Serve assistenza?
02 55 55 666

Mediazione creditizia più cara e con nuovi obblighi

4 dic 2023 | 4 min di lettura | Pubblicato da Cristina B.

parola esperto prestiti mediazione creditizia

Problemi con il prestito personale ed i finanziamenti online, costi in salita per le cause da gestire fuori dall’aula dei tribunali. Mentre per le controversie relative all’acquisto di servizi o prodotti nell’Ue, arriva il registro dell’Adr (la conciliazione fuori dal tribunale). E’ entrato in vigore il 15 novembre 2023 il decreto del ministero della giustizia 150/2023 che recepisce le indicazioni di riforma, dopo 13 anni, della mediazione. Tra le novità un elenco dei costi della mediazione legato a differenti criteri come l’indennità del primo incontro di mediazione e la creazione di un albo di organismi Adr che offrono il servizio per le cause in Ue, accanto agli elenchi già previsti dalla normativa nel corso del tempo.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

Il provvedimento

Un provvedimento corposo di 49 articoli. Le disposizioni specificano i requisiti di cui si dovranno dotare gli organismi e i mediatori per iscriversi al registro, i presupposti legati alla formazione e l’aggiornamento della formazione continua. Una delle principali novità è legata alla creazione di una sezione ad hoc, la sezione speciale Adr per quei soggetti, organismi abilitati a gestire le mediazioni nelle controversie sia nazionali sia transfrontaliere previste e disciplinate dal codice del consumo (articoli 140 ter e segg, dlgs 28/2023). Controversie, per intenderci, legate a problemi con l'acquisto di un prodotto o servizio, avvenuto sia online o in un negozio.

Cos’è la mediazione. Riportando le definizione all’inizio del decreto in questione si deve intendere mediazione l’ attività, comunque denominata, svolta da un terzo imparziale e finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, anche con la formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa. Mentre l’organismo Adr è l’organismo che gestisce le controversie nazionali e transfrontaliere che rientrano nell’ambito di applicazione del Titolo II-bis del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, Codice del consumo, quelle per acquisto di beni e servizi anche al di fuori dei locali commerciali in ambito dell’Ue. Per le controversie transfrontaliere del credito al consumo: l’impegno è quello di svolgere procedure di mediazione per la risoluzione, anche in via telematica.

I costi della mediazione

Il decreto, come si è detto in precedenza, rinnova la materia dei costi della mediazione e viene introdotta una aggiornata tabella ministeriale delle spese secondo un diverso criterio di determinazione basato sulla distinzione e sull’applicazione delle tre seguenti voci: spese di avvioindennità di primo incontroindennità di mediazione (art. 30).

La novità assoluta è quella di una indennità che dovrà essere corrisposta al termine del primo incontro di mediazione. Insieme quindi alle spese di avvio della procedura, chi aderisce o presenta istanza dovrà versare all’organismo che opera la mediazione l’indennità di primo incontro, prevista in tre diversi importi secondo scaglioni di valore (art. 28 comma 4), modulati sia tra minimo e massimo sia a seconda che trattasi di mediazione volontaria, delegata o condizione di procedibilità. Il regolamento fissa anche il tempo da dedicare alla mediazione. Il primo incontro non dovrà durare meno di due ore con la possibilità di estendere nell’ambito della stessa giornata e alla conclusione dell’incontro si potrà compilare o il verbale di accordo o quello negativo, infine una terza strada potrà essere individuata in un incontro a data successiva e il verbale dovrà riportare queste indicazioni.

Il tariffario dell’indennità

Sono dovuti e versati a titolo di spese di avvio i seguenti importi:  € 40,00 per le liti di valore sino a € 1.000,00 ; € 75,00 per le liti di valore da € 1.000,01 sino a € 50.000,00; € 110,00 per le liti di valore superiore a € 50.000,00 e indeterminato;  Sono dovuti a titolo di spese di mediazione i seguenti importi: € 60,00 per le liti di valore non superiore a € 1.000 e per le cause di valore indeterminabile basso; € 120,00 per le liti di valore da € 1.000,01 sino a € 50.000,00, e per le cause di valore indeterminabile medio; € 170,00 per le liti di valore superiore a € 50.000,00, e per le cause di valore indeterminabile alto. Quando il primo incontro si conclude senza la conciliazione e il procedimento non prosegue con incontri successivi sono dovuti esclusivamente gli importi di cui ai commi 4 e 5.

Decorrenze

Le novità sono diventate operative per le cause incardinate dal 15 novembre 2023 anche se è stato previsto un regime transitorio. Chi è già iscritto nei registri alla data di entrata in vigore e quindi al 15 novembre e ha presentato al ministero la richiesta per permanere negli elenchi entro il 30 aprile avrà l’obbligo di adeguamento dei requisiti. Non solo, una volta adeguati i requisiti dovranno poi inviare il nuovo regolamento con le modifiche entro i 15 agosto 2024. L’obbligo di formazione per i mediatori consiste in una frequenza di corsi teorici pratici nelle materie indicate dal provvedimento.

Maggiori obblighi di formazione

Per chi eroga il servizio di mediazione diventano 80 le ore dedicate oltre la partecipazione al tirocinio in affiancamento a un mediatore, c’è anche la rimodulazione della distribuzione delle ore tra moduli teorici e pratici con una valutazione finale. I mediatori già iscritti dovranno partecipare infine a corsi che prevedano anche esercitazioni sul campo, laboratori ( 18 ore nel biennio salvo per chi tratta la materia transfrontaliera, internazionale e in tema di consumatori per cui sono previste altre 10 ore con valutazione finale).

Autore
cristina-bartelli

Giornalista professionista dal 2004 e vicecaporedattore per ItaliaOggi, scrive del Fisco in ogni sua forma. Ha fatto incursioni su Classcnbc e Tgcom per raccontare le novità di manovra di bilancio, sanatorie fiscali e storie di elusione.

Ultime notizie Prestiti

pubblicato il 16 febbraio 2024
Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Decreto Superbonus 2024: limiti e sanzioni

Il Decreto Superbonus ha assunto una forma definitiva con poche possibilità di modifiche. Tuttavia, le misure di protezione per i controlli fiscali si sono rivelate limitate, mettendo in difficoltà coloro che hanno scelto una deduzione parziale dall'IRPEF.
pubblicato il 19 febbraio 2024
Il prestito online Agos più conveniente a febbraio 2024

Il prestito online Agos più conveniente a febbraio 2024

Hai bisogno di un prestito? Puoi valutare l’opportunità di richiedere uno dei prestiti online Agos. Prima però devi scoprire se Agos conviene, se Prestito Agos è flessibile e quali sono i vantaggi.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Qual è il miglior prestito per acquisto auto di febbraio 2024

Qual è il miglior prestito per acquisto auto di febbraio 2024

Scopri i migliori prestiti auto del mese su Facile.it e trova l'offerta perfetta per le tue necessità finanziarie.
pubblicato il 11 febbraio 2024
Confronto tra 5 prestiti personali a febbraio 2024

Confronto tra 5 prestiti personali a febbraio 2024

Navigare nel mare dei prestiti online non è sempre facile, con un'infinità di offerte e promesse. Per semplificare la ricerca e individuare le migliori opzioni disponibili Facile.it ti propone un confronto dei prestiti online più vantaggiosi.

Guide ai prestiti

pubblicato il 30 marzo 2023
Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Cessione Doppio Quinto o Prestito con Delega: che cos'è?

Hai già richiesto una cessione del quinto ma hai bisogno di più liquidità? C'è una soluzione per raddoppiare la somma che puoi richiedere, ed è la cessione del doppio quinto!
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: le soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Ti sarà capitato sempre più spesso di trovare la dicitura pagamento dilazionato in tantissime attività commerciali e negli e-commerce online. Questo tipo di opzione consente la suddivisione in piccole parti dell'interno importo da pagare, metodo che comunemente viene conosciuto come pagamento a rate. Quest'ultime potrebbero essere soggette a tassi di interesse e tale caratteristica dipende da dove viene acquistato il bene o dalla società che offre la possibilità di dilazionare il pagamento. Nel caso di dilazione a tasso zero, il totale da pagare sarà uguale a quello del valore del prodotto acquistato. Nel caso opposto, ovvero con percentuale di tasso, la somma finale corrisponderà al prezzo del bene più la percentuale stabilita al momento dell'acquisto. Vediamo tutto quello che devi sapere su questo argomento e come funziona la dilazione del pagamento.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.
pubblicato il 22 giugno 2021
Reverse factoring: cos'è e come funziona

Reverse factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è e come funziona il Reverse factoring, quali sono i benefici che apporta alle aziende di una filiera produttiva e i costi che comporta.
pubblicato il 22 giugno 2021
Maturity factoring: cos'è e come funziona

Maturity factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è il Maturity factoring, come funziona e quali sono i vantaggi e i costi per chi ne beneficia. Ecco tutto quello che bisogna sapere al riguardo.
pubblicato il 16 giugno 2021
Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Il merito creditizio è una misura essenziale per richiedere qualsiasi tipo di finanziamento bancario. Ecco di cosa si tratta e quali requisiti occorrono per poterlo attivare a proprio vantaggio.
pubblicato il 16 dicembre 2020
Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cessione del quinto e pignoramento di stipendio o pensione

Cosa succede in caso ci sia un pignoramento con cessione del quinto in atto? E a quanto equivale la quota massima pignorabile di uno stipendio oppure di una pensione? Scopriamolo insieme in questo approfondimento.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968