02 55 55 666 Lun-Sab 9.00-21.00

Prestito della speranza

Il progetto del prestito della speranza nasce da un'idea del CEI, Conferenza Episcopale Italia, nel 2009. In seguito, visti i risultati positivi che ha ottenuto, è stato appoggiato, in virtù di collaborazione, dall'ABI, Associazione Bancaria Italiana.

Il prestito della speranza è un fondo sociale costituito su offerte solidali, messo a disposizione delle famiglie o delle microimprese indigenti che, per mancanza di requisiti basilari, non sono considerati idonei ad accedere ad un prestito bancario o finanziario tradizionale. È riservato, principalmente, a disoccupati, giovani in cerca di primo lavoro, giovani coppie, anziani con minimo reddito, persone che hanno perso il lavoro o titolari di microimprese che versano in difficoltà economiche. Il prestito della speranza viene elargito, a tassi e rateizzazioni agevolate, solo in caso di comprovata necessità, e per scopi di prima necessità. Ad esempio per lavori urgenti di sanificazione di case fatiscenti, per l'acquisto di oggetti di assoluta necessità per un bambino in arrivo, per l'acquisto di materiale di prima necessità per rimettere in piedi una microimpresa.

Il fondo destinato all'erogazione di prestiti della speranza si basa sulla solidarietà. Tutti i cittadini possono contribuire e fare dei versamenti liberi. I soldi accumulati vengono utilizzati per concedere prestiti alle persone più in difficoltà, che hanno urgente bisogno di liquidi per potersi garantire una soglia di vivibilità accettabile nell'immediato futuro.

Questo prestito può essere concesso a persone fisiche o giuridiche, nella fattispecie esclusivamente microimprese. Le persone fisiche che vogliono chiedere questo prestito devono presentare: un ISEE che certifichi la situazione di grave indigenza, l'eventuale certificato ASL che attesti una condizione di invalidità e la lettera di licenziamento, per quanto riguarda i disoccupati. Le microimprese, invece, per accedere alla domanda di prestito della speranza, devono presentare: il numero di iscrizione alla Camera di Commercio ed il numero di Partita Iva, il DURC cioè il documento che attesti il regolare pagamento delle tasse durante tutto l'arco della vita dell'attività, il bilancio degli ultimi anni dell'impresa ed il progetto previsto per il rilancio.

Gli ultimi aggiornamenti parlano della possibilità di ottenere un massimo di 7.500 euro per le persone fisiche, da rimborsare a tasso agevolato non superiore al 2,5% di TAN. Per le piccole imprese, invece, si possono concedere fino a 25.000 euro, rimborsabili a tasso agevolato entro il 4,5% di TAN.

Prestiti personali: calcola la tua rata Confronto Prestiti »
Vota il servizio:
Valutazione media: 4,8 su 5 (basata su 14 voti)

Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione, salvo per questioni contrarie alla normativa vigente.

News

Prestito della Speranza per piccoli imprenditori

pubblicato il 19 giugno 2017 - Il Prestito della Speranza è una particolare tipologia di finanziamento destinata a famiglie e microimprese in difficoltà, frutto di una collaborazione nata nel 2009 tra Conferenza Episcopale...

Il Prestito della Speranza della CEI

pubblicato il 21 maggio 2013 - Il 1° settembre 2009 la Conferenza Episcopale Italiana (CEI) ha istituito un fondo nazionale straordinario, denominato “Prestito della Speranza”, orientato a garantire prestiti bancari da...

Offerte confrontate

Con Facile.it puoi confrontare i migliori finanziamenti e richiedere velocemente e online un preventivo di prestito secondo le tue esigenze.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

Banche e finanziarie

Guide ai prestiti

Guide Prestiti