Serve assistenza?
02 2110 0192

29 apr 2024 | 5 min di lettura | Pubblicato da Cristina B.

giovane coppia che guarda il pc

Cresce l’allarme per le truffe finanziarie anche legate alla richiesta di prestiti. Scende in campo la Consob con la pubblicazione, sul proprio sito, di una avvertenza per i risparmiatori sugli indizi che possano aiutare a capire quando ci si trova di fronte a delle frodi.

Sotto la lente, stavolta, i finti articoli sui siti web e sui social i richiami allarmistici che utilizzano foto di vip e star per indirizzare uno sprovveduto risparmiatore verso siti con richiesta di dati e di soldi articolando vere e proprie truffe.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

Sempre il sito di Consob aggiorna costantemente i dati di indirizzi web reputati inaffidabili che attraverso la promessa di guadagni, vogliono carpire dati e, nella peggiore delle ipotesi, entrare nei conti correnti degli sprovveduti risparmiatori. Dall’ultimo rendiconto della commissione per la società e borsa (Consob) da luglio 2019, anno da cui parte questo tipo di monitoraggio e segnalazione, ai primi quattro mesi 2024 sono oltre mille (1.065) i siti che riportano rischi per gli utenti e offrono servizi finanziari senza la dovuta autorizzazione.

Vediamo insieme di cosa si tratta quando si parla di truffe finanziarie e come poter essere più attenti e consapevoli.

Tre indizi fanno una prova, l’avvertimento della Consob

Le truffe seguono la modernità. I canali privilegiati attraverso i quali viaggiano creando un danno per i risparmiatori sono internet e il telefono. Per Consob le nuove tipologie a rischio sono le seguenti:

a) iniziative di operatori finanziari abusivi che utilizzano indebitamente il nome e l’immagine di personaggi noti, per lo più del mondo dello spettacolo e dello sport, per indurre i risparmiatori, dietro promesse di facili guadagni, ad aderire a presunte proposte di investimento o relative all’asserito acquisto di crypto-asset;

b) sedicenti società di recupero crediti che – a volte anche utilizzando illegittimamente la denominazione e il logo della CONSOB o di altre Autorità – contattano gli investitori vittime di operatori finanziari abusivi prospettando loro, a fronte di un corrispettivo in denaro, la possibilità di ottenere il rimborso delle somme già investite, salvo poi sottrargli anche queste ulteriori somme senza fornire alcun servizio;

c) campagne pubblicitarie poste in essere da imprecisati soggetti che sfruttano indebitamente la notorietà di primarie società (quali ad es. Amazon, Poste Italiane, Eni o Fininvest) per proporre fittizi investimenti in titoli azionari delle medesime società.

Consob dunque mette in guardia il pubblico dei risparmiatori sui rischi connaturati a tali iniziative che partono come vere proprie fake news e L’Autorità ricorda che non svolge alcuna attività finalizzata a promuovere l’adesione a opportunità di investimento né invia comunicazioni al pubblico dei risparmiatori con cui chiede la corresponsione di somme di denaro o l’invio di dati personali per finalità di investimento.

Dunque le pagine web, o gli avvisi all’interno di social e spazi pubblicitari che”scimmiottano” finti articoli di giornali con toni allarmistici e fintamente drammatici con le foto di personaggi dello spettacolo e della televisione del cinema sono nient’altro che notizie false e modi per essere un primo richiamo per truffe con conseguenze pesanti per chi non riesce a contestualizzare bene ciò che legge e si affida.

Chi sono le vittime delle truffe?

Sono i giovani, quelli che navigano e che si sentono più sicuri sul web quelli più a rischio. Una recente ricerca di Barclays Bank banca nazionale britannica ha rilevato che il 26% delle vittime delle frodi ha meno di 30 anni mentre il 77% di tutte le truffe si consuma sui social media, ecco dunque che l’avviso di febbraio di Consob ha ancora maggior peso considerato il possibile profila del truffato, giovane, che naviga sui social e forse con poca consapevolezza dei contenuti che legge e visiona.

Complici inconsapevoli

Nelle truffe finanziarie c’è purtroppo una sorta di corresponsabilità proprio da parte di chi poi risulta vittima. Se si parte da una sorta di facilità a credere e dunque a affidarsi a false informazioni, facilmente riscontrabili, il passaggio successivo è quello di ritenere possibili le promesse di facili guadagni di presunti maghi della finanza e del risparmio. Il truffato, purtroppo, per paradosso diventa complice dello stesso schema anche se alla fine ci rimette totalmente. Alcuni dubbi da sollevare e alcune verifiche da fare in una fase iniziale possano aiutare a salvare risparmi e serenità.

Verificare le promesse di guadagni con i tassi applicati dalle banche

Ad esempio, buona norma è quella di confrontare il rendimento che viene promesso con quello che è offerto sul mercato dagli intermediari tradizionali, ponendo come base la considerazione che nessuno regala nulla. Di fronte a scostamenti eccessivi non esitare a chiedere le ragioni dello scostamento rilevante dei guadagni che si attendono

Quando si investe non esiste il rischio zero e il guadagno assicurato per di più con alti rendimenti.

Riflettere sullo strumento che viene proposto e leggere i documenti

Inoltre è sempre bene indagare sullo strumento finanziario proposto. I siti istituzionali forniscono indicazioni anche da questo punto di vista. Analizzare sempre la documentazione proposta, pagare in maniera tracciabile e riflettere a fondo sulla natura della scelta che si sta facendo anche di allargarla a terzi come familiari e amici.

Nell’aggiornare l’elenco dei siti ingannevoli la Consob evidenzia questo concetto: di usare la massima diligenza al fine di effettuare in piena consapevolezza le scelte di investimento, adottando comportamenti di comune buon senso, imprescindibili per salvaguardare il proprio risparmio: tra questi, la verifica preventiva, per i siti che offrono servizi finanziari, che l'operatore tramite cui si investe sia autorizzato e, per le offerte di prodotti finanziari, che sia stato pubblicato il prospetto informativo.

Lo schema Ponzi cos’è

Una delle più celebri truffe finanziarie si chiama schema ponzi e deve il nome a Charles Ponzi che la creò negli stati uniti agli inizi del 1900 e riuscì a truffare circa 15 mila persone per un valore di più di 15 mln di dollari attraverso un investimento iniziale richiesto di tre dollari.

Si tratta di uno schema a piramide, una specie di catena di Sant Antonio in cui vengono promessi interessi molto elevati, pagati agli investitori mediante i soldi che apportano nuovi soggetti che aderiscono successivamente allo schema. Quindi tutto si regge sulla capacità di coinvolgere altri partecipanti, ma quando il denaro in entrata non riesce più a coprire gli interessi promessi a coloro che già sono coinvolti nello schema, il circuito si blocca, manifestando la sua natura di truffa.

Le principali caratteristiche dello schema Ponzi sono: promesse di ingenti guadagni in poco tempo e poco rischio, documenti lacunosi spesso coperti da segreto o con espressioni alta finanza con cui sono mascherati, partecipanti non competenti che affidano i propri soldi all’imbonitore finanziario, attività legata a un solo promotore, azienda o prodotto, elevatissima rischiosità mascherata dalla remunerazione ricevuta regolarmente i primi tempi.

Autore
cristina-bartelli

Giornalista professionista dal 2004 e vicecaporedattore per ItaliaOggi, scrive del Fisco in ogni sua forma. Ha fatto incursioni su Classcnbc e Tgcom per raccontare le novità di manovra di bilancio, sanatorie fiscali e storie di elusione.

Ultime notizie Prestiti

pubblicato il 21 maggio 2024
Calcolo rata prestito Agos a maggio 2024

Calcolo rata prestito Agos a maggio 2024

A maggio 2024, i prestiti Agos si distinguono per flessibilità e convenienza, offrendo soluzioni su misura per soddisfare ogni esigenza. Facile.it emerge come uno strumento prezioso per chi è alla ricerca di un prestito. Esploriamo insieme l'offerta prestiti Agos su Facile.it a maggio 2024.
pubblicato il 19 maggio 2024
Prestito lavoratori e pensionati: la cessione del quinto a maggio 2024

Prestito lavoratori e pensionati: la cessione del quinto a maggio 2024

Se cerchi la soluzione finanziaria ideale per le tue esigenze, su Facile.it abbiamo selezionato i migliori prestiti cessione del quinto del mese di maggio. Scopri le opzioni più convenienti e vantaggiose per ottenere liquidità immediata senza compromettere il tuo bilancio mensile.
pubblicato il 18 maggio 2024
Calcolo del prestito Findomestic a maggio 2024

Calcolo del prestito Findomestic a maggio 2024

Findomestic, leader nel settore dei prestiti personali, offre condizioni vantaggiose e flessibili, rispondendo alle diverse esigenze dei clienti. Scopriamo insieme l'offerta più interessante di maggio 2024 su Facile.it!
pubblicato il 17 maggio 2024
3 prestiti con tassi convenienti a maggio 2024

3 prestiti con tassi convenienti a maggio 2024

La ricerca di prestiti affidabili e convenienti è cruciale per molte persone e grazie a Facile.it, l'accesso a finanziamenti online è diventato più semplice. Esploriamo insieme 3 dei prestiti online per la primavera 2024.

Guide ai prestiti

pubblicato il 30 marzo 2023
Cessione doppio quinto o prestito con delega: che cos'è?

Cessione doppio quinto o prestito con delega: che cos'è?

Hai già richiesto una cessione del quinto ma hai bisogno di più liquidità? C'è una soluzione per raddoppiare la somma che puoi richiedere, ed è la cessione del doppio quinto!
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 15 febbraio 2023
Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

Dilazione del pagamento: cos'è, con quali strumenti si può avere e come funziona

La dilazione del pagamento è ormai disponibile in tantissime attività commerciali e negli e-commerce online. Ma come funziona? E come richiederla? Ecco tutto ciò che c'è da sapere.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.
pubblicato il 22 giugno 2021
Reverse factoring: cos'è e come funziona

Reverse factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è e come funziona il Reverse factoring, quali sono i benefici che apporta alle aziende di una filiera produttiva e i costi che comporta.
pubblicato il 22 giugno 2021
Maturity factoring: cos'è e come funziona

Maturity factoring: cos'è e come funziona

Che cosa è il Maturity factoring, come funziona e quali sono i vantaggi e i costi per chi ne beneficia. Ecco tutto quello che bisogna sapere al riguardo.
pubblicato il 16 giugno 2021
Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Merito creditizio: cosa è e come viene calcolato

Il merito creditizio è una misura essenziale per richiedere qualsiasi tipo di finanziamento bancario. Ecco di cosa si tratta e quali requisiti occorrono per poterlo attivare a proprio vantaggio.
pubblicato il 16 dicembre 2020
Cessione del quinto sulla pensione di reversibilità: come funziona

Cessione del quinto sulla pensione di reversibilità: come funziona

Che cos'è la cessione del quinto sulla pensione di reversibilità, chi può richiederla, come funziona e quali sono i vantaggi: ecco tutto quello che si deve sapere su questo argomento.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968