02 55 55 999 Lun-Sab 9.00-21.00

Cambiare operatore energetico: modalità, tempi e costi

Cambiare operatore energetico: modalità, tempi e costi

Contrariamente a quanto si possa pensare, cambiare operatore energetico è una procedura semplice. Con il passaggio dal servizio di tutela al mercato libero è diventato ancora più facile approfittare delle migliori tariffe scegliendo un nuovo operatore. Vediamo in dettaglio tutto quello che c’è da sapere.

Le modalità

Grazie alla liberalizzazione del mercato dell'energia, i clienti possono scegliere liberamente da chi acquistare l'energia (luce e gas) e a quali condizioni contrattuali. Quando un consumatore decide di cambiare operatore energetico e passare al mercato libero, non deve fare altro che  sottoscrivere un nuovo contratto di fornitura, che si sostituisce al  servizio di tutela. Inoltre, è sempre possibile per un cliente passare da un operatore all’altro nell’ambito del mercato libero.

Una volta sottoscritto il nuovo contratto, la richiesta di chiusura del vecchio contratto (recesso) è inoltrata dal nuovo operatore a quello precedente, senza che ci siano altre incombenze per il cliente.La gestione delle questioni tecnico-amministrative, quindi, è interamente a carico del nuovo fornitore.
 

I tempi

La nuova fornitura inizia nel momento in cui il nuovo operatore ha compiuto tutte le operazioni tecniche e commerciali necessarie a garantire il trasporto e la consegna al contatore del cliente, evitando così interruzioni del servizio. In ogni caso, la data prevista per il passaggio effettivo deve essere comunicata dal nuovo operatore al cliente al momento della firma del contratto ed è generalmente compresa tra uno e due mesi. Ad esempio, se la richiesta è inoltrata in un giorno qualsiasi di giugno, il mese decorre a partire dal 1° luglio e il passaggio avverrà al più tardi al 1° di agosto. Qualche giorno prima del passaggio, il distributore effettua una lettura del contatore, per consentire al vecchio operatore di emettere l’ultima bolletta con l’eventuale conguaglio. Il valore della lettura rappresenta anche il punto di partenza per il conteggio dei consumi addebitati dal nuovo operatore nelle successive bollette.

Effettuare la lettura impedisce che ti vengano addebitati i consumi sia dal vecchio che dal nuovo operatore.

I costi

Il passaggio da un operatore all’altro non costa nulla, salvo gli eventuali costi di bollo e di deposito cauzionale (o garanzia). Il deposito cauzionale è un importo che l’operatore può chiedere al momento della firma del contratto e che deve essere restituito entro trenta giorni dalla cessazione del contratto, comprensivo degli interessi legali. L’importo massimo che può essere chiesto dall’operatore di gas è di 25€ per consumi fino a 500 metri cubi all’anno e di 77€ per consumi tra 500 e 5.000 metri cubi all’anno. Non possono invece essere richiesti anticipi sui consumi. Il venditore di energia elettrica può richiedere un deposito cauzionale massimo di 11,5€ al kilowatt di potenza prevista dal contratto, pari a 34,5€ per la famiglia tipo. La somma è pagata in parte al momento della sottoscrizione (15,6€) e la parte restante in rate successive.
 

I pagamenti

Nel caso si scelga la domiciliazione bancaria o su carta di credito, per i clienti in servizio tutelato non è previsto alcun deposito cauzionale. Per i clienti del mercato libero, la possibilità della domiciliazione e il versamento del deposito cauzionale sono opzionali e variano in base al contratto. Ogni operatore del mercato libero, al momento della sottoscrizione del contratto con un cliente, deve fornire una scheda di confrontabilità della spesa per la comparazione dei prezzi dell’offerta commerciale con quelli vigenti per il servizio di maggior tutela offerto dall’Autorità per via amministrativa.

La libertà di scelta sul mercato riguarda solo gli operatori che vendono energia, mentre non è possibile cambiare l’operatore che assicura la distribuzione dell'energia, attraverso linee, fino alle abitazioni.

Cambiare operatore è rischioso?

Quando si decide di cambiare operatore, soprattutto se non lo si è mai fatto, è normale avere qualche timore. Scegliere un nuovo operatore, però, non comporta rischi o svantaggi, anzi, permette di approfittare delle migliori tariffe sul mercato e risparmiare sulla bolletta.

Quando cambi operatore la fornitura non viene sospesa, perché il vecchio operatore deve continuare a garantirla fin quando la nuova offerta non è attiva.

Vota la guida:

Valutazione media: 4,2 su 5 (basata su 180 voti)

Offerte confrontate

Con il comparatore di Facile.it puoi confrontare le offerte luce e gas e scegliere la tariffa migliore, risparmiando fino a 400€ l’anno sulla bolletta!

Fornitori energetici

Scopri chi sono gli operatori energetici confrontati su Facile.it.

Fornitori energetici

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore energetico.

Guide Gas e Luce

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy