Serve assistenza?
02 55 55 111

Assicurazioni: l'auto si può riparare anche se il costo supera il suo valore

13 giu 2023 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

parola esperto assicurazioni l auto si puo riparare anche se il costo supera il valore

Il danno va risarcito, sempre.

E’ questa in estrema sintesi la nuova vittoria che portano a casa gli automobilisti vs le assicurazioni auto grazie ad una sentenza della  Corte di Cassazione: in caso di incidente con notevoli danni le assicurazioni non potranno più imporre al cliente la rottamazione di un mezzo incidentato, rifiutandosi di pagare la riparazione perché giudicata antieconomica.

RC Auto: offerte da 131€*

Ma andiamo per ordine e cerchiamo di capire come si è arrivati a questa importante ordinanza che di fatto “bacchetta” le compagnie assicurative. Il problema si pone soprattutto con i veicoli piuttosto vecchi e il cui valore si è ormai ridotto nel tempo. E non parliamo di certo di poche unità: in Italia, infatti, le auto piuttosto vecchie sono milioni. Solo nel 2022 sono state rottamate in Italia 1.051.994 automobili, quasi ottanta per ogni cento vetture acquistate, e molte di esse si sarebbero forse potute “salvare” seppur ad un costo maggiore del valore dell'auto. E tornare a circolare in totale sicurezza.

Per i giudici l’età e il valore effettivo del veicolo non fa venire, comunque, meno il diritto a farlo riparare dopo un incidente anche se la riparazione necessaria dovesse superare il valore del mezzo al momento precedente al sinistro.

Vediamo, dunque, nello specifico cosa hanno stabilito le toghe con l'ordinanza 10686/2023 depositata dalla Cassazione il 20 aprile e pubblicata dalla terza sezione civile.

La sentenza

Da tempo i giudici ritengono innegabile il diritto di poter riparare un mezzo danneggiato dopo un incidente il cui costo non superi notevolmente il valore che il veicolo aveva prima del sinistro. Ma ora la Cassazione ha fatto di più: in un caso dove il danneggiato aveva richiesto “una somma pari quasi al doppio del valore del veicolo” ha infatti chiarito che, pur dovendo “tener conto della necessità di non sacrificare specifiche esigenze del danneggiato a veder ripristinato il proprio mezzo”, il limite per il risarcimento individuato dai giudici è che “non vi sia un aumento di valore del veicolo”. Con questa decisione in merito ad un contenzioso fra un automobilista e un'assicurazione la Corte ha stabilito un caso che potrebbe rappresentare una base fondamentale per le successive cause. Ricordiamo, infatti, che la decisione della Cassazione non ha forza di legge ma rappresenta comunque un precedente importante.

Nel dettaglio, viene stabilito che l'assicurazione deve comunque pagare i danni derivanti da un sinistro anche se il costo delle riparazioni supera, sia di poco quanto di tanto, il reale valore della stessa vettura.

Facciamo un esempio concreto: la nostra auto, ormai con diversi anni sulle spalle, ha un valore molto basso di appena mille euro. A causa di un incidente abbiamo causato danni per cinquemila euro. Dopo questa sentenza l’assicurazione non potrà più chiederci di rottamare la nostra vettura, ma sarà comunque tenuta a coprire il costo delle riparazione.

Le ragioni dell'assicurato

Come si legge sulla decisione della Cassazione, viene stabilito che “il danneggiato può avere serie ed apprezzabili ragioni per preferire la riparazione alla sostituzione del veicolo danneggiato (ad esempio perché gli risulta più agevole la guida di un mezzo cui è abituato o perché vi sono difficoltà di reperirne uno con caratteristiche similari sul mercato o perché vuole sottrarsi ai tempi della ricerca di un veicolo equipollente e ai rischi di un usato che potrebbe rivelarsi non affidabile) e che una piena soddisfazione delle sue ragioni risarcitorie può comportare un costo anche notevolmente superiore a quello della sostituzione”.

Gli altri paletti dell’Alta Corte

I giudici con questa sentenza hanno, inoltre, chiarito anche quello che è il concetto di “eccessiva onerosità̀“ che ricorre quando “il costo delle riparazioni superi notevolmente il valore di mercato del veicolo” (sentenza 10196/2022), gravando il danneggiante di un peso sproporzionato e finendo per arricchire in modo ingiustificato il danneggiato.

L’avverbio “notevolmente” dimostra da un lato “la volontà di ampliare piuttosto che restringere le ipotesi di risarcimento in forma specifica, ma introduce dall’altro un elemento di insidiosa discrezionalità valutativa: non basta una semplice riparazione antieconomica a giustificare il risarcimento per equivalente, occorre una sproporzione sensibile che porti un effettivo vantaggio al danneggiato, aumentando il valore del veicolo rispetto a quello antesinistro – scrive Il Sole 24 Ore - Sbaglia dunque il Tribunale a considerare sufficiente per escludere il risarcimento in forma specifica il semplice fatto che il valore della riparazione fosse quasi doppio di quello del veicolo prima del sinistro: va verificato se le riparazioni abbiano aumentato il valore rispetto a prima del sinistro, cosa non sempre automatica”.

La soddisfazione dei consumatori

Una sentenza che, ovviamente, soddisfa le associazioni dei consumatori. Per Assoutenti: “Finora gli automobilisti sono stati spinti dalle imprese assicuratrici a rottamare la propria vettura quando i costi delle riparazioni risultavano anti-economici per le compagnie, poiché superiori al valore di mercato dell'auto danneggiata. Una prassi scorretta e lesiva dei diritti dei consumatori – le parole del presidente Furio Truzzi - costretti ad acquistare una nuova vettura pur potendo riparare quella incidentata. Ora la Cassazione mette fine a questa politica assurda delle compagnie di assicurazioni, e gli automobilisti potranno a buon diritto riparare l'auto anche se la compagnia sostiene che ha un valore commerciale troppo basso, evitando di ricorrere alla rottamazione e sostenere l'onere, sempre più impegnativo, di dover acquistare una nuova automobile”.

Positivo anche il giudizio di Federcarrozzieri: “È molto difficile che una vettura aumenti di valore dopo essere stata riparata, a meno che non sia sostituito il motore o il cambio – afferma il presidente Davide Galli - La Cassazione, ribadendo il diritto dei proprietari di auto ad ottenere un risarcimento in caso di sinistro anche quando il costo degli interventi di riparazione supera il valore commerciale della vettura, rivoluziona il settore delle autoriparazioni”.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 21 febbraio 2024
Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Gli autovelox sono l’incubo di tutti gli automobilisti. Bastano anche pochi km orari in più rispetto ai limiti previsti su strade e autostrade per ricevere una contravvenzione e spesso per perdere punti sulla patente.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

L’assicurazione auto sta diventando quasi un lusso a causa dell’aumento delle polizze che non accenna a fermarsi. Una recente indagine ha registrato addirittura un incremento dei prezzi Rc Auto di oltre il 27% in un anno.
pubblicato il 14 febbraio 2024
Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Il bollettino statistico dell’Ivass ha calcolato in 302 euro la media dei prezzi Rc Auto nel primo semestre 2023 al netto di tasse e spese, in aumento di 9 euro sull’anno precedente. Tuttavia, considerando il prezzo pieno l’importo schizza a quasi 400 euro.
pubblicato il 9 febbraio 2024
Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Scopri tutte le novità nella nuova pianificazione degli incentivi per moto e scooter 2024, e come cambiano rispetto all'anno appena concluso.

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Se hai intenzione di aprire un fondo pensione e di avere una pensione integrativa ma non hai ancora le idee chiare su condizioni e vantaggi, ecco una guida per risolvere i tuoi dubbi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Molti genitori sono preoccupati per il futuro dei propri figli e desiderano investire per garantire loro una solida base finanziaria. In questa guida, esploreremo alcune opzioni di investimento per i bambini e forniremo consigli su come pianificare la gestione dei risparmi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

La deduzione fiscale dei fondi pensione consente di risparmiare sulle tasse e allo stesso tempo garantire un futuro finanziario sicuro durante la pensione. Seguendo regole specifiche e massimizzando i contributi deducibili, è possibile ottenere il massimo vantaggio fiscale dai fondi pensione.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968