Serve assistenza?
02 2110 0192

28 mag 2024 | 4 min di lettura | Pubblicato da Cristina B.

martelletto del giudice con fogli del pignoramento

Quando parliamo del settore prestiti, cosa si intende per pignoramenti presso terzi ? Il creditore per ottenere il pagamento di quanto dovuto chiede al giudice di assegnargli somme in suo favore dovute a sua volta da un terzo al suo debitore. Il terzo quindi anziché pagare al debitore pagherà al creditore, l’esempio più classico è il pignoramento di una quota dello stipendio: il creditore del dipendente (debitore) chiede al datore di lavoro (che è a sua volta debitore del dipendente e nella procedura diventa terzo pignorato) di versare a lui creditore una quota dello stipendio per andare a ripagare il credito. Altro esempio quello di una fattura che anziché essere saldata nei confronti del debitore è “girata” al creditore.

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€

Parametri e soglie per custodire le somme

L’articolo 25 del dl 19/2024 apporta modifiche alla disciplina del pignoramento presso terzi contenuta nel codice e nelle procedure di attuazione di procedura civile.

Si interviene su quelli che sono gli obblighi del terzo pignorato, con l’introduzione di soglie minime di maggiorazione per scaglioni rispetto alla somma che sarà oggetto della procedura (somma precettata).

In buona sostanza dal giorno in cui è notificato l’atto di pignoramento il terzo diventa custode nei limiti dell’ importo precettato così aumentato:

  • di 1.000,00 euro per i crediti fino a 1.100,00;
  • 1.600,00 euro per i crediti da 1.100,01 fino a 3.200,00 euro;
  • della metà per i crediti superiori a 3.200,00 euro.

La regola precedente operava con una norma generale senza divisioni di importi. Si stabiliva che qualunque fosse l’importo oggetto del precetto il terzo era sempre obbligato dell’importo aumentato della metà .

La modifica, ha spiegato la relazione di accompagnamento del provvedimento, è volta ad evitare l’incapienza in sede di assegnazione quando il credito precettato sia di importo modesto e l’accantonamento effettuato sia assorbito dalle elevate spese di procedura.

Novità anche sulle procedure e l’efficacia del pignoramento presso terzi

Un’altra novità riguarda il tempo dopo il quale il pignoramento perde efficacia. Dieci anni il tempo in cui bisogna espletare la procedura, altrimenti se si notifica e si è inerti il pignoramento decade, ad eccezione dell’evento che sia stata pronunciata l’ordinanza di assegnazione delle somme o si sia concluso il processo esecutivo. C’è una via però per allungare il termine e lo prevede e indica la legge:

La dichiarazione può essere notificata dal creditore pignorante o dai creditori intervenuti a tutte le parti e al terzo nei due anni precedenti al termine decennale di scadenza del pignoramento, al fine di conservarne l’efficacia.

La legge indica anche gli elementi che la dichiarazione di interesse deve riportare:

  • data di notifica del pignoramento;
  • ufficio giudiziario presso il quale pende la procedura esecutiva;
  • parti;
  • titolo esecutivo e del numero di ruolo della procedura;
  • attestazione della persistenza del credito;
  • data di deposito dell’intervento (qualora sia stata depositata dal creditore intervenuto).

Tempi stretti per l’obbligo di pagamento, il creditore deve dare il suo Iban

Un’altra importante novità specifica che l’obbligo di pagamento del terzo decorre dalla notifica dell’ordinanza di assegnazione e della dichiarazione. Si dispone che se l’ordinanza di assegnazione non è notificata al terzo entro novanta giorni dalla sua pronuncia o comunicazione, unitamente alla predetta dichiarazione, i crediti assegnati cessano di produrre interessi nei confronti del debitore e del terzo. La disposizione mira a regolare le ipotesi in cui il creditore non proceda alla tempestiva notifica dell’ordinanza di assegnazione. Gli interessi ricominciano a decorrere dalla notifica dell’ordinanza e della dichiarazione.

Viene inoltre previsto che l’ordinanza di assegnazione diventa inefficace se non viene notificata al terzo entro sei mesi dalla scadenza del termine decennale di cui all’art. 551-bis. L’ultima aggiunta prevede che l’ordinanza di assegnazione è comunicata dalla cancelleria ai terzi pignorati i cui indirizzi pec risultino dai pubblici elenchi o che hanno eletto domicilio digitale.

La disposizione persegue l’obiettivo di assicurare la conoscenza dell’emissione dell’ordinanza di assegnazione ai terzi.

Disciplina transitoria

crediti già assegnati alla data di entrata in vigore delle nuove disposizioni cessano di produrre interessi se l’ordinanza di assegnazione non è notificata, unitamente alla dichiarazione di interesse, al terzo pignorato entro novanta giorni dalla medesima data, e che gli interessi stessi riprendono a maturare dalla notifica dell’ordinanza e della dichiarazione precitate.

Il comma 1 lettera d), modificando l’art. 630 c.p.c., dispone che l’ordinanza del giudice dell’esecuzione con cui viene dichiarata l’estinzione del processo esecutivo per mancata prosecuzione o riassunzione nei termini di legge, è comunicata dalla cancelleria alle parti se pronunciata fuori dall’udienza e, in ogni caso, ai terzi pignorati i cui indirizzi pec risultino dai pubblici registri o che abbiano eletto domicilio digitale speciale. La misura è volta a far conoscere al terzo pignorato la notizia dell’intervenuta estinzione della procedura esecutiva, al fine di evitare l’inutile mantenimento del vincolo pignoratizio sugli importi bloccati ed ingiustificatamente sottratti alla disponibilità del debitore esecutato o all’eventuale garanzia di altri crediti.

Autore
cristina-bartelli

Giornalista professionista dal 2004 e vicecaporedattore per ItaliaOggi, scrive del Fisco in ogni sua forma. Ha fatto incursioni su Classcnbc e Tgcom per raccontare le novità di manovra di bilancio, sanatorie fiscali e storie di elusione.

Ultime notizie Prestiti

pubblicato il 12 luglio 2024
Calcolo del prestito Agos a luglio 2024

Calcolo del prestito Agos a luglio 2024

Scopri i prestiti Agos disponibili a luglio 2024. Confronta su Facile.it le migliori offerte di finanziamento per soddisfare le tue esigenze economiche, approfittando di tassi vantaggiosi e condizioni flessibili. Trova il prestito giusto per te in pochi semplici passaggi.
pubblicato il 10 luglio 2024
TAN e TAEG dei prestiti on line a luglio 2024

TAN e TAEG dei prestiti on line a luglio 2024

Hai bisogno di un prestito? Scopri l’andamento del TAN e del TAEG sui prestiti online con Facile.it. Qui trovi il TAN e TAEG medio sui prestiti online di luglio 2024, per aiutarti a fare la scelta migliore.
pubblicato il 8 luglio 2024
Confronto tra finanziamenti auto a luglio 2024

Confronto tra finanziamenti auto a luglio 2024

Scopri i migliori prestiti auto di luglio 2024 su Facile.it. Confronta le offerte delle principali banche e finanziarie, e trova il finanziamento più vantaggioso e con il tasso d'interesse più conveniente per l'acquisto della tua nuova auto.

Guide ai prestiti

pubblicato il 6 giugno 2024
Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

Ristrutturazione del debito: cos'è e come funziona

La ristrutturazione del debito è un accordo tra creditore e debitore, volto a modificare i termini previsti quando ci si è accordati per l'erogazione del prestito. Vediamo come funziona.
pubblicato il 5 giugno 2024
Come funziona il bonus mobili

Come funziona il bonus mobili

Il bonus mobili consiste in una detrazione Irpef, ma per quali acquisti si può richiedere? Scopriamolo in questa guida.
pubblicato il 27 febbraio 2023
Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

Come fare se si hanno troppi debiti: 3 soluzioni

In molti si chiedono cosa fare se hanno accumulato troppi debiti. La procedura da seguire in questo caso è semplice, anche se è bene conoscere accuratamente tutti i passaggi. Ecco quali sono.
pubblicato il 17 gennaio 2022
Acquisto di beni a rate: come funziona?

Acquisto di beni a rate: come funziona?

L'acquisto di beni a rate richiede una notevole attenzione. È possibile richiedere una dilazione dei pagamenti presso vari rivenditori autorizzati, al fine di rendere l'acquisto più conveniente.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte, noleggio a lungo termine) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968