Serve assistenza?
02 55 55 666

24 ott 2019 | 4 min di lettura | Pubblicato da Castiglia M.

prestiti expert speaks come richiedere una visura al crif

Crif è una società con sede a Bologna attiva in tutto il mondo e, tra le altre attività finanziarie, gestisce l’Eurisc, cioè il principale Sistema di informazione creditizia (Sic) in Italia. Nella banca dati del Crif confluiscono le segnalazioni di banche, intermediari finanziari, istituti di credito in merito alla storia creditizia dei loro clienti. Le informazioni contenute nella banca dati sugli utenti possono essere sia positive, sia negative.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

Normalmente, quando si richiede un finanziamento, il soggetto che dovrà erogare il prestito va a consultare il database del Crif per ottenere notizie e verificare l’affidabilità del cliente. Come ad esempio: qual è il suo livello di indebitamento e se è o no un cattivo pagatore. Dalle informazioni ottenute dipende spesso l’esito della richiesta.

La visura al Crif può essere comunque effettuata anche dai diretti interessati, magari prima di richiedere un prestito, per accertarsi di avere una ‘fedina creditizia’ immacolata, oppure per controllare che le informazioni siano veritiere o ancora per verificare quali siano stati gli eventuali motivi che hanno spinto la banca a rifiutare un finanziamento.

In questo ambito, sono attive alcune società che offrono il servizio di visura a pagamento. Ma prima di mettere mano al portafoglio, è bene sapere che le persone fisiche possono accedere gratuitamente ai dati presenti nel database del Crif. Se invece la richiesta proviene da un’azienda, è prevista una spesa di 4 euro, Iva inclusa, nel caso vengano rilevati dei dati, secondo quanto stabilito dalla sentenza del Tribunale civile di Bologna n. 2841/14, o, al più, di 10 euro (sempre Iva inclusa) se non sono presenti informazioni, come previsto dal provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali del 23 dicembre 2004, n. 14. Per conoscere quali siano i dati personali archiviati nel sistema informativo del Crif, bisogna seguire una procedura di ‘accesso ai dati’. Vediamo come funziona.

Sia i privati sia le aziende devono inoltrare la richiesta servendosi dell’apposito modulo disponibile online sul sito della società.

Per quanto riguarda le persone fisiche, entro 30 giorni dalla ricezione della documentazione completa, il Crif invierà la risposta all’indirizzo e-mail o all’indirizzo postale indicati nella domanda. Se la visura è richiesta da un’azienda, il relativo pagamento deve essere effettuato entro 15 giorni dal ricevimento del riscontro o con carta di credito tramite il sito del Crif oppure presso gli sportelli Sisal Pay, utilizzando il codice a barre che viene sempre indicato nella lettera di riscontro.

Il servizio permette di accedere tanto ai dati presenti sul sistema informativo del Crif quanto a quelli provenienti da fonti pubbliche, come il Registro delle imprese o gli Uffici di Pubblicità immobiliare, e consente inoltre di richiedere la cancellazione o la rettifica, nel caso si riscontrassero di eventuali imprecisioni, presentando una domanda scritta al Crif.

Per i privati è anche disponibile il servizio ‘Mettinconto’ che prevede però un esborso di 35 euro. A fronte di questo pagamento, l’accesso ai dati sul Sic e a quelli da fonti pubbliche è più rapido e si ottiene dopo solo 48 ore (e non 30 giorni), mentre la richiesta di cancellazione o la rettifica può essere inoltrata online con il supporto telefonico di un operatore. Ma non solo. Attraverso Mettinconto si possono conoscere anche i dati sui protesti, la valutazione dell’affidabilità creditizia e si può usufruire di una consulenza gratuita di un esperto rivolgendosi al numero verde oppure accedendo in modalità telematica all’area riservata. Per le aziende è disponibile l’analogo servizio Mettinconto Business che ha un costo di 59 euro. Con Mettinconto Business, le aziende possono accedere ai dati sul Sic e a quelli da fonti pubbliche nel giro di due giorni lavorativi dall’avvenuto pagamento, da effettuarsi tramite l’area riservata, contro i 15 giorni previsti dal servizio standard, oltre che a tutte le altre informazioni presenti nel sistema, secondo le modalità già elencate per il servizio Mettinconto rivolto ai privati.

Per comunicare con il Crif i consumatori possono anche utilizzare il numero dedicato (051 6458900) che, tramite una voce automatica, offre tutta una serie di informazioni utili e, solo nel caso in cui si sia già ricevuta una risposta alla richiesta di verifica dei dati, è possibile parlare con un operatore. A Bologna, dal lunedì al venerdì, è poi attivo lo sportello dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico al quale rivolgersi in caso di bisogno.

Per completezza d’informazione, ricordiamo che, benché il sistema informativo del Crif sia quello utilizzato dalla stragrande maggioranza delle banche italiane, anche la Banca d’Italia offre un servizio simile tramite la sua centrale dei rischi che raccoglie, sempre su segnalazione delle banche, le informazioni sui crediti concessi ai loro clienti e alle relative garanzie. La fruizione del sistema informativo della Banca d’Italia è gratuita e le richieste possono essere inoltrate sia da persone fisiche sia da persone giuridiche, servendosi del modulo disponibile sul sito di Banca d’Italia o presso una delle sue filiali.

La richiesta può essere inviata, insieme a tutta la documentazione del caso, a una filiale della Banca d’Italia per posta, per e-mail, via posta elettronica certificata (Pec), via fax oppure presentata a uno sportello di persona o da un delegato. La risposta viene invece spedita per posta o via Pec.

Autore
castiglia-masella

Giornalista professionista, collabora da diversi anni con il Sole 24 Ore (Casa24Plus, Mondo Immobiliare). In passato ha lavorato, tra gli altri, per Tempo Economico e Tgcom.

Ultime notizie Prestiti

pubblicato il 23 febbraio 2024
Confronto tra prestiti casa per un finanziamento da 50.000€ a febbraio 2024

Confronto tra prestiti casa per un finanziamento da 50.000€ a febbraio 2024

Rinnovare lo spazio vitale o aggiungere un tocco di freschezza alla tua abitazione è sempre una gratificante avventura. Ma quando si tratta di finanziare progetti di arredamento o ristrutturazione, trovare il prestito giusto è fondamentale.
pubblicato il 16 febbraio 2024
Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Il Decreto Superbonus ha assunto una forma definitiva con poche possibilità di modifiche. Tuttavia, le misure di protezione per i controlli fiscali si sono rivelate limitate, mettendo in difficoltà coloro che hanno scelto una deduzione parziale dall'IRPEF.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Il prestito online Agos più conveniente a febbraio 2024

Il prestito online Agos più conveniente a febbraio 2024

Hai bisogno di un prestito? Puoi valutare l’opportunità di richiedere uno dei prestiti online Agos. Prima però devi scoprire se Agos conviene, se Prestito Agos è flessibile e quali sono i vantaggi.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Qual è il miglior prestito per acquisto auto di febbraio 2024

Qual è il miglior prestito per acquisto auto di febbraio 2024

Scopri i migliori prestiti auto del mese su Facile.it e trova l'offerta perfetta per le tue necessità finanziarie.

Guide ai prestiti

pubblicato il 30 marzo 2023
Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Hai già richiesto una cessione del quinto ma hai bisogno di più liquidità? C'è una soluzione per raddoppiare la somma che puoi richiedere, ed è la cessione del doppio quinto!
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Ti sarà capitato sempre più spesso di trovare la dicitura pagamento dilazionato in tantissime attività commerciali e negli e-commerce online. Questo tipo di opzione consente la suddivisione in piccole parti dell'interno importo da pagare, metodo che comunemente viene conosciuto come pagamento a rate. Quest'ultime potrebbero essere soggette a tassi di interesse e tale caratteristica dipende da dove viene acquistato il bene o dalla società che offre la possibilità di dilazionare il pagamento. Nel caso di dilazione a tasso zero, il totale da pagare sarà uguale a quello del valore del prodotto acquistato. Nel caso opposto, ovvero con percentuale di tasso, la somma finale corrisponderà al prezzo del bene più la percentuale stabilita al momento dell'acquisto. Vediamo tutto quello che devi sapere su questo argomento e come funziona la dilazione del pagamento.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.
pubblicato il 22 giugno 2021
Reverse factoring: cos'è e come funziona

Reverse factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è e come funziona il Reverse factoring, quali sono i benefici che apporta alle aziende di una filiera produttiva e i costi che comporta.
pubblicato il 22 giugno 2021
Maturity factoring: cos'è e come funziona

Maturity factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è il Maturity factoring, come funziona e quali sono i vantaggi e i costi per chi ne beneficia. Ecco tutto quello che bisogna sapere al riguardo.
pubblicato il 16 giugno 2021
Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Il merito creditizio è una misura essenziale per richiedere qualsiasi tipo di finanziamento bancario. Ecco di cosa si tratta e quali requisiti occorrono per poterlo attivare a proprio vantaggio.
pubblicato il 16 dicembre 2020
Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cosa succede in caso ci sia un pignoramento con cessione del quinto in atto? E a quanto equivale la quota massima pignorabile di uno stipendio oppure di una pensione? Scopriamolo insieme in questo approfondimento.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968