Serve assistenza?
02 2110 0192

Normativa cessione del quinto: Legge 180/50 e altre normative

prestiti_guide_normativa_e_legge_cessione_del_quinto
Le 3 cose da sapere:
  1. 1

    Cos’è: è un finanziamento che prevede il rimborso con trattenuta diretta su stipendio o pensione

  2. 2

    A chi è rivolto: lavoratori statali, privati con contratto a tempo indeterminato e pensionati

  3. 3

    Scopri online i migliori prestiti per cessione del quinto su Facile.it

Cessione del quinto: ottieni fino a 75.000€
Cessione del quinto: ottieni fino a 75.000€

La cessione del quinto è una particolare tipologia di finanziamento introdotta per la prima volta in Italia nell'immediato secondo dopoguerra per consentire soprattutto ai dipendenti statali di accedere con più facilità al credito al consumo. E' basata su un meccanismo estremamente funzionale che permette di rimborsare la banca oppure la società finanziaria che ha concesso l'importo attraverso una trattenuta mensile direttamente sullo stipendio percepito.

La cessione del quinto è prevista soltanto per lavoratori statali, lavoratori privati con contratto a tempo indeterminato e pensionati. Il piano di ammortamento con la cessione del quinto viene calcolato in funzione della retribuzione mensile netta che si percepisce e dell’importo di cui si necessita. Scopriamo maggiori informazioni sulla cessione del quinto ed in particolare tutte le normative che lo disciplinano in Italia.

Sommario

Normativa originaria sulla cessione del quinto

La prima normativa proposta in Italia sulla cessione del quinto risale al 1950. In particolare è stata introdotta attraverso il testo unico delle leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione di stipendi, salari e pensioni dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni.

Il riferimento è soprattutto al d.p.r. n 180/1950 e al d.p.r. 895/1950. In particolare, l'obiettivo del governo per poter rilanciare l'economia, era quello di consentire ai dipendenti statali e parastatali di poter avere maggior semplicità nell'accesso al credito per qualsiasi genere di esigenza come l'acquisto di elettrodomestici, la ristrutturazione di una casa e via dicendo.

Grazie a questo provvedimento, veniva introdotto per la prima volta in Italia un meccanismo secondo il quale il finanziamento potesse essere rimborsato con una trattenuta periodica sulla retribuzione mensile e pari al massimo ad un quinto.

La Legge originaria del 1950 precludeva l'accesso alla cessione del quinto ai lavoratori privati

Legge 80/2005 sulla cessione del quinto

La legge 80/2005 sulla cessione del quinto ha permesso di apportare alcuni correttivi e modifiche per rendere questo strumento ancora più funzionale e soprattutto per mettere al riparo da ogni genere di problema il richiedente e il datore di lavoro.

Una legge che ha apportato una vera e propria evoluzione della normativa in quanto ha:

  • abolito il concetto di minima anzianità di servizio per poter richiedere il quinto;
  • allargato la platea dei possibili beneficiari anche apensionati e ai lavoratori privati con contratto a tempo indeterminato.

Per quanto riguarda i pensionatisono stati inclusi sia quelli provenienti da enti pubblici che quelli privati. Naturalmente sono rimasti alcuni vincoli legati all' importo massimo complessivo del prestito e soprattutto alla durata del piano di ammortamento rispetto alla data di scadenza.

Ad esempio, per i lavoratori il piano di ammortamento deve terminare prima della fine del contratto di lavoro ossia dell'accesso al sistema previdenziale, mentre per i pensionati ci sono limiti anagrafici che variano da banca a banca.

Normativa cessione del quinto: la legge 180/50

La prima e più importante normativa sulla cessione del quinto è la cosiddetta legge 180/50 che venne pubblicata il 5 gennaio del 1950.

Si trattava di un decreto del Presidente della Repubblica che poi venne ulteriormente integrato ed ampliato il 28 luglio del 1950 con il DPR 985/50. Questi sono in buona sostanza i primi che andavano a disciplinare la gestione della cessione del quinto sia per quanto concerne il lavoratore, che per quanto riguarda il rapporto con il datore di lavoro.

Una normativa ben differente da quella attuale anche perché all'epoca l'accesso alla cessione del quinto era ristretto soltanto alla platea dei dipendenti pubblici e statali.

Questa prima forma di cessione del credito prevedeva anche dei vincoli piuttosto specifici per quanto riguarda la durata del piano di ammortamento che non poteva eccedere i 10 anni con 120 rate massime possibili.

Un altro aspetto essenziale e per certi versi rivoluzionario del decreto era quello di inserire l'obbligo da parte del lavoratore di dover per forza di cose sottoscrivere una polizza assicurativa sulla vita. Questa era un’ulteriore forma di tutela per gli istituti che concedevano una cessione del quinto in quanto in questo modo vi era un meccanismo che permetteva il recupero del debito in caso di decesso del debitore.

Si è fatto per la prima volta riferimento a concetti molto importanti legati alla cessione del quinto come l'impignorabilità degli stipendi e delle pensioni. In pratica, gli stipendi e le pensioni potevano essere utilizzati soltanto dal legittimo titolare come una sorta di garanzia reddituale per richiedere un prestito o altre forme di finanziamento.

La normativa del 2015

L'ultima normativa in ordine di tempo che ha riguardato la regolamentazione della cessione del quinto in Italia è la cosiddetta normativa 2015.

Obbiettivo della normativa è quello di incentivare ulteriormente la possibilità per dipendenti privati di poter accedere con maggior facilità al finanziamento.

Si sono estese tutte le caratteristiche della cessione del quinto prevista per lavoratori statali e pensionati anche ai lavoratori privati purché in possesso di un regolare contratto di lavoro a tempo indeterminato. Con questa normativa si è decretato il successo e la consacrazione della cessione del quinto quale principale forma di finanziamento preferita dagli italiani in virtù della sua semplicità soprattutto nella gestione della fase di rimborso che prevede ovviamente una trattenuta sullo stipendio.

Altro aspetto molto importante che ha contribuito al successo di questo genere di finanziamento è il fatto di non essere un prestito finalizzato, per cui il richiedente al momento della sottoscrizione non deve dichiarare l'utilizzo dell'importo.

Cessione del quinto e Legge sul rimborso

La cessione del quinto è tra le forme di prestito più utilizzate dagli italiani: un sistema semplice e funzionale che mette al sicuro anche l'ente erogatore. Negli ultimi anni in Italia è stata prevista una legge che disciplina il rimborso, in particolare consente al richiedente la possibilità di richiedere l'estinzione anticipata della cessione del quinto versando alla finanziaria l'intero importo ancora dovuto.

In questo genere di situazione la legge prevede che il cliente possa avere il rimborso di tutti i costi già anticipati. Questo significa che nel caso in cui il piano di ammortamento prevedesse il pagamento della quota interessi anticipata, allora la banca o chi per essa dovrà rimborsare la quota di cui il cliente non ha fruito. Ad esempio, se si anticipa l'estinzione del prestito di 4 anni e già si sono prestati gli interessi per uno dei quattro anni, la banca dovrà provvedere al rimborso.

Approfondimenti utili

Qui di seguito ti riportiamo alcune risorse che possono tornare utili per ulteriori approfondimenti sul tema:

Cessione del quinto: ottieni fino a 75.000€
Rata mensile
197,84€
Finanziaria:
Younited Credit
Prodotto:
Prestito Personale
TAN Fisso:
6,08%
TAEG:
7,19%
Durata finanziamento:
60 mesi
Importo finanziato:
€ 10.214,50
Totale dovuto:
€ 11.870,40
Rata mensile
197,84€
Rata mensile
201,33€
Finanziaria:
Agos
Prodotto:
Prestito Personale
TAN Fisso:
7,70%
TAEG:
8,70%
Durata finanziamento:
60 mesi
Importo finanziato:
€ 10.191,00
Totale dovuto:
€ 12.268,80
Rata mensile
201,33€
Rata mensile
204,50€
Finanziaria:
Findomestic
Prodotto:
Prestito Personale Flessibile
TAN Fisso:
8,36%
TAEG:
8,68%
Durata finanziamento:
60 mesi
Importo finanziato:
€ 10.000,00
Totale dovuto:
€ 12.270,00
Rata mensile
204,50€

*Annuncio Promozionale , per tutte le informazioni relative a ciascun prodotto si prega di prendere visione di Informativa Trasparenza Prestiti. Tutti i prodotti presenti sul comparatore sono da considerarsi assistiti da garanzia di ipoteca sull'immobile. Ti ricordiamo sempre di prendere visione delle Informazioni Generali sul Credito Immobiliare offerto ai consumatori nonché agli altri documenti di Trasparenza. Per verificare la soluzione adatta alle tue esigenze clicca su verifica fattibilità

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Guide ai prestiti

pubblicato il 30 marzo 2023
Cessione doppio quinto o prestito con delega: che cos'è?

Cessione doppio quinto o prestito con delega: che cos'è?

Hai già richiesto una cessione del quinto ma hai bisogno di più liquidità? C'è una soluzione per raddoppiare la somma che puoi richiedere, ed è la cessione del doppio quinto!
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

La dilazione del pagamento è ormai disponibile in tantissime attività commerciali e negli e-commerce online. Ma come funziona? E come richiederla? Ecco tutto ciò che c'è da sapere.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.
pubblicato il 22 giugno 2021
Maturity factoring: cos'è e come funziona

Maturity factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è il Maturity factoring, come funziona e quali sono i vantaggi e i costi per chi ne beneficia. Ecco tutto quello che bisogna sapere al riguardo.
pubblicato il 22 giugno 2021
Reverse factoring: cos'è e come funziona

Reverse factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è e come funziona il Reverse factoring, quali sono i benefici che apporta alle aziende di una filiera produttiva e i costi che comporta.
pubblicato il 16 giugno 2021
Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Il merito creditizio è una misura essenziale per richiedere qualsiasi tipo di finanziamento bancario. Ecco di cosa si tratta e quali requisiti occorrono per poterlo attivare a proprio vantaggio.
pubblicato il 16 dicembre 2020
Cessione del quinto sulla pensione di reversibilità: come funziona

Cessione del quinto sulla pensione di reversibilità: come funziona

Che cos'è la cessione del quinto sulla pensione di reversibilità, chi può richiederla, come funziona e quali sono i vantaggi: ecco tutto quello che si deve sapere su questo argomento.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968