Serve assistenza?
02 2110 0192

Aumenta la richiesta di prestiti ma c'è anche una stretta sul recupero crediti

4 lug 2023 | 5 min di lettura | Pubblicato da Cristina B.

parola-esperto-prestiti-arbitro-bancario.jpeg

Inizia una stretta sul credito. I segnali arrivano dall’associazione bancaria italiana (Abi) che, nell’ultimo bollettino, diffuso a giugno, ha evidenziato una flessione nei depositi correlati alle operazioni di cessione dei crediti.

Questo influirà certamente con la richiesta di prestiti personali.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

In maggio per Abi, i depositi da clientela residente (depositi in conto corrente, depositi con durata prestabilita al netto di quelli connessi con operazioni di cessioni di crediti, depositi rimborsabili con preavviso, pronti contro termine al netto delle operazioni con controparti centrali) hanno registrato, nello stesso mese, una variazione tendenziale pari a -3,7%, con un calo in valore assoluto su base annua di 69,3 miliardi di euro, portando l’ammontare dei depositi a 1.789,1 miliardi. Sul fronte prestiti alle famiglie, l’Abi certifica che: I prestiti a famiglie e società non finanziarie sono pari a 1.312 miliardi di euro con una variazione annua , calcolata includendo i prestiti non rilevati nei bilanci bancari in quanto cartolarizzati e al netto delle variazioni delle consistenze non connesse con transazioni (ad esempio, variazioni dovute a fluttuazioni del cambio, ad aggiustamenti di valore o a riclassificazioni), pari a -1,1% e in calo rispetto alla dinamica del mese precedente. La fotografia scattata da Abi segna una flessione dunque che potrebbe accentuarsi nei mesi successivi complice l’aumento del costo del denaro.

Un segnale questo già incassato dal ministero dell’economia che non ha mancato di manifestare preoccupazione. Proprio il ministro Giancarlo Giorgetti ha paventato durante il comitato esecutivo dell’associazione delle banche.

Secondo il ministro «esiste complessivamente la necessità del sistema bancario di aiutare in questa fase di incertezza e di transizione l’economia italiana e soprattutto l’economia reale».

Ma cosa sta succedendo sui prestiti?

A provare a rispondere alla domanda è Facile. It che segnala per maggio che l’ importo medio richiesto alle società di credito per un prestito personale sia stato pari a 10.474 euro, valore in calo del 4% rispetto allo stesso mese del 2022. I tassi, invece, sono aumentati notevolmente arrivando a +31% se confrontati con quelli di dodici mesi prima quando, per un prestito personale da 10.000 euro in 5 anni erano pari a 6,28%, a maggio 2023 il tasso medio online (TAN) è arrivato a 8,24%. In sostanza si chiede credito ma per importi più bassi .

Quali sono le ragioni per cui gli italiani ricorrono ai prestiti?

L’analisi, realizzata su un campione di oltre 35 mila richieste di prestito personale raccolte online da Facile.it e Prestiti.it, ha evidenziato come la prima motivazione per cui si chiede un prestito personale è l’esigenza di liquidità, finalità indicata a maggio 2023 da quasi 1 richiedente su 3 (32%).

Seguono, in termini percentuali, le richieste di prestito personale per l’acquisto di auto usate (16%) e quelle per il consolidamento debiti (15%). In aumento il peso percentuale delle richieste dei prestiti per le vacanze, cresciuti del 3% rispetto allo scorso anno, e di quelli per spese mediche(+7%). Dopo il boom del 2022, invece, calano le richieste di prestiti personali per matrimoni(-7%).

Identikit del richiedente

Chi richiede un prestito di solito ha un'età media di 42 anni, un dato in aumento rispetto allo scorso anno mentre gli under 35 rappresentano un terzo dei richiedenti (33,5%), aumenta anche la quota dei richiedenti over 54, passata dal 16% al 19% del totale.

Le motivazioni del prestito variano al variare dell’età. Le fasce più giovani ricorrono a richieste di liquidità per auto, formazione, viaggi e vacanze. Chi è un giovane adulto (tra i 25 e i 34 anni) chiede un prestito per sposarsi mentre i più anziani puntano a avere risorse economiche liquide per ristrutturare casa e per le spese mediche sono più richiesti dagli over 54. I prestiti per liquidità, che rappresentano la tipologia di prestito personale più diffusa in assoluto, sono più frequenti tra gli over 45.

Il rischio credito

Tornando a un possibile credit crunch con riferimento a una analisi dello stock dei cosiddetti Npe (non performing exposure, Crif ha confermato la tendenza avviata nel 2022 di un passaggio di attenzione del mercato dalle sofferenze ai crediti classificati in UTP (Unlikely To Pay o inadempienze probabili) Stage 2 (crediti performing che manifestano un incremento significativo del rischio di credito).

Per quanto riguarda i crediti che rappresentano un elevato rischio (Stage2) sono arrivati a superare la quota di 263 miliardi e a rappresentare circa il 13,1% del totale degli impieghi bancari. Rischiano di più le società di capitali che si attestano a quasi il 70% del totale dei finanziamenti in questo stato di iniziale allerta.

Tra i settori produttivi quelli più rischiosi risultano essere costruzioni e infrastrutture (24,4% delle esposizioni), insieme ai servizi (18,8% delle esposizioni totali) con logistica, food & beverage a registrare gli incrementi maggiori.

Al contrario, i settori con una quota ridotta di esposizione rimangono quelli di estrazione olio e gas e chimica e farmaceutica. Per quanto riguarda le inadempienze probabili (UTP), l’analisi conferma i trend degli ultimi anni confermando ancora tra i settori più rischiosi quelli legati al settore immobiliare e delle costruzioni, l’intrattenimento (alloggio, ristorazione e agenzie di viaggio) e il commercio.

Infine si segnala che Il 2022 ha visto lo stock di crediti affidati per il recupero alle imprese associate a Unirec raggiungere la cifra record di circa 200 miliardi di euro rispetto ai circa 160 miliardi del 2021. Il trend di crescita degli importi gestiti subisce una forte accelerazione rispetto all’anno scorso attestandosi a circa +26% (rispetto al 7%) tornando così ai livelli registrati prima della pandemia.

Autore
cristina-bartelli

Giornalista professionista dal 2004 e vicecaporedattore per ItaliaOggi, scrive del Fisco in ogni sua forma. Ha fatto incursioni su Classcnbc e Tgcom per raccontare le novità di manovra di bilancio, sanatorie fiscali e storie di elusione.

Ultime notizie Prestiti

pubblicato il 13 giugno 2024
Confronto tra prestiti online a giugno 2024

Confronto tra prestiti online a giugno 2024

Su Facile.it puoi confrontare i prestiti online e trovare i tassi d’interesse più vantaggiosi, per risparmiare sulla rata e sull’importo totale del prestito.
pubblicato il 12 giugno 2024
Confronto prestiti cessione del quinto a giugno 2024

Confronto prestiti cessione del quinto a giugno 2024

I prestiti con cessione del quinto rappresentano una scelta sempre più popolare per chi cerca condizioni favorevoli e una gestione semplificata delle rate. In questo articolo, esploriamo le migliori offerte di prestito cessione del quinto disponibili a giugno 2024 su Facile.it.
pubblicato il 11 giugno 2024
Ristrutturazione casa: sette consigli per progettare un bagno facile da pulire

Ristrutturazione casa: sette consigli per progettare un bagno facile da pulire

Ristrutturare il bagno può trasformarsi in un compito impegnativo, ma con una progettazione accurata è possibile creare uno spazio pratico e facile da pulire. Ecco sette consigli utili per aiutarti.
pubblicato il 6 giugno 2024
Il prestito personale Sella a giugno 2024

Il prestito personale Sella a giugno 2024

Nel mese di giugno 2024, i prestiti offerti da Banca Sella rappresentano una soluzione finanziaria versatile e conveniente per chi cerca un supporto economico immediato e Facile.it può aiutarti a confrontare e scegliere il finanziamento più adatto alle tue necessità finanziarie.

Guide ai prestiti

pubblicato il 6 giugno 2024
Dopo quante rate non pagate scatta il pignoramento?

Dopo quante rate non pagate scatta il pignoramento?

Dopo quante rate non pagate scatta il pignoramento? Ecco tutto ciò che c'è da sapere per evitare gravi problemi.
pubblicato il 6 giugno 2024
Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

La ristrutturazione del debito è un accordo tra creditore e debitore, volto a modificare i termini previsti quando ci si è accordati per l'erogazione del prestito. Vediamo come funziona.
pubblicato il 5 giugno 2024
Come funziona il bonus mobili

Come funziona il bonus mobili

Il bonus mobili consiste in una detrazione Irpef, ma per quali acquisti si può richiedere? Scopriamolo in questa guida.
pubblicato il 31 maggio 2024
Cessione del credito di bonus edilizi e lavori non ultimati: cosa succede?

Cessione del credito di bonus edilizi e lavori non ultimati: cosa succede?

La cessione del credito di bonus edilizi è una pratica ormai diffusa, ma cosa succede in caso di lavori non ultimati entro la scadenza prefissata? Lo scopriamo in questa guida.
pubblicato il 30 marzo 2023
Cessione doppio quinto o prestito con delega: che cos'è?

Cessione doppio quinto o prestito con delega: che cos'è?

Hai già richiesto una cessione del quinto ma hai bisogno di più liquidità? C'è una soluzione per raddoppiare la somma che puoi richiedere, ed è la cessione del doppio quinto!
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

La dilazione del pagamento è ormai disponibile in tantissime attività commerciali e negli e-commerce online. Ma come funziona? E come richiederla? Ecco tutto ciò che c'è da sapere.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968