02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Assicurazione vita: polizze a capitale garantito, futuro incerto

pubblicato da il 12 aprile 2017
Assicurazione vita: polizze a capitale garantito, futuro incerto

Grandi manovre in atto nel settore dell'assicurazione vita: le polizze a gestione separata, quelle del ramo I che garantiscono il capitale garantito e un rendimento minimo, potrebbero subire presto una profonda revisione o addirittura scomparire del tutto (più probabile la prima opzione). Il motivo è presto detto: sono diventate decisamente antieconomiche per le compagnie, al punto da costringerle a mettere in atto una serie di politiche per frenarne la vendita e a chiedere con insistenza un nuovo regolamento per avere più flessibilità nella loro gestione.

Ania e Ivass hanno recepito il messaggio e adesso, dopo mesi di confronti e dibattiti, la soluzione sembra essere finalmente vicina, anche se quasi certamente riguarderà soltanto le nuove polizze. Come anticipa Assinews che cita a sua volta Milano Finanza, gli interventi su cui si stanno limando gli ultimi dettagli sono soprattutto due.

Il primo, quello più importante, riguarda la possibilità di scendere sotto il 100% del capitale garantito, riducendo la garanzia del capitale investito dal cliente al 90 o tutt'al più al 95%. In questa maniera le compagnie potrebbero essere più libere di diversificare gli investimenti e ridurrebbero anche l’entità del capitale da accantonare, mentre il cliente rischierebbe al massimo solo una piccola parte della protezione, ovvero non più del 5 o 10% del capitale investito.

Il secondo intervento dovrebbe invece consentire alle imprese assicurative di avere maggiore flessibilità nella gestione delle assicurazioni vita a capitale garantito, come già accade in altri paesi europei tra cui la Francia, dando per esempio la possibilità di accantonare le plusvalenze in caso di vendita dei titoli presenti nelle gestioni. La differenza sta nel fatto che con l'attuale regolamentazione se una compagnia decide di vendere titoli presenti nella gestione incassando plusvalenze, è obbligata a distribuirle tutte nell’anno di riferimento. Con il nuovo sistema, se dovesse venire approvato, le plusvalenze si potrebbero invece spalmare su un arco di tempo più ampio (da due anni in su), con tutti i benefici in termini di ritorno economico.

Nelle prossime settimane ne sapremo di più. L'unica cosa al momento certa è che qualsiasi intervento riguarderà esclusivamente i nuovi contratti e non quelli già in essere. Su questi ultimi si calcola che ballerebbero circa 40/50 miliardi di euro di plusvalenze, ma cambiare in corsa i contratti sottoscritti in passato risulterebbe troppo rischioso.

Polizza vita: proteggi i tuoi cari Preventivo vita »
Vota la news:
Valutazione media: 5,0 su 5 (basata su 9 voti)

Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione, salvo per questioni contrarie alla normativa vigente.

Tags: ANIA, IVASS

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Argomenti in evidenza Assicurazioni

Guide alle assicurazioni

Guide Assicurazioni