02 55 55 999 Lun-Sab 9.00-21.00

Gli elementi essenziali del contratto di fornitura energetica

Gli elementi essenziali del contratto di fornitura energetica

L’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha stabilito che alcune clausole essenziali devono essere sempre indicate in ogni contratto di fornitura offerto dagli operatori attivi sul mercato libero. Queste informazioni servono al cliente per avere un’idea chiara e completa delle condizioni del contratto che sta sottoscrivendo, in modo da poter effettuare la propria scelta in maniera consapevole.

Contratto di fornitura: cos'è

Il contratto di fornitura energetica è il contratto tramite cui il venditore si obbliga a somministrare energia a favore dell’utente consumatore, in cambio del pagamento di un corrispettivo economico. Si tratta di un contratto:

  • Consensuale: si perfeziona solo tramite il consenso delle due parti
  • Oneroso: prevede un pagamento
  • A prestazioni corrispettive: il servizio viene erogato solo in seguito al pagamento delle bollette
  • Di durata: l’esecuzione del contratto si prolunga nel tempo per contentare un bisogno del cliente, esteso anch’esso nel tempo

Le clausole essenziali

Le clausole essenziali previste dal Codice di condotta commerciale e obbligatorie in qualsiasi contratto sono quelle relative a:

  • l'identità e l'indirizzo dell’operatore e del cliente, oltre che l'indirizzo della fornitura;
  • l'indicazione del servizio che sarà fornito dall’operatore;
  • la data d'inizio del servizio, la durata del contratto e le modalità di rinnovo;
  • il prezzo del servizio e le sue possibili variazioni nel tempo, il costo delle eventuali prestazioni aggiuntive e tutti gli altri oneri o spese a carico del cliente;
  • le garanzie richieste al cliente, per esempio il deposito cauzionale o la domiciliazione del pagamento delle bollette;
  • le garanzie offerte ai clienti per eventuali verifiche tecniche del contatore;
  • le modalità di fatturazione e quelle di pagamento del servizio, specificando: il criterio adottato per la stima dei consumi se è prevista l'emissione di fatture basate sulla stima; le modalità e i termini per il pagamento delle bollette; le conseguenze di eventuali ritardi nel pagamento, specificando le penali o gli interessi di mora addebitati per il periodo di ritardo;
  • gli eventuali standard di qualità aggiuntivi rispetto a quelli già previsti dall'Autorità e gli indennizzi automatici previsti in caso di mancato rispetto;
  • le modalità da seguire per presentare richieste d'informazioni e reclami e, se sono previste, le procedure a disposizione dei clienti per risolvere eventuali controversie senza ricorso alla magistratura competente.

In ogni caso, il cliente che firma un contratto via web, al telefono o con un agente commerciale al proprio domicilio ha dieci giorni di tempo per cambiare idea e comunicarlo per iscritto all’operatore (non hanno invece questo diritto i clienti che firmano il contratto presso gli uffici e le sedi commerciali degli operatori). Per i contratti stipulati via web o al telefono, i dieci giorni decorrono dal momento in cui il cliente riceve la copia scritta del contratto.

Se decidi di non aderire più al nuovo contratto comunicandolo entro 10 giorni, rimani con il vecchio operatore senza altri oneri.
Vota la guida:

Valutazione media: 4,9 su 5 (basata su 24 voti)

Offerte confrontate

Con il comparatore di Facile.it puoi confrontare le offerte luce e gas e scegliere la tariffa migliore, risparmiando fino a 400€ l’anno sulla bolletta!

Fornitori energetici

Scopri chi sono gli operatori energetici confrontati su Facile.it.

Fornitori energetici

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore energetico.

Guide Gas e Luce

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy