Serve assistenza?
02 55 55 666

Quanti prestiti si possono avere in contemporanea

28 feb 2020 | 4 min di lettura | Pubblicato da Castiglia M.

prestiti expert speaks quanti prestiti si possono avere in contemporanea

Se si sta ripagando un debito e improvvisamente ci si trova nelle condizioni di dover chiedere un secondo prestito, cosa succede? E’ possibile ricorrere a un nuovo finanziamento da rimborsare contemporaneamente al primo? La risposta è sì, purché vengano rispettati determinati requisiti. Come sempre, infatti, ciò che importa è esclusivamente una cosa: che il richiedente possa garantire, di poter ripagare il debito.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

Requisiti di accesso a un prestito aggiuntivo

In poche parole, gli elementi che giocano a favore o a sfavore di un eventuale seconda concessione sono rappresentati, in primis, dalla situazione reddituale e patrimoniale dell’interessato, dal suo merito creditizio, dalla possibilità di presentare alla banca ulteriori garanzie che la tutelino dal rischio di insolvibilità, e, non ultimo, dall’entità del nuovo prestito che si va a richiedere. In definitiva, ciò che conta non è il numero di prestiti che si possono ottenere contemporaneamente, ma è la capacità di rimborso che si dimostra di avere in base all’ammontare totale delle rate mensili che si dovrebbero ripagare.

A parità di reddito, i lavoratori con contratto di lavoro a tempo indeterminato sono avvantaggiati in partenza rispetto agli autonomi perché la busta paga, già di per sé, costituisce una garanzia per la banca. Tuttavia, se la somma delle rate da pagare ogni mese supera certi limiti, difficilmente un secondo prestito verrà concesso. Vediamo quali sono questi limiti. Partiamo dal primo requisito. Generalmente, la rata mensile di un finanziamento non deve eccedere un terzo circa del reddito mensile. Pertanto, se lo stipendio netto ammonta a 1.500 euro, la rata, o la somma delle rate in presenza di più prestiti, non deve superare quota 500 euro.

Nel caso in cui con un secondo prestito si superi tale soglia e il prestito viene negato, si può tentare di presentare alla banca delle garanzie aggiuntive.

Ad esempio ricorrendo alla figura di un garante terzo che si assuma la responsabilità di onorare il debito nel caso il titolare del prestito non fosse più in grado di farlo oppure dimostrando di avere ulteriori entrate sicure come potrebbe essere l’affitto di una casa di proprietà data in locazione.

Merito creditizio del richiedente

Un secondo, importante, elemento che incide sulla decisione finale della banca è il merito creditizio del richiedente. Anche ammettendo che il rapporto reddito/rata rientri nei limiti previsti, la banca prima di concedere un finanziamento valuta la storia creditizia del cliente e ciò succede a maggior ragione quando si parla di un prestito che si aggiunge a un altro. Per valutare il merito creditizio, la banca consulta le centrali rischi, gigantesche banche dati contenenti informazioni creditizie, come ad esempio quella del Crif.

Obiettivo: verificare se il cliente sia o no un cattivo pagatore: cioè se stia rimborsando, o abbia rimborsato in passato, regolarmente le rate di altro finanziamento, rispettando tutte le scadenze, o se ci siano eventuali altre pendenze ancora in corso. Se la fedina creditizia risulta pulita, le possibilità di ottenere un nuovo prestito aumentano. Al contrario, molto facilmente, la risposta della banca sarà negativa.

Supponendo che tutto vada per il verso giusto e che tutti i requisiti siano soddisfatti, quando, in termini temporali, si può richiedere un secondo prestito? La legge non pone limiti, ma nel concreto è sempre bene far trascorrere almeno qualche mese tra una richiesta e l’altra, dopo che si è versata regolarmente almeno qualche rata.

Soluzione alternative al prestito tradizionale

Se si ha bisogno di nuova liquidità, e un secondo prestito non viene concesso, si possono tuttavia percorre altre strade. Una prima, interessante, soluzione, purtroppo riservata esclusivamente ai lavoratori dipendenti, è rappresentata dal prestito delega o doppia cessione del quinto che permette, anche a chi ha già in corso una precedente cessione del quinto, di aumentare l’ammontare del prestito per un importo non superiore al 40% dello stipendio.

Tornando all’esempio precedente, un dipendente con stipendio netto di 1.500 euro, attraverso un prestito delega, può arrivare a una rata mensile di 600 euro (40% di 1.500) anziché fermarsi a 500. Un’altra possibilità risiede nel cosiddetto consolidamento debiti, una soluzione che molte banche propongono. In pratica, attraverso un nuovo finanziamento si estingue il debito precedente, ottenendo in aggiunta nuova liquidità e si ripaga un’unica rata che, allungando il periodo di rimborso, può diventare più bassa e rientrare così nei limiti previsti.

Per ricevere nuovo denaro in prestito, una terza soluzione può essere la ricarica del finanziamento che si sta già rimborsando. La ricarica del prestito consiste nel richiedere alla stessa banca che ha erogato il primo finanziamento di aggiungere ulteriore credito a quanto già ottenuto. Quest’ultima possibilità permette di rapportarsi con un istituto che già conosce il cliente e, pertanto, se quest’ultimo ha dimostrato di essere affidabile, otterrà più facilmente nuova liquidità.

Autore
castiglia-masella

Giornalista professionista, collabora da diversi anni con il Sole 24 Ore (Casa24Plus, Mondo Immobiliare). In passato ha lavorato, tra gli altri, per Tempo Economico e Tgcom.

Ultime notizie Prestiti

pubblicato il 16 febbraio 2024
Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Il Decreto Superbonus ha assunto una forma definitiva con poche possibilità di modifiche. Tuttavia, le misure di protezione per i controlli fiscali si sono rivelate limitate, mettendo in difficoltà coloro che hanno scelto una deduzione parziale dall'IRPEF.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Il prestito online Agos più conveniente a febbraio 2024

Il prestito online Agos più conveniente a febbraio 2024

Hai bisogno di un prestito? Puoi valutare l’opportunità di richiedere uno dei prestiti online Agos. Prima però devi scoprire se Agos conviene, se Prestito Agos è flessibile e quali sono i vantaggi.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Qual è il miglior prestito per acquisto auto di febbraio 2024

Qual è il miglior prestito per acquisto auto di febbraio 2024

Scopri i migliori prestiti auto del mese su Facile.it e trova l'offerta perfetta per le tue necessità finanziarie.
pubblicato il 11 febbraio 2024
Confronto tra 5 prestiti personali a febbraio 2024

Confronto tra 5 prestiti personali a febbraio 2024

Navigare nel mare dei prestiti online non è sempre facile, con un'infinità di offerte e promesse. Per semplificare la ricerca e individuare le migliori opzioni disponibili Facile.it ti propone un confronto dei prestiti online più vantaggiosi.

Guide ai prestiti

pubblicato il 30 marzo 2023
Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Hai già richiesto una cessione del quinto ma hai bisogno di più liquidità? C'è una soluzione per raddoppiare la somma che puoi richiedere, ed è la cessione del doppio quinto!
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Ti sarà capitato sempre più spesso di trovare la dicitura pagamento dilazionato in tantissime attività commerciali e negli e-commerce online. Questo tipo di opzione consente la suddivisione in piccole parti dell'interno importo da pagare, metodo che comunemente viene conosciuto come pagamento a rate. Quest'ultime potrebbero essere soggette a tassi di interesse e tale caratteristica dipende da dove viene acquistato il bene o dalla società che offre la possibilità di dilazionare il pagamento. Nel caso di dilazione a tasso zero, il totale da pagare sarà uguale a quello del valore del prodotto acquistato. Nel caso opposto, ovvero con percentuale di tasso, la somma finale corrisponderà al prezzo del bene più la percentuale stabilita al momento dell'acquisto. Vediamo tutto quello che devi sapere su questo argomento e come funziona la dilazione del pagamento.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.
pubblicato il 22 giugno 2021
Reverse factoring: cos'è e come funziona

Reverse factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è e come funziona il Reverse factoring, quali sono i benefici che apporta alle aziende di una filiera produttiva e i costi che comporta.
pubblicato il 22 giugno 2021
Maturity factoring: cos'è e come funziona

Maturity factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è il Maturity factoring, come funziona e quali sono i vantaggi e i costi per chi ne beneficia. Ecco tutto quello che bisogna sapere al riguardo.
pubblicato il 16 giugno 2021
Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Il merito creditizio è una misura essenziale per richiedere qualsiasi tipo di finanziamento bancario. Ecco di cosa si tratta e quali requisiti occorrono per poterlo attivare a proprio vantaggio.
pubblicato il 16 dicembre 2020
Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cosa succede in caso ci sia un pignoramento con cessione del quinto in atto? E a quanto equivale la quota massima pignorabile di uno stipendio oppure di una pensione? Scopriamolo insieme in questo approfondimento.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968