Serve assistenza?
02 55 55 111

Assicurazioni: obbligo di casco e assicurazione per le bici, una proposta che fa discutere

10 lug 2023 | 4 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

parola esperto assicurazioni obbligo casco e assicurazione per bici

Il nuovo Codice della Strada è ormai dietro l’angolo, si appresta a diventare legge e porterà dei cambiamenti anche nel campo delle assicurazioni.

Il disegno di legge per modificarlo, infatti, è stato approvato da parte del Consiglio dei Ministri e l’iter parlamentare dovrebbe concludersi in autunno quando, per l’appunto, il nuovo Codice dovrebbe entrare in vigore.

Assicurazione per bici

Le reazioni

Provvedimenti definiti “anti-bicicletta” dalla Fiab, la Federazione italiana ambiente e bicicletta, la
più grande associazione in Italia di ciclisti non sportivi. La federazione ha, infatti, ribadito che queste azioni “non intervengono sulle principali cause di incidenti stradali” (e cioè la velocità elevata, la distrazione, la mancanza di precedenza agli attraversamenti) e, anzi, “sono il segnale di una politica sempre più lontana dalle direttive del Parlamento Europeo che ha chiesto incentivi per la diffusione della bicicletta come mezzo di trasporto in città e nel tempo libero, e alle cargo bike per le consegne nei centri urbani. In Portogallo, ad esempio, è già stata tagliata l’Iva sull’acquisto delle biciclette.

La Svizzera – ha aggiunto l’associazione - è stata l’unico stato a sperimentare in passato obblighi analoghi a quelli oggi in Italia, decidendo poi di abolirli più di dieci anni fa perché ritenuti inutili e persino dannosi ai fini della sicurezza stradale”.

La norma proposta da Salvini, secondo Fiab non solo, quindi, andrebbe a “mettere le mani nelle tasche degli italiani ma, di fatto, annienterebbe l’uso della bicicletta, lo strumento che rende possibile una transizione ecologica rapida e che è alla portata economica di tutti”.

Anche Confindustria-Ancma, l’Associazione nazionale ciclo e motociclo accessori, ha manifestato forte preoccupazione prendendo una posizione netta rispetto alle dichiarazioni di Salvini, considerate dal presidente Paolo Magri “un autogol per l’industria italiana del ciclo”.

Solo nel 2022, secondo stime dell’associazione, in Italia sono state commercializzate 1.435.000 biciclette tradizionali e 337.000 e-bike, generando un fatturato complessivo di 3,2 miliardi di euro.

Un notevole incremento se si pensa che nel 2019 il valore di mercato ammontava a 2,1 miliardi di euro.

Ma vediamo cosa prevede l’attuale normativa.

Il casco non è obbligatorio, neanche per i minori di 14 anni

Il Codice della Strada attuale, entrato in vigore il 1 gennaio 2021, non prevede l’obbligo del casco, né per la bicicletta elettrica nè per quella tradizionale. Nemmeno per chi ha meno di 14 anni.

Il casco sulle bici, dunque, non è obbligatorio, ma solo raccomandato: una decisone presa dalla Commissione Trasporti che non sempre è condivisa all’estero. Non esistendo l’obbligo di avere il casco per un ciclista non indossarlo non fa incorrere in alcun reato né sanzione.

Non bisogna comunque dimenticare che si tratta sempre di un accessorio estremamente importante e che ogni biker dovrebbe tenere in considerazione, per la propria sicurezza quando ci si mette in sella ad una due ruote. In particolare per chi utilizza la bici, magari quella elettrica, per muoversi tutti i giorni nel traffico cittadino, il casco può garantire una maggiore protezione e sicurezza.

Esiste. invece, l’obbligo di indossare giubbotto o bretelle riflettenti se si circola fuori dei centri abitati dopo il tramonto, fino all’alba, o in galleria.

L’assicurazione non è obbligatoria

In Italia circolano circa nove milioni di biciclette. Se dovesse entrare in vigore una norma che istituisce l'assicurazione obbligatoria per le bici facendo un semplice calcolo per un costo medio di un'assicurazione da 4 euro al mese, che però non copre la responsabilità civile (che invece sarebbe introdotta dall’assicurazione obbligatoria, ndr), i ciclisti italiani dovrebbero sborsare milioni di euro. Certo è che la sicurezza è sicuramente l'obiettivo delle riforme annunciate. D'altronde i dati degli incidenti stradali che riguardano i ciclisti parlano chiaro: nel 2021, dei 151mila 875 incidenti stradali con lesioni a persone ben 15mila171 hanno riguardato i ciclisti. Quasi il 10%. I ciclisti che hanno perso la vita sono stati 229, praticamente quasi la metà dei pedoni deceduti (circa 470). E il 2022 non è andato meglio con oltre 220 ciclisti morti.

Le nuove regole

Tra le novità che verranno introdotte dal nuovo Codice della Strada, oltre a norme e pene più rigide per chi si mette alla guida sotto l'effetto di alcolici e stupefacenti, anche nuove regole per i neopatentati e la necessità di possedere una doppia patente per guidare le supercar.

Nel disegno di legge, inoltre, c’è anche una proposta per rendere obbligatoria l’assicurazione per i monopattini: i proprietari sarebbero tenuti a sottoscrivere, dunque,  una polizza Rc, la Responsabilità civile che risarcisce i danni a terzi in caso di incidente. Circolare senza assicurazione potrebbe comportare una sanzione da cento a 400 euro.

monopattini, inoltre, dovranno essere dotati di una targa e un codice identificativo.

Ancora, sarà necessario possedere indicatori luminosi di svolta e di freno su entrambe le ruote, pena una sanzione economica. In arrivo anche una norma che prevede la dotazione da parte dei monopattini di un dispositivo in grado di disattivare il loro funzionamento in maniera automatica qualora uscissero dalle aree permesse. Nel caso dei monopattini è stato già confermato l’obbligo dell’utilizzo del casco alla guida.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 21 febbraio 2024
Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Gli autovelox sono l’incubo di tutti gli automobilisti. Bastano anche pochi km orari in più rispetto ai limiti previsti su strade e autostrade per ricevere una contravvenzione e spesso per perdere punti sulla patente.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

L’assicurazione auto sta diventando quasi un lusso a causa dell’aumento delle polizze che non accenna a fermarsi. Una recente indagine ha registrato addirittura un incremento dei prezzi Rc Auto di oltre il 27% in un anno.
pubblicato il 14 febbraio 2024
Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Il bollettino statistico dell’Ivass ha calcolato in 302 euro la media dei prezzi Rc Auto nel primo semestre 2023 al netto di tasse e spese, in aumento di 9 euro sull’anno precedente. Tuttavia, considerando il prezzo pieno l’importo schizza a quasi 400 euro.
pubblicato il 9 febbraio 2024
Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Scopri tutte le novità nella nuova pianificazione degli incentivi per moto e scooter 2024, e come cambiano rispetto all'anno appena concluso.

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Se hai intenzione di aprire un fondo pensione e di avere una pensione integrativa ma non hai ancora le idee chiare su condizioni e vantaggi, ecco una guida per risolvere i tuoi dubbi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Molti genitori sono preoccupati per il futuro dei propri figli e desiderano investire per garantire loro una solida base finanziaria. In questa guida, esploreremo alcune opzioni di investimento per i bambini e forniremo consigli su come pianificare la gestione dei risparmi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

La deduzione fiscale dei fondi pensione consente di risparmiare sulle tasse e allo stesso tempo garantire un futuro finanziario sicuro durante la pensione. Seguendo regole specifiche e massimizzando i contributi deducibili, è possibile ottenere il massimo vantaggio fiscale dai fondi pensione.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968