Serve assistenza?
02 55 55 111

RC auto: chi paga se il conducente non è il proprietario del veicolo?

10 ott 2022 | 6 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

assicurazioni expert speaks rc auto chi paga se il conducente non e proprietario del veicolo

Il proprietario di un’auto è, nella maggior parte dei casi, anche il guidatore e il titolare della relativa polizza assicurativa.

Può capitare a tutti, però, di guidare l’auto di un amico o un parente, oppure, viceversa, prestare la propria auto per una rapida commissione o anche per un viaggio più lungo. Ovviamente la legge permette ciò, ma in caso di un incidente, più o meno grave, cosa succede dal punto di vista assicurativo?

RC Auto: offerte da 131€*

L'assicurazione per il conducente

Cosa prevede la legge quando l’auto è di un altro proprietario e non è coperta dall’assicurazione al conducente? Fin dove arriva la nostra responsabilità civile o penale e quando comincia quella di chi guidava l’auto? Chi pagherà i danni eventuali a persone o cose? Proviamo a rispondere a queste domande partendo proprio dalla definizione di assicurazione al conducente.

L’assicurazione al conducente è una garanzia accessoria prevista dalle assicurazioni per tutelare in caso di incidente con colpa anche l’autista del veicolo contro gli infortuni. L’RC auto, infatti, copre solo i danni arrecati alle persone e alle cose trasportate o ad altri veicoli coinvolti in un incidente. Con questa assicurazione accessoria, invece, anche il conducente del veicolo potrà avere un risarcimento economico a fronte di danni fisici subiti durante un sinistro con colpa. L’importo per questo tipo di polizza sarà diverso a seconda della compagnia assicurativa.

È poi importante, a questo punto, avere ben chiaro la differenza tra proprietario, contraente e conducente.

Il proprietario è, appunto, chi possiede la vettura, quindi il suo nome compare in tutti gli atti ufficiali ed è indicato all’interno della carta di circolazione. A lui sarà intestato anche l’Attestato di Rischio, il documento, ormai dematerializzato, con i dati storici della vettura. Il certificato riporta informazioni essenziali per la polizza RCA, come la classe di merito maturata, eventuali incidenti stradali occorsi negli ultimi cinque anni o altre eventuali segnalazioni.

Il contraente, invece, è colui che materialmente sottoscrive il contratto assicurativo per cui è il titolare della polizza e, dunque, anche responsabile per il pagamento del premio. Il contraente dell’assicurazione può essere lo stesso del proprietario del veicolo, oppure può non coincidere.

Infine c’èil conducente, cioè colui il quale guida effettivamente l’auto assicurata e che dovrebbe sempre avere, ovviamente, il permesso da parte del proprietario dell’auto per farlo. Inoltre, quando il periodo di utilizzo del mezzo è superiore ai 30 giorni, la legge prevede che il conducente vada indicato nella carta di circolazione.

Ma cosa succede se a guidare il veicolo non è il proprietario stesso?

Appurato che è possibile sottoscrivere una polizza auto per un veicolo con il conducente diverso dal proprietario bisogna capire, a questo punto, che cosa succede in caso di incidente per il risarcimento danni dell’assicurazione oppure in caso di multe ricevute.

In caso di incidente con colpa con un’auto non di proprietà i danni provocati a terzi, nei limiti dei massimali della polizza, saranno comunque pagati dall’assicurazione del proprietario del veicolo che ne assumerà tutti gli oneri, compresa l’incidenza sulla classe assicurativa (malus). Tuttavia la responsabilità civile ricadrà sia sul titolare dell’auto che sul conducente. Ciò significa che il proprietario non avrà il rimborso danni, mentre al guidatore toccherà affrontare tutte le conseguenze civili, ma anche eventualmente penali, dell’incidente.

Sarà, poi, il proprietario del veicolo, se vorrà, a rivalersi sulla persona che nel momento dell’incidente guidava il veicolo. Questo dal punto di vista civile. Per quanto riguarda gli effetti penali, invece, quelli saranno sempre a carico del guidatore, di chi cioè era alla guida del veicolo nel momento dell’incidente.

Quando, invece, avviene un incidente senza colpa sarà l'assicurazione della controparte, ovvero di chi ha causato il sinistro, a pagare i danni al reale proprietario della macchina e anche gli eventuali danni fisici al conducente (anche se non è il proprietario del veicolo).

Nel caso in cui, invece, non ci sia un incidente, ma il conducente, diverso dal proprietario, commetta una infrazione e prenda una multa con un veicolo non suo, a pagare sarà il proprietario in solido con il conducente che ha causato l’incidente. Insomma, se il conducente non dovesse pagare, il pagamento ricadrà sul proprietario del veicolo, che comunque poi potrà rivalersi sul conducente "reale" per il rimborso della cifra indennizzata, indicando entro 60 giorni le sue generalità alle autorità competenti.

In caso di guida esclusiva

Può accadere che un incidente avvenga con un’auto prestata che abbia una assicurazione sottoscritta con la formula della guida esclusiva. Questa opzione è prevista quando il proprietario del veicolo, spesso per risparmiare sull’assicurazione, garantisce che sarà l’unico ad utilizzare il mezzo assicurato.

In questo caso, nel momento in cui avverrà un incidente con conducente diverso dal proprietario, l’assicurazione potrà chiedere il “diritto di rivalsa” (liquidando comunque il soggetto terzo coinvolto).

Ciò significa che sarà l’assicurazione a chiedere a chi ha sottoscritto la polizza un rimborso degli importi liquidati a causa del sinistro (visto che il contratto non è stato rispettato). Prima di prestare l’auto a un’altra persona o guidare il veicolo di un altro sarà quindi fondamentale verificare le condizioni assicurative per non incappare in brutte sorprese.

Oltre alla guida esclusiva esistono anche i casi di guida esperta o libera. Si tratta di due polizze differenti: la prima limita la guida solo a persone che abbiano una determinata esperienza e che abbiano la patente da un determinato numero minimo di anni. La guida libera, invece, è aperta anche a terzi.

Assicurare un’auto con conducente diverso dal proprietario

È possibile acquistare una assicurazione per un veicolo del quale non siamo proprietari. Lo prevede la legge. In questo caso la classe bonus-malus applicata non sarà quella del conducente, ma del proprietario della vettura.

Basterà, nel momento della sottoscrizione della polizza, indicare di non essere il proprietario del mezzo. È questa una situazione abbastanza comune per risparmiare sulla polizza: una persona con un’ottima classe di merito presta il proprio mezzo a qualcuno con un attestato di rischio meno vantaggioso, oppure residente in una regione con assicurazioni più basse perché più basso lo storico di incidenti.

Da non sottovalutare, poi, il risparmio che si ha sul passaggio di proprietà, poiché se il veicolo viene utilizzato da un componente del nucleo familiare questo passaggio burocratico molto probabilmente non verrà effettuato. Si tratta di un importante vantaggio visto che il costo del passaggio dipende dai kW del mezzo a partire da 266,20 euro.

Allo stesso tempo sarà bene considerare l’applicazione della Legge Bersani che dà la possibilità di ereditare la classe di merito di un membro della famiglia, qualora entrambe le persone risultino residenti nella medesima abitazione.

Non tutte le compagnie assicurative, però, permettono di assicurare un’auto con il conducente diverso dal proprietario, per questo motivo è importante informarsi prima di sottoscrivere la polizza. Ad ogni modo, bisogna fare attenzione alla classe di merito, che fa sempre riferimento al titolare del veicolo e mai al guidatore, a meno che non siano la stessa persona.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 21 febbraio 2024
Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Gli autovelox sono l’incubo di tutti gli automobilisti. Bastano anche pochi km orari in più rispetto ai limiti previsti su strade e autostrade per ricevere una contravvenzione e spesso per perdere punti sulla patente.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

L’assicurazione auto sta diventando quasi un lusso a causa dell’aumento delle polizze che non accenna a fermarsi. Una recente indagine ha registrato addirittura un incremento dei prezzi Rc Auto di oltre il 27% in un anno.
pubblicato il 14 febbraio 2024
Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Il bollettino statistico dell’Ivass ha calcolato in 302 euro la media dei prezzi Rc Auto nel primo semestre 2023 al netto di tasse e spese, in aumento di 9 euro sull’anno precedente. Tuttavia, considerando il prezzo pieno l’importo schizza a quasi 400 euro.
pubblicato il 9 febbraio 2024
Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Scopri tutte le novità nella nuova pianificazione degli incentivi per moto e scooter 2024, e come cambiano rispetto all'anno appena concluso.

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Se hai intenzione di aprire un fondo pensione e di avere una pensione integrativa ma non hai ancora le idee chiare su condizioni e vantaggi, ecco una guida per risolvere i tuoi dubbi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Molti genitori sono preoccupati per il futuro dei propri figli e desiderano investire per garantire loro una solida base finanziaria. In questa guida, esploreremo alcune opzioni di investimento per i bambini e forniremo consigli su come pianificare la gestione dei risparmi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

La deduzione fiscale dei fondi pensione consente di risparmiare sulle tasse e allo stesso tempo garantire un futuro finanziario sicuro durante la pensione. Seguendo regole specifiche e massimizzando i contributi deducibili, è possibile ottenere il massimo vantaggio fiscale dai fondi pensione.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968