Serve assistenza?
02 55 55 111

Scatta l’obbligo di assicurazione anche per i veicoli fermi

11 mar 2024 | 4 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

facile.it/images/parola esperto assicurazioni obbligo anche per veicoli fermi

Anche le auto non circolanti, parcheggiate in aree pubbliche o private o anche in un garage, sono ora obbligate alla copertura assicurativa.

A stabilirlo la riforma “europea” della Rc auto che è stata recepita in Italia con decreto legislativo 184 del 22 novembre scorso (Dlgs 184/2023).

RC Auto: offerte da 131€*

Una normativa che non lascia spazio a dubbi e che coinvolge almeno tre milioni di veicoli all’anno: devono essere assicurati con Rc auto tutti i “veicoli a motore che si muovono sul terreno senza binari, di velocità massima superiore a 25 km/h o massa superiore a 25 km e velocità massima oltre i 14 km/h”. Sono compresi anche i rimorchi, indipendentemente dal fatto che siano collegati o meno al veicolo.

L’obiettivo del legislatore di Bruxelles è chiaro: garantire la massima tutela a chi viene danneggiato da un’auto, sia esso un pedone, un veicolo o qualunque altro oggetto.

Nel recepire la direttiva europea, il decreto legislativo 184/2023 ha ampliato il contenuto dell’articolo 122 del Codice delle assicurazioni. Oggi, infatti, l’assicurazione Rc auto è obbligatoria “a prescindere dalle caratteristiche del veicolo, dal terreno su cui si trovi e dal fatto che sia fermo o meno”. E a prescindere anche dalle sue condizioni.

Allora vediamo meglio di cosa si tratta e se ci sono deroghe a queste nuove norme.

Cos’è l’Rc auto e quali sono le novità

La Responsabilità Civile Auto, conosciuta anche come Rca o Rc auto, è un tipo di assicurazione obbligatoria che copre i danni causati a terzi durante la circolazione del proprio veicolo. È fondamentale avere questo tipo di polizza attiva quando si guida un’automobile, sia in spazi pubblici che privati. Chiunque circoli senza questa copertura rischia sanzioni salate che, in base a quanto disciplinato dall’articolo 193 del Codice della Strada, variano da circa 800 euro a oltre 3 mila euro. Inoltre, si rischia il sequestro del veicolo, il fermo amministrativo e la sospensione della patente.

Con la nuova normativa, entrata in vigore lo scorso 23 dicembre, è stato ora esteso l’obbligo della polizza anche ai veicoli fermi. Tradotto significa che ora obbligatorio avere una copertura assicurativa anche per veicoli chiusi in un garage o fermi in strada, anche da diversi mesi.

Una misura, questa, come detto, voluta per garantire la massima tutela sulle strade, sia per i pedoni che per gli automobilisti stessi, a prescindere dalla loro effettiva circolazione E questo perché anche un veicolo fermo potrebbe potenzialmente causare danni a terzi. Poniamo il caso di un veicolo che prende fuoco all’improvviso, oppure il caso di rottura del freno a mano.

Siccome la norma europea parla di veicoli a motore, ovviamente queste nuove norme valgono anche per i veicoli a 2 ruote che non vengono utilizzati.

Le sanzioni

Così come per le auto che circolano prive di assicurazione sono previste anche per le auto ferme che vengono trovate senza polizza, sanzioni e multe. Si va da circa 800 euro a oltre 3.000 euro, senza contare che può essere previsto il sequestro del veicolo o il fermo amministrativo, e una decurtazione di cinque punti dalla patente.

Tuttavia, alcune categorie di veicoli fermi sono esentate dall’obbligo assicurativo. Dovrà, in questo caso, essere presentata una richiesta formale di sospensione dell’assicurazione, specificando le date di inizio e fine della sospensione. Questa sospensione non può durare più di 10 mesi, però può essere prorogata per diverse volte, sempre inviando una comunicazione formale alla compagnia assicurativa, almeno 10 giorni prima della scadenza. Una sorta di “deroga nella deroga” è prevista, poi, per i veicoli d’interesse storico: per questi ultimi la sospensione può superare gli 11 mesi con 5 giorni di preavviso.

Vediamo quali sono e come possono richiedere la sospensione dell’assicurazione.

Le deroghe

È lo stesso Dlgs 184, seguendo le indicazioni Ue, a fissare eccezioni e deroghe. Il nuovo comma 1 dell’articolo 122 limita l’obbligo ai veicoli che, al momento dell’incidente, siano utilizzati conformemente alla loro funzione di «mezzi di trasporto». Il che esclude dalla copertura i veicoli multiuso, come ad esempio quelli usati per lavoro (come i carrelli elevatori).

Ancora, l’obbligo viene meno per tutti quei veicoli formalmente ritirati dalla circolazione, dunque con cancellazione dal Pra, il Pubblico registro automobilistico. Oppure tutti quelli che stanno per essere rottamati a cui è stata ritirata la carta di circolazione o quelli radiati per esportazione.

Altra deroga riguarda i veicoli il cui utilizzo è vietato, sia temporaneamente che in maniera permanente. Ad esempio quando il divieto arriva direttamente dall’autorità giudiziaria come nei casi di confisca del veicolo o di fermo amministrativo.

E poi, c’è la deroga che riguarda i proprietari di veicoli “non idonei all’uso” come mezzo di trasporto. Si tratta dei mezzi assolutamente inutilizzabili, come i rottami. In questo non rientrano le auto i cui proprietari hanno ad hoc hanno modificato lo stato del mezzo, ad esempio bloccando il motore o rimuovendo le ruote.

Ma sulla normativa ci sono ancora punti poco chiari e apparenti contraddizioni. Tanto che lo stesso sindacato nazionale Agenti di Assicurazione (Sna) ha chiesto delucidazioni al ministero delle Imprese e del Made in Italy, soprattutto riguardo a quali veicoli siano effettivamente esenti dall’obbligo assicurativo.

Il Dlgs 184 ha, inoltre, esteso l’intervento del Fondo vittime della strada ai casi in cui il veicolo, fruendo delle deroghe, non sia coperto e abbia cagionato un danno.

Con l’emendamento presentato al Dl Milleproroghe a febbraio, si prevede che l’obbligo della Rc sui veicoli in aree private, possa essere posticipato almeno sino al 30 giugno 2024.

Autore
facile.it/publishers/giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 8 aprile 2024
Le assicurazioni moto online più economiche di aprile 2024

Le assicurazioni moto online più economiche di aprile 2024

Con l’arrivo della primavera molti motociclisti torneranno a circolare e potrebbero aver bisogno di una nuova assicurazione. Approfittando, perché no, dei vantaggi della Rc Familiare.
pubblicato il 8 aprile 2024
Inquinamento: l'impatto sulla salute delle persone e sull'economia dei Paesi

Inquinamento: l'impatto sulla salute delle persone e sull'economia dei Paesi

L’aria che respiriamo nell’Unione europea è ancora molto inquinata dalle grandi industrie. Con danni all’ambiente e alla salute che, oltre a cambiare in peggio la vita delle persone, provocano enormi costi per le economie di ogni Paese.
pubblicato il 3 aprile 2024
Modello 730: online la compilazione semplificata

Modello 730: online la compilazione semplificata

Sempre più facile compilare il modello 730. La dichiarazione dei redditi precompilata ha già debuttato nel 2015 con successo: è stata scelta nel 2023 da 4,5 milioni di contribuenti. Ora sta per arrivare quella semplificata.
pubblicato il 2 aprile 2024
Bonus viaggi anziani 2024: ecco cos'è e come funziona

Bonus viaggi anziani 2024: ecco cos'è e come funziona

I più anziani potranno ricevere un aiuto per andare in vacanza grazie al Bonu viaggi 2024: ecco come funziona.

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 5 aprile 2024
Quali compagnie aeree accettano cani e altri animali a bordo

Quali compagnie aeree accettano cani e altri animali a bordo

Come viaggiare con il proprio animale domestico? Sono in molti a farsi questa domanda, ma pochi hanno una risposta. Ecco tutte le informazioni che occorre comprendere a questo proposito.
pubblicato il 12 marzo 2024
Rami delle polizze vita: le differenze da conoscere

Rami delle polizze vita: le differenze da conoscere

Nel mercato delle assicurazioni esistono diversi Rami per quanto riguarda le polizze vita. Per fare delle scelte consapevoli è importante sapere cosa prevedono e quali prodotti includono.
pubblicato il 12 marzo 2024
Come funzionano i rendimenti sulle polizze vita

Come funzionano i rendimenti sulle polizze vita

Le polizze vita rappresentano una forma d'investimento sempre più popolare per le famiglie ma come funzionano i loro rendimenti?
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968