02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

L'assicurazione scolastica per un rientro in sicurezza

Scuola e sicurezza, un binomio imprescindibile che, negli ultimi mesi, ha assunto ancora più importanza dopo il lungo lockdown dovuto al coronavirus. Il rientro a scuola, secondo una indagine condotta lo scorso agosto da Ipsos per Save the Children, preoccupa 7 genitori su 10. Timori che riguardano non solo l’incertezza sulle modalità di ripresa delle lezioni scolastiche, ma anche i rischi che possono derivare da un mancato distanziamento fisico.

Coronavirus a parte, comunque, il tema della sicurezza a scuola è quello che le famiglie hanno più a cuore visto che è il luogo dove i propri figli trascorrono circa 200 giorni all’anno. Sicurezza, dunque, è la parola d’ordine quando si parla di scuola. Ma ci siamo mai chiesti 'quanto' i nostri figli sono ‘protetti’ mentre sono a lezione? Se sono tutelati in caso di infortunio o incidente?

L'assicurazione scolastica

Di cosa si tratta?

Poco conosciuta da tanti genitori l’assicurazione scolastica è stata resa obbligatoria dalla legge per tutti gli istituti, di qualsiasi ordine e grado, comprese le università. Vediamo in cosa consiste. Si tratta di una polizza assicurativa stipulata con l'Inail per ogni alunno iscritto che copre proprio gli infortuni e gli incidenti che possono avvenire a scuola. Ma attenzione, ci sono dei limiti. Tale tipo di polizza, infatti, non copre tutto ma solo determinate materie quali educazione fisica e laboratorio, le attività, insomma, dove c’è un più alto numero di incidenti.

Lo scopo

Lo scopo è ovvio: evitare alla scuola eventuali responsabilità civili, e, di conseguenza, risarcimenti danni sostanziosi. Nello specifico, l'assicurazione scolastica è obbligatoria sia per gli istituti pubblici, sia per quelli privati e copre, come precisa il sito Orizzonte Scuola, "le ore di laboratorio informatico, di fisica o di tecnica, le attività extracurriculari, quelle sportive, le attività finalizzate all'alternanza scuola - lavoro e, non da ultimo, i famosi viaggi di istruzione. Insomma tutto ciò che rientra nei progetti definiti dalla scuola ad esclusione degli infortuni che avvengono in itinere".

Le coperture infortuni

Dunque l’infortunio deve essere collegato direttamente alle attività scolastiche specificate. Se, ad esempio, uno studente si fa male andando a scuola, o giocando a calcio al di fuori delle ore di educazione fisica anche se nel campo da calcio della scuola, non è coperto dall’assicurazione Inail. Tutto ciò per cui non è prevista una copertura Inail, (e quindi parliamo anche degli infortuni che avvengono al di fuori delle attività di laboratorio o di educazione fisica, ma comunque nell’ambito scolastico), è coperto da una assicurazione scolastica integrativa che gli istituti scolastici stipulano insieme ai genitori con una assicurazione privata.

Non si tratta di una assicurazione obbligatoria ma fa sì che con una spesa minima ci siano molti vantaggi: garantisce, infatti, l’indennizzo per tutti i possibili infortuni che possono subire gli studenti e per i danni da responsabilità civile che possono avvenire durante l’orario scolastico. Va deliberata dal Consiglio d’Istituto e i genitori sono tenuti a pagare una parte della quota annuale (di solito si tratta di una somma molto esigua che non supera i 10 euro ad allievo).

Estensioni alle coperture

Alcune polizze, poi, estendono la copertura anche agli infortuni che possono avvenire durante il percorso casa-scuola e viceversa. Altre, invece, allargano la copertura anche alle gite scolastiche. Insomma, a differenza dell’assicurazione Inail, la polizza privata copre lo studente anche per i danni da responsabilità civile (ad esempio se cade dalle scale durante l’uscita da scuola e rompe il cellulare).

Il consiglio è quello di richiedere alla segreteria dell’istituto scolastico una copia del contratto. La denuncia andrà fatta alla compagnia assicuratrice che ha sottoscritto la polizza con la scuola. I moduli sono disponibili sempre in segreteria. Ricordiamo, infine, che i costi scolastici possono essere detratti nella dichiarazione dei redditi.

pubblicato da il 8 ottobre 2020

Autore

Foto Autore

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

News Assicurazioni

Guide alle assicurazioni

  • Quanto aumenta l'assicurazione dopo un sinistro

    Quanto aumenta l'assicurazione dopo un sinistro

    Quando si verifica un incidente stradale,...

  • Rottamazione auto: le cose da sapere sulla demolizione auto

    Rottamazione auto: le cose da sapere sulla demolizione auto

    Al giorno d'oggi, non tutti sanno cosa si...

  • Incentivi auto: cosa sapere sul bonus per acquisto auto

    Incentivi auto: cosa sapere sul bonus per acquisto auto

    Gli incentivi auto 2020 sono dei bonus che...

  • Targa prova auto: cos'è e quando si utilizza

    Targa prova auto: cos'è e quando si utilizza

    La targa di prova dell'automobile...

Guide Assicurazioni

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative