Serve assistenza?
02 55 55 111

Incidente con auto sostitutiva, ecco quando paga l’assicurazione

4 ott 2023 | 6 min di lettura | Pubblicato da Giusy I.

parola esperto assicurazioni incidente con auto sostitutiva

Un servizio molto comodo, non c’è che dire. Stiamo parlando dell’'auto sostitutiva, o meglio conosciuta come auto di cortesia. Si tratta di un  servizio che spesso viene offerto dalle carrozzerie, concessionarie o officine quando la vettura dei clienti è in riparazione per un tempo più o meno lungo.

Un servizio, dunque, comodo che può essere sia gratuito che a pagamento, a seconda della scelta del gestore Ma cosa succede se si verifica un incidente proprio mentre stiamo utilizzando l’auto di cortesia?

Assicurazioni Salute

L’ipotesi di un incidente con auto sostitutiva, infatti, non è affatto rara. In questo caso, a chi spetta pagare i danni? La compagnia assicurativa può richiedere il rimborso dei danni di un sinistro con un’auto sostitutiva al cliente? Se sì, fino a che punto il cliente risponderà dei danni?

Vediamo cosa succede, ma soprattutto approfondiamo una importante ordinanza della Cassazione che rappresenta una significativa svolta in materia.

Quando si ha il diritto di ricevere un’auto sostitutiva?

Generalmente, come detto, se il veicolo necessita di un intervento di riparazione che richiede un certo lasso di tempo, almeno più di sei ore, è possibile ottenere un'auto di cortesia dalla propria officina di fiducia, ovviamente se questa offre tale servizio e se ha una vettura disponibile. A volte, infatti, potrebbe essere presente la clausola “soggetta a disponibilità”. Ciò significa che si potrebbero non trovare sempre auto a disposizione. Attenzione, però, non si tratta di un servizio sempre dovuto. Ci sono, infatti, casi in cui si potrebbe non avere diritto a un'auto sostitutiva. Nonostante possa sembrare un servizio standard, in realtà, la disponibilità dell'auto di cortesia non è, infatti, un obbligo da parte del concessionario, né un diritto per l'automobilista. Questo servizio è fornito solo dopo l’autorizzazione della riparazione da parte di un tecnico. Il diritto a un’auto di cortesia può essere garantito tramite una clausola specifica nel contratto di vendita con la concessionaria o incluso nella polizza assicurativa.

In particolare le situazioni in cui può essere data una macchina sostitutiva sono le seguenti: quando l’auto è in riparazione presso un’officina autorizzata; quando l’auto ha subito un incidente stradale o è necessario riparare un guasto meccanico; quando la polizza assicurativa RC Auto include il servizio di auto di cortesia. In quest’ultimo caso, è la compagnia assicuratrice del veicolo che offre questa clausola all’assicurato.

Generalmente, l'auto di cortesia viene concessa per un periodo di tempo limitato, a seconda delle politiche dell’officina o della compagnia assicuratrice. Solitamente, può andare da un minimo di tre giorni, in caso di sinistro, a un massimo di un mese, in caso di furto del veicolo.

Ovviamente sarà bene trattare l’auto temporanea con rispetto e restituirla alla scadenza in buone condizioni.

Auto di cortesia: a cosa fare attenzione

Quando si prende un’auto di cortesia è importante fare attenzione ad alcuni aspetti.

Il consiglio è sempre quello di leggere accuratamente, prima di firmare un contratto per un'auto di cortesia, tutte le condizioni previste. Non solo, è bene fare attenzione anche al momento della consegna dell’auto di cortesia e durante il suo utilizzo.

Proprio come quando si prende un’auto a noleggio, infatti, è necessario assicurarsi, prima di partire, di avere ispezionato in modo approfondito l’auto, sia all’interno sia all’esterno. Qualsiasi danno presente e verificato va documentato con foto o messo, comunque, per iscritto sul contratto. Ovviamente, si raccomanda di controllare che la polizza assicurativa sia valida per circolare.

Infine, poco prima della consegna sarà bene fare il pieno per far tornare il serbatoio al livello di quando l’auto era stata presa in consegna.

Auto sostitutiva e assicurazione: come funziona e cosa dice la legge

Come detto, l’auto sostitutiva viene messa a disposizione da parte dei concessionari o delle officine per garantire la mobilità dei loro clienti. Tali veicoli sono riconosciuti dalla normativa alla stregua delle auto per test drive, e quindi, devono essere coperte con un'assicurazione valida che, di solito, è progettata per fornire un ampio raggio di protezione, che va dalla copertura dei costi per eventuali guasti alla salvaguardia della classe di merito in caso di incidenti.

Ma quali sono le procedure da seguire se si verifica un incidente mentre si è alla guida di un'auto sostitutiva? La regola generale non differisce molto da quella che si applicherebbe alla propria auto: compilazione del modulo CAI e comunicazione all'entità che ha fornito il veicolo, che si occuperà della gestione assicurativa.

Chi paga in caso di incidente con auto sostitutiva?

Quando avviene un incidente con l’auto sostitutiva, ci si pone subito la domanda sulla responsabilità dell’assicurato e sulla questione del risarcimento dei danni.

In realtà, a ben guardare, la regola generale è molto chiara. Come avviene in caso di sinistro con mezzo proprio se la colpa non è dell’assicurato, la compagnia assicurativa non si potrà rivalere sul cliente come disciplinato dagli articoli 1218 e 2043 del Codice Civile. Se, invece, il sinistro è stato provocato dal cliente, è chiaro che sarà proprio quest’ultimo a dover risarcire i danni dell’auto di cortesia. Nello specifico, il risarcimento riguarderà sia i danni riportati dal veicolo che l’aumento del premio assicurativo che la compagnia dovrà a sua volta pagare. Questa regola generale si applica solo quando l’auto di cortesia è fornita dallo stesso assicuratore con cui è stata stipulata la polizza Rc auto.

Nei casi, invece, di noleggio di auto sostitutiva in un concessionario automobilistico o altro fornitore, il risarcimento potrebbe comprendere anche il mancato guadagno sul successivo noleggio del veicolo, oltre agli interessi.

In caso di incidente e di responsabilità esclusiva del conducente dell’auto di cortesia, quindi, quest’ultimo sarà tenuto a risarcire al proprietario l’effettivo valore del bene. Sarà bene effettuare una valutazione del danno, magari presso un perito di parte in caso di sinistro, per farsi un’idea del costo per la riparazione tenendo conto del valore reale del veicolo al momento del danno. Spesso, nel momento in cui si accede al servizio di “auto sostitutiva” si firma un vero e proprio contratto con il proprietario del veicolo messo a disposizione.

La sentenza della Corte di Cassazione

Una recente ordinanza della Corte di Cassazione, la numero 27389 del 2022, ha chiarito ulteriormente la questione della polizza Rc obbligatoria in caso di incidente con auto sostitutiva. Secondo i giudici della Suprema Corte, la vittima del sinistro ha il diritto di fruire di un’auto sostitutiva a noleggio, “senza alcun costo a suo carico, per il periodo in cui il proprio veicolo è in riparazione, senza dover dimostrare la necessità del veicolo sostitutivo”.

Il risarcimento del noleggio riguarda esclusivamente i giorni in cui il proprio veicolo è in fermo tecnico in carrozzeria, qualsiasi giorno  di noleggio oltre quelli necessari per la riparazione è a carico del cliente.

Si tratta di una ordinanza importante perché prima bisognava dimostrare alle compagnie assicurative la necessità dell’auto sostitutiva, presentando documentazione personale come orari lavorativi, attività svolta e composizione del nucleo familiare.

Autore
giusy-iorlano

Giornalista professionista, Giusy Iorlano è laureata in Scienze politiche presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma con una tesi in studi strategici.

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 21 febbraio 2024
Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Limiti di velocità: tolleranza, eccezioni e sanzioni

Gli autovelox sono l’incubo di tutti gli automobilisti. Bastano anche pochi km orari in più rispetto ai limiti previsti su strade e autostrade per ricevere una contravvenzione e spesso per perdere punti sulla patente.
pubblicato il 20 febbraio 2024
Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

Rincari di oltre il 27% per l'assicurazione auto: dove si paga meno?

L’assicurazione auto sta diventando quasi un lusso a causa dell’aumento delle polizze che non accenna a fermarsi. Una recente indagine ha registrato addirittura un incremento dei prezzi Rc Auto di oltre il 27% in un anno.
pubblicato il 14 febbraio 2024
Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Prezzi Rc Auto: ancora aumenti, il costo medio è di quasi 400€

Il bollettino statistico dell’Ivass ha calcolato in 302 euro la media dei prezzi Rc Auto nel primo semestre 2023 al netto di tasse e spese, in aumento di 9 euro sull’anno precedente. Tuttavia, considerando il prezzo pieno l’importo schizza a quasi 400 euro.
pubblicato il 9 febbraio 2024
Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Incentivi 2024 moto e scooter: la guida aggiornata

Scopri tutte le novità nella nuova pianificazione degli incentivi per moto e scooter 2024, e come cambiano rispetto all'anno appena concluso.

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Se hai intenzione di aprire un fondo pensione e di avere una pensione integrativa ma non hai ancora le idee chiare su condizioni e vantaggi, ecco una guida per risolvere i tuoi dubbi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Molti genitori sono preoccupati per il futuro dei propri figli e desiderano investire per garantire loro una solida base finanziaria. In questa guida, esploreremo alcune opzioni di investimento per i bambini e forniremo consigli su come pianificare la gestione dei risparmi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

La deduzione fiscale dei fondi pensione consente di risparmiare sulle tasse e allo stesso tempo garantire un futuro finanziario sicuro durante la pensione. Seguendo regole specifiche e massimizzando i contributi deducibili, è possibile ottenere il massimo vantaggio fiscale dai fondi pensione.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968