Serve assistenza?
02 55 55 666

Che cosa è il prestito ipotecario e quando è possibile accedervi

27 nov 2020 | 4 min di lettura | Pubblicato da Castiglia M.

prestiti expert speaks cosa e il prestito ipotecario

Tra le diverse tipologie di finanziamento personale c’è il prestito ipotecario. Si tratta di una soluzione che permette di ottenere un prestito offrendo in garanzia un immobile di proprietà, o di un bene di valore, sul quale viene iscritta un’ipoteca. Esattamente come avviene nel caso dei mutui. Il bene che viene ipotecato deve essere interamente di chi richiede il prestito, ma se vi sono altri proprietari che detengono quote dell’immobile o del bene è necessaria la loro autorizzazione a che l’ipoteca venga iscritta.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

La strada del prestito ipotecario viene solitamente percorsa da coloro che hanno bisogno di liquidità ma sono privi di busta paga la quale, al contrario, rappresenta già di per sé una garanzia per la banca. In pratica, se manca la busta paga, e non si possono presentare fideiussioni o polizze assicurative, l’iscrizione dell’ipoteca su un bene di proprietà costituisce per l’istituto erogante una garanzia sufficiente a tutela di future eventuali insolvenze da parte del richiedente.

Qual è l’importo massimo che si può richiedere

Non tutte le banche erogano questa tipologia di prestito. Perciò, la prima cosa da fare è verificare che l’istituto al quale ci si rivolge effettui l’operazione. L’importo che si può ottenere, a differenza dei prestiti personali 'standard', può essere anche molto elevato, a patto che l’immobile dato in garanzia abbia un valore congruo.

Analogamente anche la durata del rimborso può essere più lunga rispetto a quella dei prestiti personali per i quali, mediamente, la restituzione del capitale avviene al massimo nel giro di 10 anni. Nel caso del prestito ipotecario la durata può perciò variare e molto dipende anche dal valore dell’immobile (o di altro bene) dato in garanzia. Per quanto riguarda infine la rata, come succede per tutti i finanziamenti, essa non deve superare un terzo delle entrate mensili. Quindi, se si ha uno stipendio di 1.500 euro, la rata non deve essere maggiore di circa 500 euro.

La documentazione da presentare

I documenti che servono per la richiesta di un prestito ipotecario sono gli stessi che vengono presentati per qualsiasi altro tipo di finanziamento. Vale a dire:

  • certificato di residenza;
  • documento d’identità
  • codice fiscale;
  • busta paga o, se non la si ha, l’ultima dichiarazione Irpef che attesti la situazione reddituale del richiedente.

A questa documentazione si aggiunge quella che certifica la proprietà dell’immobile o del bene di valore sul quale è stata iscritta l’ipoteca.

Da tenere presente, infine, i costi del notaio, dato che l’iscrizione di un’ipoteca necessita sempre di un atto notarile.

Quando è il caso di chiedere un prestito ipotecario

Come già detto, se non si ha la busta paga e si è proprietari di un immobile o di un altro bene di valore da dare in garanzia, il prestito ipotecario può essere una soluzione. Questa tipologia di finanziamento è però ideale anche quando si ha bisogno di somme molto elevate che difficilmente si potrebbero ottenere con un normale prestito personale.

Come sempre, prima di stipulare un contratto di prestito ipotecario, è bene riflettere sulla propria capacità di restituzione del debito. Perché, in caso di inadempienze, come avviene anche per i mutui ipotecari, la banca può rivolgersi al tribunale e chiedere la vendita forzata del bene per recuperare le spettanze con il ricavato.

Prestito vitalizio ipotecario

Benché i nomi si assomiglino, il prestito ipotecario non è da confondere con il prestito vitalizio ipotecario. Quest’ultimo infatti è uno strumento riservato agli over 60 proprietari di un immobile. Il prestito vitalizio ipotecario consente, mantenendo la proprietà e l’uso della casa, di ottenere denaro contante a fronte dell’iscrizione di un’ipoteca sul bene posseduto. L’importo che si ottiene varia in base all’età del richiedente e al valore dell’immobile ipotecato ma non può essere superiore a 350mila euro.

Tale prestito può non essere rimborsato per la quota capitale, mentre si può predisporre un piano di rientro per la restituzione degli interessi e delle spese. Alla morte del titolare del finanziamento, gli eredi dovranno restituire alla banca la somma erogata in un’unica soluzione oppure incaricare la stessa della vendita dell’immobile. Con i proventi della vendita, gli eredi possono saldare la banca e, se c’è, incassare l’eccedenza.

Autore
castiglia-masella

Giornalista professionista, collabora da diversi anni con il Sole 24 Ore (Casa24Plus, Mondo Immobiliare). In passato ha lavorato, tra gli altri, per Tempo Economico e Tgcom.

Ultime notizie Prestiti

pubblicato il 23 febbraio 2024
Confronto tra prestiti casa per un finanziamento da 50.000€ a febbraio 2024

Confronto tra prestiti casa per un finanziamento da 50.000€ a febbraio 2024

Rinnovare lo spazio vitale o aggiungere un tocco di freschezza alla tua abitazione è sempre una gratificante avventura. Ma quando si tratta di finanziare progetti di arredamento o ristrutturazione, trovare il prestito giusto è fondamentale.
pubblicato il 26 febbraio 2024
TAN e TAEG dei prestiti on line a febbraio 2024

TAN e TAEG dei prestiti on line a febbraio 2024

Trovare il prestito più conveniente è semplice se si confrontano il Tan e il Taeg sui prestiti online. Oggi, ti mostriamo l’andamento di Tan e Taeg sui prestiti on line a febbraio 2024: scopriamo insieme se è il momento giusto per richiedere un prestito e qual è il più economico.
pubblicato il 28 febbraio 2024
Le rate di un prestito Cofidis da 10.000€ a fine febbraio 2024

Le rate di un prestito Cofidis da 10.000€ a fine febbraio 2024

Scopri la simulazione dei prestiti personali Cofidis a fine febbraio 2024: scopri tassi e rate!
pubblicato il 16 febbraio 2024
Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Il Decreto Superbonus ha assunto una forma definitiva con poche possibilità di modifiche. Tuttavia, le misure di protezione per i controlli fiscali si sono rivelate limitate, mettendo in difficoltà coloro che hanno scelto una deduzione parziale dall'IRPEF.

Guide ai prestiti

pubblicato il 30 marzo 2023
Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Hai già richiesto una cessione del quinto ma hai bisogno di più liquidità? C'è una soluzione per raddoppiare la somma che puoi richiedere, ed è la cessione del doppio quinto!
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Ti sarà capitato sempre più spesso di trovare la dicitura pagamento dilazionato in tantissime attività commerciali e negli e-commerce online. Questo tipo di opzione consente la suddivisione in piccole parti dell'interno importo da pagare, metodo che comunemente viene conosciuto come pagamento a rate. Quest'ultime potrebbero essere soggette a tassi di interesse e tale caratteristica dipende da dove viene acquistato il bene o dalla società che offre la possibilità di dilazionare il pagamento. Nel caso di dilazione a tasso zero, il totale da pagare sarà uguale a quello del valore del prodotto acquistato. Nel caso opposto, ovvero con percentuale di tasso, la somma finale corrisponderà al prezzo del bene più la percentuale stabilita al momento dell'acquisto. Vediamo tutto quello che devi sapere su questo argomento e come funziona la dilazione del pagamento.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.
pubblicato il 22 giugno 2021
Reverse factoring: cos'è e come funziona

Reverse factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è e come funziona il Reverse factoring, quali sono i benefici che apporta alle aziende di una filiera produttiva e i costi che comporta.
pubblicato il 22 giugno 2021
Maturity factoring: cos'è e come funziona

Maturity factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è il Maturity factoring, come funziona e quali sono i vantaggi e i costi per chi ne beneficia. Ecco tutto quello che bisogna sapere al riguardo.
pubblicato il 16 giugno 2021
Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Il merito creditizio è una misura essenziale per richiedere qualsiasi tipo di finanziamento bancario. Ecco di cosa si tratta e quali requisiti occorrono per poterlo attivare a proprio vantaggio.
pubblicato il 16 dicembre 2020
Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cosa succede in caso ci sia un pignoramento con cessione del quinto in atto? E a quanto equivale la quota massima pignorabile di uno stipendio oppure di una pensione? Scopriamolo insieme in questo approfondimento.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968