02 55 55 000 Lun-Sab 9.00-21.00

Cucina a induzione: consumo e tipologie

Cucina a induzione: consumo e tipologie
LE 3 COSE DA SAPERE
  • Sono caratterizzate da un miglior rendimento termico
  • Sono facili da pulire e non hanno nessun rischio di fughe di gas
  • Scopri su Facile.it le migliori offerte per l'energia elettrica di casa!

Le cucine a induzione dallo stile moderno, tecnologico e attuale, funzionano tramite fornelli a induzione sempre più sicuri in quanto il funzionamento avviene solo tramite energia elettrica. Ciò che spaventa il consumatore è il consumo elettrico del piano cottura a induzione. Vediamo se è davvero così valutando vantaggi e svantaggi. 

Sommario

Fornelli a induzione: tipologie di cucine a induzione

I materiali utilizzati fanno al differenza, ma sono anche quelli che contribuiscono ad incrementare il prezzo di acquisto e il costo di gestione di un piano cottura a induzioneLa vetroceramica è un materiale di cui non è possibile fare a meno nella costruzione delle cucine induzione.

Il vetro utilizzato, inizialmente subisce un processo chiamato di devetrificazione che porta la parte ad esser sottoposta senza problemi a temperature di 700-800°C. Inoltre facilita la pulizia, non è attaccabile da sostanze chimiche corrosive e resiste agli urti.

Sempre rimanendo nel campo dei fornelli a induzione, è possibile acquistare un prodotto più economico, definito induzione da appoggio. Sono pù economici ma rappresentano una via di mezzo che avvicina molto ai piani cottura a induzione classica e consentono la regolazione della potenza di ciascun fornello.

Come funziona il piano cottura a induzione

Le cucine a induzione non hanno bisogno del fuoco per funzionare e di conseguenza nemmeno del gas. ll funzionamento piani cottura a induzione avviene esclusivamente grazie all'energia elettrica che aziona una resistenza a spirale ricoperta da vetroceramica. A contatto con il fondo della pentola, questo prende calore e riscalda il contenuto. Tecnicamente, la corrente alternata all'interno della bobina genera un campo magnetico in grado di causare correnti cosiddette parassite, che si dissipano sotto forma di calore.

I piani cottura a induzione utilizzano quindi le correnti elettromagnetiche che vengono originate dalle bobine sottostanti il rivestimento in vetroceramica, creando un campo elettromagnetico che riscalda, per contatto, la pentola, lasciando a temperatura ambiente la zona circostante.

Acciaio e ghisa sono i materiali con cui deve essere prodotto il pentolame, condizione necessaria affichè possa crearsi il magnetismo. Infatti materiali come vetro, ceramica, terracotta o alluminio, non sarebbero idonei perchè non capaci di attivare il campo magnetico.

Quando si acquista una pentola è necessario osservare la simbologia per capire se è adeguata per essere utilizzata con i fornelli a induzione.

Simbolo induzione

Il simbolo "induzione" è fondamentale per capire se le pentole a disposizione possono andar bene con la cucina ad induzione. Questa si attiva solamente nel momento in cui vi è un materiale ferroso che genera il circuito elettromagnetico.

Sul fondo delle pentole vi è il simbolo dell'induzione, ossia un pittogramma che rappresenta una spirale all'interno di una cornice rettangolare con gli angoli arrotondati.

Il simbolo induzione è presente sotto qualunque pentola realizzata in materiale ferroso e per farne verifica è sufficiente prendere una calamita e vedere se si attacca al fondo della pentola. In questo caso la pentola è idonea e compatibile con la cucina a induzione, in caso contrario no.

Consumo piano induzione in kWh

E' arrivato il momento di far chiarezza sui consumi piano cottura induzione, che rappresentano il punto a sfavore di questa tipologia di piani cottura. Se dovessimo osservare puramente l'aspetto energetico, una cucina a induzione genera un consumo inferiore rispetto ai fuochi a gas ma quest'ultimo tipo di fonte ha un costo decisamente più basso rispetto alla corrente elettrica.

Chi si avvale di una cucina ad induzione deve prevedere una fornitura di energia superiore e quindi è doveroso rivedere il contratto di fornitura con la società fornitrice del servizio di fornitura energia elettrica. Spesso si rende necessario l'incremento della potenza disponibile, poichè i canonici 3 kW potrebbero quasi sicuramente non risultare sufficienti, con conseguente incremento di prezzo del singolo kW.

Nonostante diversi produttori propongano per un piano cucina induzione consumi ad alta efficienza, si registra pur sempre un picco nel momento in cui tutti i fuochi sono funzionanti. La realtà, quindi, è che il consumo piano induzione è una variabile da tenere in piena considerazione nel momento in cui si va a scegliere la cucina.

Il reale consumo energetico del piano cottura a induzione è ridotto perchè il calore viene erogato esclusivamente dal basso per riscaldare il fondo della pentola, disperdendo pochissima energia. Un fuoco a gas, manda le fiamme anche verso l'esterno, disperdendo calore nell'aria (tra la pentola e il fuoco).

Il rendimento dei fornelli induzione è superiore di circa l'80%, ma è il costo energetico che spesso fa desistere dall'acquisto. Il maggior rendimento genera tempi di cottura più brevi, riducendo ancor più il consumo fornelli a induzione.

Cucina ad induzione: vantaggi e svantaggi

Vantaggi:

  • Migliore rendimento termico
  • Minori dispersioni di calore
  • Riduzione dei tempi di cottura
  • Facilità di pulizia
  • Design moderno, innovativo e minimale
  • Nessun rischio di fughe di gas

Svantaggi

  • Costo dell'energia decisamente superiore rispetto alle cucine convenzionali a gas
  • Pentolame specifico richiesto
  • Necessita di abitudine (rischio di ustioni sulla parte di appoggio della pentola)
  • Prezzo di acquisto superiore alle altre cucine tradizionali

Migliori offerte gas del mese

Fornitore: PULSEE
Prodotto: ZeroVentiquattro Gas
Tipologia contratto: Prezzo fisso
Tipo di tariffa:
Prezzo/Smc:€ 0,1327
Prezzo/kWh:
Prezzo/kWh Fascia F1:
Prezzo/kWh Fascia F2-F3:
Pagamento:Addebito bancario, Carta di credito
Spesa mensile: € 77,40 € 928,74/anno
Fornitore: SORGENIA SPA
Prodotto: Next Energy Gas
Tipologia contratto: Prezzo fisso
Tipo di tariffa:
Prezzo/Smc:€ 0,1380
Prezzo/kWh:
Prezzo/kWh Fascia F1:
Prezzo/kWh Fascia F2-F3:
Pagamento:Addebito bancario
Spesa mensile: € 78,14 € 937,66/anno
Fornitore: Engie
Prodotto: Energia 3.0 Light
Tipologia contratto: Prezzo fisso
Tipo di tariffa:
Prezzo/Smc:€ 0,1475
Prezzo/kWh:
Prezzo/kWh Fascia F1:
Prezzo/kWh Fascia F2-F3:
Pagamento:Addebito bancario
Spesa mensile: € 80,86 € 970,35/anno
*Le tabelle riportano a titolo esemplificativo la struttura del sito. Per tutte le offerte poste in comparazione clicca sul tasto vai e ottieni tutte le informazioni necessarie per valutare la proposta adatta alle tue esigenze Tutti i preventivi gas
 

Energia: confronta le tariffe Fai un PREVENTIVO »
Vota la guida:
Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 14 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 07/08/2020

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Offerte confrontate

Con il comparatore di Facile.it puoi confrontare le offerte luce e gas e scegliere la tariffa migliore, risparmiando sulla bolletta!

Guide Gas e Luce

Guide Luce e Gas

Fornitori energetici

Scopri chi sono gli operatori energetici confrontati su Facile.it.

Fornitori gas e luce