo e alla nuova visione del lavoro. Oggigiorno, in Italia, ci sono più di 5 milioni di liberi professionisti: escludere un numero così importante di persone dal circolo del credito sarebbe discriminante, oltre che controproducente per i guadagni di banche e finanziarie.

Quindi, sulla falsariga di questo ragionamento e sull'esempio di innumerevoli altri paesi europei, anche le finanziarie italiane hanno aperto più possibilità nella categoria dei finanziamenti a lavoratori autonomi. Al giorno d'oggi, per un avvocato, un architetto o un free-lance non è più utopia ottenere un prestito personale. C'è comunque da sottolineare che, nonostante non esista più pregiudizio e non si neghi a prescindere, le pratiche dei liberi professionisti vengono sempre sottoposte a qualche verifica supplementare e richiedono qualche garanzia in più.

I prestiti personali sono una categoria di prestiti che implicano l'erogazione di cifre piuttosto contenute. Se un libero professionista è in grado di portare una buona documentazione e di offrire ottime garanzie, non è difficile che riesca ad ottenere capitali equiparabili a quelli concessi ai lavoratori dipendenti o ai pensionati. Secondo l'ISTAT, la cifra media dei prestiti erogati dalle finanziarie si aggira attorno ai 10-15.000 euro. Alcune finanziarie, però, hanno piani di rimborso specifici anche per i clienti che necessitano di cifre più importanti, fino a 50.000 euro.

Il prestito personale, generalmente, non obbliga ad informare la finanziaria relativamente al modo in cui saranno gestiti, investiti o spesi i soldi ottenuti. Nel caso di un prestito personale per liberi professionisti, però, esplicitare il fine per il quale si utilizzeranno i soldi ricevuti può essere, in alcuni casi, un punto di vantaggio per ottenere una risposta positiva. Generalmente, i prestiti a titolo personale si chiedono per diverse ragioni: necessità di fare un acquisto importante: ad esempio gli arredi di casa, lavori di miglioria e ristrutturazione, l'automobile; necessità di ampliare la propria attività, il proprio studio: cambiare gli arredi, trasferirsi in un ufficio più grande; necessità di saldare debiti ancora aperti; necessità di avere della liquidità di cui fruire senza intaccare i capitali investiti, vincolati o destinati ad altre situazioni; necessità di affrontare spese impreviste; necessità di aiutare i figli: ad esempio spese di Università, anticipo d'affitto per un appartamento in una città universitaria

Quali documenti vanno presentati per ottenere un prestito per liberi professionisti

Per ottenere i finanziamenti per liberi professionisti (ad esempio un prestito avvocati), prestatori d'opera o free-lance, è necessario presentare la seguente documentazione:

  • documenti di identità: carta d'identità ( o patente, passaporto ) e codice fiscale ( o tessera sanitaria )
  • certificato di residenza e stato di famiglia
  • una bolletta recente dell'utenza o, in alternativa, un estratto conto recente
  • un documento di reddito
  • eventualmente, la firma di un garante

Il documento di reddito, per i liberi professionisti, è rappresentato dal Modello Unico. Il Modello Unico mostra la cifra dei guadagni annui: è quindi possibile utilizzarlo come riferimento per gli introiti mensili. E' inoltre necessario che i soggetti non siano stati precedentemente segnalati dal CRIF, ente che si occupa di valutare la situazione creditizia dei soggetti e che valuta che non siano cattivi pagatori. Il problema è che gli Unici non sono tutti uguali perché, nel lavoro autonomo, un'annata può essere molto più remunerativa di quella precedente e viceversa. Per questo motivo, solitamente, è richiesta la documentazione di reddito relativa agli ultimi 3 anni di attività. Se gli ultimi tre Modelli Unici mostrano un buon reddito e una buona coerenza tra di loro, il prestito verrà sicuramente erogato senza troppi problemi e difficoltà.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Guide ai prestiti

pubblicato il 6 giugno 2024
Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

La ristrutturazione del debito è un accordo tra creditore e debitore, volto a modificare i termini previsti quando ci si è accordati per l'erogazione del prestito. Vediamo come funziona.
pubblicato il 5 giugno 2024
Come funziona il bonus mobili

Come funziona il bonus mobili

Il bonus mobili consiste in una detrazione Irpef, ma per quali acquisti si può richiedere? Scopriamolo in questa guida.
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968