Serve assistenza?
02 55 55 111

Sinistro stradale su luogo privato: l'assicurazione copre i danni?

28 feb 2020 | 4 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

assicurazioni expert speaks sinistro stradale su luogo privato l assicurazione copre i danni

In Italia la responsabilità civile dei veicoli copre solo se l'incidente avviene durante la circolazione stradale su "strade pubbliche o a queste equiparate". Nel caso di incidente verificatosi su una strada o all’interno di un parcheggio privato, dunque, é possibile agire unicamente nei confronti del responsabile del sinistro. Per l'Europa, invece l'assicurazione copre il danno a prescindere dal contesto della circolazione stradale.

Polizza vita: proteggi i tuoi cari

Incidente stradale su luogo privato e Normativa italiana

Ma andiamo per ordine e, per cercare di fare chiarezza, partiamo dalla normativa italiana.

È indispensabile, innanzitutto, distinguere tra aree private, quali ad esempio il giardino di un’abitazione, e quelle in cui si verificano condizioni di traffico paragonabili a strade pubbliche.

Nel primo caso si tratta di aree in cui è possibile anche sostare, ma a cui non è consentito l’accesso al pubblico. Zone in cui le compagnie assicurative non sono tenute a garantire la copertura assicurativa e, in caso di incidenti, saranno i soggetti a risarcire/coprire i danni causati. Nel secondo caso, ovvero parcheggi in cui è consentito l’accesso al pubblico ed adibiti al normale traffico veicolare, le cose cambiano completamente.

Questi ultimi, infatti, sono soggetti alle norme del Codice della Strada e all’articolo 2054 del Codice Civile, oltre all’assicurazione obbligatoria. È il caso, ad esempio, dei parcheggi delle zone antistanti i garage oppure di zone nelle quali si effettuano operazioni di carico e scarico merci. Pertanto in tutti gli spazi il cui accesso è aperto a un numero indistinto di persone, vengono applicate le norme sulla RC auto e sul risarcimento danni. Questo andrà corrisposto ogni volta in cui l’area privata sia di uso pubblico.

Che si tratti di parcheggi privati o di supermercati, delimitati o meno, con accesso libero o regolamentato da sbarre, interrato o a cielo aperto, tali aree sono dunque assoggettate oltre alle regole del codice della strada e all’articolo 2054 del codice civile, che disciplina la colpevolezza nella responsabilità per danni conseguenti alla circolazione dei veicoli a motore, anche all’assicurazione obbligatoria (legge n.990 del 1969).

Il discorso si complica se l’incidente avviene in aree private.

Per la normativa europea, infatti, il danno è riferito a "ogni spazio in cui il veicolo possa essere utilizzato in modo conforme alla sua funzione abituale". Per la legge europea, dunque, l'assicurazione copre il danno provocato dall'uso del veicolo, a prescindere dal contesto della circolazione stradale.

Sinistro stradale in area privata: il caso giudiziario italiano

Il caso è stato sollevato nella causa sulla tragica morte di Daniele Peresano, il bimbo di 16 mesi schiacciato nel 2008 dalle ruote del camper guidato dal nonno nel cortile privato della sua abitazione, ad Anzano, frazione di Cappella Maggiore in provincia di Treviso.

Il nodo del contendere è semplice: l'assicurazione deve risarcire i familiari della vittima oppure no?

Saranno ora le Sezioni Unite della Corte di Cassazione a dover decidere, una volta per tutte, se la legge italiana dovrà conformarsi a quella europea stabilendo se, in caso di incidente avvenuto in uno spazio privato, l'assicurazione sia tenuta a risarcire il danno provocato in quanto responsabile civile del conducente.

I giudici hanno, comunque, già sottolineato le enormi ripercussioni che l'eventuale recepimento della normativa europea potrebbe avere nel nostro Paese. Se l'assicurazione, infatti, dovesse "essere parametrata a ogni uso del veicolo conforme alla sua funzione abituale", sottolineano, ci sarebbero inevitabili "ricadute" dal punto di vista dell'economia generale. "Per un verso - osservano i giudici - prospettiva di un incremento finale dei premi assicurativi, per l'altro di lettura di questi come redistribuzione sociale dei costi dei sinistri, nell'ottica di una più compiuta tutela delle vittime".

Il Collegio pone quindi alle Sezioni Unite il seguente quesito: "Se l'articolo 122 del codice delle assicurazioni private debba interpretarsi, alla luce della giurisprudenza della Corte di Giustizia europea, nel senso che la nozione di circolazione su aree equiparate alle strade di uso pubblico comprenda e sia riferita a quella su ogni spazio in cui il veicolo possa essere utilizzato in modo conforme alla sua funzione abituale".

Se fosse applicata anche in Italia l'interpretazione europea, dovrebbero essere oggetto di copertura assicurativa i muletti che lavorano negli stabilimenti, i fuoristrada, le moto quando percorrono strade private.

La legge italiana, come detto, prevede che l'assicurazione non sia tenuta a versare un solo euro ai familiari della vittima in quanto copre i danni solo quando il sinistro si verifica su strade pubbliche o a queste equiparate. Quella europea non pone limiti: l'assicurazione copre i danni dall'uso del veicolo a prescindere dal contesto della circolazione stradale.

Incidente stradale su luogo privato: il caso giudiziario europeo

Il precedente esiste già. La Corte di Giustizia europea, con una sentenza del 2014 in merito a un incidente in un cortile privato in Slovenia (un trattore in retromarcia finì per ferire una persona), aveva ribadito il principio giuridico secondo cui qualunque circolazione di un veicolo rientra nella nozione stessa di uso del veicolo. Si attende ora l’ultima parola della Suprema Corte a Sezioni Unite che, dopo undici anni di cause giudiziarie, decideranno una volta per tutte le sorti di questo processo.

E di tutti quelli con le stesse caratteristiche. In sostanza, dovranno decidere se allineare o meno la normativa italiana a quella europea in tema di risarcimento danno auto.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 21 febbraio 2024
Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Gli autovelox sono l’incubo di tutti gli automobilisti. Bastano anche pochi km orari in più rispetto ai limiti previsti su strade e autostrade per ricevere una contravvenzione e spesso per perdere punti sulla patente.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

L’assicurazione auto sta diventando quasi un lusso a causa dell’aumento delle polizze che non accenna a fermarsi. Una recente indagine ha registrato addirittura un incremento dei prezzi Rc Auto di oltre il 27% in un anno.
pubblicato il 14 febbraio 2024
Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Il bollettino statistico dell’Ivass ha calcolato in 302 euro la media dei prezzi Rc Auto nel primo semestre 2023 al netto di tasse e spese, in aumento di 9 euro sull’anno precedente. Tuttavia, considerando il prezzo pieno l’importo schizza a quasi 400 euro.
pubblicato il 9 febbraio 2024
Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Scopri tutte le novità nella nuova pianificazione degli incentivi per moto e scooter 2024, e come cambiano rispetto all'anno appena concluso.

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Se hai intenzione di aprire un fondo pensione e di avere una pensione integrativa ma non hai ancora le idee chiare su condizioni e vantaggi, ecco una guida per risolvere i tuoi dubbi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Molti genitori sono preoccupati per il futuro dei propri figli e desiderano investire per garantire loro una solida base finanziaria. In questa guida, esploreremo alcune opzioni di investimento per i bambini e forniremo consigli su come pianificare la gestione dei risparmi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

La deduzione fiscale dei fondi pensione consente di risparmiare sulle tasse e allo stesso tempo garantire un futuro finanziario sicuro durante la pensione. Seguendo regole specifiche e massimizzando i contributi deducibili, è possibile ottenere il massimo vantaggio fiscale dai fondi pensione.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968