Serve assistenza?
02 55 55 111

2 ott 2023 | 3 min di lettura | Pubblicato da Raffaele D.

Adobe Stock 279351042

Su spinta di numerose nazioni, tra cui l’Italia, il Consiglio UE ha approvato alcune proposte di modifica al regolamento sul nuovo standard di emissioni Euro 7, ritoccando al ribasso i limiti definiti dalla Commissione e rinviando i termini di applicabilità delle misure.

Non si tratta ancora dello step definitivo ma l’orientamento del Consiglio segna senz’altro un punto a favore delle case automobilistiche.

Scopri di più su Facile.it, leader nel confronto di assicurazioni online.

RC Auto: offerte da 113€*
RC Auto: offerte da 113€*

Euro 7: il Consiglio UE a favore delle Case automobilistiche

In realtà le modifiche approvate dal Consiglio UE non cambiano l’impianto del regolamento Euro 7 definito lo scorso novembre in sede di Commissione, che prevede le stesse regole per tutti i veicoli a motore (automobili, furgoni, autobus e autocarri) e riguarda non solo i motori ma anche componenti quali freni e pneumatici, ma presentano regole meno rigide e più realistiche, al fine di non penalizzare i produttori di veicoli già impegnati (specie a livello di investimenti) nella delicata transizione verso l’elettrico.

Regolamento Euro 7: le proposta di modifica del Consiglio UE

Nello specifico, il Consiglio UE propone di mantenere per le auto private e i veicoli commerciali leggeri le regole dell’attuale standard Euro 6, e di prevedere limiti di emissione inferiori e condizioni di prova adattate per autobus, pullman e veicoli commerciali pesanti. Propone inoltre di allineare i limiti di emissione delle particelle dei freni e del tasso di abrasione degli pneumatici agli standard internazionali adottati dalla Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite, e di interviene sull’obbligo di installazione di un sistema di monitoraggio delle emissioni a bordo.

Infine, allo scopo di fornire ai produttori maggiore chiarezza e certezza giuridica, chiede che gli atti siano adottati entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore del regolamento Euro 7 (1 luglio 2025 per veicoli leggeri e 1 luglio 2027 per quelli pesanti); e indica in 30 mesi, al posto di 24, il termine che deve intercorrere tra l’entrata in vigore e l'applicazione del nuovo regolamento.

Euro 7: produttori di auto soddisfatti ma ancora prudenti

Le proposte del Consiglio UE, che comunque non si possono ancora considerare il testo definitivo, hanno procurato reazioni opposte.

Le associazioni ambientaliste ed ecologiste parlano senza mezzi termini di un passo indietro nella lotta al cambiamento climatico. Anna Krajinska di Transport & Environment ha detto infatti che la posizione del Consiglio risulta estremamente deludente per quanto riguarda lo standard Euro 7, perché così demolisce l'opportunità di ridurre le 70 mila morti causate ogni anno dal trasporto su strada: "In pratica avremo le stesse auto di oggi camuffate con il bollino Euro 7".

Esultano invece le case automobilistiche, ma con prudenza. A tal proposito il presidente di ANFIA, l’associazione italiana della filiera automobilistica, Roberto Vavassori, ha dichiarato che il compromesso adottato dal Consiglio europeo segna un passo avanti nella direzione auspicata dai produttori. Tuttavia non si deve gridare alla vittoria perché il percorso verso la definitiva adozione dello standard Euro 7 è ancora molto complicato.

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

RC Auto

Confronta più compagnie

Preventivo AUTO

RC Moto

Confronta più compagnie

Preventivo MOTO

Ultime notizie Assicurazioni

pubblicato il 5 dicembre 2023
Tutte le novità sugli incentivi auto 2024

Tutte le novità sugli incentivi auto 2024

Ancora non sono terminati quelli di quest’anno e già si parla degli incentivi auto 2024, che partiranno presumibilmente a gennaio. Ma come funzioneranno? Al di là delle dichiarazioni di facciata, è quasi certo che lo schema degli incentivi 2024 ricalcherà quello degli anni precedenti.
pubblicato il 29 novembre 2023
Confronti assicurazioni sulla vita a fine novembre 2023

Confronti assicurazioni sulla vita a fine novembre 2023

L’assicurazione vita è la soluzione per garantire serenità ai propri familiari in caso di evento estremo. E se in questo periodo si confrontano con attenzione le migliori offerte per polizza vita a fine novembre 2023, le possibilità di ottenere una buona protezione aumentano notevolmente.
pubblicato il 27 novembre 2023
Sanità pubblica: l'Italia spende meno della media dei Paesi sviluppati

Sanità pubblica: l'Italia spende meno della media dei Paesi sviluppati

La salute della sanità pubblica italiana sta traballando? A quanto pare sì, come testimonia un recentissimo report dell’OCSE: la spesa pro capite dell'Italia è sotto la media dei Paesi sviluppati. Inoltre, è scesa molto l’aspettativa di vita degli italiani: dal 3° posto del 2021 al 9° del 2022.
pubblicato il 22 novembre 2023
Perché scegliere l'assicurazione auto Allianz Direct a novembre 2023

Perché scegliere l'assicurazione auto Allianz Direct a novembre 2023

Con l'aumento dei prezzi delle assicurazioni auto, è importante conoscere le tariffe delle diverse compagnie. Oggi ti presentiamo la panoramica sulle proposte di rc auto di Allianz Direct a novembre 2023.

Guide alle assicurazioni

Quanto aumenta l'assicurazione dopo un sinistro

Quanto aumenta l'assicurazione dopo un sinistro

Se si verifica un sinistro stradale, il costo...
Rottamazione auto: le cose da sapere sulla demolizione auto

Rottamazione auto: le cose da sapere sulla demolizione auto

Non tutti sanno cosa si intende con rottamazione...
Incentivi acquisto auto: cosa sapere sul bonus per acquisto auto

Incentivi acquisto auto: cosa sapere sul bonus per acquisto auto

Gli incentivi auto 2023 sono dei bonus erogati...
Bollino blu auto e moto: cos'è, costo e scadenze

Bollino blu auto e moto: cos'è, costo e scadenze

Il bollino auto è obbligatorio per tutti i...
Bonus rottamazione auto: cosa sapere sugli incentivi rottamazione

Bonus rottamazione auto: cosa sapere sugli incentivi rottamazione

Il bonus rottamazione auto è stato introdotto...
Dichiarazione no circolato: quando si utilizza e come si compila

Dichiarazione no circolato: quando si utilizza e come si compila

La dichiarazione di mancata circolazione o no...
Demolizione auto con fermo amministrativo: quando è possibile?

Demolizione auto con fermo amministrativo: quando è possibile?

Il fermo amministrativo è una sanzione applicata...

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2023 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968