Serve assistenza?
02 55 55 111

10 nov 2023 | 5 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

parola esperto assicurazioni assicurazione scolastica

Tra le polizze assicurative presenti sul mercato, uno strumento molto importante che pochi conoscono è l’assicurazione scolastica, la quale garantisce una tutela contro gli imprevisti che possono accadere durante le attività didattiche. Non tutti sanno, però, che esistono due diverse categorie di assicurazione scolastica che hanno coperture differenti.

Allora vediamo quali sono le differenze e, soprattutto, quali sono le coperture previste.

Assicurazioni Salute

Assicurazione obbligatoria

Come detto ci sono due diverse categorie di assicurazione scolastica: la prima è quella obbligatoria e poi c’è quella integrativa.

L’assicurazione obbligatoria è gestita direttamente dagli istituti scolastici in collaborazione con l’Inail, l’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, ed è imposta dalla legge. Uno strumento importante per garantire gli studenti dagli infortuni nel corso dell’anno scolastico, ma si tratta di una copertura non completa. In che senso?

L'assicurazione stipulata con l’Inail eroga un’indennità in caso di infortunio o, in casi estremi, di morte. Essa copre, da quest’anno, gli studenti da tutti quegli infortuni che possono accadere all'interno della scuola durante l'attività scolastica, sia durante le lezioni in classe o in laboratorio, sia durante l’attività fisica in palestra.

Si tratta, questa, di una nuovissima impostazione della tutela assicurativa scolastica, istituita solo pochi mesi fa dall’articolo 18 del “decreto Lavoro” che ha introdotto, per ora solo relativamente all’anno scolastico 2023/2024, l’estensione della copertura assicurativa Inail per infortuni per gli studenti e per il personale, a tutte le attività scolastiche.

Negli anni scorsi, invece, non copriva anche le lezioni in classe, ma solo i rischi legati alle attività tecniche e scientifiche, quali ad esempio quelle svolte nei laboratori delle scuole superiori, e le esercitazioni nelle palestre. Insomma erano tutelati principalmente gli studenti degli istituti tecnici e professionali, lasciando “scoperte” tutte le altre attività.

Con questa novità, invece, per l’anno scolastico in corso, gli studenti, compresi quelli degli istituti fino ad oggi esclusi, avranno diritto ad un’indennità e al rimborso delle spese mediche in caso di infortuni scolastici che causino un’inabilità temporanea superiore a tre giorni.

Si tratta, in realtà,  di una semplice estensione dell’ambito di applicazione dell’assicurazione (finora limitata, come detto, ai laboratori e alle palestre) ad ogni ambiente di istruzione e formazione di tutte le tipologie di scuole, comprese le attività di orientamento al lavoro ed i percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento (PCTO), stabilendo, inoltre, l’obbligo di denunciare tutti gli infortuni. Non è stata, invece, ampliata la portata delle garanzie per gli infortuni.

L’Inail, è bene precisare, nel caso di invalidità permanente prevede una franchigia:

  • nel caso di danno che genera invalidità permanente l’Inail non paga se il danno alla persona è inferiore al 6 per cento;
  • nel caso di danno intermedio (tra il 6 e il 16 per cento) la pensione viene erogata una tantum.

Le coperture escluse

Le garanzie Inail non comprendono la responsabilità verso terzi dei genitori per culpa in educando e dei docenti per culpa in vigilando, che tutelerebbe le famiglie e i docenti dai danni causati dagli alunni alla scuola e a terzi, a scuola o altrove.

Gli studenti, inoltre, non sono considerati lavoratori e quindi i loro superstiti restano esclusi dalla copertura Inail in caso di morte.

Le attuali garanzie dell’Inail, dunque, non coprono del tutto gli studenti e le famiglie: per tale motivo le istituzioni scolastiche continueranno ad affiancare all’assicurazione obbligatoria anche quella integrativa per proteggere sia gli studenti che l’Amministrazione stessa, includendo, ad esempio, la Responsabilità Civile Terzi (RCT), ovvero la copertura dei danni causati dagli studenti a terzi, per i quali le famiglie potrebbero essere chiamate civilmente a rispondere.

Assicurazione integrativa

L’assicurazione scolastica integrativa viene stipulata dalla scuola in collaborazione con le famiglie degli studenti con una compagnia assicurativa privata.

Essa viene deliberata, necessariamente, in sede di consiglio di istituto ed è una tipologia di assicurazione che mira a fornire una protezione più completa, sia agli studenti che alle rispettive famiglie.

Viene stipulata dalle scuole di ogni ordine e grado, è su base annuale e le famiglie possono scegliere se integrare l’assicurazione obbligatoria con la quota prevista per questa integrativa.

A differenza di quella obbligatoria l’assicurazione integrativa copre anche dagli infortuni che non sono strettamente legati alla didattica, ma che si potrebbero verificare anche in altre situazioni come, ad esempio, quando un alunno si fa male durante la ricreazione, in mensa o mentre si reca in bagno. Insomma, copre tutta una serie di eventi che non rientrano, invece, nell'assicurazione Inail. Pertanto, la polizza assicurativa integrativa scolastica rimane al momento la sola via risarcitoria, nonché l’unico strumento di reale tutela per le famiglie e docenti, sia per i danni prodotti dagli alunni a terzi, sia per i danni subiti dagli alunni.

Quanto costa?

L'assicurazione integrativa per gli studenti non ha un costo elevato, anzi piuttosto irrisoria perché il totale viene diviso fra tutti gli studenti dell’istituto scolastico.

L'importo complessivo, comunque, può andare da circa 6 euro ed arrivare fino ad un massimo di 20 euro all'anno per studente. Ovviamente tale quota dipenderà molto dalle tariffe della compagnia assicurativa privata scelta dall'istituto scolastico.

Come pagare l'assicurazione scolastica?

Pagare la quota assicurativa integrativa è molto semplice. Le famiglie e il personale scolastico che hanno dato l’adesione all’assicurazione integrativa riceveranno sul registro elettronico o via mail la comunicazione dall'istituto scolastico circa l’importo da versare e gli estremi per il pagamento della quota assicurativa.

Si potrà pagare tramite un bonifico bancario o postale, versare il corrispettivo tramite bollettino postale oppure tramite PagoinRete (il servizio del portale del Ministero dell’Istruzione). Quest’ultimo servizio permette di pagare tramite la piattaforma per i pagamenti elettronici verso le pubbliche amministrazioni pagoPA subito online (con carta di creditoaddebito in conto o altri metodi di pagamento) oppure di scaricare un documento di pagamento, che riporta il QR-code e il Datamatrix code se presente la sezione Bollettino Postale PA, per eseguire il versamento in un secondo momento. Utilizzando il documento che è stato scaricato, sarà possibile pagare recandosi presso le tabaccherie, gli sportelli bancari autorizzati, gli uffici postali oppure anche online tramite home banking e le App.

Non sono previsti pagamenti in contanti e difficilmente, visto l'importo molto basso, c'è la possibilità di poter rateizzare l’importo totale che andrà saldato in un'unica soluzione annuale.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 27 novembre 2023
Sanità pubblica: l'Italia spende meno della media dei Paesi sviluppati

Sanità pubblica: l'Italia spende meno della media dei Paesi sviluppati

La salute della sanità pubblica italiana sta traballando? A quanto pare sì, come testimonia un recentissimo report dell’OCSE: la spesa pro capite dell'Italia è sotto la media dei Paesi sviluppati. Inoltre, è scesa molto l’aspettativa di vita degli italiani: dal 3° posto del 2021 al 9° del 2022.
pubblicato il 22 novembre 2023
Perché scegliere l'assicurazione auto Allianz Direct a novembre 2023

Perché scegliere l'assicurazione auto Allianz Direct a novembre 2023

Con l'aumento dei prezzi delle assicurazioni auto, è importante conoscere le tariffe delle diverse compagnie. Oggi ti presentiamo la panoramica sulle proposte di rc auto di Allianz Direct a novembre 2023.
pubblicato il 23 novembre 2023
Confronto tra assicurazioni infortuni a novembre 2023

Confronto tra assicurazioni infortuni a novembre 2023

Qual è la migliore assicurazione infortuni di novembre 2023? Il metodo migliore per scoprirlo è sottoporre ad attento confronto le migliori polizze sul mercato, ecco tre validi esempi.
pubblicato il 24 luglio 2023
La polizza auto Genertel a novembre 2023

La polizza auto Genertel a novembre 2023

In questo periodo avvengono sempre più spesso grandinate e eventi atmosferici imprevisti che possono danneggiare le auto, per questo è importante scegliere un'assicurazione completa che possa proteggere la propria macchina. Scopriamo le polizze Genertel di novembre 2023.

Guide alle assicurazioni

Quanto aumenta l'assicurazione dopo un sinistro

Quanto aumenta l'assicurazione dopo un sinistro

Se si verifica un sinistro stradale, il costo...
Rottamazione auto: le cose da sapere sulla demolizione auto

Rottamazione auto: le cose da sapere sulla demolizione auto

Non tutti sanno cosa si intende con rottamazione...
Incentivi acquisto auto: cosa sapere sul bonus per acquisto auto

Incentivi acquisto auto: cosa sapere sul bonus per acquisto auto

Gli incentivi auto 2023 sono dei bonus erogati...
Bollino blu auto e moto: cos'è, costo e scadenze

Bollino blu auto e moto: cos'è, costo e scadenze

Il bollino auto è obbligatorio per tutti i...
Bonus rottamazione auto: cosa sapere sugli incentivi rottamazione

Bonus rottamazione auto: cosa sapere sugli incentivi rottamazione

Il bonus rottamazione auto è stato introdotto...
Dichiarazione no circolato: quando si utilizza e come si compila

Dichiarazione no circolato: quando si utilizza e come si compila

La dichiarazione di mancata circolazione o no...
Demolizione auto con fermo amministrativo: quando è possibile?

Demolizione auto con fermo amministrativo: quando è possibile?

Il fermo amministrativo è una sanzione applicata...

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2023 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968